due chiacchiere

Anche le automobili sanno tutto di noi

Qualche settimana fa Emanuele commentava che comprarsi un cellulare del gigante di Mountain View (meglio noto come Google, per i meno tecnologici) vuol dire legarsi a due mani agli impiccioni americani che vogliono sapere tutto di noi. E nella mia risposta mi ero ripromesso di scrivere un post in proposito. Poi quello stesso fine settimana, il caso ha voluto che uno dei podcast che ascolto mentre taglio il prato inglese fuori casa, 2024, parlasse proprio di questo tema. Da un punto di vista che in pochi, ancora oggi, considererebbero una fonte di preoccupazione per la riservatezza dei propri dati. Proprio per situazioni come quella descritta dal conduttore e dal suo ospite, io oramai ho rinunciato a combattere questa battaglia persa in partenza, perché mi sentirei quasi come un novello Don Chisciotte contro i mulini a vento della tecnologia mondiale. E non sono neppure un manicheo che considera la maggior parte di questi servizi come il diavolo in persona. La verità è che l’ingente messa in campo di risorse non si paga mica da sola, eppure la casalinga di Voghera non vuole scucire un soldo per usare queste piattaforme, dalla posta elettronica ai video su TikTok. Non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca. Anche le automobili sanno tutto di noi: Leggi il resto »

Tutti hanno i nostri dati… tranne noi

Il buon Nicola di kOoLiNuS mi aveva mandato qualche settimana fa un articolo. Un intervento che affronta lo spinoso argomento di chi possiede la nostra vita digitale. Basta fermarsi un attimo a riflettere per rendersi conto che in effetti tutto quello che facciamo online, dagli acquisti su Amazon alla foto del gatto su Facebook, passando ovviamente per la nostra casella di posta elettronica, risiede sui server di qualcuno che un giorno potrebbe tranquillamente decidere di staccare la spina, cancellando tutto in un millisecondo. Praticamente senza possibilità di ricorso da parte nostra: d’altro canto i servizi che usiamo quotidianamente, da WhatsApp a TikTok, sono tutti proverbiali caval donati, per i quali i fornitori di quei servizi non hanno nessun obbligo nei nostri confronti, se non quello di continuare a far soldi a palate. Ovviamente l’autore dell’articolo in questione si guarda bene dal proporre una soluzione. Se da un lato ci sono i temerari gli intrepidi che si affidano a soluzioni avanzate (e che richiedono un esborso economico), dall’altro non è immaginabile aspettarsi che la famosa casalinga di Voghera abbia tempo, competenze e denaro per appropriarsi dei propri dati. Tutti hanno i nostri dati… tranne noi: Leggi il resto »

La legge del biscotto, dieci anni dopo

Qualche settimana fa mi è capitato di rileggere un mio vecchio post del 2012 in cui parlavo della neonata legge del biscotto, ovvero la Cookie Law, come era stata ribattezzata all’epoca. Così mi è venuta in mente di andare a vedere come siamo combinati a dieci anni di distanza da quel fatidico evento. I bene informati si ricorderanno che qualche anno dopo fu il turno della famigerata GDPR, una normativa che sulla carta mira a tutelare i dati personali dei cittadini europei, ma che in pratica ha finito per aggiungere, a mio modesto parere, solo tanta burocrazia per coloro che sono obbligati a seguire i dettami di questa legge, e noiosissimi avvisi per i naviganti che per istinto, diciamoci la verità, accettiamo automaticamente. Sfortunatamente, alla faccia della normativa, tutti sappiamo cosa succede quando chiacchieriamo con i nostri amici dell’ultimo SUV uscito sul mercato mentre Alexa ci ascolta taciturna: non appena apriamo un browser, vediamo le varie réclame che cercano di venderci un’automobile. Alla faccia della privacy. La legge del biscotto, dieci anni dopo: Leggi il resto »

Alexa va in pensione

Probabilmente i più giovani che leggono il titolo di questo post penseranno d’istinto all’assistente digitale di casa Amazon, la vocina racchiusa in quei piccoli altoparlanti intelligenti che oramai tutti abbiamo persino in bagno. Ad andare in pensione non è la suadente voce che ti snocciola le previsioni meteo a comando, ma piuttosto un servizio che noi vecchi bacucchi della blogosfera usavamo quasi quotidianamente per studiare le mode, le tendenze e per conoscere il nostro piazzamento all’interno di questa fantomatica classifica mondiale di gradimento. Già, noi che avevamo quelle piccole immaginette (non ricordo più come le chiamavano) nel piè di pagina ad indicare i vari standard a cui si affidava il blog, la licenza aperta e spesso il famigerato Traffic Rank calcolato proprio da Alexa Internet. Alexa va in pensione: Leggi il resto »

