due chiacchiere

La bibita che non s’illumina

Non molto tempo fa, un video ha fatto il giro di tutta la blogosfera: stando alle istruzioni dell’autore, bastava mescolare un po’ di Mountain Dew, acqua ossigenata e bicarbonato di sodio, per ottenere un incredibile effetto fosforescente. Per la cronaca, la Mountain Dew è una bibita che in Italia non esiste, simile alla Sprite, nel gusto. A differenza della Coca cola con le Mentos, la rete però si è spaccata sulla veridicità di questo esperimento: alcuni dicevano che era vero, altri mostravano che si trattava soltanto di un clamoroso falso, architettato ad arte solo per farsi notare (o per far notare la bibita, dicevano i più maliziosi). Allora ho deciso di replicare anch’io l’esperimento, nel bagno di casa mia. E come puoi immaginare, non è successo nulla 😉

Commenti

  1. lucia ha scritto:

    questo sito non è molto bello perchè si leggono solo le email degli altri e non si fa niente magari potete aggiungere delle stanze in cui entrare no?Magari noi dobbiamo creare dei personaggi,vestirli…
    Questo è un consiglio per avere più visite su questo sito e magari…se voi eseguite il mio consiglio… avviserò i miei amici che esiste anche questo sito
    by lucia anni17

  2. zardo ha scritto:

    Non so se il messaggio di Lucia mi fa ridere o mi inquieta. Va beh, meglio lasciar perdere altrimenti potrei dilungarmi troppo.

    Per quanto riguarda la notizia della bibita illuminata: non ero a conoscenza di questa diceria, ma non capisco comunque il motivo per il quale la gente mette in giro queste notizie. Mah. Soprattutto quelle facilmente verificabili e smontabili. Pubblicità per la bevanda dite? Beh, già le bibite gasate e piene di coloranti non mi stanno molto simpatiche, se poi scopro anche che c’è la possibilità che diventino fluorescenti…

  3. larvotto ha scritto:

    Il lavandino che gocciola mi ha fatto impazzire 🙁

  4. Emanuele ha scritto:

    Beh alla fine mi sembra che si sia semplicemente colorata…
    Ciao,
    Emanuele
    PS: ma Lucia ha bevuto un sorso di bevanda modificata? 😀

  5. LaCapa ha scritto:

    Coca Cola e Mentos? Che succede alla Coca Cola con le Mentos?
    Uhm, mi informerò. Ad ogni modo, credo di avere un asciugamano molto simile al tuo: mia nonna sa fare di tutto con l’uncinetto! =)

    Ma Lucia che voleva? No, cioè, giusto per capire. Mah.

  6. jgor ha scritto:

    Coca Cola e Mentos fanno … le fontane di spuma!!!!!
    Ti giro direttamente il link.

  7. giulia ha scritto:

    Attento a lasciare quella porcheria presunta-luminosa in giro… Notoriamente, le donne mettono a posto tutto quello che trovano in giro e potresti ritrovarti a bere quell’intruglio 😛
    (magari poi ti illumini come una lucciola!)

  8. camu ha scritto:

    Lucia, forse ti sei confusa nel cliccare sul desktop, l’iconcina di second life è quell’altra, con la manina se non ricordo male (saranno secoli che non ci gioco più). Però mi hai ricordato un sogno mai realizzato del mio amico Matteo, che pensava di fare il suo sito proprio come lo vorresti tu!
    Zardo, all’inizio pensavo che il messaggio di lucia fosse spam, tant’è che il sito che ha indicato punta verso tutt’altro che un blog (l’ho lasciato per darle il beneficio del dubbio). Riguardo alla bibita, io questi intrugli li bevo molto poco, con tutta la roba artificiale che contengono… l’ho comprata solo per “la scienza” 🙂
    Larvotto, hai ragione, lo devo sistemare 🙂 Ma come immagini è un lavoraccio: chiudi l’acqua centrale, smonta tutto, cambia le guarnizioni e via dicendo. D’estate poi… la voglia non mi salta certo addosso!
    Emanuele, neppure quello… la bibita è già verde di suo: in pratica i millantatori hanno usato questa bevanda perché aggiungevano di nascosto un po’ di liquido che si usa per quei tubi fluorescenti che “si spezzano” e si illuminano, che reagendo con l’acqua ossigenata, creava l’effetto. Ora, pare che questo liquido sia verde, quindi versato nella Mountain Dew non si notava!
    Giulia, la moglie era stata prontamente avvertita dell’esperimento, e comunque mi sono premunito gettando il liquido subito dopo. Non si sa mai…

  9. (Lady).Chobin ha scritto:

    Ne sono uscite un sacco di queste dicerie, quando io ero piccola tutti provavano a far bollire la Coca Cola perchè diventava grigia o a lasciare una vite dentro la Coca Cola un intera notte per farla scomparire. Io ho provato a fare solo il secondo esperimento e la vite, la mattina dopo, era ancora lì che mi aspettava, immersa nella Coca, dopodichè non ho più fatto esperimenti simili.

    Magari potrei reiniziare inventandomene uno 😛 devo prima trovare cosa pubblicizzare però 😀

  10. Monte ha scritto:

    Il video in sè non mi è piaciuto…la vista è troppo stretta: dovresti mettere un’opzione che ti avvisi che la tua risoluzione può supportare una vista più larga del video!!! :P:P
    😀

  11. camu ha scritto:

    Monte, grazie per il suggerimento. Però ti ricordo che i video di YouTube si possono vedere a tutto schermo: basta cliccare sul logo di YouTube e poi sul pulsante “full screen” che appare 🙂

  12. Monte ha scritto:

    Si scusa, forse non ho scritto molto chiaramente. Intendevo che le cose erano troppo vicine alla telecamere e alcuni passaggi erano un po’ oscuri.
    Il suggerimento era uno scherzo riguardo alcune discussioni precedenti sulla possibilità che hai inserito di scegliere se utilizzare la grafica “allargata”

  13. camu ha scritto:

    Monte, avevo intuito che era riferito a quello 🙂 Ma sono troppo pigro per mettermi a lavorare, con questa canicola, per implementare una funzione che fa quello che suggerisci. Del tutto fattibile, senza ombra di dubbio. Sono d’accordo che la qualità del filmato sia scarsa, ma è stato fatto in fretta e furia dopo pranzo, prima di uscire a fare la spesa con la moglie 🙂

  14. […] gli eccessi di amido e quant’altro. A me è sempre piaciuto sperimentare in prima persona queste cose, ma la moglie aveva categoricamente vietato di sprecare un pacco di pasta in questo modo. […]

Rispondi a Monte

Torna in cima alla pagina