due chiacchiere

Il mio nuovo ufficio nel seminterrato

Ne parlavo qualche giorno fa in un commento ad un altro articolo: nelle scorse due settimane sono stato lontano dal computer, nel senso che non l’ho usato molto, ma non per questo ne sono stato fisicamente distante. Eh già, era giunto il momento di riorganizzare il mio ufficio e sfruttare il seminterrato di casa nostra, finora usato come deposito delle cose più svariate (dalle decorazioni natalizie alle valigie). Era ora di eliminare molto inutile “ciarpame” accumulato in due anni che siamo nella nuova casa, e rendere quello spazio più funzionale 🙂 Eccoti il risultato di una giornata di sali-scendi, attacca-stacca e buchi nei muri (viva le case americane fatte di legno e cartongesso) per passare un nuovo cavo di rete e telefono.

La mia scrivania bene organizzata con tutti i dettagli
  1. Una foto scattatami dal mio amico Matteo quando lavoravo in Italia, un simpatico ricordo che porto con me, dei bei momenti passati insieme ai miei ex colleghi
  2. L’unità centrale del “server” ora monta un alimentatore da 550W certificato 80plus, e consuma meno di 80 watt quando lo accedo da remoto; i dischi SATA sono piccolini, anche se qui oramai vendono Western Digital da 1 Tera a 49 dollari, ma a me 250 giga bastano ed avanzano, per sistema operativo e documenti
  3. La tastiera ed il mouse senza fili sono ergonomici e rilassanti, e tolgono un po’ di confusione al groviglio di fili dietro all’unità centrale 🙂
  4. La poltrona in similpelle, 40 dollari in una catena di materiale per ufficio, è la mia preferita
  5. In questi giorni sto mappando tutte le prese di casa mia (poi ti spiego, casomai) e realizzando una planimetria della casa, giusto per sapere come sono organizzate le cose
  6. Dietro al telefono c’è il terminale VOIP a cui sono connessi tutti i telefoni di casa: almeno sfruttiamo un po’ i 20 mega di banda gentilmente offerti dal provider
  7. Il disco di rete Maxtor da 2 Tera ridondati tiene al sicuro tutti i documenti, le foto e la gran quantità di materiale multimediale che ho accumulato da circa 12 anni a questa parte
  8. Qualcuno potrebbe chiedersi come mai due stampanti: quella sotto è di rete e molto parsimoniosa, l’altra era in offerta a 20 dollari (le sole cartucce costano 30) e così l’ho presa qualche mese fa 🙂
  9. Alcuni “attrezzi del mestiere” rimasti sulla scrivania alla fine delle grandi manovre

Non rappresentati in figura:

  • UPS: lo svantaggio di affidarsi al VOIP è che senza corrente, di fatto, il telefono non funziona. Ma basta un bel gruppo di continuità a rendere la situazione meno drammatica: il mio è in grado di tenere acceso il PC per circa 20 minuti, oppure solo il router ed il VOIP per circa un’ora e più
  • Ethernet distribuita alle prese di corrente, con apposito adattatore: così anche al secondo piano (ed in bagno la mattina) non devo beccarmi le radiazioni del Wi-Fi e disperarmi quando il segnale è basso
  • Webcam di rete motorizzata a 360 gradi: per vedere cosa succede nelle altre stanze anche quando non sono a casa

La moglia la chiama la “tana” (man cave, in inglese). Per me è un posto dove rilassarmi qualche minuto, quando posso 🙂 Ho già predisposto una connessione TV, quindi quella probabilmente sarà la prossima aggiunta…

Commenti

  1. fiordicactus ha scritto:

    Che bel posticino ti sei “ritagliato” e quante cose nuove ho imparato! 🙂

    Adesso quando ti leggerò, ti penserò spaparanzato sulla poltrona da ufficio con tutte queste tecnologie intorno! 🙂

    Buon Lavoro! R

  2. Ps3udolus ha scritto:

    1 Tera a 49 dollari? Ci ritornerei volentieri negli USA solo per la tecnologia a prezzi abbordabili! 🙂
    Unica pecca secondo me è lo schermo un po’ troppo piccino forse, no?
    Un saluto dall’affezionato Ps3udolus 🙂

    Risposte al commento di Ps3udolus

    1. camu ha scritto:

      @Ps3udolus: si, quello schermo da 17 pollici in effetti non è al passo con il resto, ma considera che questo lo uso principalmente come server, poi tra portatili, netbook e palmari, sono sempre su altri dispositivi 🙂 Però ho già adocchiato un 23 pollici della Dell a 130 dollari, casomai ci farò un pensierino!

