due chiacchiere

La profezia di Celestino

Correva circa l’anno 1997, quando per la prima volta mi capitò tra le mani questo libro: La profezia di Celestino. Da allora l’ho riletto almeno tre volte, ed in ogni occasione vi trovo sempre un messaggio nuovo che, chissà come mai, mi era sfuggito la volta prima. Si tratta di un “libro di successo” che ha venduto milioni di copie in tutto il mondo. Alcuni lo considerano una pietra miliare della new age, per altri è soltanto un falso clamoroso.

È un romanzo di James Redfield, pubblicato per la prima volta nel 1993, e da allora protagonista di un successo planetario. Al centro della vicenda, un viaggio in Perù, sulle tracce di un misterioso antico manoscritto, che conterrebbe un messaggio di importanza vitale per l’umanità, e che tutte le autorità e le istituzioni di potere, dalla Chiesa alle forze armate ai governi, insieme, starebbero cospirando per occultare. Gli indizi per questa ricerca arrivano al protagonista sotto forma di una pioggia continua di coincidenze sorprendenti, di incontri con personaggi eterogenei, di messaggi sibillini, di labirintici giochi del destino, in qualche caso di deliberati “esami” e prove da superare, coerentemente con l’assunto primario dell’intera storia, secondo cui “le coincidenze non esistono” e qualunque evento è un messaggio da cogliere.

Questo è un riassunto dell’opera, tratto dal sito del Comitato Italiano di controllo delle le affermazioni sul paranormale, di cui si ricorda sempre uno dei membri più noti al grande pubblico: Piero Angela. L’articolo sul sito CICAP, in effetti, tende a smontare l’intera teoria messa in piedi dall’autore, James Redfield. Io, invece, ho trovato sin dall’inizio un che di particolare in “Celestino”, che mi ha aiutato a leggere meglio alcuni avvenimenti della mia vita quotidiana.

Non starò certo qui a raccontarti noiosi dettagli sul perché trovo interessante il libro. Piuttosto vorrei porti una domanda: ti è mai capitato di notare che ti accadeva qualcosa e poi, quasi per caso, ciò si collegava ad un altro evento, aiutandoti a superarlo meglio? Ricordo non molto tempo fa, ad esempio, un esame d’inglese che dovevo fare. Tra i vari esercizi c’era il tema: descrivere in circa 100 parole una traccia data dall’insegnante. Il trucco, ci aveva ammonito il nostro maestro, stava nel trovare delle parole e degli argomenti che potessero essere infilati in qualsiasi traccia: la famiglia, gli hobby, frammenti di quotidiano.

Così mi misi a pensare, e mi venne in mente una sera che, trovandomi all’estero, eravamo andati al ristorante giapponese (ok, di questo parlerò in cucina, casomai). Avevo deciso: qualsiasi traccia usciva, avrei parlato di shrimps, lobster and fish (gamberi, aragosta e pesce). Per fare una buona impressione sulla mia capacità di usare parole “non di uso comune”. Arrivato al giorno dell’esame, non riuscivo a credere ai miei occhi: la traccia diceva testualmente “racconta ad un tuo amico qual’è il tuo ristorante preferito in città e cosa ti piace mangiare”. Era un chiaro segno che Celestino, ancora una volta, aveva colpito. Anche se per alcuni potrà sembrare solo una colossale coincidenza.

Commenti

  1. stefania ha detto:

    dopo una recente conoscenza di una persona in chat, ho riletto la mia vita dai 18 anni ad ora scoprendo che anche per me celestino mi aveva guidato verso un nuovo modo di vivere

  2. erasmus ha detto:

    salve, io non ho mai letto questo libro ma mi ha sempre incuriosito. Mi capita spesso trovare dei “fili” che legano alcuni eventi della mia vita oppure, di incontrare persone che mi “dicono” qualcosa che posso associare alle mie esperienze. Ultimamente invece Celestino mi ha deluso. Io e il mio ragazzo avevamo deciso di sposarci e io, a dire la verità, non sono mai stata una di quelle ragazze che sognano il proprio matrimonio fin dall’infanzia. Anzi, per me è sempre stato un “problema” quello del matrimonio. E invece mi sono ritrovata entusiasta. Dal pensare a non spendere molto sulle bomboniere oppure sul vestito mi sono trovata a dire, “ma si, voglio fare le cose carine e se voglio la bomboniere che costa 30 euro la prendo!” Diventare la moglie di qualcuno mi iniziava a piacere, addirittura pensavo di prendere anche il suo cognome. Per farla breve, il nostro piano era di sposarsi in comune e di fare una cerimonia in chiesa solo per noi, qualche anno dopo. Poi da un giorno all’altro, tutto cambia e non si fa più niente. La morale della favola è che senza saperlo, sia io che lui avevamo cambiato idea sul fare la cerimonia in chiesa. Io gli avevo scritto una mail esprimendo che il matrimonio in comune mi sembrava freddo e che volevo considerare quello in chiesa. Quasi nello stesso giorno anche lui aveva scritto la stessa cosa, scegliendo ovviamente come luogo, la chiesa che avrei scelto anche io. Tutti e due avevamo espresso la stessa idea eppure non l’avevo letto quella mail, e nemmeno lui aveva letto la mia. L’ho scoperta solo dopo qualche giorno. Strano, forse Celestino ci stava pensando, ma l’abbiamo visto in ritardo. Anzi, ci sta che ci ha sempre pensato ma eravamo noi a non volerlo vedere. Come ho letto in un altra pagina di questo sito, non abbiamo saputo gustarci le “piccolezze” della vita.

  3. giulia ha detto:

    Ci siamo conosciuti per caso in chat. La nostra storia era un succedersi di ‘coincidenze’ e telepatia vera e propria che invece di unirci di più ci ha divisi … Poi ho trovato il libro di Celestino e sembra in parte la mia vita! chiarisce molto ma gli obiettivi, pur sognati da molti (ad es: l’automazione in armonia con l’energia del pianeta; oppure l’Amore come energia assoluta), mi sembra un pò la promessa del Paradiso Terrestre… magari!

  4. Raffaele ha detto:

    Mia chiamo Raffaele, sè dovessi definirmi mi considererei un razionalista e quindi cartesiano, galileano ecc… insomma per dirlabreve con i piedi per terra. Ebbene in questi ultimi anni dopo le esperienze di vita (ho 42 anni) posso dire che essere un razionalista sempre e comunque e porta a non vedere le cose oltre la punta del nostro naso… insomma la scienza ufficiale spesso cade nell’eccesso contrario e diventa integralista e persecutoria al pari delle religioni e dei credi politici. Dico questo perché a seguito di strani fatti, mio sono avvicinato ad autori che come Jung e i fisici quantistici Pauli e Bohm, che hanno trattato l’argomento delle sincronicità. E’ strabiliante come io che pur essendo laureato in scienze geologiche e nulla e poco sapevo di meccanica quantistica e quel tanto dato versione imperante ho avuto delle intuizioni del tutto in parte o integralmente comparabili con quelle enunciati da questi due famosi scienziati associate ad esperienze in cui strane coincidenze ed intuizioni mi hanno condotto per quel percorso di vita. Lungi da me il rapportarmi a questi signori… tuttavia anche il percorso che mi ha condotto a leggere il libro di Massimo Teodorani un fisico che coraggiosamente è impegnato in tali studi sembra non essere una coincidenza in un momento della mia mia vita in cui mai come adesso mi sono posto il problema cos’è la realtà? la nostra vita? il significato? è vero tutto ciò che vediamo? e se non lo vediamo perché? il metodo cartesiano è sempre quello giusto?……leggendo il finale del suo libro ho ritrovato in parte me…..quando pensavo addirittura che certi pensieri fossero da matti e invece non sarà forse vero che esiste l’inconscio collettivo di Jung a cui tutti attingiamo. Da quando sono aperto a queste alternative sembra che riesca a cogliere meglio questi messaggi criptati e non perchè li cerco e quindi passibili di suggestione mali percepisco meglio. Spero che qualcuno voglia approfondire meglio assieme a me questi argomenti. Saluti

  5. peppe ha detto:

    Pure io, sono alcuni anni che osservo gli eventi che mi si pongono davanti e cerco di interpretare l’eventuale messaggio.Mi capitano parecchie coincidenze. Molte di queste pare che abbiano veramente un nesso, anche se conferme al 100% non ne ho avute. Faccio un piccolo esempio di un fatto accadutomi di recente: un amico pianista (anch’io suono il piano) mi chiese se potevo accompagnare una cantante, una ragazza tedesca, io risposi che non stavo suonando da un pò di tempo ed ero un pò incerto. L’amico mi disse che lei aveva un cavallo ed era appassionata di equitazione (anch’io ho un cavallo), al chè io risposi che la volevo conoscere, a parte il discorso musicale. Quando ci conoscemmo, non solo scoprimmo di avere in comune l’interesse per la musica e per i cavalli ma avevamo in comune anche l’interesse per le coincidenze e simili. Così io le dissi che, pur non essendo interessatissimo al discorso musicale accettavo la proposta di suonare insieme prendendola come coincidenza significativa. Ora stiamo provando il repertorio. Vedremo come andrà a finire. Qualche giorno fa mentre imparavo una canzone guardai su uno scaffale dove ho i libri di musica e notai che il libro che stava più in evidenza era un libro di “Lied per pianoforte e canto” in “tedesco”. Non l’avevo messo lì apposta, c’era capitato.

  6. giulia ha detto:

    Mi sento coinvolta dalle letture di Celestino, però andando avanti nella Guida mi sono impantanata – c’è mica qualcuno che abbia lo stesso interesse, con cui approfondire l’argomento? Da soli mi sono accorta che non si riesce ad essere abbastanza obiettivi … Vi aspetto, eh

  7. Simone ha detto:

    Salve a tutti, anche io ho letto il libro “La profezia di celestino”… Mi è stato consigliato da una persona in seguito alla mia depressione dopo che la mia morosa mi ha lasciato… Dopo aver letto il bro sono in parte rinato, ho provato a guardare il mio passato rivedendolo in modo diverso… Adesso il mio modo di pormi verso la vita è cambiato, cerco sempre di cogliere gli aspetti delle situazioni che mi capitano, di non rifiutare una possibile occasione che mi possa far crescere di esperienza e maturità, seguendo i miei valori morali. Coincidenze me ne capitano, ho conosciuto molte persone che hanno cose in comune con me, però sembra che la gente oggi abbia paura del contatto con gli altri, come se semplicemente approfondire la conoscenza con un’altra persona, il semplice fatto di scambiare due parole sulla propria vita voglia dire rabargli qualcosa e non arricchire la propria anima con lo scambio reciproco di esperienze di vita…
    Giulia interessa molto anche a me l’argomento quindo posta!!! A presto

  8. giulia ha detto:

    caro Simone, se si hanno degli ‘intoppi’…anche di comunicazione, è bene chiedersi se il MODO, il ‘come’ sia stato giusto… o forse abbiamo avuto quello che volevamo in realtà… :)? o stiamo sperimentando? Rimane cmq importante avere iniziato a metterci in gioco.

    Non è facile…
    La cosa peggiore che possa capitarci… è il ‘non vedere’.
    … io mi domando e dico: perchè dev’essere una ‘crisi’, una sofferenza…insomma una ‘batosta’a farci guardare in noi stessi? Se lo facessimo prima, non perderemmo tante ‘occasioni’! Non avremmo ‘caricato’ una relazione aspettandoci dall’altro la soluzione a qualcosa che è solo nostro.

    ma l’essere umano non è statico… (non esiste ORMAI se non siamo noi a volerlo)…
    Certo è più facile non affrontare problemi e delegarne agli altri la responsabilità… o ‘evitare’, ma non risolve – esiste l’attenuante del non essere consapevoli di certi ‘meccanismi’ acquisiti/imposti, talmente radicati che confondiamo col nostro Essere.

    anch’io sto cambiando e visto che sono una ‘capatosta’… chissà che nn ci riesca.
    A presto

  9. Simone ha detto:

    Hai detto delle cose veramente interessanti Giulia… Deduco che anche tu hai passato dei momenti spiacevoli in amore e mi dispiace… E’ vero molte volte per guardare in noi stessi prima deve capitarci qualcosa per destare quell’anima assopita che riposa in noi… Se ti va di fare due chiacchiere in privato qualche volta la mia e-mail è [email protected]

  10. giulia ha detto:

    Ciao … prima di tutto ringrazio Simone per due motivi: mi hai letto e mi dai un ‘contatto’ quindi grazie. 🙂
    Io qui ci so capitata per caso, ma visto che la casualità non esiste e che tutto è collegato…!
    Vorrei che in molti approfittaste di discussioni come questa (e segnalarne anche altre) per condividere le nostre riflessioni,’intuizioni’…non continuiamo a vivere come se nulla fosse…limitati dalle paure che nella maggior parte dei casi non sono neanche nostre.
    Alla prox…. CIAO

  11. ROBY1 ha detto:

    ANCHE IO PENSO CHE LA VITA SIA TUTTO UN COLLEGAMENTO. E HO IMPARATO A RICAVARE IL MEGLIO ANCHE DAL NEGATIVO ALMENO MORALMENTE. PENSO CHE OGNI PORTA CHIUSA NE APRI ALTRE. SOLO LA MORTE NON CI RESTITUISCE NIENTE, MA DALLA VITA, E DAI FIGLI POSSIAMO CHIEDERE RIMBOCCARCI LE MANICHE E PRETENDERE DI REALIZZARE I NOSTRI SOGNI

  12. ROBY1 ha detto:

    La vita è bella anche quando il computer pensa di prenderti in giro!

  13. giulia ha detto:

    Ciao roby1… simpatica l’idea che un computer possa ‘pensare’ e ‘prendere in giro’: un agglomerato di fili e chips. Il pc, internet, sono una enorme opportunità… anche QUESTA possibilità di scambio! è piuttosto improbabile fermarsi a parlare con sconosciuti per strada delle proprie opinioni, dei propri dubbi, confrontandoci, partecipando e condividendo esperienze …qui lo facciamo, alcuni in maniera deprecabile lo ammetto, ma in ogni cosa esiste il ‘cattivo uso’: potremmo parlarne per ore… 🙂
    Non conosco la tua esperienza, genericamente credo che nel ‘prendere in giro’ o nel ‘gioco delle bugie’ si è sempre almeno in due… a volte si esce dal ‘gioco’ e si comincia a fare sul serio… ma sempre almeno in DUE. L’altro deve permetterci di Essere veri… guardare oltre le parole, nell’anima. Presuppone qualcosa di raro oggi: Amore, Disponibilità, Accettazione…
    Facendo un piccolo sforzo magari ci riusciamo 🙂
    Spero di rileggerti, ciao…

  14. giulia ha detto:

    N.B.: la VITA è comunque MERAVIGLIOSA…

  15. alexandro ha detto:

    …come si fa ad esser cosi’ certi che la Morte non possa restituirci (o darci) qualcosa di positivo e negativo, come la vita del resto… ???

