due chiacchiere

Ho convertito tutte le immagini in webp

Piccola comunicazione di servizio. La gioia di avere accesso al terminale sul server che ospita questo sito è davvero incontenibile (beh, mi basta poco per essere felice), e così negli scorsi giorni mi sono adoperato per massaggiare un po’ la libreria multimediale di foto e video che ho collezionato in questi sedici anni. Invogliato da uno dei messaggi di Page Speed Insights, ho deciso di convertire tutto nel formato webp, visto che promette un risparmio anche considerevole sulla dimensione delle immagini, per la gioia sia di chi visita il sito, che si vede apparire le foto più velocemente, che di chi lo ospita, dato che l’intero archivio è stato ridotto di circa il 20% passando a questo formato. Ho provato ad installare uno dei vari plugin che promettono di automatizzare l’operazione (su un clone del sito, per non incasinare il database vero e proprio), ma non mi ha dato i risultati sperati. Così alla fine ho installato una libreria Linux sul mio computer, e le ho dato in pasto l’intero archivio con un paio di comandi. Poi mi è bastato mettere insieme un po’ di query SQL (il mio prof dell’università sarebbe fiero di me!) per aggiornare i riferimenti ai file nelle tabelle di WordPress e… voilà, il gioco è stato fatto. La comunicazione di servizio con cui ho cominciato era per dire che ti pregherei di comunicarmi se vedi qualche immagine rotta, così rimedio subito.

uno screenshot della libreria multimediale del mio blog, con tante piccole immagine a scacchiera

Commenti

  1. Paolo ha scritto:

    Sarà meno contento chi ha un browser non molto recente

    Risposte al commento di Paolo

    1. camu ha scritto:

      Hai perfettamente ragione. Ho controllato con Can I use, e gli unici che potrebbero dare problemi sono Safari su MacOS meno recente di Big Sur, che è stato rilasciato nel 2020, ed IE11, che oramai non supporta neppure la Microsoft sui suoi siti. Gli altri browser digeriscono questo formato in media dal 2018. Stando alle preliminari statistiche d’accesso, circa il 2% dei miei visitatori usa un Safari che non riconosce webp, e meno dell’1% usa IE11 (grazie al cielo!). On n’arrête pas le progrès! 😀

  2. Trap ha scritto:

    Pronto a rifare BD1 e BD2?

    P. S. Per prepararti alla meglio all’esame, tieni un santino di Albano sul tuo comodino

    Risposte al commento di Trap

    1. camu ha scritto:

      Sant’Albano, ovunque proteggimi!

      PS: per chi non coglie il senso di questo scambio fra me e Trap, Albano era un nostro professore che insegnava basi di dati ai tempi dell’università. Uno di quei professori vecchio stampo che incutevano un certo timore…

Rispondi a camu

Torna in cima alla pagina