  3. Barbara ha scritto:

    sembra molto bello

    Risposte al commento di Barbara

    1. camu ha scritto:

      @Barbara: ben trovata! Ti avevamo dato per dispersa 🙂

  4. Piero_TM_R ha scritto:

    Complimenti per l’organizzazione, effettivamente il monitor è un po’ piccolo, però direi che ti sei sistemato per bene.

    Risposte al commento di Piero_TM_R

    1. camu ha scritto:

      @Piero_TM_R: sto meditando di comprare uno di quei monitor che fanno anche da TV 🙂

  5. Emanuele ha scritto:

    E il bottone per spaventare i passanti con un altoparlante nascosto in un nano da giardino che controlli con una webcam montata in un occhio dov’è?! 😛
    Ciao,
    Emanuele

    Risposte al commento di Emanuele

    1. camu ha scritto:

      @Emanuele: quello lo tiro fuori solo per Halloween. Che poi tra l’altro l’ufficio ha una finestra che guarda proprio verso la porta d’ingresso, quindi m’hai dato una bella idea per questo Halloween 🙂

  6. Arquen ha scritto:

    Oh, eccoti, vedo una tua foto (si fa per dire eheh).
    Lo scatolo sotto al monitor è una chicca. 😛

    Risposte al commento di Arquen

    1. camu ha scritto:

      @Arquen: si, direi che quella è la cosa più “antitecnologica” di tutto l’insieme 🙂 Ma da quando ho letto un articolo secondo cui il monitor deve stare “alto” per non far venire la cervicale, uso tutti i mezzi possibili per mettere in pratica quei suggerimenti.

      Risposte al commento di camu

      1. Arquen ha scritto:

        @camu: eh, sì, avevo capito c’entrasse con la postura. 😛
        Restando in tema, sedersi su quella poltrona non ha prezzo, pure se il prezzo c’è. 😀
        Però ho notato che manca un accessorio fondamentale al tuo ufficio…

        Risposte al commento di Arquen
        1. camu ha scritto:

          @Arquen: il gabinetto? 😀

          Risposte al commento di camu
        2. Arquen ha scritto:

          @camu: ahah… no, no, un accessorio più piccolo… le casse audio. 😛

          Risposte al commento di Arquen
        3. camu ha scritto:

          @Arquen: ah già 🙂 Si, hai ragione, ma al momento sono in prestito alla moglie che le usa per il suo lavoro (storia lunga).

  7. Caigo ha scritto:

    A) Non vedo la “blumannaro-pen” sulla scrivania! 😉
    B) Ma cosa c’è scritto sulla scatola sotto il monitor?
    (non riusciamo a farci i fatti nostri) :mrgreen:

    Risposte al commento di Caigo

    1. camu ha scritto:

      La penna non potrebbe mai star a prendere polvere lì, la tengo sempre al lavoro e ti confesso che la sto usando molto durante le riunioni, scrive davvero bene 🙂 Riguardo alla scatola, è riciclata dal “ciarpame” di cui sopra, conteneva materiale vario, opportunamente elencato sul fianco…

      Risposte al commento di camu

      1. Caigo ha scritto:

        @camu: Bene, bene…”misteri” chiariti 😀
        Complimenti per la postazione, quasi a livello della mia Tana 😉

        Risposte al commento di Caigo
        1. camu ha scritto:

          @Caigo: beh la tua tana è degna dei migliori setup americani 🙂

  8. B&K ha scritto:

    Mio marito si chiama David, di conseguenza la sua era una “Dave Cave”…prima di conoscermi. Ora e’ semplicemente uno scantinato atto a riporre e stipare. (!!!)

    Risposte al commento di B&K

    1. Arquen ha scritto:

      @B&K: una stip cave (se ho detto una parolaccia, mi scuso). 😀

  9. Matteo ha scritto:

    Well done! 😉

    Risposte al commento di Matteo

    1. camu ha scritto:

      @Matteo: fenchiu, diar!

  10. CyberAngel ha scritto:

    Oh finalmente una foto della “tana”. 😀

    Uhm, vabbè a parte il monitor minuscolo che già ti hanno fatto notare vedo anche che quest’ultimo appoggia su una scatola! -.-
    E la foto? La vogliamo incorniciare o cosa? Mettiamocene magari anche una con la bella mogliettina 😀
    Il telefono giallo non si può vedere però almeno sei fortunato a poter utilizzare il VoIP come si deve.
    Per quanto riguarda il PLC hai preso quello del link o uno più veloce? Avevo una mezza idea di prenderne un paio anch’io.
    Belle le stampanti in cascata, ma ehm… se la seconda è costata 20 $ e le cartucce ne costano 30… sei sicuro di aver fatto un affare?
    Ecco mi interesserebbe anche a me la poltrona in similpelle umana… è reperibile online anche in qualche store europeo? 😛
    Interessante comunque l’articolo sull’elettricista americano 😉

    Saluti!