  16. maria ha detto:

    quando ho iniziato a leggere la profezia di celestino l’avevo trovata pesante, ma grazie ad una coincidenza ho iniziato a leggere senza sosta e ancora oggi (dopo 6 anni)vado a rivedere tutto ciò che ho sottolineato.A mio avviso e veramente un gran libro.

  17. giovanna ha detto:

    La profezia di celestino sarà nel tempo la realtà della vita futura su questo pianeta, anche se il tempo a nostra disposizione stringe, bisogna affrettarsi a pensare tutti per un bene comune e non individuale, la forza che si sprigionerebbe sarebbe talmente potente da sotterrare i potenti della terra. Essi pensano solo a se stessi tutto ciò ci condurrà inevitabilmente alla rovina, la fisica quantistica è una scienza molto chiara anche se da pochi per ora condivisa e presa seriamente in considerazione, anche se ultimamente molti scienziati si sono sensibilizzati a tutto ciò. Hanno capito che esiste sincronicità fra psiche e fisica: dobbiamo unirci tutti sotto un certo profilo di pensiero e cercare di unire le nostre menti il più possibile. Male che dovessero andare gli eventi su questa dimensione avremmo la chance di lievitare in un altra dimensione e salvare le nostre energie. Se formiamo un forte campo magnetico non ci sarà neppure la probabilità di essere distrutti da forze naturali sulla via del non controllo.

  18. Claudia ha detto:

    Ho letto la Profezia di Celestino… e finalmente non mi sento più sola! Nel ’95 una serie interminabile di coincidenze mi portarono ad una profonda riflessione ed io le soprannominai le “non coincidenze”; nel 2001 cominciai ad osservare le mie mani chiamando a gran voce mia madre perché potesse vedere anche lei il fluido energetico che scorreva tra le mie dita; nel 2002 ebbi un’esperienza mistica che non potrò mai dimenticare e per la quale i miei genitori mi fecero addirittura ricoverare; nel 2005 cominciai ad osservare i miei animali, le piante, e nascostamente le persone che mi circondavano per osservarne i campi energetici. Oggi li vedo con estrema facilità… certo non è una cosa immediata ma rilassandomi riesco a vedere con chiarezza. Nonostante questo sono una persona eternamente irrequieta e infelice. Per questo lo sto rileggendo e rileggendo. Ogni volta scopro un messaggio che mi era sfuggito la volta precedente. E’ incredibile.

  19. peppe ha detto:

    Osservare le coincidenze che capitano nella mia vita è diventato un fatto normale. In ogni evento che capita cerco di vedere il messaggio cosmico e sono certo che siamo noi ad attrarre le persone e gli stessi eventi affinchè ci insegnino, anche persone ed eventi apparentemente negativi.

  20. giovanni ha detto:

    Salve,ho letto la profezia di celestino anni fa e mi ha cambiato la vita, mi sono accostato alla meditazione, alla spiritualita’ e ho scoperto delle cose meravigliose…il problema e’ che appena esci dal flusso anche se per un breve lasso di tempo e magari non so, vai in collera, ti innervosisci perche’ qualcosa non va come vorresti, viene difficile rientrare nel flusso energetico e ritrovare quella dimensione spirituale che riempiva la vita di gioia….cmq, e’ appena uscito il film “la profezia di celestino”…interessante, piu’ che il film in se stesso, le interviste a James R. che parla delle sue esperienze in proposito…ve lo consiglio, cosi come la decima illuminazione e il segreto di Shambala…un abbraccio a tutti

    gio’

  21. Ivan ha detto:

    Ho appena visto il film della Profezia di Celestino…
    Devo dire che, essendo un amante del cinema, il film , seppur ben strutturato, mi fa cogliere delle grosse incongruenze, inoltre seppure il messaggio delle “Illuminazioni” sia molto coinvolgente, il mio pragmatismo e la mia esperienza di vita mi fanno pensare che sia tutto un gran miscuglio di religione, new age, misticismo, ecc.
    Non dico che le coincidenze non esistano, ma farsi guidare da queste e dal proprio istinto mi sembra fuori da ogni logica.
    sarebbe bellissimo poter vivere queste illuminazioni e raggiungere così il Paradiso, ma la vita è decisamente molto più difficile, e questo film ed il libro dal quale è tratto, secondo me non è altro che un nuovo e neanche tanto originale, tentativo di plagio verso gli spettatori/lettori. Ragazzi non vi fate condizionare da nessuno, la vita è bella comunque anche se si è se stessi, e quando un problema non vi fa dormire, fate come me…fregatevene.

  22. u ha detto:

    è tutto un sabotaggio non credeteci!!

  23. Susanna ha detto:

    Ho riletto questo Natale per la sesta o settima volta la profezia, e c’è stato un grande salto.
    Sto rileggendo più volte vari passaggi, e vedo che la mia vita e i miei rapporti con le persone cambiano veramente velocemente.
    Per questo leggerlo una volta non basta…

    Un abbraccio cosmico a tutti voi.

  24. giovanni ha detto:

    certo che i rapporti cambiano velocemente…proprio da un secondo all’altro, cambia la tua energia, ma e’ importante riuscire a rimanere in contatto con l’energia cosmica, perche’ per me e’ stato quello il grande problema per molto tempo, mantenere alta l’energia senza farmela divorare da persone e situazioni…beh, oggi la meditazione costante mi aiuta in tutto questo, e anche se sicuramente non sono un buddha, sento che sto migiorando questo aspetto…e’ bello sapere che esistono altri esseri spirituali anche in rete…grazie…

  25. Elisa ha detto:

    “..Se vi trovate a leggere questo libro, forse vi siete già accorti di cosa sta succedendo perchè lo sentite dentro di voi”
    In un periodo difficile della mia vita alcune coincidenze molto più che significative mi hanno portato a riaprire la mia dimensione spirituale e a comprendere meglio me stessa e il mio rapporto con gli altri.
    Mi son detta troppe volte che a queste coincidenze dovevo dare una certa importanza, come ad alcune sensazioni forti che stavo provando nei confronti dell’esistenza e della natura. Dal momento che sto per partire per un viaggio in Sud America che ha come tappa anche il Perù mi è capitato in mano questo libro. Ed ho capito molte cose. Ieri ho visto il film. Bello, ma non troppo velocemente cerca di trasmettere le illuminazioni, il libro te le fa scoprire piano piano, le interiorizzi lentamente.
    Adesso ho in mano la guida alla profezia, voglio iniziare una bella immersione nella comprensione delle illuminazioni. Mi sarebbe piaciuto fare un gruppo di studio con qualcuno che l’ha letto ma purtroppo dovrò farlo da sola visto che tra due settimane ho l’aereo per il sud america e non troverò il tempo di incontrarmi con qualcuno.
    Vorrei raccontarvi tutte le coincidenze che hanno cambiato la mia vita, parlare con qualcuno di questa nuova scoperta, ma mi dilungherei troppo.
    Vi dico solo che son felice di aver trovato questo forum, è bello sapere che la consapevolezza continua ad espandersi.
    Elisa

  26. Susanna ha detto:

    Da tempo sogno di andare in Perù con il mio sposo, soprattutto dopo aver conosciuto la Profezia, ma non è ancora il momento… quando ritorni raccontaci come è andata e cosa hai ricevuto. Credo proprio che farai faville!
    Buon tutto

  27. giovanni ha detto:

    Prima di partire compra la decima illuminazione e il segreto di shambala (sono un po’ la continuazione della profezia..) e portale con te…sentivo di doverti dare questo suggerimento…

    spero che questo viaggio sia per te un occasione di grande crescita spirituale…

    in bocca al lupo..

  28. Susanna ha detto:

    Ho visto ieri il film… ovviamente è un po’ diverso dal libro, ma comunque è bellissimo. La parte finale alle rovine di Celestino, quando arrivano tante anime piene di luce, mi ha dato una carica eccezionale. Gli ultimi 20 secondi invece mi hanno commosso facendomi ridere!
    Se non lo hai visto, forse ti conviene farlo prima di partire per il Perù.

    Poi volevo dirvi che ieri, dopo aver pensato tutta la mattina alla Profezia, sono andata in città ed ho incontrato un conoscente; sono rimasta in attesa del messaggio e, indovinate un po’ di cosa mi ha parlato? Del Perù e di un viaggio recente! bello!

    Sono felice di avervi “incontrato”.

  29. camu ha detto:

    Susanna, io sono contento di avervi dato la possibilità di far crescere il numero di contatti per questo! Sono sempre convinto che nulla capiti per caso, forse anche questo blog era destino che dovesse essere aperto per Celestino.

  30. BARBARA ha detto:

    Il libro l’ho ordinato 10 anni fa circa, avevo iniziato a leggerlo ma alcune parti non riuscivo a capirle e non l’ho finito.
    Recentemente parlando con una persona mi sono ricordata di averlo e lo sto rileggendo, sono arrivata al capitolo che tratta la sesta illuminazione.
    Quante domande mi sorgono, ci penso quasi tutti i giorni e vorrei avere delle risposte ma più mi informo più vorrei sapere…
    lo consiglio a tutte le persone che sono alla ricerca di qualche cosa ma non hanno ancora le idee chiare su ciò che stanno cercando, un aiuto ve lo può dare.
    ciao

  31. innamorata86 ha detto:

    Sono approdata su questo sito perché sto cercando informazioni su di preciso non so nemmeno io che cosa. Io, vi anticipo non ho né letto il libro di Celestino, né visto il film, cose che non mancherò di fare. Non so granché su questa inevitabile fine del mondo e possibilità di una nuova vita dove non ci saranno malattie né guerre, ho informazioni vaghe sul fatto che per alcuni eletti ci sarà questa salvezza. Ecco io sono abbastanza scettica in proposito ma confusa. Il motivo che mi spinge a sapere di più è il mio disperato amore per il mio ex fidanzato. Ex non ancora ma quasi. Lui mi ha posta dinanzi a una scelta: stare con lui platonicamente per il tempo necessario a fargli capire a cosa è destinato o stare senza di lui. Secondo lui quello che deve fare è purificarsi e staccarsi da tutto ciò che è terreno: sesso, anzi FARE L’AMORE, compreso. Io l’ho sempre rispettato e per 1 anno e 4 mesi non lo abbiamo mai fatto completamente, ma non mi ha mai fatto mancare né baci né coccole. Adesso invece sente di dover evitare anche solo i baci, mi sarebbero concessi solo quelli a stampo. Io lo amo da morire e anche lui, così ci ho provato a restare con lui. Ma dopo neppure un giorno siamo finiti insieme e così eccoci arrivati alla domanda che vi rivolgo, secondo voi è giusto quello che lui fa? voi vi sentite degli eletti in qualche modo e non avete rapporti con i vostri fidanzati? Io cosa devo fare? Senza di lui sto male, ma sto male anche con lui, quando uno accanto all’altra ci desideriamo e non ci possiamo amare. So che l’amore vero dovrebbe essere qualcosa al di là del corpo e delle sensazioni fisiche, lui mi dice di nutrirmi dei suoi sguardi d’amore… Ma io la vedo così assurda questa situazione: per me la vita è una, non c’è questa benedetta vita perfetta solo per alcuni eletti e non credendo in questo non ho la forza per resistere. Ci siamo presi del tempo per riflettere, lui m ha detto “quando io avrò capito, se avrò capito, che la mia strada è umana con una famiglia ecc tornerò da te, ma so bene che non è certo che tu mi aspetterai…” aiutatemi, ditemi cosa pensate non giudicherò nessuno qualunque cosa mi dirà. Grazie anche solo per lo sfogo.

  32. camu ha detto:

    Ciao innamorata, mi rendo conto che il problema non è semplice. Ma qui dall’esterno, senza conoscere le storie di voi due, non è facile consigliare qualcosa. Personalmente penso che ogni limitazione, dal non fare l’amore a privazioni di altro tipo, siano un qualcosa di poco utile. La vita è fin troppo breve per perderci qualsiasi istante “vissuto veramente”, o per mettersi a cercare chissà dove la propria vera identità. Quindi secondo me è un errore il suo, a tenerti lontana. Io quando sto lontano dalla mia amata, non resisto a lungo senza baciarla, e coccolarla. Anzi, in alcune situazioni esagero proprio! Però è il mio modo di gustarmi la nostra fisicità: il rapporto platonico, l’amicizia, il feeling che c’è tra due persone che si amano non può non essere completato dal contatto fisico. Altrimenti saremmo un cervello con due gambette piccole piccole, e nulla di più.

  33. Susanna ha detto:

    Cara Innamorata,

    sai, il tuo messaggio mi ha fatto capire che soffri tanto, tantissimo. Ma mi ha fatto anche capire che il tuo ragazzo stà soffrendo pure lui, non ha le idee chiare, è confuso, non so se per il motivo che lui ti dice oppure, forse, non lo sappiamo, per altro.

    La profezia di Celestino non ci rende eletti, e nemmeno ci stacca dalla bella vita materiale negandoci i piaceri di un bel pranzo o di un rapporto pieno e soddisfacente con il nostro amato, anzi. Diciamo che ci insegna a capire come vivere spiritualmente e pienamente, a come essere felici nel momento che stiamo respirando, ci insegna a trovare la nostra via e ci indirizza verso le scelte giuste.

    Ecco, se proprio dovrei dire, la profezia di Celestino sarebbe più indicata al tuo compagno, perchè è confuso; e l’insegnamento della profezia parte proprio dalla constatazione che siamo confusi, e ci aiuta ad uscire, dolcemente da questo stato di caos.

    AL tempo stesso te la consiglierei per uscire da questo tuo dolore, per capire se stai facendo la cosa giusta con lui…

    Cerca di non annegare nel dolore, ma senti, senti veramente come comportarti con lui, adesso. Prova a distaccarti: male al vostro rapporto non ne farà, forse lui vedendoti un attimo più lontana, verrà a cercarti.

    Non posso darti io una risposta, perchè sei tu che devi fare delle scelte, nessuno può farle per te. E allo stesso modo le risposte non le troverai mai nelle altre persone, ma sempre dentro di te, nel tuo cuore; credere al contrario, fa fare molti sbagli.

