due chiacchiere

Archivio degli articoli in ripostiglio

Il giorno del ringraziamento

L’usanza di riunirsi in famiglia per celebrare il Giorno del Ringraziamento è una tradizione che, qui in America, accomuna gente di ogni religione, nazione e credo politico. Più che il Natale o il Rosh Hashanah, questo fine settimana di novembre rappresenta l’occasione per rivedere parenti ed amici almeno una volta all’anno, specialmente quelli che abitano in paesini diversi con i quali non ci si vede mai per un motivo o per un altro. Noi trascorreremo questa festa a casa della sorella di Sunshine, come al solito. Divoreremo il tacchino farcito di mollica di pane, olive ed altre verdure, e poi ci sollazzeremo con la selezione enogastronomica messa a disposizione dai commensali: ognuno porterà una pietanza, in genere sempre la stessa, come un rituale che si ripete di anno in anno. Sunshine è l’addetta alle torte e crostate, una di zucca ed una alle noci pecan (a quanto pare si chiamano così anche in italiano). Io intanto mi metto in tasca un paio di Maloox per il dopo cena 😅 Il giorno del ringraziamento: Leggi il resto »

Artemis 1, l’uomo tornerà sulla Luna

Ho visto pochissimi articoli sulla stampa italiana a proposito del recente lancio del razzo SLS (Sistema di Lancio Spaziale), parte della missione Artemis 1 che dopo cinquant’anni si ripropone di portare (nuovamente?) l’uomo sul suolo lunare. Lasciando da parte le teorie complottistiche per un attimo, secondo cui la missione dell’Apollo 11 del 1969 fu tutta una messa in scena nell’epoca in cui Russia e Stati Uniti giocavano a chi ce l’avesse più grosso (il missile), mi fa piacere vedere che si ritorna finalmente a parlare di esplorazioni lunari e viaggi interplanetari. Lo so, c’è chi pensa che sia tutto un enorme spreco di soldi, considerando la lunga lista di problemi non risolti che ci affliggono sulla Terra, dalla coda lunga della pandemia, alle guerre, dalla povertà che dilaga in molte parti del mondo, al dissesto climatico che abbiamo causato negli ultimi cent’anni. Ma proprio perché siamo combinati così male sulla nostra palla, forse è il caso di investire più risorse nell’obiettivo di ricominciare da capo da qualche altra parte. Artemis 1, l’uomo tornerà sulla Luna: Leggi il resto »

Dick’s, accessori per lo sport… a tutto campo

Durante i primi mesi dopo la ripresa delle trasmissioni, ho curato una mini serie che poi ha finito per dar vita ad una nuova categoria del blog. Tramite quei post, ti ho portato a visitare dai supermercati alle cartolerie, dalle farmacie (argomento che tutt’oggi rende questo blog alquanto popolare sui motori di ricerca) ai ristoranti. Qualche settimana fa siamo andati al centro commerciale a comprare dei calzettoni da calcetto nuovi per il torneo di Halloween della piccola (prima o poi dovrò dar loro dei nomi d’arte per il blog, note to self). Il negozio di riferimento per questo genere di acquisti si chiama Dick’s Sporting Goods. Si, proprio come la parolaccia per indicare i genitali maschili 😝Tant’è che io ancora oggi non riesco a spiegarmi com’è che un genitore possa chiamare il proprio figlio Dick (abbreviativo di Richard) qui in America. E così m’è venuto in mente di rispolverare quella rubrica, ed aggiungere questo negozio alla lista. Dick’s, accessori per lo sport… a tutto campo: Leggi il resto »

Anche per gli spammer sto diventando vecchio

Visto che non so come altro passare il tempo a letto e che posizione trovare per sentire meno dolori, ieri mi son messo a ripulire lo spam sia nella mia casella di posta che qui sul blog, e non ho potuto fare a meno di notare cosa mi offrissero i venditori da strapazzo che stavano infestando le mie proprietà digitali: rimedi per la prostata, medicinali per l’emicrania ed il mal di schiena, fasciature per distorsioni della caviglia ed altra roba simile. E mi sono reso conto che questi disgraziati si erano adeguati all’avanzare della mia età. Di pubblicità di sesso con suadenti signorine dell’Est Europa neppure l’ombra, e nessuna traccia di richieste di trasferire qualche centinaio di dollari all’ereditiera africana il cui marito aveva lasciato un ingente tesoro all’estero. Solo roba per vecchietti pieni di acciacchi. Non so se sentirmi un po’ deluso o affascinato dal fatto che persino lo spam oramai riesce a tenere un mio profilo così incredibilmente accurato. Ne parlerò con il mio geriatra la prossima volta che ci vediamo. Anche per gli spammer sto diventando vecchio: Leggi il resto »

Cosa poter fare con le ceneri?

