due chiacchiere

Com’è fatto lo sciroppo

La stagione di raffreddori ed influenze varie è oramai alle spalle da un pezzo. Capita però che con gli sbalzi di temperatura tra le zone glaciali rinfrescate dall’aria condizionata a palla, e gli spazi all’aperto che sembra di entrare in un forno acceso, arrivi il classico mal di gola e qualche colpo di tosse. Allora i più premurosi corrono in farmacia ed acquistano uno dei tanti sciroppi da banco, per lenire il bruciore tagliente (che manco ti lascia ingoiare la saliva senza soffrire) ed alleviare la tosse. Beh, prendendo spunto da un articolo apparso su Wired di qualche mese fa, voglio raccontarti cosa puoi trovare all’interno della classica bottiglietta ambrata.

  • Destrometorfano
    Questo soppressore della tosse agisce direttamente sul cervello, non nella gola o nel naso come ci vuol far credere la pubblicità. Una volta entrato in circolo, si trasforma in un sedativo che rende il tuo sistema nervoso più tollerante a quel solletico che innesca i colpi di tosse
  • Mentolo
    Raggira i nostri sensori impiantati nel naso e nella gola, facendo sembrare l’aria respirata più fredda e pulita, anche se non “decongestiona” come ci dicono. Si tratta di una pura illusione, nulla di più
  • Balsamo Canadese
    Un nome fantasioso per una sostanza ricavata dalla resina degli alberi di abete. Ha una funzione espettorante, aiutandoti a tirar fuori il “rospo” che s’è temporaneamente accomodato nel tuo tratto respiratorio
  • Bicarbonato d’ammonio
    Nei sali inalabili, i fumi di questo composto volatile irritano i polmoni a tal punto da farti rinvenire di botto. Nello sciroppo aiuta le membrane della mucosa a produrre un muco meno denso e viscoso, più facile da espellere
  • Tintura di Capsico
    Dopo che l’ammoniaca ed il mentolo hanno ridotto il loro effetto, cos’è quella sensazione di bruciore e formicolio che rimane? Probabilmente questo estratto di pepe macinato disciolto in alcol ad 80 gradi. In teoria dovrebbe ridurre l’effetto nauseante del Balsamo Canadese
  • Olio estratto dagli aghi di pino
    Molto famoso nei circoli dell’aromaterapia, che lo descrivono come rinvigorente ed in grado di “tirare su” chi lo assume, qui è usato per “tirare su” il muco dai tuoi passaggi bronchiali
  • Glicerina
    Un altro addensante, usato semplicemente per dare allo sciroppo la sua classica consistenza che tutti ci aspettiamo.
  • Saccarina
    Basta un poco di zucchero e la pillola, ehm, lo sciroppo, va giù…

Commenti

  1. Francesco ha detto:

    La funzione di sedativo del sistema neurologico che provoca la tosse abbinata all’espettorante può essere un buon rimedio, considerato che il fisico deve ritrovare il suo equilibrio con le sue risorse…
    … catalizzate dal caldo, il miglior rimedio, eventualmente col supporto di un antibiotico se necessario…

Lascia un commento