    Per finire, riprendo il cosnigli di prima, prendi in mano il libro di cui parliamo in queste pagine e prova a leggerlo. Chissà… forse sarai anche tu una di noi…

    Un abbraccio sentito,

    Susanna

  34. Cristina ha detto:

    Oggi non stavo troppo bene,e sono rimasta a casa dal lavoro…Avendo solo voglia di rimanere il più possibile al caldo,sotto le copertine,ho deciso di guardarmi un film…..Sulla mensola porta dvd già da tempo non ce ne stanno più,così gli ultimi sono stati via via sistemati uno sopra all’altro…Con poca convinzione ho sfilato dalla “torretta” un paio di questi…e dopo pochi secondi “BADABAN!!” mi sono tutti crollati adosso! Nessun danno,solo TANTO rumore! Rimettendoli a posto già mi era passata la voglia di vedermi un film….Se non che,risistemati tutti,mi accorgo che sulla scrivania ne è rimasto uno,capovolto…Lo prendo..s’intitola “La profezia di Celestino”..e lo guardo.
    Il film di per sè non è un capolavoro,a tratti piuttosto banale e noioso…Eppure l’argomento trattato,i messaggi,alcuni dialoghi e le illuminazioni…Mi hanno lasciato senza parole! Non so come spiegarvelo senza apparire ridicola…Ma sono concetti che già da tempo fanno naturalmente parte di me…E che sopratutto negli ultimi mesi mi hanno tenuta occupata sia fisicamente che spiritualmente per vicende e situazioni varie che non starò a spiegarvi…E vederli,sentirli espressi così chiaramente e naturalmente in un film…E’ stato sbalorditivo! Mi sono precipitata in internet,ho letto un pò di cose,ho scoperto l’esistenza del romanzo (che probabilmente comprerò)e che inaspettatamente tante persone condividono questa mia visione/sensazione della vita…..Sono passata anche da qui,e ho sentito il bisogno di condividere con voi tutto questo…Oggi mi sento illuminata..E sempre più convinta di non essere sola!

  35. innamorata86 ha detto:

    Innanzitutto GRAZIE di cuore per le vostre parole sincere e piene di solidarietà umana, è molto bello vedere che anche se per la strada si vede sempre molto egoismo e menefreghismo i cuori delle persone battono insieme e sono uniti ancora dai sentimenti, dall’AMORE. Forse è proprio questo tipo di amore che il mio fidanzato mi descrive sempre… Già ho detto il mio fidanzato non perché mi sia sbagliata! Ma perché siamo di nuovo insieme. Anzi a dire la verità in quegli atroci e interminabili 3 giorni separati, non abbiamo mai smesso di sentirci per telefono e avevamo voglia e bisogno l’uno dell’altro. Durante una delle telefonate lui mi dice che gli stava scadendo la you and me con me, e che non l’avrebbe rinnovata forse, e allora io sono crollata e gli ho detto MA SI LA RINNOVI LA RINNOVI!! E lui già nella voce felicissimo “e perché??” e io “perché IO NN CE LA FACCIO SENZA DI TE PREFERISCO AVERTI PLATONICAMENTE anziché non averti per niente” Così ci siamo rivisti il pomeriggio del terzo giorno perché siccome lui doveva fare il book ( lui è un attore e anch’io ) aveva bisogno di alcuni vestiti che avevo io. Quando sono arrivata lui mi ha aperto la porta e non ci siamo baciati, solo guardati negli occhi, poi abbiamo pranzato e dopo pranzo lui mi ha chiesto di riposare insieme sul suo letto. Io ho accettato e mi sono accucciata dalla parte del fianco, in modo che standogli troppo vicino non mi venisse troppa voglia fisica. Ma non è servito a molto perché dopo poco lui ha cominciato ad accarezzarmi i fianchi, poi il fondo schiena e poi i seni e io allora gli ho chiesto cosa stesse facendo, lui ha continuato e mi ha detto “perché, ti dispiace?” io gli ho risposto che non mi dispiaceva ma che non volevo che lui mi lasciasse ancora perché tentato dal mio corpo. Lui allora mi ha detto “No stavolta lo voglio io” e dopo avergli chiesto per l’ultima volta se ne fosse sicuro mi sono abbandonata a lui e lui mentre ci coccolavamo mi ha detto che nei giorni della nostra separazione ha riflettuto e si è risposto che non era giusto per noi come coppia la platonicità. Che se lui deciderà mai di fare quel percorso andrà lontano da me in TIBET. Quindi tutto è tornato come prima, almeno per ora, ed ora io prego tutti i giorni affinché decida di stare TOTALMENTE con me. Comunque da quel giorno abbiamo vissuto e viviamo delle giornate meravigliose e ci amiamo tantissimo tanto che i coinquilini a volte sono disturbati dalle nostre effusioni bacini e abbracci di fronte a loro. CARI “Celestini” (vi chiamerò così) spero davvero che le cose non cambino anzi migliorino vi auguro tanto ogni bene e vi ringrazio ancora per essermi stati vicini, è per questo che mi sono sentita di raccontarvi come è andata a finire!! bacioni a tutti dalla sempre più innamorata86

  36. giovanni ha detto:

    E allora cristina che dire?!!
    Benvenuta tra di noi….ti consiglio pero’ ti leggere il romanzo che rispetto al film rende tutto piu’ genuino..
    Che aspetti? leggilo e vedrai che il tuo stupore crescera’, che il mondo ti sembrera’ piu’ colorato, che iniziera’ un fantastico percorso…te lo auguro…consiglio anche a te di leggere, subito dopo la profezia, la decima illuminazione e il segreto di shambala, sempre dello stesso magico autore..

    un abbraccio a tutti

    giovanni

  37. Susanna ha detto:

    Cara Cristina,

    hai in mano la possibilità di svoltare, di capire, di cambiare, di rendere magica la tua vita. Prova.
    Le coincidenze ci sono e talmente incredibili talvolta…
    Prendi il libro ed inizia il tuo magico cammino, mente noi aspetteremo che ci racconti come sta andando..
    Un abbraccio

    Cara Innamorata,
    direi BENISSIMO!!! Ti auguriamo ogni bene e anche di più.
    Un abbraccio dai tuoi “Celestini”

  38. vittorio ha detto:

    Sono rimasto colpito dal fatto che in questo sito si parli della Profezia di Celestino, in quanto ormai mi ero quasi arreso all idea di esser uno tra i pochi,eccetto qualche amico a concepire la visione di questa società evoluta. In queste poche parole non voglio peccare di presunzione anche se devo dire che il mio ego ha alquanto il sopravvento sulla mia ormai misera coscenza… ho letto la profezia per la prima volta nel 96 e da allora è cambiato radicalmente il mio modo di vedere il mondo. La mia grande fortuna è stata quella di condividere questa esperienza insieme ad un gruppo di amici che ora potrei considerare come una seconda famiglia. Comunque vengo al punto: sono in una situazione in cui avendo perso il controllo dei drammi mi ritrovo in una situazione (e non solo io) in cui non riesco a riconnettermi alla coscienza-energia… e allora mi sorge il dubbio che abbiano inventato realmente qualche macchinario per tenerci al di sotto un certo livello di consapevolezza. Potrei andare avanti per ore a elencare mille teorie,probabilmente sono scarico io… il fatto che lungo il mio percorso non ho ancora incontrato nessuno che abbia chiari questi concetti. Attendo responso, con quel briciolo di lucidità che mi rimane saluti e a presto

  39. peppe ha detto:

    E’ probabile che noi attiriamo quegli eventi, persone che ci servono per fare quel determinato passo. Credo che le coincidenze esistono, però quando capitano, specie sottoforma di eventi negativi dobbiamo saper prendere il messaggio e agire se no saremo assaliti, appunto, solo dalla negatività dell’evento stesso. Quando l’evento, invece, è sotto forma di positività, il non agire ci fa “solo” perdere un treno.
    Venni a conoscenza delle coincidenze parlando con un amico del libro “la profezia di Celestino” ma in realtà non l’ho mai letto. Ho coltivato l’argomento leggendo il libro di D. Chopra “Le coincidenze”. Ora comunque ho ordinato il film “la profezia di Celestino” per dargli un’occhiata perchè questo periodo sono poco connesso all’energia cosmica e spero che il film mi ridia carica.
    A me sono capitate molte coincidenze e tra queste, alcune molto significative. E’ che per molte non ho avuto ancora le conferme, ma appena le avrò se le avrò ve le racconterò.

  40. peppe ha detto:

    E’ vero, se stai in una condizione di ansia recepisci meno le coincidenze. Quindi la cosa importante è riaccendere la fede. Come? Raccontandoci reciprocamente le piccole cose che ci succedono. Questo raccontarci smuoverà delle emozioni, e le emozioni sono il motore che muove l’energia cosmica e attiva le coincidenze (nonchè il sapere osservare).

  41. SILVIA ha detto:

    Ciao a tutti,
    venerdì sera parlando con un amico e raccontandogli la situazione che stò vivendo mi ha consigliato di leggere questo libro e di ascoltare le reazioni che stimolerà in me, sottolineando che comunque tutto parte da noi dall’interno…senza condizionamenti.

  42. Susanna ha detto:

    Personalmente ho capito che è il mio anno di Celestino, l’anno in cui decollo con quanto scritto nel libro. Vi racconto come, visto che ci hanno consigliato di raccontare le coincidenze.
    Ero in ufficio e mi chiedevo come sarà il mio anno, se riuscirò a fare quel gradino in più nella mia consapevolezza, e senza volere mi cade l’occhio sul calendario annuale posto alla mia destra e, vi giuro, leggo “S.Celestino”!
    Sorpresissima, leggo meglio e controllo in che data c’è questo santo: 29 febbraio!… come dire che non capita tutti gli anni un 29 febbraio, e quindi è proprio l’anno di Celestino…
    E’ un periodo che mi arrivano molte coincidenze… quando ho più tempo ve le scrivo…
    Un abbraccio

  43. ALINA ha detto:

    Ho finito di leggere oggi per la prima volta “La profezia di Celestino”e mi ha trasmesso una carica di energia che senza,non avrei mai avuto e come prima cosa questa è sicuramente positiva.Non tutti i libri riescono a colpirmi in questo modo così profondo e direi quasi inconscio:questa secondo me è la ragione per cui determinati eventi che ci accadono e che ci lasciano una gioia indefinita non sono frutto del caso ma ci lasciano un messaggio:il messaggio è che quella è la strada giusta che stiamo percorrendo,,,sono molto felice in questo momento perchè mi sento molto viva e in equilibrio con ciò che mi circonda.Sicuramente queste mie riflessioni saranno molto condizionate dal mio libro,sono dettate da quello che mi diceva la mente ma allo stesso tempo il mio spirito.Grazie ciao ciao ciao

  44. Susanna ha detto:

    Cara Alina,

    l’entusiasmo è quello giusto. L’unico modo per non perderlo è quello di tenere il libro sul comodino e rileggere periodicamente alcune pagine. Facendo così riesco a rimanere in contatto con l’energia.
    Inoltre ho preso la Guida alla Profezia di Celestino, e stò facendo un buon lavoro personale; la consiglio vivamente a tutti. Buona giornata a tutti.

  45. peppe ha detto:

    una domanda per chi ha visto il film:non ho capito chi rappresentava la bambina e verso la fine quando Giulia abbraccia questa bambina sembra che si sarebbe dovuto capire qualcosa in più. Non ho capito cosa. Qualcuno mi potrebbe chiarire questo punto?

  46. Titty ha detto:

    Dal lontano 1998 venni in contatto con questo meraviglioso libro…ponte indiscusso con un mondo incredibilmente straordinario, con le illuminazioni ho trovato me stessa e naturalmente il mio compito essendo già istruttrice yoga ho costituito il gruppo studio a Palermo prima ancora di sapere che sarei stata trasferita per viverci! ed eccomi qui da sette anni vivo a Palermo dove studio con il mio gruppo.
    Sono incredibili le illuminazioni, oggi sento di essere nella decima illuminazione ed ogni volta che concentro la mia energia so cosa devo fare.
    Nel frattempo do indicazioni sulla respirazione, sul cibo di cui nutrirsi preceduto da una imposizione delle mani per raccogliere tutta l’energia e prepararsi a riceverla.
    Sono tanto felice e vedere i campi di energia è semplicemente meraviglioso con amopre Titty

  47. peppe ha detto:

    Penso che alle volte succedono eventi che ci portano dei messaggi che se capìti e applicati ci portano una consapevolezza maggiore di noi stessi. Il problema è quando la prova da superare non è facile e quindi possiamo regredire anzicchè progredire. D’altra parte, se c’è arrivato quel segno significa che abbiamo bisogno di risolvere quel determinato problema anche se ciò comporta uno sforzo. Lo sforzo è necessario quando siamo meno connessi, perchè quando, invece, lo siamo e cominciamo a sentire più energia, i segni che riceviamo li capiamo prima ed è più facile passare all’azione, anzi le cose cominciano a scorrere in modo così spontaneo che troviamo sulla strada tutto quello di cui abbiamo bisogno. Fortunatamente le coincidenze capitano pure quando stiamo in una condizione di chiusura, che ci facciamo meno caso ma ci sono. La cosa importante è riuscire a superare la fase iniziale.

  48. Susanna ha detto:

    Per Peppe: se riguardi il film, noterai che all’inizio nell’eccidio risalente a centinai di anni prima, c’è Giulia abbracciata a Wil e a una bambina, presumibilmente loro figlia. Infatti è proprio per questo che Wil dice a Giulia che loro saranno sempre legati…

    Carissima Titty,
    vorrei un aiuto da parte tua, dato che non riesco a vedere i campi di energia… potresti raccontarci come li hai visti, comehai fatto la prima volta?
    Grazie di cuore, un abbraccio

  49. peppe ha detto:

    per Susanna: quindi è un caso di reincarnazione?

  50. Susanna ha detto:

    In pratica si..
    Quindi J.Redfield ci crede, e questo rende i suoi insegnamenti, a mio avviso ovviamente, più completi.
    Certe volte vorrei che nella realtà fosse facile come nel suo film..
    Se non altro la sua guida mi ha aiutato a capire ed interpretare un po’ meglio i miei sogni.

  51. peppe ha detto:

    Diciamo che quello della reincarnazione fa parte di un livello più avanzato, ma i segni e i sogni già ci guidano in questa vita. Il resto, per adesso, è relativo. Quella della reincarnazione potrebbe interessarci quando saremo arrivati ad un livello più avanzato. Ma è necessario imparare a fare i primi passi (chiamali primi), come il saper interpretare i messaggi e applicare quello che abbiamo capito.