    Risposte al commento di CyberAngel

    1. camu ha scritto:

      @CyberAngel: allora, vedo che hai fatto una disamina dettagliata della mia tana, quindi rispondo con altrettanta accuratezza (tra l’altro in questo momento sono proprio seduto al PC in foto eheh).

      1) Il monitor sulla scatola è per via di un articolo che ho letto per evitare di farsi venire la cervicale. Sfortunatamente di suo più alto di così non va… non è molto “professionale”, lo ammetto, ma funziona 🙂

      2) Devo trovare il tempo per uscire e comprare una cornice, hai ragione. Le foto di me e della moglie ci sono, ma le avevo rimosse per l’occasione…

      3) Il telefono sembra giallo nella foto, ma è bianco sporco in realtà. E’ un vecchio modello, nulla di tecnologico da quel punto di vista, ma sono dell’idea che finché le cose funzionano, perché buttarle via? Solo perché non sono all’ultima moda? E poi dalla mia tana non telefono quasi mai

      4) ho preso una marca che qui va abbastanza in voga, quello della link lo sconsigliano in molti 🙂

      5) Per la stampante, $20 stampante e cartucce, s’intende. Quando saranno finite quelle cartucce, di sicuro ci sarà un’altra offerta per avere di nuovo la stampante. Ne comprerò una nuova e venderò questa su eBay. Al momento però sfrutto la stampante del lavoro più che posso eheh

      6) Per la poltrona, sono certo che in Italia la vendano simile all’ipercoop, ricordo che la volevo comprare ogni volta che andavo lì!

  11. CyberAngel ha scritto:

    Ciao camu per riletto.
    1. Immaginavo che la scatola fosse per alzare un po’ il monitor. Potresti allora comprare o farti, sicuramente la manualità non ti manca, un rialzo e sfruttare lo spazio sottostante per metterci qualcosa, tipo l’apparecchio voip. Oppure prendere una piccola cassettiera porta oggetti.
    2. Peccato ci tenevo a fare un po’ di social engineering con le tue foto… 😀
    3. Concordo: se le cose funzionano perché buttarle. Un sospiro di sollievo per il colore.
    4. Per quanto riguarda il PLC intendevo dire se quello che utilizzi e lo stesso che hai linkato (marca Nilox da 85 Mbps) oppure no.
    5. Allora ottimo affare… Ma come faranno a vendere una stampante a 20 $? Ah sti americani… a volte proprio vi invidio 😉
    6. Visto che da ieri pomeriggio sono ufficialmente in vacanza e che mi sono già premiato con diversi acquisti online, sarei quasi tentato di fare ancora un po’ di shopping compulsivo. Chissà magari poi potrei portarla in uni l’anno prossimo 😛

    Risposte al commento di CyberAngel

    1. camu ha scritto:

      @CyberAngel: rispondo ancora una volta a punti:

      1) Quella del rialzo fatto “per bene” era una cosa a cui non avevo pensato. Ottima idea, ho un sacco di pezzi di legno che non sfrutto, mi metterò all’opera 🙂 Geniale mettere il VOIP lì sotto!

      2) LOL, sorry ma è un segreto ben guardato. Anche la foto al muro è stata appositamente studiata per non essere riconoscibile…

      3) Probabilmente ci sarà stata una saturazione del giallo, visto il colore della scrivania, e quindi anche il telefono ne ha risentito nella foto.

      4) Capito. No, ho linkato quello che vendono in Italia, per i curiosi. Io ho preso questo. In tutto ne ho 5, comprati in promozione a circa 25 dollari ciascuno anni fa: uno per la TV (che ha Youtube e soci incorporati), uno attaccato al router, uno per la netcam, uno per il portatile ed uno di riserva 🙂

      5) Beh anche in Italia ricordo che c’erano a volte le Lexmark a 30 euro al Mediaworld

      6) Fatti un giro all’ipercoop allora!

  12. […] del 2011, con un leggero disappunto della moglie, li ho passati in parte nel mio seminterrato dove, come forse ricorderai, ho trasferito da qualche mese la mia “attrezzatura” informatica. Tutto è iniziato […]

Rispondi a camu

Torna in cima alla pagina