due chiacchiere

Marina Remi incontra Larvotto

Visto che il “formato” uomo contro donna sta funzionando, perché non continuare su questo filone? Oggi ho invitato nel mio salotto virtuale due blogger conosciuti in maniera “multimediale”: Larvotto (contrassegnato dalla lettera L) l’ho incontrato sul sito di VideoMarta (che poi ho smesso di seguire, essendo fortemente scaduto negli ultimi mesi). Avevano lanciato un casting per arruolare una nuova conduttrice nel loro staff, e Larvotto inviò uno dei provini più divertenti della storia. Peccato che non l’abbiano preso. Marina (indicata con la M) invece l’ho ascoltata durante una puntata di Viva Radio Nation (se la memoria non m’inganna) e così per curiosità iniziai a seguire le sue avventure. Perché li ho messi insieme? Perché entrambi hanno grandi doti artistiche e sanno bucare lo schermo 🙂 Ognuno a modo suo, s’intende.

Video blog, possono avere un futuro in Italia?

MMi sembra che abbiano anche un passato e un presente, no? In futuro spero che si riesca a migliorare soprattutto la qualità perché i contenuti invece non mancano. Personalmente ho videobloggato raramente e l’ho fatto in maniera esclusivamente ludica. Ho in cantiere un progetto un po’ più serio che punta alla qualità, appunto, ma ha un paio di freni: in primo luogo coinvolge anche altre persone con competenze tecniche che io non possiedo e questo rallenta parecchio i tempi, e poi partendo dal presupposto che si lavora gratis diventa difficile da realizzare senza una forte motivazione alla base dovendosi accontentare dei ritagli di tempo di tutti. Ho pensato anche ad un progetto di interviste informali con domande “poco importanti” sulla quotidianità di alcuni personaggi mediamente famosi. Vedremo. Quindi, si, un futuro c’è. Senza prendersi troppo sul serio… insomma, non ho mai fatto sul serio.

LIo credo di si. La voglia di comunicare è tanta, questo è percepibile e, se fino a pochi anni fa un blog era uno strumento “per pochi”, adesso grazie alle varie piattaforme (una per tutte: my space) pubblicare filmati è facilissimo. Considerando che adesso anche l’ultimo dei telefonini riesce a fare video, il gioco è fatto. In rete se ne trovano tantissimi, ed alcuni davvero geniali.

Imparare dalla rete: la scuola non serve più a nulla?

MLa scorsa settimana sono scesa in piazza a manifestare per la scuola. La scuola e l’educazione stanno alla base di tutto, senza non c’è futuro. La rete potrebbe essere un ottimo alleato, invece viene spesso demonizzato dalla scuola italiana, siamo indietro anni luce rispetto ad altri paesi. Per fortuna i ragazzi procedono velocemente, ho incontrato giovani dalle idee piuttosto chiare e decisi a lottare per costruirsi un buon  futuro o quantomeno al passo coi tempi. Sono fiduciosa, ma la rete che si sostituisce alla scuola proprio no, di questi tempi poi più che mai!

LChe dio ce ne scampi! Internet non può e non deve sostituire la scuola, casomai completarla. Quando ero piccolo le ricerche si facevano con costosi libri illustrati, si ritagliavano pagine e si girava per biblioteche (ricordo ancora con orrore una ricerca sulla città di Orange, in Francia. Non si trovava un accidenti, ed ho girato come un pazzo per raccogliere materiale), mentre adesso tutto è a portata di click. Internet ha semplicemente tolto dagli scaffali voluminose e romantiche (sigh) enciclopedie. Al proposito vi segnalo questa pagina.

Fai una domanda al tuo compagno di intervista

ME’ possibile che ci siamo incrociati qulache martedì notte al depò  o al cassero negli anni novanta?

LUhm… Non è che mi insegni qualche trucco del mestiere? 😀

Twitter o Facebook, e perché?

MSono due mondi differenti, io li frequento entrambi. Certo se davanti a una condanna a morte mi chiedessero di scegliere tra i due non avrei dubbi: twitter! Adoro microbloggare, così, senza pretese di dire qualcosa di sensato o di intelligente. mi piace condividere i miei momenti , anche se si tratta di piccoli dettagli apparentemente insignificanti o pensieri passeggeri, considerazioni lampo. Insomma mi piace. Su facebook invece spesso vengo disturbata con tutte quelle richieste, ma lo trovo davvero molto utile per organizzare e partecipare ad eventi o per recuperare contatti mail che mi capita di perdere spesso. Comunque con l’avvento di friendfeed si prendono due piccioni con una fava, il che non è affatto male.

LNessuno dei due. Twitter è algido, praticamente un blog in versione sms. L’idea è simpatica, ma proprio non riesco ad appassionarmi. Facebook invece è assurdo. La pagina potrebbe vincere il premio come “grafica del menga”, non ci si capisce un accidenti, gli inviti poi mi irritano… tanto, anche se accetto l’invito per una birra, rimango a bocca asciutta 🙂 Inoltre, particolare non trascurabile, su facebook c’è una polemica sull’utilizzo dei dati sensibili da parte di persone “poco raccomandabili”, polemica che mi ha quasi completamente convinto a chiudere il mio inutilissimo profilo 🙂

Che consiglio dai a chi vuole diventare una blogstar?