  52. peppe ha detto:

    Ragazzi, ma al di là della “profezia di Celestino” che è la pietra miliare di questo argomento, avete provato a leggere pure “Le Coincidenze” di D. Chopra che è molto istruttivo? Il primo input mi è stato dato dalla conoscenza del libro della profezia di Celestino, ma in realtà non l’ho mai letto. Mi sono “formato” con il libro di Chopra e altro. In particolare osservando la realtà.
    Ho diverse cose da raccontare, ma vi accennerò uno dei primi messaggi che ho ricevuto…
    Dopo essere venuto a conoscenza del libro della profezia che, come vi ho detto, non ho mai letto, cominciavo a chiedermi se potevano esistere veramente le coincidenze e i segni. Così, per caso, mi capitò tra le mani un opuscolo con centinaia di siti web di carattere vario. Sempre per caso, tra centinaia, scelsi un link, ci andai sopra e mi capitò davanti la scritta in maiuscolo: ” I SEGNI ESISTONO”….rimasi stupefatto.
    Il problema è che mentre ci stai credendo sembra che poi ti svegli da un sogno e dici: ” Ma che sto facendo? E’ assurdo, non è possibile. E questo crera un pò di confusione, ma poi penso che è tutto vero, le coincidenze esistono. Ho ancora altre esperienze da condividere con voi…
    Alla prossima

  53. nomegiula ha detto:

    la prima volta ho letto il libro nel 2003..inutile (?) dire che l’aiuto di quelle parole è stato fondamentale!! nel periodo più buio della mia vita, ho intravisto la strada e una fortissima carica positiva.. è tanto tempo,ora, che la strada non la vedo più e non sento più la poesia, sono un pò spaventata e questo non auta, lo sò…

  54. peppe ha detto:

    Per Giulia: gli alti e bassi ci sono sempre, ma il fatto che un pò di luce l’hai vista significa che c’è, già è qualcosa. Ma anche quando stai un pò nel buio, i messaggi ci sono comunque. Che tu ci fai meno caso, hai più difficoltà ad agire e in particolare a provare sensazioni, ma il movimento c’è sempre. Se vedi anche solo un piccolissimo spiraglio concentrati su di esso.
    Può anche darsi che la tua energia sta lavorando sulle radici e quindi non c’è niente ancora di visibile, ma quando meno te lo aspetti avrai qualche illuminazione.

  55. peppe ha detto:

    Che dice la decima illuminazione?

  56. Susanna ha detto:

    Il mio problema fondamentale sono i drammi di controllo, non riesco ad uscire dalla mia “parte”; per di più ho un marito che ultimamente sembra proprio stuzzicare questa mia parte “negativa”. Lui è una persona evoluta, sa che quando ci sono discussione la “colpa” è sempre di entrambi, chi più e chi meno; ma ultimamente tende a scaricare tutto sulla sottoscritta e questo mi aizza ancora di più..
    Oggi è una di quelle giornate, che lo avrei “lanciato”!
    In questi casi non so mai cosa fare per sganciarmi dal mio ruolo. Voi che consiglio mi dareste?
    Grazie anticipate

  57. giovanni ha detto:

    per peppe:

    certo che ho letto “le coincidenze” di chopra, subito dopo la decima illuminazione e il segreto di shambala di riedfield e ancora oggi, dopo piu’ di tre anni continuo a seguire il percorso e a lavorare sui sutra dei vari giorni della settimana…se lo fai senza aspettarti nulla, ecco che arrivano eventi che sembrano quasi miracoli….

    ragazzi adesso e’ veramente da tanto che non leggo un libro che mi dia un’ispirazione cosi’ grande come la profezia o “le coincidenze”, avete qualcosa da consigliare…????…

  58. peppe ha detto:

    che dice la decima illuminazione? e che cos’è l’altra cosa, come si chiama? shamb…etc??
    Si trovano nel libro? o è un libro a parte?

  59. giovanni ha detto:

    la decima illuminazione parla di argomenti come gruppi di anime, reincarnazione e di come prima di nascere ognuno di noi sceglie l’ambiente e la famiglia in cui nascere a seconda degli obiettivi spirituali che vuole raggiungere in vita…poi una volta nati ci si dimentica di tutto questo e l’unico modo per non perdere di vista l’avanzamento spirituale e’ quello di rimanere nel flusso dell’energia universale…cmq leggilo…il segreto di shambala e’ un libro che riedfield scrisse subito dopo la decima e parla di un’ undicesima illuminazione…piu’ bello ed avvincente della decima illuminazione, va assolutamente letto…

  60. peppe ha detto:

    per Giovanni: grazie, lo leggerò..

  61. Cecy ha detto:

    Ciao a tutti, sono capitata su questo sito quasi per caso e ne approfitto per lasciare una traccia del mio passaggio. Ho letto la Profezia di Celestino un paio di mesi fa e, come tutti voi, ne sono stata affascinata.Ho letto concetti che in qualche modo facevano gia parte della mia visione sulle cose, ma ora la mia sensibilità sull’argomento è diventata piu’ acuta e spesso mi interrogo sul perché di alcune situazioni ed alcune coincidenze.Il problema é che spesso non trovo il nesso, e…pensa che ti ripensa…mollo poi la corda perché non riesco ad arrivarci.Forse le risposte non arrivano subito dopo un avvenimento e forse dovrei leggere una seconda volta il libro per ritrovare quei concetti e capirne qualcosa di piu’.Secondo voi, come si fa a reagire ai periodi di flemma totale, quando tutto ti stufa, niente ti motiva piu’ di tanto ed avresti voglia solo di andare in letargo?ILLUMINATEMI!!!
    un bacio

  62. Angy ha detto:

    Ciao ragazzi. Io non ho ancora letto la profezia, ma viene citata in un’altro libro che a me ha colpito molto, quindi mi sto informando sul web e sono finita qui. Per caso qualcuno di voi ha letto “The Secret” di Rhonda Byrne? E se lo avete letto sapete dirmi se ha qualcosa a che fare con la profezia? Grazie, Angy

  63. peppe ha detto:

    per Angy,
    The secret; ho visto il film. Esiste la legge dell’attrazione secondo la quale noi attiriamo tutti gli eventi e le persono che ci possona dare (inconsapevolmente) dei messaggi e indicazioni per evolvere. Se vuoi diventare ricco/a e lo desideri veramente potrai attirare gli eventi (lavoro, eredità etc) che ti permetteranno di raggiungere questi obiettivi.
    Alle volte questi eventi o persone possono essere pure apparentemente negativi, ma ti servono per evolvere, e si presentano sotto forma di coincidenze. Quindi il concetto è lo stesso della profezia.
    La profezia dice che queste coincidenze sono sempre esistite ma l’uomo ne avrebbe preso consapevolezza quest’ ultimo secolo.
    The secret, invece, ci svela COME avvengono le coincidenze, cioè, noi attiriamo gli eventi di cui abbiamo bisogno.

  64. Susanna ha detto:

    Ho letto in questo week-end il segreto di Shambala…
    ..strabiliante a dir poco..
    Anche questo testo spiega il meccanismo delle situazioni che ti attiri, positive o negative che siano.
    E finalmente ho capito il perchè ho visto talvolta delle luci, e perchè sono stata spesso aiutata in extremis da persone mai viste prima, persone che con il loro aiuto hanno dato una svolta enorme alla mia vita..

    Adesso devo solo cercare il libro di Chopra, e più tardi leggermi anche the secret.
    I momenti di stanca??
    Non so cosa rispondere, ce li ho pure io, e risolvo rileggendo per la decima volta la profezia di celestino.. trovo sempre qualcosa che mi aiuta, talvolta anche leggendo una pagina aperta a caso..
    Il mio problema invece rimane la rabbia, che non riesco a controllare, che esplode soprattutto quando mia madre fa ossaervazioni fuori luogo e che poi porto dentro di me per giorni…
    E’ come un fiume in piena, non riesco a pensare, non ho nemmeno il tempo di dirmi “ok, cosa posso fare?”, perchè è immmediata e inarrestabile..
    E nel segreto di shambala c’è scritto che la rabbia ferma l’evoluzione.. allegria!

    Un abbraccio a tutti voi, a presto, anzi prestissimo!

  65. Angy ha detto:

    Credo proprio che sia il caso che legga la profezia. Se la coincidenza mi ha portato in questo sito un motivo ci dovrà pur essere. Grazie Peppe per la delucidazione!!!

  66. giulia ha detto:

    E’ un pò che non passo di qua…che piacere trovarvi in tanti! è la miglior constatazione che il ‘risveglio’ sta verificandosi davvero in modo sempre più ampio…:)
    per Susanna:
    ti ho letto con molto piacere, sei dolcissima. Il ‘percorso’ non è semplice e forse tu hai scelto tuo marito proprio per lo ‘stimolo’ che sa darti.

    La rabbia? sei al ‘punto’ di prova…chiediti il perchè di quella rabbia, cosa nasconde…perchè hai ‘bisogno’ di ‘scatenarla’…
    A volte mi capitava di sentire la mia rabbia salire su dallo stomaco e ingigantendosi arrivare a qualcosa di devastante, incontenibile…che metteva paura pure a me 🙂 Trattenerla …mmmm, difficile, mi faceva tremare…i nervi!
    Dopo lo sfogo…non mi sentivo bene …anzi!
    Ma perchè mi chiedevo,il motivo? l’ho trovato in Celestino:
    era un ‘metodo’ comosciuto, un modo di essere già sperimentato, semplice… senza troppe domande a sè stessi; aiuta dare la ‘colpa’ agli altri che l’hanno provocata. Ma non è così…
    La rabbia è una forte energia negativa … energia nostra, non degli altri… che non solo buttiamo via, ma ci frena…ci condiziona.
    ho iniziato a ‘lavorare’ su di me, sulle vere motivazioni che mi facevano perdere le staffe…sulle provocazioni…Elaborare la rabbia.
    Non so se hai letto la Guida alla Profezia, aiuta molto…
    A presto…. Ciao a tutti

  67. marco ha detto:

    Ho visionato il dvd le profezie di celestino due ore fà e sono rimasto letteralmente catturato dal tipo di messaggio che ha saputo trasmettere.
    Non sono amante della lettura ( non riesco a catturare lo stato d’animo di un autore attraverso caratteri alfabetici da tipografia ) però conoscevo i contorni della vicenda per alcuni versi fin troppo illuminata.
    Tutti sappiamo che dentro di noi esiste un qualcosa che non riusciamo a spiegarci,l’autore del libro ha semplicemente provato a farlo alla sua maniera altri mistici e santi hanno cercato sentieri diversi ma la maggior parte del genere umano preferisce soffocare nella culla ( il riferimento a Erode è puramente voluto )qualsiasi forma di diversità.
    Tutto questo ha una sua spiegazione logica , si chiama spirito di soppravvivenza che porta ha dubitare su tutto al solo scopo di evitare l’estinzione della specie.
    Quindi ben venga l’eterna lotta tra il bene e il male tra il vecchio e il nuovo tra il giono e la notte.
    Ho provato anch’io un’esperienza mistica ( o folle dipende dai punti di vista ) come quella che penso abbia provato l’autore del libro e capitata a chissà a quante altre persone che magari adesso per pudore hanno “dimenticato ” ma solo immaginato.
    Ho provato anch’io a spiegare quello che avevo visto e quello che avevo provato ( la stada che hanno percorso i santi? ) ma quella strada mi avrebbe portato alla malattia o dentro in un ospedale psichiatrico.
    Ho provato anch’io a dare una svolta alla mia esistenza in silenzio ho piantato due profondi chiodi immaginari sui miei piedi in modo da fissarli ben bene alla nostra amata terra ( la croce ) per non volare più ma le mani me le voglio tenere ben libere per aiutare il prossimo in difficoltà ma pure per castigare chi ama essere castigato.
    Io non voglio illudere nessuno, immagino che tutti abbiano una missione da compiere, ma dalla vicenda di celestino arriva a tutti noi un messaggio radioattivo contagioso di verità al cospetto delle menzogne finalmente rivelate.

  68. Susanna ha detto:

    Mamma mia, in quanti stiamo diventando!!
    BELLISSIMO!
    Un caloroso benvenuto a tutti voi, con l’augurio di aiutarci l’un l’altro!
    Per Giulia: grazie, prima di tutto per l’appellativo di “dolce”, mi hai dato un gioia grande.
    Grazie anche per i consigli; si, la guida la conosco, la stò leggendo in certi giorni in questo periodo, alternata al segreto di Shambala.
    Comunque lo riprendo in mano questa sera quando ritorno a casa, grazie di cuore Giulia!
    Ieri inoltre ho fatto il punto della situazione, e non l’ho trovato confortante; quindi ho chiesto un aiuto ai “piani alti”, per andare avanti.
    Visto che era domenica, abbiamo portato i bambini ad uno stage gratuito di Tai-chi; l’insegnante, molto bravo, li ha guidati per un’ora abbondante, poi in chiusura ha proposto un rilassamento, chiedendo a mio marito ed io se volevamo partecipare. Ovviamente si!
    Alla fine, quando ci alziamo in piedi, mi prende da parte e mi da dei consigli, secchi ma morbidi (non so come spiegare). Sono rimasta di stucco!
    Chiedete e vi sarà dato… funziona quasi sempre…
    Un abbraccio a tutti voi, a presto

  69. Raffaele ha detto:

    Non è la prima volta che scrivo quì….ma adesso voglio raccontare io una delle non rare occasioni in cui un aiuto inaspettato è arrivato dal nulla. Ero in rotta di collisione con la mia ex anzi dicamo che era proprio finita ma d’un tratto una caldissima mattina di fine luglio decido di recarmi in un paesino montano distante solo 8 km da casa sua, ufficialmente ripetevo a me stesso per il caldo ma in realtà era per sentirmi ancora vicino a lei e forse ritentare. La stessa sera gli inviai un messaggio per dirle che l’aspettavo o che comunque di farsi viva. Niente…mi preparavo a passare i peggiori giorni della mia vita nonostante fossi in un luogo incantevole ai piedi dell’etna e in un residence a 4 stelle. Stanco mi addormentai fuori e solo verso le 4 del mattino riuscii a rientrare nonostante gli inservienti avessero chiuso gli accessi, raggiunsi la mia camera…dormii male e di primo mattino scesi nella hall dell’Hotel e lì incontrai un signore amico della proprietaria dell’hotel che avevo conosciuto il pomeriggio stesso in cui ero arrivato. E si infatti questo signore mi chiama per nome e con l’appellativo di dottore in quanto sono laureato e cosi come annotato nella mia carta di identità, scopro che era il figlio di un famoso ostretico che per decenni aveva fatto partorire presso il mio paese intere generazioni di donne per 40 circa e tra cui anche mia nonna quando dette alla luce mia madre. Da lì facemmo una prima conoscenza….si era accorto che qualcosa in me non andava e quella mattina al suo insistere non mi feci pregare due volte esponendogli quello che egli immaginava già e da lì seppi anche delle sue precedenti situazioni affettive di cui almeno cinque disastrose tra cui la fine del suo matrimonio e di come qualcune di esse lo ridusse ad una larva d’uomo sino ad uscirne grazie all’aiuto di un mio compaesano che gli stette vicino per mesi come una balia assistendolo. E li per quei due giorni tra una storia sua ed i miei tormenti mi rese meno penosi quesi due giorni e in particolare non scorderò lui ai bordi della piscina che ridacchiava come uno che la sà lunga e ripeteva..non aver paura Raffaele stai solo cambiando pelle non aver paura e in quel momento non vedevo un uomo ma come una voce universale che attraverso lui mi mi incoraggiava in quella terribile situazione che mi stava vessando come non mai. E’ rimasta una amicizia nata in pochissimo tempo e sobria ma in particolare mi sono chiesto nei giorni a seguire sino ad oggi. Per quale combinazione decisi di partire senza averlo deciso prima? perchè quell’albergo….e quell’uomo guarda caso proprio lui che coincidenza e con suoi legami con il mio paese e la capcità di leggermi dentro e il vissuto simile. Ho pensato che una forza strana e misteriosa che più volte ha fatto sentire la sua presenza nella mia vita ha voluto aiutarmi in questo modo…mi piace pensare che sia vero…e io ci credo. Ciao a tutti.

