due chiacchiere

Contestazione amichevole d’incidente

(Articolo preso pari pari da Colti Sbagli) L’idea è che, sempre più spesso, al proliferare degli scambi di comunicazione sintetica e breve (sms, mail, twitter, status di Fb, commenti etc.) si vada incontro ad un aumento di “incidenti” comunicativi: ci parliamo di più, è vero, ma ci fraintendiamo con più frequenza e probabilità. Ecco allora l’idea di un modulo di constatazione amichevole: ci si ferma, un momento, sul bordo della strada conversazionale (immersi come siamo permanentemente in autostrade conversazionali, digitali e non) e ci si spiega nelle rispettive ragioni: io venivo da destra, tu forse avevi la visuale semicoperta, e non potevi vedere e così via. Fermiamoci un attimo e spieghiamoci. Non sempre accadono incidenti, per fortuna, e il senso viaggia spedito tra un emittente e l’altro nei multicanali che il presente ci offre. Ma cosa genera questi incidenti, scarti di comprensione, misunderstanding, fraintendimenti inattesi, equivoci (aequi-vocus, le voci uguali nei bit)? In genere, io credo, siano dovuti a una mancata conoscenza/comunicazione degli elementi di contesto. Concentrati – o spinti – nella produzione/ricezione di significati, ci dimentichiamo a volte di specificare il contesto nel quale quel significato è collocato. Con contesto intendo sia un “ambiente semantico”, o un codice (sto facendo una parodia, sto usando un linguaggio tecnico, sto giocando, sto scherzando, sto citando qualcuno…) sia un “ambiente fisico” (sono al cesso, sono in autostrada e scrivo sms mentre vado a 150 orari, sono in coda alle poste e controllo fb sul palmare, rispondo al telefono facendo acrobazie…).

Se ci pensate, la forte spinta all’uso dei social network “in mobilità” (spinta di mercato, di media, strumenti/stili di vita, bisogno indotto ma anche gadget sottocutaneo) è esattamente una totale rimozione del contesto: tu puoi (devi) comunicare ovunque ti trovi e qualunque cosa tu stia facendo. Il contesto non conta, non conta comunicarlo né allegarlo ai significati in alcun modo. Facebook segnala quali messaggi, elementi, provengano da un “caricamento” tramite “Facebook mobile” (o facebook per Iphone) ma anche quella specifica, alla fine, funziona da spot permanente, allusivo, suadente, verso un preciso utilizzo del mezzo, estensivo. La mia tesi, detto in breve, è questa: possiamo dirci tutto, sempre, in ogni istante e da qualsiasi contesto. Ma le possibilità di “capirci”, di “com-prenderci”, mi pare, diminuiscono drammaticamente, col passare del tempo. Da qui l’idea del modulo per gli incidenti comunicativi. Ci fermiamo un momento a parlare e ci spieghiamo: dunque, io venivo da destra, avevo la precedenza, ma forse tu in quel momento avevi la visuale coperta, o forse eri tu che avevi la precedenza e io non me ne sono accorto…

Commenti

  1. Francesco ha detto:

    Ancora una volta penso a un social network come Facebook a un’interfaccia caotica che porta all’impersonale.
    Sono sardo e il mio cognome è localizzato in una zona ristretta. Quando incontro nel mondo reale un mio omonimo è festa senza risparmio, ricostruzione etno-genealogica e la persona rimane riferimento e oggetto di frequente menzione.
    Su Facebook ho fatto incetta di omonimi, ma non si è innescata nessuna curiosità e nessun affettività, a volte con massima freddezza non c’è stata risposta alle richieste di amicizia e il dialogo è caduto alla faccia di ogni Netiquette.
    Nel numero, è venuto meno anche l’impegno a rimediare a errori di questo genere, che non sono sembrati più neanche sgarbi.
    Istituzionalizzare un modulo di constatazione amichevole è un’ottima idea da elaborare: penso addirittura a un’icona da spedire in un contesto come Facebook con poche parole di giustificazione.

    1. camu ha detto:

      @Francesco: sono d’accordo, anche quando dici che con Facebook si sta innestando un processo di spersonalizzazione. In fondo quello far di mangiare piccoli morsi d’informazione è proprio l’approccio della piattaforma, e l’intenzione di chi l’ha creata. Ed è per questo che non m’è mai piaciuta…

  2. Pausa ha detto:

    Il Problema è che durante un incidente è difficile prendersela con calma e discutere da persone civili: c’è il nervosismo, lo stress e spesso la rabbia.

    Impossibile comunicare in tranquillità, per lo meno le mie esperienze sono state tutte molto traumatiche…

    P.s.: scusa per il seo lab 🙂

    1. camu ha detto:

      @Pausa: parli di incidenti veri o comunicativi? 😀

Lascia un commento