Suggerimenti pratici per blogger

Finora sono riuscito a far fede al mio buon proposito di scrivere un post al giorno, esclusi i fine settimana. Un modo per tenere viva quella motivazione iniziale che mi ha spinto a riaprire. Mi chiedo se i miei piccoli lettori (cit. Carlo Collodi) hanno già la nausea, ed ignorano le notifiche del loro lettore RSS per questo blog, sfiancati dal ritmo incalzante di pubblicazione. Per questo, comunque, sospendo le trasmissioni nel fine settimana: per darti modo di riprendere fiato, per evitare di aggiungere un altro fattore di stress alla tua vita già così intensa e piena di cose da fare 🙂 Per me è l’occasione per rimuginare sugli argomenti di cui parlare, per spulciare nella mia mente tra le esperienze ed i pensieri di questi ultimi sette anni in cui non ci eravamo sentiti. L’altro giorno Nicola, l’inquilino di kOoLiNuS, mi ha passato un link ad un post, in cui l’autore mette insieme un elenco di pratici suggerimenti per continuare a scrivere un intervento al giorno. Così ho deciso di adattarlo e conservarlo nel mio blog: sono certo che mi tornerà comodo prima o poi. Suggerimenti pratici per blogger: Leggi il resto »

Giochiamo al piccolo archeologo digitale

Ora che il tema del sito ha raggiunto una certa stabilità estetica, posso iniziare la seconda fase dei lavori di ristrutturazione, e dedicarmi alla pulizia dei contenuti. Eh già, perché dopo tutti questi anni, le tecnologie del web sono cambiate eccome, e qui siamo ancora all’età della pietra. Basti pensare che quando questo blog è nato, l’iPhone ancora neppure esisteva, e che un codice di Macromedia Flash era l’unico modo per inserire video all’interno di un sito. La tecnologia XHTML 1.0 si stava ancora espandendo, e tutti eravamo a parlare del cosiddetto Web due-punto-zero. Quanto ciarpame, quando vecchiume! Così mi sono tuffato in questa missione da archeologo digitale, per scovare, scrostare e restaurare quel centinaio di articoli che ancora usano codici antiquati, e che quindi non funzionano più (come appunto il tag Macromedia di cui dicevo). Nel frattempo ne sto approfittando per mettermi in casa alcuni dei video in questione, attualmente ospitati su YouTube. Giochiamo al piccolo archeologo digitale: Leggi il resto »

Mamma, mi si è sgonfiato il bitcoin

Non so quanto sia popolare l’argomento bitcoin in Italia, molto raramente vedo notizie in merito sulla stampa nazionale. Qui in America, da circa un anno a questa parte, è diventato sia oggetto di grandi discussioni accademiche, che di chiacchiere da bar. L’uomo della strada, che a stento capisce come accendere un computer, qui oggi sa che un bitcoin è una moneta digitale franca, non emessa da nessuna banca, ma creata tramite sofisticati algoritmi informatici. Una moneta che giganti della distribuzione (principalmente nell’ambito dell’elettronica) hanno adottato come metodo di pagamento per i loro prodotti e servizi: Microsoft, Dell, Overstock, e via dicendo. Incuriosito da questo trend, l’anno scorso ho iniziato ad acquistare qualche spicciolo di bitcoin. Mamma, mi si è sgonfiato il bitcoin: Leggi il resto »

Meglio Drupal o WordPress?

Qualche settimana fa mi è stato chiesto di tradire il mio partner, ed io a malincuore ho deciso di accettare la sfida. No, non sto parlando di sunshine ovviamente, ma del sistema di gestione dei contenuti con cui sono sposato da più di otto anni oramai, WordPress. Un amico mi ha proposto di aiutarlo a sviluppare un progetto in Drupal, una piattaforma nata nel lontano 2001 e che da allora non ha mai conosciuto una grande popolarità, al contrario del gioiello di casa Automattic. Da tempo immemore si dice che il problema principale di questo sistema è la curva di apprendimento: mentre con WordPress (o persino con Joomla!) basta qualche giorno per familiarizzare con l’interfaccia, la goccia con gli occhiali (il logo di Drupal) richiede un livello di conoscenze più elevato già in partenza, e la scalinata per giungere in cima è ben più lunga e faticosa. Meglio Drupal o WordPress?: Leggi il resto »