  70. alessandra ha detto:

    …cercavo nel sito qualcosa che mi spiegasse la parola “coincidenza”, trovo tanti riferimenti al libro la profezia di celestino, libro che devo avere da qualche parte ma che nn ho mai letto, mi era stato consigliato da una signora dove cercava di spiegarmi che il libro parlava tra le righe, nonostante tutto nn l’ho mai letto.
    mi ritrovo qui perchè da qualche mese ci sono troppe coincidenze nella mia vita.
    dopo 2 anni di matrimonio e 9 di fidanzamento lascio mio marito x una stupida cotta nata in internet (che idiota vero?), smonto tutto, alla faccia dei sentimenti di tutti, sono egoista penso solo a me stessa, inutile dire che la storia in internet è stata una bufala bella e buona ma che mi ha rivoltato come un calzino x un anno intero dopo la mia separazione. il mio ex marito dopo 4 mesi si rifà una vita con una ns amica in comune, nn voglio pensare ci sia stato del tenero in passato, ci metto la mano sul fuoco, ma da lì all’anno successivo lei rimane incinta!
    nasce il bimbo di due miei carissimi amici, tanto cari che la loro primogenita mi chiama zia, nasce andrea, e con tutti i gg dell’anno quando?il giorno in cui 4 anni prima mi ero sposata….!!!!questa è una coincidenza?
    oggi 21 febbraio 2008 nasce il figlio del mio ex marito…giorno in cui otto anni fa esatti mancava mio nonno materno, capostipite della famiglia, pilastro secolare.
    ora ho bisogno di una risposta, dove la trovo dopo queste coincidenze?
    e io penso ancora a lui, a come sono stata stupida, a come poteva essere la mia vita adesso, che forse quel figlio doveva essere il nostro nn il loro.vivo di rimorsi, di sofferenze e di sensi di colpa.
    e così mi imbatto in questo sito e leggo una storia di un ragazzo, raffaele, (nome del mio ex marito!), che racconta in modo semplice e fluido come ha conosciuto un tizio mentre era in un hotel vicino casa della sua ex, ex che ancora spera nn lo molli,, e lì noto un paio di coincidenze…
    forse è ora di prendere in mano quel libro e forse scoprire che se guardo avanti invece di indietro troverò tante risposte e che le prossime coincidenze le guarderò con un sorriso sulle labbra.
    come dice raffaele o meglio come gli è stato detto, nn dobbiamo avere paura, stiamo solo cambiando pelle…
    buona notte
    alessandra

  71. Raffaele ha detto:

    Rispondo ad Alessandra….sono contento di aver interagito con te tramite la mia lettera. C’è molto di più in questa storia che non raccontato…tipo la sensazione ogni volta che la rivedevo che non l’avrei più rivista un giorno senza un perchè palese e aver sognato che mi diceva che non mi amava mentre le cingevo il viso tra le mie mani, una scena sfacciatamente uguale all’ultima sera in cui fummo assieme; Variante in quella circostanza affermava l’opposto. La mia storia è stato lo spunto Alessandra perchè ieri come oggi e poi domani tu possa avvederti che non sei un elemento a parte di questo universo ma parte integrante….perchè vedi detto trà virgolette siamo vittime e carnefici al tempo stesso. Vedi questa in questa mia ultima vicenda tutto è andato esattamente al contrario di una storia di poco precedente…là dove non volevo ora volevo…là dove non ero certo ora lo erò…..cinicamente qualcuno mi direbbe chi la fà l’aspetti. Errato non è così Alessandra non darti pena…lò sò soffri e grande è il senso di colpa come lò fù allora anche per me non farti schiacciare dal senso di colpa o abbandonarti a frasi del tipo sè io…ecc…ora solo ora il tuo presente…non puoi dimenticare il passato è vero….asseconda i suoi capricci ma non fartene sua schiava e non proiettarti in un futuro ancora da definire. Ti saluto con simpatia Raffaele

  72. nomegiulia ha detto:

    avevi ragione, stava lavorando sulle radici: grazie di esserci chiunque tu sia, un angelo mageri, grazie perchè siamo in tanti ad averne bisogno

  73. peppe ha detto:

    per Giulia:
    sembra che lo spiraglio tende ad allargarsi?

  74. Gio' ha detto:

    ma allora siamo davvero in tanti ad aver letto la profezia di celestino!!!wow…è stupendo!!!!
    io sto rileggendo ora questo libro così incredibile perchè una volta non basta… sono contenta di aver trovato questa pagina web perchè vuol dire che le persone stanno davvero cambiando!!!meno male…c’è davvero bisogno di collaborazione…io non sono mai stata scettica, ma a volte certe cose sembrano davvero troppo strane, non tanto perchè non possano essere vere quanto perchè mi assale un dubbio:”e se fosse solo una mia impressione?”, in certi momenti sembra tutto molto ovvio e ti senti bene e poi di colpo ti sembra impossibile e ti sembra manchi qualcosa (come il significato profondo dell’esistenza di tutte le cose)…io sono presa dal mio senso di inquietudine per questa mancanza di risposte…però voglio dirvi una cosa…vi voglio bene!!! davvero!!anche se non vi conosco…perchè sapere che ci siete mi fa sentire meno sola e mi riempie il cuore di tenerezza, come guardare la mia orchidea che pian piano cresce e non mi delude mai perchè è sempre lì per me ad aspettare che mi ricordi di rivolgerle un sorriso…come ad ogni creatura

  75. Grazia ha detto:

    Cara Susanna ,ogni volta che litighiamo con il compagno sincronizziamo un nostro problema per cui l’azione giusta , ma ardua, sarebbe di chiedersi “cosa non sta andando in me?”. Tuo marito in questo caso ti sta facendo da specchio e viceversa. Se comunque l’ego inferiore ha la meglio, prova ad annullarlo entrando in meditazione e facendo il vuoto mentale.

    Grazia (Astrologa)

  76. Grazia ha detto:

    Il romanzo di Celestino nasconde tanti messaggi di consapevolezza chi avrà orecchie per sentire sentirà.
    Così come chi ha scritto il Codice da Vinci, ha preso il pretesto di una trama banale , seppur intrigante, per divulgare un messaggio che per ovvi motivi non poteva essere trattato apertamente.
    Allo stesso modo programmi che affrontano certi argomenti vanno in onda di notte.

  77. nomegiulia ha detto:

    in certi momenti, quando riconosci il perchè ultimo delle cose, quando tutto prende il significato, senti il cuore battere talmente forte che sembra implodere, le mani a volte mi tremano: ti pare impossibile essere arrivati quì ed in questo momento proprio per svolgere quel compito, per spezzare quella catena. forza e coraggio, ne vale la pena. grazie ancora, sul serio.

  78. Susanna ha detto:

    Cara Grazia,
    in effetti con mio marito ho quasi risolto, nel senso che ad un certo punto, oltre a “sapere” dov’era il problema ho anche “capito” e tutto è divenuto di colpo chiaro e semplice. Adesso non passa giorno che sento la rabbia affiorare e poi la affronto, la interrogo, la quasi abbraccio e poi questa, di colpo, o quasi, svanisce. Non so come sia potuto succedere ma è così.
    Mio marito, comunque un angelo in tutti i sensi, si è dapprima messo come in guardia, silenziosamente; poi con il tempo si stà lasciando andare, ancora non del tutto certo che, forse, qualcosa è cambiato. Anche stamattina la rabbia è uscita e mi sono chiesta “perchè?” e mi sono risposta “non mi sento una brava mamma, perchè … bla bla bla…”. A quel punto la rabbia non c’era più… GRANDE! Comunque grazie Grazia per l’aiuto e per l’interessamento.
    Messaggio per Giò.
    Grazie per l’abbraccio; è vero, anch’io vi voglio bene, a voi tutti, perchè siamo tutti sullo stesso cammino, tutti alla ricerca del bene interiore, dell’Amore, della vita degna di essere vissuta.
    Grazie di esistere, a presto e buona primavera!

  79. Zelena ha detto:

    Ciao. Sto leggendo per la terza o quarta volta “Le profezie di Celestino”. Ogni volta è la scoperta di qualcosa in più. LA cosa incredibile è che procedo con la lettura del libro e ciò che leggo lo ritrovo nella mia vita. In alcuni capitoli mi fermo più tempo, come ad aspettare che qualcosa maturi, con calma, al momento giusto.

    Questa volta mi sono detta: vediamo se si parla di questo libro su internet, se ci sono altri come me… Ebbene è stata una piacevole sorpresa trovare questo link!!!!

  80. stefania ha detto:

    Per caso in videoteca ho noleggiato il dvd “le profezie…” più volte mi era capitato in mano, ma avevo sempre cambiato idea. Per confermare quanto ho letto nei vari mess pubblicati, vorrei ribadire che nulla accade per caso. E’ appena finita(??) una bellissima storia d’amore…metto il punto interrogativo perché lui dopo venti giorni di pausa, rispondendo ad un mio sms, mi informava che le nostre strade si erano separate e lui non poteva più essere il mio compagno di viaggio. Inutile dire che sono disorientata, disperata e affranta. Sono alla disperata ricerca di una chiave di lettura per quello che ci succede quotidianamente…e aver trovato i vostri commenti, mi ha dato una speranza.
    Grazie a voi tutti
    Stefania

  81. giovanni ha detto:

    per stefania:

    una storia che finisce e’ sempre triste da vivere, ma due cose vorrei dirti:

    1)la tristezza e’ un emozione, una grande emozione ed e’ da vivere come tutte le forti emozioni, solo l’apatia, la mancanza di qualsiasi emozione, sia negativa che positiva, deve fare paura…non la tristezza, quella e’ solo il contenitore della gioia…piu’ si conosce la tristezza, piu’ si potra’ apprezzare il prossimo momento di gioia….

    2)amare e’ volere che il nostro amato abbia il meglio, il vero amore e’ questo, un po’ quello che prova la madre per il figlio, privo di egoismo, solo il meglio per quella persona…e se…in questo momento il meglio per lui e’ ….vivere altre esperienze…magari stare solo…togli l’ego dal tuo amore e lascia che lui viva quello che sente il bisogno di vivere, il vero amore non soffre per questo…scoprirai che forse siete piu’ vicini di quanto tu pensi, ed era solo il tuo ego a fartelo sentire lontano, come un oggetto di tua proprieta’ che ti e’ stato sottratto…

    un abbraccio

    gio’

  82. Raffaele ha detto:

    Per Stefania, ha ragione Giovanni, lascia che vada è difficile lo sò ma la prima vera grande prova d’amore la si dà in queste occasioni bisogna saper concedere la libertà ancor prima di pretenderla e qual’è libertà più grande che ci è concessa sè non quella di scegliere il proprio o la propria compagna? Con il tempo troverai anche le risposte a questo ci stò passando anche io incontri particolari, intuizioni, mi danno la consapevolezza di essermi messo in cammino verso le possibili e infinite combinazioni possibili per ognuno di noi.

  83. stefania ha detto:

    La solidarietà che mi dimostrate mi commuove.
    Non sono mai stata un’egoista, anzi tutt’altro. In effetti ciò che mi genera tristezza, è l’aver preso coscienza del fatto che ho messo sempre “gli altri ” al centro della mia vita, e l’ho sempre ritenuto giusto. Forse così ho tralasciato di realizzare qualcosa che mi desse soddisfazione, diciamo che mi manca un interesse da cui trarne beneficio mentale.
    Un abbraccio
    stefania

  84. giovanni ha detto:

    x stefania:
    non volevo certo dire che sei egoista…non mi permetterei mai di giudicare una persona che non conosco…no, volevo dire che nei sentimenti spesso ci facciamo trascinare dal bisogno di sentire l’altro vicino a noi, dimenticando che magari in un certo momento della sua vita il suo bene potrebbe essere un po’ piu’ lontano da noi, anche solo per capire quanto gli manchiamo…dico che non dobbiamo opporre troppa resistenza agli eventi, perche’ e’ proprio quando accettiamo le cose con un minimo di distacco che gli eventi ci stupiscono e ci regalano qualcosa di piu’ grande ancora di quello che speriamo…

    un abbraccio..

  85. Susanna ha detto:

    Per Stefania.
    Sii come il fiume che scorre, lasciati andare, trasportare da questo momento della tua esistenza, con tutte le emozioni che senti…
    La vita ti vuole portare da qualche parte, e per farlo ha avuto bisogno di “staccarti” (temporaneamente?) dal tuo compagno. Tante volte un momento doloroso preclude all’alba di una nuova vita, diversa… migliore.
    Buon tutto!

  86. Gio' ha detto:

    l’amore…è un concetto complicato…molto legato alla felicità, poi per me si divide un po’ in due, cioè quello incondizionato e tenero che si può provare per ogni creatura, e quello “per la (spero esista) anima gemella”, in cui però entrano in gioco paure e tristezza per l’amore non corrisposto…certo si va avanti provando a capire il significato di ciò che accade,e posso dire che da un amore non corrisposto ho capito che per prima cosa la felicità devo cercarla dentro di me, quindi è stata un’esperienza utile…ma non ho ancora capito come staccarmi da quell’amore non corrisposto…e so che devo farlo perchè sennò non riesco ad andare avanti!!!ma non so come fare…avete qualche consiglio? lo apprezzerei davvero un bacio

  87. stefania ha detto:

    Caro Giò, non immagini quanto riesca a capirti!! Ma Susanna ci ha dato un consiglio stupendo, se riusciamo a farlo “nostro”. Forse, anzi sicuramente, ciascun evento ha una sua spiegazione, che per il momento è misteriosa, ma con il tempo, magari, riusciremo a comprendere …e il tutto ci apparirà chiaro e leggibile. Voglio credere con tutte le mie forze che l’altra metà della mela, esiste e ci sta aspettando da qualche parte.In fondo cosa c’è di più bello di un sogno, di un desiderio, di un’attesa…Ricordo di aver letto una frase stupenda che più o meno diceva così:
    La felicità è come un pallone, non vediamo l’ora di raggiungerlo per poi dare un altro calcio, e continuare a rincorrerlo.
    Il mio consiglio….cercare la felicità in noi stessi.
    Un caro abbraccio
    Stefania

  88. Raffaele ha detto:

    Mi piace la metafora del pallone in merito all’idea di felicità. Davvero efficace rende bene il concetto.

