due chiacchiere

Archivio del giorno salotto

Forza Gigi, non mollare

In genere la mattina, mentre faccio colazione, do una lettura veloce ai siti dei quotidiani italiani per tenermi aggiornato su quello che succede dall’altro lato del laghetto (altrimenti noto come oceano Atlantico), come direbbero da queste parti. L’altro giorno, un nome che mi è stato molto a cuore a tempi dell’università, ha colto la mia attenzione in un trafiletto: Gigi D’Agostino. Un noto deejay della fine degli anni Novanta, che ha accompagnato tante mie biciclettate mattutine mentre mi recavo a lezione ascoltando le sue creazioni sul mio piccolo lettore MP3 tascabile, o in macchina il pomeriggio sulla stazione radio M2O (chissà se ancora raccoglie il consenso popolare che aveva in quegli anni), mentre andavo alla piscina comunale a farmi una nuotatina. Quanti bei ricordi! Peccato che, dopo essermi trasferito in America, ho perso le tracce di quest’eccentrico artista torinese. Il trafiletto in questione racconta della sua malattia, di cui non sapevo nulla, e mostra una foto recente in cui Gigi cammina verso la macchina fotografica appoggiato ad una specie di girello. Gigi, noi che ti abbiamo seguito nel tuo cammino, ti siamo vicini in questo momento difficile! Forza Gigi, non mollare: Leggi il resto »

Ma cos’è questa crisi?

Nel mio tragitto quotidiano tra casa e lavoro, per ingannare il tempo ascolto spesso uno dei podcast a cui sono abbonato: vari generi musicali, le lezioni d’inglese di English 24 e Listen to English (non più aggiornato regolarmente) e Focus Economia (Radio 24). Quest’ultima trasmissione, in particolare, da qualche settimana usa un pezzo musicale di Rodolfo De Angelis. Una canzone sulla “crisi” di quasi cent’anni fa, che però sembra straordinariamente attuale. Dato che a me son sempre piaciuti questi stornelli d’un tempo (come dimenticare Ferruccio Tavaglini o, in epoca più recente, Renato Rascel?), la ripropongo qui sul blog per condividerla anche con te. Ma cos’è questa crisi?: Leggi il resto »

Le gatte de noantri

Quanti ricordi mi fa tornare in mente questa canzone! A parte che Cristina d’Avena è sempre stata la mia preferita, ed anzi sono contento del suo recente ritorno in tv, a partire dai festeggiamenti per lo Zecchino d’Oro. All’epoca ero un giovane adolescente, e quel cartone animato segnava una svolta epocale rispetto a Puffi, maghe fatine, Candy Candy e Lady Oscar: i tratti sensuali delle tre sorelle, l’idea di fare qualcosa di sbagliato e trasgressivo (rubare), l’amore. Una serie che ha formato un’intera generazione. Per la cronaca, le tre ragazze del video stanno avendo un successo strepitoso su YouTube, complimenti! Le gatte de noantri: Leggi il resto »

Voglio solo che tu mi stia vicina

Durante i primi mesi di vita di questo blog, curavo uno spazio in cui pubblicavo la traduzione in italiano di testi di brani in inglese. Si trattava, in genere, delle mie canzoni preferite, o che avevano avuto un valore speciale in qualche momento della mia vita. Poi un po’ per mancanza di ispirazione, un po’ per altri motivi, ho abbandonato questo filone “musicale” e non ho più tradotto i testi. Adesso, tolte le ragnatele e la polvere, vorrei ripartire… da una canzone di Nelly Furtado: Try. Una dichiarazione d’amore ed una riflessione sulla vita di coppia. Voglio solo che tu mi stia vicina: Leggi il resto »

Sin sin sin – robbie williams

Una delle canzoni più suonata al momento dalle radio di tutta Italia, sembra essere quella di un giovane artista inglese che, dopo aver ballato insieme ai “Prendi quello”, ovvero i Take that, ha trovato la fortuna emergendo come cantante solista. Da quando l’ho scoperto, qualche anno fa, ho imparato ad apprezzarne non solo le doti canore, ma anche il suo atteggiamento un po’ “strafottente” ed allo stesso tempo ironico. Il suo sguardo, in ogni video, è quello di chi pensa di far bene il proprio mestiere, nota dopo nota. Allora ecco che ho deciso di riportare, come faccio di tanto in tanto, il testo tradotto della sua ultima canzone. Sin sin sin – robbie williams: Leggi il resto »

I paid my dues – Anastacia

Un’artista che recentemente è stata conosciuta dal “grande pubblico” italiano è proprio lei, la bella Anastacia, che insieme a Eros Ramazzotti ha cantanto “I belong to you” (Ti appartengo). Io l’ascoltavo già in tempi non sospetti, quando la bionda dalla voce profonda e graffiante si affacciava timidamente (beh, neppure più di tanto) sulla scena internazionale con il suo primo album. Ti riporto qui di seguito la traduzione di uno dei brani che mi piace di più, e che in un certo senso condivido. I paid my dues – Anastacia: Leggi il resto »

Sorry – Madonna

Una delle cantanti più famose al mondo, Madonna, è uscita di recente con il nuovo album. Mentre di Povia e dei suoi piccioni, in radio o in rete, ne vedo e ne sento parlare abbastanza poco, su di lei non smetteranno mai di dire o scrivere la propria tutti quelli che la amano e quelli che la odiano. Anche io, nel mio piccolo, voglio dare un contributo aggiungendo al mio ripostiglio, il testo della canzone più ascoltata: sorry, mi dispiace.
Sorry – Madonna: Leggi il resto »

Il cammino di gigi d’agostino

Questa recensione la metto nel ripostiglio non perché la considero meno importante di altre, ma per conservarla, al solito, per il futuro quando potrà tornare utile. Un programma radiofonico che sto ascoltando volentieri in questi giorni, tempo permettendo, è Il cammino di Gigi D’Agostino, trasmesso alle 18 su m2o. Cos’ha di diverso da tanti altri programmi che l’offerta radiofonica consente di gustarsi a tutte le ore del giorno? Probabilmente il “taglio editoriale” con cui è confezionato. Il cammino di gigi d’agostino: Leggi il resto »