due chiacchiere

La quadreria e paul kostabi

La possibilità di pubblicizzare un’attività ricorrendo all’invio di piccoli omaggi è la nuova frontiera del marketing, questo si è già visto in diverse occasioni. Negli scorsi giorni mi è arrivato a casa il gradito omaggio di Luca e Andrea Moretto e della loro Quadreria (il sito non è più online, nda), uno spazio espositivo per promuovere l’arte degli artisti con cui collaborano. Ci siamo incontrati soltanto virtualmente in un paio di occasioni, ma spero che magari un giorno ci si possa vedere di persona. Magari andando a trovare la mia amica che abita a San Donà di Piave.

Buffo inoltre è che questa mia amica e collega è una pittrice, ed ho quindi colto l’occasione per suggerirle di mettersi in contatto con i due Moretto per esporre alcune delle sue opere. Il libro che mi hanno mandato è davvero affascinante, anche se confesso la mia totale ignoranza in materia, essendo la mia formazione prettamente informatica e scientifica. Però come un fanciullo di pochi anni, mi diverto a “guardare le figure” e sfogliarlo con curiosità.

una foto del libro sulla mia scrivania

Sono certamente da promuovere ed incentivare iniziative come questa, o come quella della Compagnia del Cavatappi (mi si perdoni l’accostamento tra arte e cucina) che inviava un delizioso omaggio a chi era disposto a recensirne i prodotti. Non tanto per l’aspetto venale della cosa: oggi nessuno è più interessato alla “cultura del dono” e certe iniziative sembrano quindi aprire una speranza al risvegliarsi di questa filosofia anche tra i cittadini del Belpaese. Il tornaconto della diffusione della coscienza dell’arte, per i Moretto, è certamente non solo di tipo economico, ma anche culturale: conoscere nuovi artisti, farli emergere dall’anonimo cantuccio in cui sono stati relegati, è un gesto degno da prendere come esempio.

Commenti

  1. Luca Moretto ha detto:

    è un onore per noi essere ricambiati in questo modo. grazie e speriamo di aiutare a divulgare l’arte anche tramite questi nuovi mezzi di comunicazione.

  2. Pingback: I blogger e l'arte

Lascia un commento