  89. Giorgia ha detto:

    per Stefania: grazie!!!ho riletto con più attenzione quello che aveva scritto Susanna ed è davvero un bel consiglio, forse riuscendo a vivere veramente ogni momento e ogni sentimento con tutta me stessa credo che riuscirei a fare un bel balzo verso la felicità, ci sono momenti in cui tutto mi sembra più bello e in cui mi sento più viva, in cui mi sembra di vivere di più la vita, credo che dovrei cercare di apprezzare ogni momento o la vita mi sembrerà sprecata!!(e sarebbe davvero vergognoso!!!); comunque Gio’ sta per Giorgia, non mi andava subito di metttere il mio nome per intero…

    la “Profezia…” dice:”l’universo è fatto di energia che risponde alle nostre aspettative. anche gli uomini fanno parte di tale energia, e per questo motivo quando hanno una domanda, si presenta sempre qualcuno con la relativa risposta”…be’…credo sia vero, il difficile a volte sta nel “saper ascoltare”
    un bacio Giorgia

  90. Susanna ha detto:

    Care Giorgia e Stefania,
    l’anima gemella esiste. L’importante è, non cercarla con tutte le forze, ma avere la fede, la fiducia che c’è e che la troveremo.
    La mia piccola storia personale inizia a 12 anni quando sognavo ad occhi aperti il mio principe azzurro. Venivo regolamente presa in giro dalle mie amiche, ma non ho mai smesso di crederci. Ricordo che pensavo “Appena lo bacio, saprò!”; ed infatti mi ero fatta una nomea non proprio meravigliosa, visto che baciavo i ragazzi e poi li lasciavo.. una specie di Crudelia de Mon, non so se rendo l’idea. Poi incontro Paolo, o meglio lui incontra me (a me sembrava troppo gasato..) e una sera mi accompagna a casa. 7 sere dopo mi bacia e, ragazze, ho sentito le campane di cui tutti parlano ed è stato bellissimo, anzi, di più!
    Ora siamo assieme da 23 anni, sposati da 17, due bambini di 9 e 11 anni, e lo amo sempre di più, riamata a mia volta. Quindi l’altra metà della mela esiste, c’è, non demordete mai!
    Un suggerimento che posso darvi è di leggere “Il segreto di Shambala”, il terzo libro della profezia di Celestino, in cui parla proprio delle aspettative (preghiere) che si traducono in realtà. Funziona proprio così, e questo è il bello della vita.
    Per completare il tutto vorrei anche consigliare “Cambia vita in 7 giorni” di Paul McKenna, ed. Tea, che segue la falsariga del segreto di Sahmabala, ma forse con qualche esercizio pratico in più.
    Vi auguro ogni bene, a presto, Susanna

  91. Giorgia ha detto:

    per susanna: grazie mille!!!leggerò al più presto “il segreto di shambala” ovvero appena finisco la decima illuminazione…grazie per averci raccontato la tua storia,a volte è molto importante avere qualcuno che ti dica “puoi crederci”…grazie ancora!!! ps:aspetterò le campane allora…ma senza dimenticarmi di vivere la vita!!! un bacio Giorgia

  92. stefania ha detto:

    La speranza è l’ultima a morire…. ma spesso ci chiudiamo. Quando poi, qualcuno riesce ad aprire il nostro cuore, ci rendiamo conto che quella piccola luce, non si era spenta e se vogliamo riprende vigore. Sapete, per quanto mi riguarda la condivisione è un grandissimo dono e leggendo i vostri commenti, mi sento meglio, anzi non mi sento sola nell’affrontare le prove che ogni giorno vendono poste sul mio cammino. Leggerò molto presto i testi che mi avete consigliato e…vi terrò informati!!
    un grandissimo abbraccio.
    Stefania

  93. Bad Actor ha detto:

    Io capisco che non tutti i palati letterari siano all’altezza. Capisco pure che ci si possa svagare con trame leggere e riflessioni abborracciate; non capisco come si possa rileggere tre volte un libro superficiale, approssimativo, stucchevole e profondamente ignorante come quello di Redfield. Marxianamente non si parli più di oppio e di popoli, il legame sociale è scomparso, la leadership dissolta: ci rimangono solo sporadici centri di sapere. Neobarbari al miele.

  94. Giorgia ha detto:

    scusami “bad actor”, in cosa ti pare ignorante “La profezia…”, non ho capito se lo giudichi una “cavolata” in toto o se invece ti sembra che presenti cose “sbagliate”…ricorda che è un romanzo…che come tutti i romanzi può far riflettere, ma non è la “verità”, quella non la trovi nei libri e nessuno può insegnartela…spiegati meglio, motiva il tuo commento non proprio positivo sul libro, ognuno ha le sue idee e va bene però vanno motivate, un po’ come dire che il governo fa pena senza fare nulla per cambiare la società in cui viviamo, le critiche sono fondamentali,ma devono essere costruttive…un bacio

  95. ego surgi ha detto:

    che dire, capito “per caso” e ho letto diversi vostri commenti. lascio una traccia così da da condividere con voi un po’ della mia energia. mi avete fatto ripercorrere tanti ricordi passati e tanti errori commessi dal chiudersi e dall’ostacolare il flusso della vita. le coincidenze. quanto è difficile aprirsi, lasciarsi andare

  96. Bad Actor ha detto:

    @ Giorgia

    La “verità”, magari con la V maiuscola, è un concetto che nel corso del secolo scorso è stato destrutturato, indebolito, decentrato così tanto da farmi credere che non sia più utilizzabile. Non si trova in nessun libro dici? Se parliamo di verità totalizzante è assoluta..certo che no, anche se ebrei, musulmani e cristiani avrebbero parecchio da ridire, ma si apprende. Sic et simpliciter. Parliamo di conoscenza: quella della Profezia è approssimativa, nutrita di semplificazioni (pensa all’energia, concetto flebile; alla ricostruzione del movimento storico della Riforma, banalizzato e moralizzato, all’uso che si fa delle teorie fisica, col principio di indeterminazione ridotto a tensione volontaristica).

    Una cavolata? No, non mi sento di definirlo così. Non me la sento perchè comunque è una lettura adatta ad uno spirito inquieto, che ricerca. Quel che contesto è il considerare accettabili le risposte del libro, che sono di bassa lega. E non mi dire che è fiction, perchè furbescamente si è travestito un saggio spiritualizzante con un’armatura narrativa (piuttosto fragile, a dire il vero).

    Aspetto una tua replica 🙂
    Ciao

  97. Giorgia ha detto:

    hei, bad actor!!! vediamo un po’ come posso “replicare”…
    innanzi tutto il termine “verità” per me non perde il suo valore, per quanto possa essere travisato. sinceramente non ne so abbastanza per difendere a spada tratta ciò che dice redfield e sono daccordo con te quando dici che è molto semplificato, però non mi semra una cosa così negativa…intendiamoci, è un romanzo che sì, presenta argomenti di carattere spirituale, ma resta finzione nel senso che certe esperienze, diciamo “spirituali”, così come sono narrate, riportate nella realtà sono inattuabili(sennò sarebbe già pieno di gente che sparisce!!!) però ciò che viene raccontato può aprirti nuovi orizzonti, sempre che si creda all’esistenza di qualcosa in più di quello che si può vedere.non si può prendere un testo e trattarlo come una “bibbia”, non ha senso, tanto varrebbe affidarsi a una qualsiasi delle infinite teorie scientifiche o filosofiche o religiose sulla natura dell’esistenza…
    secondo me, leggere la profezia di celestino può essere utile,non come punto di arrivo, ma almeno come punto di partenza… a te come è capitato di leggerlo?
    sembra che tu conosca abbastanza certi argomenti…

  98. Bad Actor ha detto:

    @ Giorgia

    Com’è capitato di averlo tra le mani? Semplice, un’amica che ne era rimasta colpita mi ha detto che dovevo assolutamente leggerlo..Una coincidenza? Era il mio momento di leggerlo? 🙂 A te com’è capitato?
    Comunque..E’ un libro, un libro in cerca di spiritualità, già per questo ha un suo valore. Io stesso, pur iniziando a detestarlo dopo una cinquantina di pagine l’ho finito. Solo che c’è molto, ma molto meglio in giro, anche senza andare su tomi pesanti e concezioni complesse. Insomma, contentissimo se è un ponte per arrivare ad altro, ma così non perde un po’ della sua particolarità? Perchè quello e non un altro, allora?
    Sul “saperne abbastanza”..diciamo che è tra i miei interessi, va’. 😉
    Ciao

  99. Susanna ha detto:

    Scusatemi se mi intrometto, ma vi leggo con interesse.
    Io credo che nessuno di noi sia uguale ad altra persona, e che quindi ognuno di noi trovi quello che gli serve nei posti e nei momenti più disparati.
    C’è quindi chi trova un aiuto in un corso di yoga, chi in un terapeuta, chi nella televisione, chi in un amico, chi in un libro, ecc.
    Poco conta se quel libro, quel film o quel corso agli occhi di altri sembra idiota, inutile, di bassa lega, ecc.
    Poco importa.
    Quello che importa è che ognuno di noi trovi la sua strada, e importa ancora di più il rispetto degli altri che, seppur non condividendone l’idea, rispettino la scelta e la strada fatta.

    Vorrei portare un piccolo, banale esempio personale: mi trovavo ad una svolta nella vita, dove dovevo cambiare qualcosa, ma mi trovavo in difficoltà. Io non guardo mai la telvisione, preferisco leggere, ma quel giorno ho guardato un cartone animato con i miei figli. Ad un certo punto, uno dei protagonisti si trova nella mia stessa situazione e con molta saggezza fa una scelta di vita diversa. Bene. Mi si è schiarita la mente e ho capito cosa fare. Certo, qualcuno può dire che è una sciocchezza, ma per me non lo era. Qualcuno può dire che sono stata avventata, ma per me quel cambiamento ha cambiato la vita in meglio. Quindi, se per me va bene, perchè ci deve essere qualcuno che giudica il mio “bene”?
    Perchè sempre “giudizio”? Perchè mai “rispetto ciò che fai e come lo fai”? Questo cambierebbe la vita (di chi giudica) in meglio, perchè non avrebbe più quella sensazione di “giudizio”, sostituita da una molto più appagante che è l’Amore, anche chiamato come Rispetto (e che guarda caso, porta una sensazione di pace, serenità, benessere e felicità).
    Scusate la prolissità. Un abbraccio a tutti, a presto.

  100. Bad Actor ha detto:

    @ Susanna

    Ma che intromissione..non è mica una conversazione privata, anche se piacevole. Ogni nuovo interlocutore è ben accetto, no Giorgia? 😉

    Tornando al libro, faccio una precisazione: il mio giudizio è relativo all’opera nella sua caratura letteraria, filosofica, non certo in relazione all’esperienza di vita che ne può derivare per una persona. Mi spiego meglio, così cerco anche di capire te: se mi dici che il problema di giudicare è nel dire “Coelho è pessimo, Tolstoj un genio”, perchè il primo a qualcuno può aver dato qualcosa, o può essere piaciuto, beh, non sono d’accordo. Non sono d’accordo perchè l’artisticità di un’opera, o la sua forza filosofica non risiedono unicamente nell’impatto, particolare e variabile, che può avere su ognuno di noi. C’è qualcosa di più, al di là dei mille rivoli relativistici in cui ci si può perdere, delle mille facce del prisma attraverso cui guardiamo la realtà. Se invece è per proteggere l’individualità delle singole esperienze di vita, il fatt o che ognuno di noi è declinato in modo diverso, spesso irriducibile ad altri e per questo ha una sua dignità che deve esser difesa da giudizi censori..allora si, concordo con te.

    Vedi, questa discussione per me è estremamente meritevole di attenzione, ed è scaturita da un libro che complessivamente giudico qualitativamente inferiore. E non è la nostra chiaccherata ad alzarne le quotazioni. Dimmi se mi spiego, Ciao 😉

  101. vittorio ha detto:

    …e allora diamo spazio agli ignoranti, visto che magari non sono troppo presi a competere per mostrarsi più degli altri, in quanto non è la vogla di farsi vedere intelligenti che gli interessa ma la sete di quell’energia che se presa senza essere trasformata è la più alta forma di sapere esistente. bad actor, la tua forma di inquisizione non è nuova a nessuno, sopratutto a chi il libro lo ha letto tre volte. Sperimenta e accanisciti con te stesso perché non sei riuscito
    a scorgere nulla dentro te!

  102. Giorgia ha detto:

    people calma!!! scusami vittorio, ma per quanto possa non far piacere leggere critiche su un libro che si ritiene interessante e che ci è piaciuto, non si può giudicare male chi ha fatto un commento negativo solo per questo, ricordati, se credi che le “coincidenze” ci possano portare da qualche parte,allora forse non è un caso che anche bad actor sia arrivato fino a qui…fa riflettere, ed è più utile qualche volta avere qualcuno che ci dice “no” che qualcuno che sia daccordo con noi, bisogna sapere accettare le idee di tutti anche se sono diverse dalle nostre…sennò si rimane solo su un piano teorico e nella pratica non si fa nulla…tolleranza…e le cose migliori, a volte vengono fuori da quelle che subito ci piacciono di meno!!!non si tratta di fare una gara a chi sa di più, ma solo di dialogare in modo costruttivo scambiandosi idee ed opinioni, e mi sembra una cosa molto bella ed utile…un bacio
    ps: “la profezia…” è uno tra i tanti libri di mia madre e un giorno non sapendo che altro leggere ho preso in mano questo, e la ritengo una buona lettura almeno per me… comunque, da oggi sono maggiorenne!!! e non ho nemmeno potuto votare che rabbia…

  103. Bad Actor ha detto:

    @ Vittorio
    Guarda, molto francamente, se sei in grado di parlare con serenità sarò contento di cnfrontarmi con la tua posizione. Altrimenti, considerando la mia idiosincrasia per i flame, mi limiterò ad ignorarti. Detto questo, gradirei una precisazione da parte tua: che ne sai di quello che ho dentro di me? Perdonami, ma mi sembra che sia tu ad essere inquisitoriale nei miei confronti. A meno che esprimere un dissenso motivato non sia essere dei novelli Torquemada, in questo caso ti lascio volentieri alla quarta lettura del tuo libro.
    Grazie Giorgia per l’invito al dialogo 😉

  104. ego surgi ha detto:

    un contributo al campo di riflessione.
    nella comunicazione esistono due livelli:
    quello dei contenuti e quello della relazione.
    su quello dei contenuti ci si può confrontare e non avere le stesse idee sino ad arrivare al contrasto. ma ciò non toglie che si mantenga il rispetto per le opinioni diverse dalle proprie e quindi della persona con la quale si contrasta.
    su quello della relazione si degenera sino ad arrivare al conflitto perchè uno vuole prevalere sull’altro. avere ragione a tutti i costi piegando o distruggiendo la contro-parte (pensate alle guerre). per fare questo di frequente si toccano aspetti della personalità dell’altro individuo.
    “io non condivido le tue idee ma lotterò sino alla morte perchè tu sia libero di esprimerle”

  105. elisa ha detto:

    Bel sito…bella sensazione…trovando questa pagina ascoltando Allevi!
    Mi sto rendendo conto che La Profezia di Celestino è un grande insegnamento..lo rileggerò!
    E non è una “coincidenza” se mi sono trovata qui…
    Un saluto a tutti

  106. francesco ha detto:

    Io ho appena finito di vedere il film, avevo notato il libro tempo fa ma anche se ne ero attratto non lo acquistai perchè pensavo fosse un libro per ragazzi. Il film mi è piaciuto e col pensiero mi riporta in un certo senso ad alcune vibrazioni che di rado avverto ma che sono molto intense e sopratutto mi fan sentire “vivo”, vitale.

