due chiacchiere

Alcune curiosità sul ramadan

Non molti lo sanno, ma con il mese di Agosto è iniziata la celebrazione del ramadan per la comunità islamica. Dato che un quinto della popolazione mondiale pratica questa religione, ho pensato che sia interessante condividere qualche curiosità in merito con i miei lettori. Si tratta di un periodo di penitenza che i devoti praticano per ingraziarsi la benevolenza di Allah. Un po’ come capita per i cristiani praticanti durante la quaresima. Il ramadan consiste nel digiunare completamente dall’alba al tramonto: niente bere, mangiare, fumare o praticare attività sessuali. Comincia ogni anno in un periodo diverso per via del calendario musulmano basato sui cicli lunari: più esattamente è il nono mese dell’anno e significa “mese caldo”, probabilmente perché originariamente era celebrato sempre d’estate.

Il digiuno costituisce il terzo dei cinque pilastri dell’Islam e chi ne nega l’obbligatorietà commette un peccato grave, che in alcuni Paesi ortodossi è addirittura sanzionato penalmente. Esistono delle eccezioni per i malati o coloro che stanno in viaggio, ma queste persone dovranno comunque recuperare il mese di astinenza appena le condizioni lo consentono. Lo scopo finale del digiuno, come nel caso della quaresima, è quello di purificarsi da tutto ciò che è corrotto e corruttibile nel mondo. Mangiare è considerato un “piacere” del corpo e dell’anima, e come tale vietato. Analogo discorso per il fumo ed ovviamente il sesso. Alcuni arrivano a dire che persino lavarsi o profumarsi rientra in questa categoria.

Proprio come i cristiani hanno la Pasqua alla fine del periodo di astinenza, i seguaci di Maometto fanno anch’essi una grande festa in cui si mangia a sazietà e si donano cibo e vestiti ai bisognosi e senzatetto, per condividere con tutti la gioia di questa festa.

Commenti

  1. fiordicactus ha scritto:

    Certo che quest’anno, in questo mese d’agosto, è dura dall’aurora al tramonto stare senza acqua . . .

    Ciao, R

    Risposte al commento di fiordicactus

    1. camu ha scritto:

      @fiordicactus: un mio collega qui sta celebrando il Ramadan, e davvero non lo invidio. Per fortuna abbiamo l’aria condizionata che ci tiene freschi!

Rispondi a fiordicactus

Torna in cima alla pagina