due chiacchiere

Grandi manovre in casa

Si, mi sono chiuso nel ripostiglio, alla fine. Da due giorni sposto mobili per la casa, seguendo gli ordini più o meno perentori della mia dolce metà. Che un giorno, facendo colazione, ha esordito: “sai, guardando bene ho come l’impressione che questa non sembri una cucina, bisognerebbe fare qualche cambiamento” . Si, in effetti il mio piccolo appartamento non è una casa principesca e la disposizione dei mobili “sconfina” un po’ dalle normali regole dell’arredamento tradizionale. Ma si sa, le donne hanno un occhio particolare per questo genere di cose.

Non so se è mai capitato anche a te di osservare il tuo frigorifero, oppure la credenza, e di pensare che starebbe meglio sull’altra parete. A casa mia è uno “sport” che viene praticato una volta ogni due anni circa, e si vede che ora eravamo in ritardo sul calendario delle manifestazioni, tant’è che mi ero già preparato psicologicamente all’evento. Così ora, dopo una gran fatica, sembra che ci sia più spazio in casa, fino al prossimo appuntamento in cui un tarlo di insoddisfazione si insinuerà nuovamente tra i nostri pensieri, e ci toccherà ricambiare tutto. Il lato positivo? Beh, rompere la quotidiana monotonia di vivere sempre nello stesso appartamento.

Commenti

  1. Federico ha detto:

    Da noi si chiama il “gioco dei 4 cantoni”. Ma di gioco ha ben poco…

Lascia un commento