due chiacchiere

Il mio plugin usato in uno studio universitario americano

Non capita spesso, ma ogni tanto qualcuno mi scrive per ringraziarmi e complimentarsi per il lavoro svolto nello sviluppare WP SlimStat, il plugin di statistiche che analizza il traffico in ingresso ed uscita dal proprio sito. Stamattina, ad esempio, ho ricevuto una mail da un professore del dipartimento di Informatica dell’Università di Pittsburgh, che ha contribuito a rallegrare notevolmente una giornata iniziata un po’ storta 😉 Ne riporto un passaggio:

We are using your package on a study of social networking and other web delivered treatments on anxiety and depression. It is very impressive. Over the years I have written dozens of log analysis programs so I understand how much work went into your project.

Non avrei mai immaginato che il mio piccolo contributo alla comunità di WordPress potesse essere riutilizzato in contesti così diversi da quello per cui è nato. Mi spiace solo di avere poco tempo a disposizione per questo hobby, ultimamente. Avrei in mente un bel po’ di funzionalità che lo potrebbero rendere ancora più utile, ad esempio, per tracciare i visitatori di un negozio online, e capire su quali prodotti passano più tempo e cose del genere. Vedremo… intanto il numero di download ha sfondato quota 250.000, con ben 16 recensioni a 5 stelle!

Commenti

  1. Trap ha scritto:

    Evvai! Se farai quella cosa del supermercato, praticamente… hai seguito la mia tesi! 😀

    Risposte al commento di Trap

    1. camu ha scritto:

      Si tratta di una funzione abbastanza richiesta dagli addetti al settore. A differenza di Google Analytics, il mio plugin potrebbe tracciare ogni singolo spostamento degli utenti “paganti”. Con apposite estensioni (evviva la tua tesi) si potrebbe poi fare data mining avanzato per tirar fuori dei trend e stare al passo con quello che i clienti cercano e magari non trovano…

      Risposte al commento di camu

      1. Trap ha scritto:

        @camu: Interessante. E per le pagine che sono in “cache” come risolvi il problema? Con la ricostruzione dei nodi mancanti dell’albero?

        Risposte al commento di Trap
        1. camu ha scritto:

          @Trap: ti consulterò in privato per avere qualche dritta in merito 😀 Comunque l’idea che ho in mente è quella di implementare un tracciamento tutto lato client (come Google Analytics, per intenderci) che quindi verrebbe eseguito anche sulle pagine in cache 😉

          Risposte al commento di camu
        2. Trap ha scritto:

          @camu: Ecco, tracciamento lato client. Ai miei tempi non si usava ancora la tecnologia ajax come adesso, e mi sarebbe stata molto utile. Ci voleva un plugin, abbastanza invasivo, per ottenere questa cosa…

          Risposte al commento di Trap
        3. camu ha scritto:

          @Trap: si, Javascript è stata le vera rivoluzione del web!

  2. Caigo ha scritto:

    Il plugin è inserito come “gadget” a qualche template o qualcosa del genere?
    In un forum avevo trovato un utente che chiedeva spiegazioni sul funzionamento di slimstat.
    Stando alle sue parole sembrava che il plugin se lo fosse trovato in dotazione pronto all’uso.

    Risposte al commento di Caigo

    1. Pietro ha scritto:

      @Caigo: Infatti il plugins è fornito con il pacchetto XXL scaricabile da wordpress italia

    2. camu ha scritto:

      Pietro qui sopra mi ha preceduto di poco 🙂 Caigo, trovi tutte le informazioni sul nuovo sito di WordPress Italia.

  3. Caigo ha scritto:

    @ Pietro/camu: Manco da troppo tempo su WP Italia, la cosa mi era sfuggita. 😉

  4. Emanuele ha scritto:

    Complimenti camu! 😉
    Ciao,
    Emanuele

    Risposte al commento di Emanuele

    1. camu ha scritto:

      @Emanuele: grazie! Allora non sei sparito 🙂

      Risposte al commento di camu

      1. Emanuele ha scritto:

        No, fatico ma non sparisco. 😉
        Ciao,
        Emanuele

Rispondi a Caigo

Torna in cima alla pagina