  107. smilla ha detto:

    Ciao a tutti. Stamattina ho digitato su google questa frase: “noi attiriamo gli eventi”. Ed ecco che viene fuori questo sito “di Celestino”. Libro che avevo preso in prestito dalla biblioteca, ma che non ho mai letto completamente.

    Vorrei chiedervi un parere, un consiglio.
    Però devo fare una premessa.
    Se avete voglia, leggetemi un attimo. Grazie.

    Nel 1995 “accadono” alcuni eventi nella mia esistenza, per cui inizio un percorso di ricerca interiore. Ad un certo punto sento, dentro me, che nulla accade per caso. Anzi, che tutto ha un senso, che tutto è collegato.

    Sono passati anni, ho incontrato una persona a cui tengo molto. Col trascorrere della nostra storia, mi accorgo che è una persona sempre piena di problemi (anche economici), tristezze, malumori, pochi entusiasmi per la vita, ed è sempre affranto e depresso. Tanto per fare un esempio: ieri mi dice “domani so già che sarà una giornata bruttissima. Devo fare un sacco di cose noiose, pesanti, ecc. E dopodomani sarà ancora peggio!”
    Ho provato a fargli leggere alcuni libri tipo “The Secret”, oppure “Smettila di incasinarti” di Roberto Re. E gli ho parlato spesso del fatto che ognuno si attira esattamente gli eventi e le persone di cui ha bisogno in quel determinato momento della sua vita. E che se pensi positivo e cambi il tuo paradigma mentale, qualcosa di positivo accadrà. E poi tante altre cose che non sto qui a elencare, ma che di certo tutti voi conoscete.

    Ma lui mi dice che sono tutte favole, storielle per ingenui. Che ci sono, sì, delle cose soggettive, ma che, secondo lui, ci sono eventi che sono esclusivamente oggettivi e che non si può far altro che subirli.
    Io invece non la penso così, ma sento profondamente che ciò che noi percepiamo come “oggettivo”, cioé come “esterno” a noi, in realtà è ciò che noi stessi proiettiamo all’esterno con i nostri pensieri, le nostre paure, la nostra “visione del mondo”, e poi l’universo ci risponde di conseguenza, in base ai messaggi che noi gli inviamo. A volte, o forse spesso, anche inconsapevolmente.

    Comunque, ad un certo punto mi sono detta che non ho più voglia di cercare di fare la “crocerossina” che vuole aiutarlo. Mi sono detta anche che lui è libero, come tutti, di fare il proprio percorso. E che se non è pronto a fare determinati discorsi, va bene così.
    Siamo insieme da parecchi anni, anche se non conviviamo, e, a parte le cose di cui parlavo sopra, è una persona con molte qualità interiori.

    Ed ecco la domanda che vi ponevo all’inizio: voi cosa fareste al mio posto? (intendo dire, per far sì che lui sblocchi le sue resistenze a voler anche solo avvicinarsi a una ricerca interiore di questo tipo).

    (Per quanto riguarda me, so che devo chiedere a me stessa perché mi sono attirata proprio quella persona. E lo farò naturalmente).

    Voi vi siete già trovati in una situazione simile alla mia? In cui, scoprendo delle cose importanti, le vorreste condividere con le persone che amate, e invece queste persone vi dicono che sono solo sciocchezze?

    Grazie in anticipo per i vostri commenti.

    Smilla

  108. Raffaele ha detto:

    Ciao Smilla….è inutile che lo forzi io queste cose le ho percepite elaborate ancor prima che sapessi che esisteva una letteratura in merito. Le esperienze forti aprono la via a questo nuovo modo di vedere e sentire…e una volta che ci sei dentro ti senti un privilegiato….ma bisogna restare aperti per affinare sempre più queste capacità altrimenti si atrofizzano…..potrei raccontarti una miriade di stranezze coincidenze significative e sogni premonitori che mi accompagnano da almeno 5 anni. Per quanto riguarda il fatto che certe cose le attiriamo ci credo….e credo che questa persona che stà con te ha avuto la sua coincidenza significativa…TE …ma non ha la sensibilità per cogliere il messaggio…Non disperare può avvenire in qualsiasi momento o anche purtroppo mai. Ciao

  109. smilla ha detto:

    Grazie Raffaele del tuo commento.

  110. Giorgia ha detto:

    hei Smilla!!prima cosa, anche a me capita di vivere con una persona che è parecchio lontana da me come consapevolezza, ed è mon père…be’ posso dirti che se io ho fatto un certo lavoro interiore su di me è anche grazie ai suoi difetti e alla sua presenza in generale…sicuramente anche nel tuo caso c’è un motivo come hai ben detto tu…il mio consiglio è non arrenderti, può sembrare banale, ma se getti la spugna…cosa hai fatto di buono?certo non puoi convincerlo a forza e non è nemmeno detto che lui accetti il tuo aiuto…ma se la persona con cui hai a che fare certe cose non le afferra prova a cambiare metodo, non preoccuparti e non assillarlo con ragionamenti che tanto non vuole\riesce a comprendere, prova invece a trasmettergli fiducia, calma, a fargli notare tante piccole cose positive senza aspettarti che le accetti subito ma con tanto tempo e tanta pazienza(senza fargli un comizio o sgridarlo per essere pessimista..avrà i suoi motivi…)…i concetti entrano almeno nel subconscio…insomma cambia metodo di “insegnamento” da esplicito ad implicito, subliminale…e, non so se è il tuo caso, ma io a volte mi irrito quando vedo che ci si crea da soli il proprio male…e sbaglio!faccio del male a me e non aiuto colui che avrebbe bisogno di compassione e aiuto (mai però rivelare che le stai aiutando certe persone, perchè non lo accettano e non si ottiene nulla per noi e è per loro)…
    be’ che dici…siamo un po’ nella stessa barca?
    un grosso bacio

  111. smilla ha detto:

    Grazie Giorgia, mi hai dato anche tu, come Raffaele, validi spunti di riflessione su me stessa e sulla situazione che sto vivendo. Credo che tu abbia azzeccato in pieno il problema. Ebbene sì, siamo sulla stessa barca. Spesso mi do della stupida per cadere sempre nei soliti “errori”. Comunque anche questo serve. Grazie ancora. Luce e Prosperità.

  112. giulia ha detto:

    Ciao a tutti,
    è parecchio che non scrivo, ma vi leggo sempre con interesse…
    (E’ difficile mantenere i contatti quando problemi più terra-terra obbligano ad una reazione più materialistica per risolverli… una reazione che per me è una vera e propria forzatura. Ma vabbè… !)
    Ho letto badactor ed ho pensato: ma chi si sente di essere sto tipo?!? ecc…sapete come funziona…
    Però cmq la pensi, è QUI a parlarne, quindi qualcosa si è ‘mosso’ anke in lui. L’approccio può essere ‘diverso’ ma c’è: non sprechi energia per commentare/sminuire un libro che non vale ‘niente’, lo metti di lato o lo butti…non c’è niente da ‘capire’ su ciò che ‘non consideri’, quindi…

    A mio vedere è un libro che non ha velleità di ‘capolavoro’ ed assume valore e importanza a secondo di CHI lo legge. Può rimanere uno dei tanti romanzi che càpita fra le mani…
    Non vuole essere un saggio, ma può essere una risposta, uno stimolo…non importa il ‘cosa’ od ‘il come’, importante è che non ti lascia indifferente, ti mette in confronto con un diverso te, fa pensare…’risveglia’ risorse inaspettate che vale la pena di conoscere e approfondire. E scusate se è poco!

    per Smilla e Giorgia:
    siete tutt’e due della gran donne! Non è un ‘caso’ che siate lì…adesso… Ma che fatica!
    Credo che si debba ‘stare’ vicino a certe persone per un pò… dare noi stessi, la nostra energia al fine di smuovere qualcosa, ma allontanarsi perchè loro capiscano, devono elaborare…e seguire un proprio percorso …
    Può esserci un ritorno, ma evitiamo di sbattere contro un ‘muro di gomma’… si rischia di rimanere solo ‘parole’… con perdita di tempo ed energia.

    un saluto a tutti…alla prox

  113. smilla ha detto:

    Grazie, Giulia. Seguirò anche le tue preziose parole.

  114. smilla ha detto:

    Cara Giulia, aggiungo anche un grazie perché hai scritto che sono, insieme a Giorgia, una gran donna. Io ti ringrazio molto. Non so se io sono come dici tu, però sono sicura che TU sei una persona speciale. Non è facile trovare una donna che apprezza così apertamente altre donne.
    Doppiamente brava. Baci.

  115. Raffaele ha detto:

    In riferimento agli ultimi commenti apparsi quì, voglio sgombrare il campo di ogni possibile confusione…..io non ho letto come gìà precisato il libro “La profezia di Celestino” eppure sono giunto quì per quello che noi chiamiamo usualmente caso e prima ancora provenendo da altre vie….libro o non libro come già ho precisato per esperienza personale posso dirvi che aver preso consapevolezza è già di per sè una grande cosa…..;dico ai dissacratori che posso comprenderli in quanto anche io ero un cultore del pensiero cartesiano di Galileo e Newton….ma poi venne Einstein…e infine Plank, Dirac, Pauli, Heisenberg, Bohr e Bohm. La scienza poggia sul dubbio ma i primi a dimenticarsene sono proprio i suoi sacerdoti, violando spesso con il loro integralismo quello stesso spirito che condusse Galileo nelle segrete dell’inquisizione romana.

  116. moni ha detto:

    ciao a tutti, vorrei parlarvi della mia esperienza della profezia di celestino (sto anche facendo un corso in merito che ci porterà a vivere le illuminazioni). Comincio col dire che il mio compagno, molto scettico e dubbioso di fronte a qualsiasi argomento che che ha come tema Dio e la spiritualità guardando il film “la profezia di Celestino) appunto ha cominciato a svegliarsi dal torpore che lo invadeva e anche se il suo cammino è ancora all’inizio sono certa che lo porterà avanti. Questo si ricollega alle mail che ho letto, mai forzare la mano, anche io soffrivo quando vedevo come Stef si crogiolava nel suo mondo materiale, anche io provavo dubbi su come poterlo aiutare e sul se sarei mai riuscita ma col tempo ho capito una cosa, nessuno può cambiare nessuno, ognuno di noi singolarmente può decidere solo per se stesso quindi gli scontri o le presunte lezioni di vita non servono a nulla se chi ci ascolta lo fa solo con le orecchie e sta solo a lui decidere quando usare il cuore. Una cosa è certa però, se chi sta facendo un certo percorso spirituale vive con una persona chiusa alla spiritualità è proprio perchè entrambi possono insegnare qualcosa l’uno all’altro se se lo concedono, la prima ad abbracciare un percorso evolutivo ad esmpio ed il secondo a diminuri la presunzione (anche se in buona fede) di chi è convinto di sapere cosa che è meglio per l’altro, più della persona stessa…detto ciò, visto che come sempre quando parlo o scrivo finisco con l’essere prolissa vi auguro amore e Luce

  117. Raffaele ha detto:

    Mai forzare la mano…..mai…è un progetto grandioso che non basta una vita per completare….perchè arrivano sempre nuove varianti….l’importante è operare….Io non sò ..penso di aver iniziato da adolescente questa ricerca….ma non sospettavo nemmeno che sarei giunto ove sono ora.

  118. moni ha detto:

    Certo raffaele che se hai iniziato da adolescente sei stato molto precoce nella tua ricerca spirituale, per me è stata una chiamata un po tarda, il tutto è iniziato con attacchi di panico, separazione, ribellione e finalmente c’è stata una persona meravigliosa che mi ha fatto la fatidica domanda, quella che cambia tutto, che ti fa dire che finalmente tutto ha un senso, la mia è stata:Tu credi agli angeli?e avevo 33 anni, ora a 5 ani di distanza ho letto di tutto, fatto meditazione, canalizzazioni e chi più ne ha pi ne metta per mettere un po’ d’ordine, al momento ci sto lavorando ma finalmente tutto ciò che mi accade ha un senso!!!!!

  119. Raffaele ha detto:

    Altra similitudine gli attacchi di panico… ora so come gestirli… ma la prima volta 10 anni fa non avevo nemmeno capito che mi stesse capitando… ma né ho sperimentato gli effetti. Quanto alla ricerca sebbene sia cominciata presto solo in questi ultimi 5 anni c’è stato il salto di qualità… perché da allora ho cominciato a vivere per me e non più per gli altri.

