due chiacchiere

Due modi di uscire di scena

L’altro giorno stavo facendo un po’ di pulizia nel mio lettore RSS, per togliere i blog non più aggiornati o quelli che ho smesso di seguire per mancanza d’interesse. Tra le circa 15 fonti non più disponibili, due in particolare mi hanno fatto riflettere, per il contrasto forte delle uscite di scena dei rispettivi autori: Napolux e Viscontessa. Se io dovessi chiudere baracca, qui, lo farei con lo stile e la classe di Francesco. I relitti abbandonati (ho visto che Schettino sembra molto popolare, questo carnevale) non mi sono mai piaciuti, e nel tempo assumono quell’aspetto lugubre che mette solo tristezza addosso. Non vorrei mai un tale destino senza onore e senza gloria per il mio blog, mi si spezzerebbe il cuore. Eppure di quella manciata di blog che ho eliminato, la maggior parte era proprio in questo stato pietoso. E tu, come ti comporteresti?

PS: come forse qualcuno ricorda, su questo blog è attivo il plugin “scongiuro”, che si occuperà di staccare la spina in automatico, se non dovessi aggiornarlo per un periodo prolungato, in attesa dell’autodistruzione naturale che avverrà al mancato rinnovo del contratto di hosting 😉

Commenti

  1. Emanuele ha detto:

    Beh, scelte diverse ma non per questo l’una dev’essere migliore dell’altra. Qualcosa che scompare, pulisce la rete. Qualcosa che rimane, rappresenta una memoria storica. In entrambi i casi si può vedere il lato positivo. La scelta dipende da “come ti girano”. 😉
    Ciao,
    Emanuele

    1. camu ha detto:

      @Emanuele: per carità, ognuno è libero di far quel che gli pare. Ho solo espresso il mio “gusto” in tal senso 😉

  2. Vengo a sapere da questo post della “morte” del blog di Napolux, e ci sono rimasto veramente di stucco. E’ vero, forse tutt i blog sono dei malati terminali e quindi potremmo interpretarla come eutanasia. Fondamentalmente io sono un inguaribile nostalgico, quindi non butterei mai via qualcosa a cui ho dedicato passione e tempo, sarebbe come rinnegare una parte di me.

    1. camu ha detto:

      @Giovanni Cappellini: “andato in pensione” suona meglio 😀

  3. Fiordicactus ha detto:

    Secondo me hai messo i due poli opposti dell'”andare in pensione”, per i blog, in mezzo ci dovrebbero stare un sacco di alternative. 🙂
    Il primo blog che ho trovato come un “relitto” abbandonato è stato quello di una mamma di due bambini, io e altre blogger siamo andate avanti un anno a lasciare commenti, pensando che fosse una cosa passeggera, che avesse avuto dei problemi che la tenevano lontana dal Web! Niente, dopo un anno l’ho cancellato dai miei “Preferiti” e a tutt’oggi resto con quella domanda sospesa. :-/

    Detto questo, se la scelta è tra un messaggio di saluto e di invito verso altri lidi e il blog abbandonato e negletto, preferisco il primo! 🙂

    Sono curiosa del plugin “scongiuro”… ma no lo vorrei vedere! 😉

    Ciao, Fior

    1. isaak ha detto:

      @Fiordicactus: Sei curiosa del plugin “scongiuro”… ma non sai che il buon vecchio camu ha in serbo plugin ben piu’ distruttivi… come il famoso plugin “death star” che innesca una sequenza di autodistruzione fisica del suo pc personale, dello scantinato e dell’intera casa, incluso il giardino ed i blocchi vicini nel ragggio di 3 miglia per mezzo di una carica termonucleare locale.

      1. camu ha detto:

        Oh Signur Benedet, tu vuoi mettermi nei guai con l’FBI 🙂 Non hai letto cosa hanno fatto a quei due turisti che avevano twittato per “ischerzo” di voler distruggere l’America?

        1. Fiordicactus ha detto:

          @camu: Ah! Ah! Ah! Ne ho sentito parlare! 😉

          Ciao, Fior

        2. isaak ha detto:

          @camu: Anche tu pero’ … con questi plugin di auto-distruzione automatica minga scherzi.

        3. camu ha detto:

          @isaak: beh almeno nel web posso divertirmi a spaccare tutto 🙂

  4. Guisito ha detto:

    Ho qualche blog da distruggere ma non so come si fa. Qualcuno può aiutarmi?
    Se lo sai scrivimi.