MMa veramente c’è chi ha questa ambizione? Diventare una blogstar? Beh, nel caso credo che sarei piuttosto deludente con queste persone, perchè le blogstar non esistono! Esistono solo blogger con una piccola popolarità di passaggio. Che poi parlare di popolarità è davvero ridicolo considerando quanto poco vengano seguiti i blog. Purtroppo l’intero potenziale  della rete viene sfruttato molto poco in Italia e gli unici blogger che hanno una reale visibilità sono quelli che vengono adottati dalla televisione che peraltro ha un linguaggio e una libertà distanti anni luce da quelli del web.

LE che ne so io, bisognerebbe chiederlo a Selvaggia Lucarelli (sempre sia lodata), anche se, a dire la verità, credo che diventare blogstar nel 2008  sia impossibile. Ma se proprio devo consigliare qualcosa, beh “cercate di non copiare da altri blogger”, cercate di scrivere cose che, prima di tutto, piacciano a voi, ignorate le classifiche e non riempite la vostra pagina con irritanti gif animate, musiche incontrollabili, centinaia di applicazioni e scritte cromate su tamarrissimi sfondi sfavillanti. La semplicità, come la verità, è sempre rivoluzionaria.

Commenti

  1. larvotto ha detto:

    Larvotto x Marina: Al vecchio Cassero è possibilissimo mia cara 🙂

  2. caty ha detto:

    la cosa più bella è quando leggo di cose che non conosco , così mi sento “fuori dal mondo ” ( come direbbero loro..)e posso andare a cercarle …ma intanto l’intervista mi è piaciuta .offriamogli da bere ad entrambi , se così si può dire …un saluto

  3. Pingback: larvotto
  4. Pingback: marina remi
  5. remyna ha detto:

    larvotto, nel nostro futuro immagino lezioni di recitazione private piuttosto divertenti 😉 in ogni caso sei già favoloso così come sei 😉 vedi che non mi sbagliavo sul cassero… chissà quanti amici in comune abbiamo!!

    caty, grazie! alla tua salute! 🙂

    camu, speriamo che vivaradionation riprenda presto! grazie di tutto!

  6. camu ha detto:

    Vorrei aggiungere alcune cose: prima di tutto augurissimi a larvotto per il suo compleanno, è la seconda volta che intervisto un blogger a ridosso di tale ricorrenza, si vede che ho una specie di sesto senso 🙂 Poi ho inserito la foto-composizione di larvotto nel post, così da darvi un volto, se non vi va bene, la cambiamo o la tolgo proprio. Riguardo a Viva Radio Nation, spero anche io che riprenda presto. E se vi incontrate di persona, mandatemi una foto, così la uso per la prossima intervista!

  7. remyna ha detto:

    tanti auguriiiiiii!!!
    la composizione mi piace, direi perfetta larvotto! con te così e me che sembra che ti guardo 😉
    camu, ehehe… nel caso non mancherà un fotoreportage del nostro incontro 😉

  8. larvotto ha detto:

    @marina: ma divento tutto rosso 🙂
    Si, chissà quanti amici comuni abbiamo… alle volte è incredibile di come, vivendolo, il mondo diventi piccolissimo 😀

    @camu: io e marina pensavamo di venirti a trovare a new york, così la foto ce la fai tu. stiamo organizzandoci per il biglietto, tu prepara il letto ok? 😀

    1. camu ha detto:

      @larvotto: ma sai che non sei il primo a dirmi questa cosa? Mi sa che devo avviare un’attività di bed and breakfast, forse farei molti più soldi… i clienti non mi mancano a quanto pare!

  9. larvotto ha detto:

    Io ci farei più di un pensiero 🙂

  10. remyna ha detto:

    si, ok. quando si parte? 😛

  11. FulviaLeopardi ha detto:

    oddio esiste ancora il termine blogstar? non è che glielo chiedi, in america? 😉

  12. Francesco Gavello ha detto:

    Scopro sempre ottimi blogger dalle tue interviste 😉

    1. camu ha detto:

      @francesco, il merito è tutto loro 🙂 Io non faccio altro che intervistarli…
      @fulvia: allora mi sa che sono rimasto indietro con i tempi, perché non sapevo fosse caduto in disuso!

  13. Lo ha detto:

    Prima di tutto mi scuso….ho letto subito il tuo commento da me, ma per problemi di tempo non ero ancora risucita a passare…ti ringrazio molto per la tua disponibilità…e leggerò volentieri le tue interviste ai blogger…se vuoi mi farebbe davvero piacere se tu volessi rispondere direttamente alla mia domanda!
    In ogni caso grazie mille!

Lascia un commento