Dato che oggi qui si festeggia Halloween, è l’occasione perfetta per parlare di un argomento lugubre e tenebroso. L’altro giorno si chiacchierava con alcuni parenti di questioni cimiteriali, visto l’avvicinarsi della ricorrenza di Tutti i Santi in cui andiamo a visitare i nostri cari che sono saliti in cielo. Tra una cosa e l’altra, il discorso è caduto sulle disposizioni finali in merito a cosa fare delle nostre salme, ed ho menzionato la mia esplicita volontà di essere cremato, quando arriverà il momento. A dirla tutta, mi ero interessato per donare il mio corpo alla scienza, ma si trattava di una trafila lunga e complessa, ed a quanto pare di corpi ne hanno già abbastanza, quindi ho lasciato perdere. Da anni oramai sono convinto che la tumulazione in un loculo, o peggio ancora l’inumazione a terra con tutto l’inquinamento che ne consegue, non facciano per me. Specialmente in quest’era in cui siamo tutti mobili, preferisco essere messo in un barattolino, così a prescindere da dove le mie figlie decideranno di vivere, potranno (se lo desiderano) portarmi con loro. Cosa poter fare con le ceneri?: Leggi il resto »

Le sembra che io stia un passo indietro?

Vabbè no scusate, sarò puerile con questo mini intervento di oggi, ma come si può non amare questa donna? I suoi modi schietti (e vabbè, ha dato del tu ad un deputato, e che sarà mai…), le sue risposte genuine e non affettate e farcite di politichese, la sua gestualità così spontanea… E vogliamo parlare di come ha messo a tacere quell’altra deputata che davvero si stava arrampicando sugli specchi con la sua critica del tutto campata in aria? La Meloni non solo non vuole che le donne non facciano un passo indietro, ma dall’elenco dei ministri su cui si è imposta nei confronti degli altri partiti della coalizione, ha già dal primo giorno mostrato di avere il coraggio di dire no ai masculi che la affiancano. Quindi, almeno oggi, non venite a rompermi i cabbasisi, perché più che mai mi sento orgoglioso di essere italiano 😍.

Trasformare l’umido in fertilizzante

Da un paio d’anni Sunshine ed io abbiamo cominciato a fare il compostaggio degli scarti di cucina, invece che buttarli nella spazzatura come facevamo prima. Vuoi perché il nostro comune non offre la raccolta differenziata per l’umido (solo carta, lattine, plastica e vetro), vuoi perché a volte certi avanzi nel bidone dei rifiuti attiravano animali selvaggi la notte, alla fine ci siamo decisi a provare questa tecnica. Dopo aver imparato online le basi del mestiere, abbiamo comprato una compostiera su Amazon e l’abbiamo sistemata in un angolino del prato dietro casa. I benefici si sono visti sin da subito, specialmente per noi che cuciniamo un sacco di verdure durante la settimana: meno spazzatura da mettere fuori, meno puzza in garage (dove teniamo il bidone d’estate, per evitare di attrarre gli animali selvatici), ed una montagna di fertilizzante che fa crescere i miei fiori più sani e robusti. Qui di seguito vorrei condividere con te quello che abbiamo imparato in questi due anni. Trasformare l’umido in fertilizzante: Leggi il resto »

Proteggi la tua vettura con la nanotecnologia

Un paio di mesi fa ti dicevo della macchina nuova che abbiamo comprato di recente. Abbiamo approfittato di un’offerta davvero allettante che ci hanno fatto per comprare il SUV che avevamo prima, in questo mercato reso pazzo dalla mancanza di microchip e batterie, e dall’esodo dei newyorkesi verso l’interland (o suburbs, come li chiamano qui). Sull’altra auto che abbiamo, dopo qualche anno ho cominciato a notare qualche piccolo punto ruggine dove il parafanghi è attaccato alla carrozzeria, così da tempo avevo preso l’abitudine di passare un po’ di cera protettiva ogni paio di mesi. Poi un giorno, spulciando i forum di appassionati del settore, sono inciampato in un commento in cui si raccomandava questa miracolosa nuova tecnologia delle nano ceramiche (o ceramic coating, in inglese), tramite la quale si può coprire l’intera carrozzeria con uno strato invisibile idrorepellente che dura parecchi anni. All’inizio pensavo si trattasse del solito specchietto per allodole, ma per curiosità ho cominciato a fare un po’ di ricerca per capire quanto fossero affidabili questi liquidi magici. E così sono finito sul canale YouTube di un tizio canadese dedicato proprio a queste cose. Mi si è aperto un mondo affascinante che ignoravo completamente. Proteggi la tua vettura con la nanotecnologia: Leggi il resto »

Torna in cima alla pagina