    1. camu ha detto:

      Ma che mi avete preso per un terrorista della blogosfera adesso? 😀

      1. Arquen ha detto:

        @camu: come pesce d’aprile si potrebbe regalare quel plugin spacciandolo per altro e attendere che esegua la missione! 😀

        Dispiace anche a me per napolux, ora devo togliere il feed dal mio aggregatore fatto in casa…

        1. camu ha detto:

          @Arquen: tu scherzi, ma a me quest’idea era venuta davvero inserendo un “uovo di pasqua” all’interno del mio plugin per le statistiche, ma poi ho temuto l’ira della massa dei suoi utenti, ed ho lasciato perdere 🙂

        2. Fiordicactus ha detto:

          @camu: Una volta, all’inizio del mio “percorso” un amico di mio figlio (un amico che nei giorni delel vacanze di Natale, mi sposta le pecorelle persino nel frigor o le mette nelle pose più assurde . . . tipo sulle palme o sull’alebro di Natale . . . un “simpaticonoe” insomma!) mi ha mandato un qualcosa (una mail forse? ma era il ’99 e ho dimenticato) che pareva proprio che il Pc fosse ormai andato! Che paura! 🙂

          Ciao, Fior

        3. camu ha detto:

          @Fiordicactus: un gran simpaticone 🙂 Qualcuno dovrebbe rendergli pan per focaccia!

        4. Fiordicactus ha detto:

          @camu: Sono di indole pacifica e completamente digiuna di queste cose! 🙂
          E in più, non ho i suoi “indirizzi” 😉

          Ciao, Fior

        5. camu ha detto:

          Beh ma io intendo un simpatico scherzo di carnevale. O qualcosa per il prossimo natale, tipo cospargere le pecorelle di miele 🙂

  5. Napolux ha detto:

    Ecchime. Visto che son stato tirato in causa… 😉

    Devo spiegare la mia scelta? Nessuno me l’ha chiesto, ma lo faccio comunque. Jeff di Coding Horror giusto ieri in un tweet notava quanti link “broken” ormai invadano il web.

    Il mio blog è stato chiuso ed eliminato semplicemente per questi motivi:Mantenere un blog WordPress costa tempo: aggiornamenti, pulizie e quant’altro sono doverosi (una falla di sicurezza potrebbe compromettere l’intero server) e necessari (non vorrei mai vedere un mio sito vittima di defacement ad opera del primo ragazzino che passa)I miei ultimi 12 mesi di post, salvo rari casi sono stati tutti di bassa, bassissima qualità. Chi leggeva il blog se ne sarà reso conto e credetemi, io me ne sono reso conto prima di voiDopo 6 anni, parliamoci chiaro, mi è venuta voglia di fare altro e scrivere di meno, ma meglio, in inglese.Avrete presto mie notizie! 😉

    1. camu ha detto:

      @Napolux: grazie per aver chiarito il tuo punto di vista, che condivido in pieno. Anch’io, quando mi stancherò di stare appresso al blog, farò la stessa cosa. Terrò d’occhio la qualità dei miei post per capire quando è l’ora di staccare la spina.

  6. Napolux ha detto:

    CAMU CACCHIO, ATTIVA L’HTML NEI COMMENTI, CI AVEVO PERSO MEZZ’ORA A METTERE LE UL 😛

    1. camu ha detto:

      @Napolux: ci penso da tempo, in effetti. Prima o poi mi deciderò a farlo 😛 Sorry per il disguido…

  7. Ciao Napolux! Io avrei voluto chiederlo, ma ho pensato che magari te l’avessero già chiesto 3000 persone e non volevo fare la figura dell’ultimo arrivato, ho cercato persino su Twitter e Friendfeed qualche discussione al riguardo 🙂

    Effettivamente, mantenere un blog come si deve richiede il suo tempo, non avevo considerato questo punto di vista. Allo stesso modo, mi faccio portavoce di un desiderio forse comune a più persone: magari metti a disposizione il tuo blog in forma di sito statico, mi farebbe molto piacere sfogliarlo.

    Chiaramente sono più curioso di vedere i prossimi sviluppi anglofoni 😉

    1. Napolux ha detto:

      @Giovanni Cappellini: Eh no. Il blog online come backup richiede la stessa manutenzione. Chissà mai, magari in futuro, se avrò voglia o tempo, metterò su una versione statica di tutto quanto. Ma non è detto. 😉

Lascia un commento