  120. moni ha detto:

    ho avuto il primo attacco di panico nel 99, ho sopportato i successivi per un anno e mezzo poi stremata ho dato retta a chi sosteneva che coi farmaci sarebbe andato tutto a posto (bella barzelletta!!!)fino a 33 anni mi sono barcamenata risolvendo in vari modi i momenti difficili (dati dal fatto che sono determinata nelle mie cose anche nelle spiacevoli, visto che ogni volta che risolvevo un sintomo ne spuntava uno nuovo)poi sono giunta alla conclusione che se dovevo stare male per capire e guarire per prima cosa dovevo accettare la sofferenza così ho buttato i medicinali,questo però solo dopo aver capito di non essere sola e che anzi gli aiuti ti arrivano da tutte le direzioni, non è stato semplice ma ora le mie emozioni sono finalmente vere, nel bene e nel contrario(non attutite da un medicinale che ti toglie l’ansia ma anche la voglia di fare una risata vera), sto facendo corsi e meditazione, il reiki mi auita a riequilibrarmi nelle emergenze, alla fine di tutto ciò, riferendomi al fatto che tu dici di sapere come gestire gli attacchi, dico che anche io ci riesco, ma non ho comunque sciolto completamente le catene che mi legano a queste manifestazioni e ciò che tutti ripetono quando mi conoscono (omeopati, massaggiatori shatzu etc)è che un evento dell’infanzia completamente rimosso è lì che vuol venir fuori ma io non glielo permetto. Questo mi causa nei momenti di maggiore ansia o nelle arrabbiature una dispnea tipo asma,insomma sto facendo un percorso x liberarmi definitivamente del trauma e quindi di ansia, annessi e connessi so che sto guarendo ferite profonde ma grazie al mio percorso non mi sento ne punita ne tantomeno sola anche se non è sempre semplice so che ce la faccio perchè voglio e soprattutto, posso guarire… sono felice ogni volta che qualcuno mi parla al passato dell’ansia o del panico perchè ciò dimostra che una volta trovata la propria strada i passi smettono di essere claudicanti e si può finalmente, camminare o addirittura correre con facilità :o)

  121. peppe ha detto:

    per Moni
    secondo me prendere i medicinali è la cosa peggiore, quindi hai fatto bene a toglierli, anche perchè dai modo a te stessa di abituarti a quei sintomi e a capire prima o poi in che modo eliminarli. Sicuramente il cosmo ti starà mandando messaggi per dirti come fare per superare il problema. E’ chiaro che, anche se non ce ne rendiamo conto, i sintomi ci vogliono dire che stiamo rifiutando di accettare dei cambiamenti fondamentali nella nostra vita. Paradossalmente ti potresti ritenere fortunata rispetto alla maggior parte delle persone che i messaggi interiori che spingono al cambiamento non li prendono per niente in considerazione, vivendo solo di apparenza.
    Tutti i tuoi sintomi, considerali come amici che cercano di dirti qualcosa per il tuo bene. Come pure sono tuoi amici tutti i segnali che l’universo ti manda in continuazione, anche se tu non ci fai caso, o non sempre li vuoi accettare perchè li ritieni senza senso o qualche volta non graditi. Mi è capitato di non condividere pienamente dei segni o degli eventi che il cosmo aveva preparato per me, ma dopo mi sono accorto che erano su misura per quella situazione particolare.
    Il percorso può essere breve o più lungo ma è importante percorrerlo. Non si escludono ricadute ma come si dice: “cadi 7 volte, rialzati 8”. Io sono uscito fuori più volte, ma più volte sono rientrato (nel senso negativo). Io penso che il fatto stesso che sei passata per questo blog sia un segno importante, è la coincidenza che ti ha messo in contatto con argomenti di questo tipo, è la coincidenza che ti ha messo in contatto col tuo destino.
    Spero che trovi al più presto la strada.
    ciao

  122. Raffaele ha detto:

    Farmaci non né ho mai usati… neppure per l’insonnia quando c’era. Ora quando sento che c’è la condizione perché si ripresenti lo stoppo…non dirmi come faccio non lo so ma resta lì a grattare dietro la porta e mi implora quasi di fargli prendere possesso della mia persona ancora una volta. E poi mi sono iscritto ad una palestra di arti marziali… Kung-fù per la precisione abbinato al fitness..tutto è a posto. Resta solo l’antica inquietudine di quest’essere che oggi ha compreso cos’è la vera solitudine…quella psicologica e non quella sociale… prima avevo appreso ora conosco… quella solitudine che ti fà sentire solo nella moltitudine e allo stesso tempo parte di un grande unico uno da dove tutti noi proveniamo…questa è consapevolezza innata in me e non frutto di letture o altro, che semmai l’hanno corroborata in seguito. Pensiamoci bene siamo soli nella nascita… e poi nella morte e dunque come non avere la percezione di esserlo durante questi due eventi. Ma è una illusione le battaglie più grandi li combattiamo con i demoni che albergano in noi e che non sono solo una parte deleteria come crediamo ma stimolo per progredire… Se prendiamo le religioni come vengono propinate sono solo favolette… ma dietro c’è questo insegnamento il resto sono incastellature artificiali.

  123. moni ha detto:

    Condivido ognuna delle cose che hai detto Peppe e ti ringrazio x l’incoraggiamento, sono oltretutto consapevole che ogni sintomo è un messaggio e che solo io posso sciogliere i nodi portando a guarigione le emozioni che mi bloccano. Dentro di noi abbiamo tutte le rispote e la soluzione è già nel problema stesso per chi sa vederla, io sto facendo il mio percorso, non so quando paleserò una reale guarigione ma so per certo che questa avverrà, la mia fiducia nell’universo, in Dio o comunque vogliamo chiamare la meravigliosa forza che tutto governa è tale che mi permette di non avere dubbi su questo. Ho dovuto accettare, non con poca difficoltà, che se un problema si manifesta nuovamente dopo un periodo di pseudo guarigione vuol dire che nella realtà dei fatti la ferità non è mai guarita ma solo tamponata, pensi sempre di aver fatto ciò che dovevi ma poi la situazione si ripete e questo ti porta a dire solo una cosa: non ho ancora imparato la lezione! però per rispondere a cio che dice raffaele non mi sento affatto sola, si è vero apparentemente lo siamo nel giorno della nascita e della morte ma non è affatto così. Nei momenti peggiori della mia vita quando pensavo che il dolore mi avrebbe sopraffatta una presenza amica ed invisibile che grazie alla mia estrema sensibilità sono riuscita a scorgere anche visivamente mi ha dato tanto di quell’amore che, anche se per breve tempo, il dolore è sconparso. Non so nemmeno spiegare quale sensazione fosse perchè al mondo non esiste un tale amore per poterla paragonare. Soffrivo, pregavo e ad un certo punto la pace è arrivata… forte di questo voglio dire a tutti: non siamo mai soli…mai!!!Santo cielo!! riesco sempre ad essere prolissa scusate, concludo dicendo che anche nel momento della nascita e della morte queste presenze silenziose e amorevoli sono con noi, chiamateli angeli o come preferite ma abbiate fede non siamo soli…

  124. stef ha detto:

    Innanzitutto salve a tutti.
    Mi vorrei rivolgere a Moni, perchè ha parlato di angeli.
    ho appena finito di leggere un libro meraviglioso sugli angeli e vorrei che lei mi consigliasse qualche libro sull’argomento. La ringrazio anticipatamente.
    Vi ho letto con molto piacere.
    stef

  125. moni ha detto:

    Ciao Stef, non so bene se sei stefania o stefano ma non importa l’importante è la risposta che devo darti… sinceramente non ti darei un titolo ma ti consiglierei di “girare” fra i libri e lasciae che siano loro a scegliere te, conosco una persona che ha letto uno dei libri per lei più significativi perchè andando in libreria a curiosare le è letteralmente caduto in testa,lei consapevole del fatto che nulla succede per caso, l’ha comprato e non se n’è mai pentita.
    Se ti è capitato in mano un libro sugli angeli vuol dire che loro ti hanno aiutato a trovarlo, basta essere aperti e quei meravigliosi esseri ti aiutano tantissimo nel tuo cammino, non solo ispirandoti ma facendoti conoscere persone che possono in qualche modo aggiungere un pezzetto al tuo puzzle…. il mio consiglio è questo, prima di uscire di casa chiedi al tuo angelo custode di farti trovare la giusta lettura per te in questo momento e vedrai che al momento opportuno tutto ti sarà chiaro, o con un’intuizione, o attraverso una persona che ti darà un consiglio o in mille altri modi ma tu saprai che il libro è quello giusto.
    Potrei consigliarti mille titoli ma credo che nessuno meglio del tuo angelo custode possa condurti alla prossima lettura…un abbraccio e se vuoi fammi sapere
    Moni

  126. peppe ha detto:

    per Moni
    hai detto cose giuste, ma…una piccola considerazione:
    il suo angelo avrebbe potuto mandare te per consigliargli il libro giusto. MOlte volte aspettiamo il messaggio cosmico e poi ce l’abbiamo sotto gli occhi…

  127. moni ha detto:

    Per Peppe
    prima di tutto volevo dirti che per quel poco che ho letto dei tuoi messaggio ti rovo comunque un saggio e pure simpatico… sai che questa retifica me l’aspettavo da lei non da te :o)
    Vedi forse sbagliando ma sempre con intenzione buona, cerco sempre di stimolare l’autonomia e la fidicia i se stessi nelle persone che incontro, o in questo caso che leggo, questo perchè per esperienza di vita è sempre stato il mio tallone d’Achille, quindi preferisco che la persona che di solito mi chiede un consiglio anche semplice usi la propria intuizione perchè davvero io credo che dentro di noi ci sono tutte le risposte basta solo avere fiducia mentre ci ascoltiamo.
    Ci sono libri che avrei potuto consigliarle ed altri sconsigliarle ma sempre ovviamente basandomi sl mio punto di vista, pre la mia crescita personale sto imparando a provare a fidarmi del mio intuito e credo che niente di meglio ci sia per stef che fare la stessa cosa…ognuno sente forte e chiara la voce del proprio angelo ma spesso è defficile rendersene conto o vince la razionalit, le voci degli altri angeli custodi invece sono più difficili da intuire se non per chi ha doni molto grandi, io non mi sento così evoluta e preferisco pensare che stef sia molto più brava o bravo non so ad ascoltare il suo angelo o spirito guida… grazie Peppe per la precisazione Moni :o)

  128. peppe ha detto:

    Grazie a te Moni. Il vero insegnamento l’hai dato tu lasciando all’altra persona la libertà di arrivare ad una risposta. Però a volte non è facile capire che le risposte ce le abbiamo sotto gli occhi.
    Ho scritto quel commento pensando ad una storiella (simpatica)che lessi qualche mese fa, ve la sintetizzo a modo mio:

    Un uomo, fiducioso nel suo Angelo , rimase nei pressi della sua capanna mentre il villaggio prendeva fuoco. Qualcuno passò con un carro e lo invitò a salirci sopra per scappare, ma l’uomo disse: non ti preoccupare, vai tu, io aspetto il mio Angelo che mi verrà a salvare.
    L’incendio divampava sempre di più. Passarono altre persone per aiutarlo, ma lui rispondeva sempre allo stesso modo, finchè morì nell’incendio. Però, pochi attimi prima di morire vide il suo Angelo e gli disse: ma che hai fatto? mi hai abbandonato? Ho avuto fiducia in te, e tu ? E l’Angelo, arrabbiato: Come? ti ho abbandonato? e chi credi che ti abbia mandato il carro per salvarti? e quelle altre persone per aiutarti??? Ehh?? 🙂

  129. giulia ha detto:

    L’incontro fra due estranei è già un’eccezione…se poi si mettono a parlare di Angeli, argomento poco attuale nelle conversazioni (come ad es. la politica o il caro prezzi…)appare chiaro che l’uno sia la ‘risposta’ dell’altro. Ma rispondere non è obbligatorio, vero?…..si sceglie.
    In questo caso c’è una ‘prolissa’ che risponde in modo ‘vago’…. che strana cosa…:) (ops… per il commento…)

    Sbaglio nel chiedermi se certi ‘percorsi’ possono stimolare forme di egocentrismo?

    Boh, sento in giro persone reticenti a proposito della loro consapevolezza raggiunta … o sono le paure che ‘bloccano’?

    io credo che ognuno di noi per quanto gli è possibile, dovrebbe condividere i propri progressi, aiutare gli altri ha come risultato di aiutare noi stessi … lo ‘scambio’ non può che arricchire …e ci mantiene all’erta.
    Ciao a tutti

  130. moni ha detto:

    Peppe sapevo la storiella ed è veramente carina, spesso ci ho ragionato sopra arrivando ad una sola conclusione: il cielo ci aiuta ma dobbiamo anche molto lavorare quindi rimane in auge il detto “aiutati che Dio ti aiuta”. Una mia cara amica molto saggia dice di non offrirsi mai di aiutare qualcuno ma di aspettare sempre che l’aiuto ti venga chiesto ed io sono pienamente daccordo, chi si ostina a fare le crociate altro non fa che imporre le proprie idee con la convinzione che siano universali e giuste per tutti ma per quanto mi riguarda non credo che sia così.
    Se qualcuno ti chiede aiuto allora aprigli le braccia ma per quanto puoi dargli, per quello che sei, se hai dei dubbi su che cosa consigliare perchè non conosci bene quella persona o perchè ritieni che quella persona possa fare un’ottimo lavoro comunque semplicemente con un incoraggiamento del tipo: credi in te!!!questo perchè hai sì fede nel cielo, nell’universo o come preferite chiamarlo ma sai anche che noi stessi ci dobbiamo muovere altrimenti finiamo bruciati nella capanna, forse sei presuntuoso come dice Giulia, pieno di falsa spiritualità o semplicemente sei una persona così stanca di sentirsi sempre dire come devi essere e cosa devi fare che non vuoi fare agli altri ciò che a te fa male.
    Chiamiamola, insicurezza, presunzione, come vi pare, io l’ho fatto con amore e preciso un’altra cosa, non paragonerei mai gli angeli alla politica o all’aumento dei prezzi, provo troppo stima per quegl’esseri meravigliosi che tanto hanno dato alla mia vita. Grazie a loro io sono qui a dirvi che per quanto possa essere dura la vita è fantastica, frase fatta? scontata? che m’importa!! è la mia verità…. Moni :o)

  131. stef ha detto:

    ringrazio moni per la risposta e anche gli altri.
    premetto che sto attraversando un periodo molto difficile, ma la mia necessità assoluta di trovare risposte mi ha imposto di iniziare un percorso che è ancora agli inizi con molte incertezze e “nodi” da sciogliere ma…. è iniziato. il libro sugli angeli che ho appena finito di leggere mi ha “chiamato” ma mi ha anche chiamato “La profezia di celestino” e poi… il messeggio di moni, letto davvero casualmente.
    non lo so, devo riflettere, c’è ancora molta confusione.
    P.S.
    stef sta per stefania

  132. marco ha detto:

    Questo secondo commento avrà il sapore almeno per me di un’eccezione, amo molto ascoltare e per questo ho messo questa pagina tra le preferite e di tanto in tanto ci torno.
    Ascoltandovi riesco a dare delle risposte a tante mie domande quind io sono una specie di “uomo” che non deve chiedere mai raccoglie semplicemente quello che il creato produce.
    Qualcuno obbietterà che il mio comportamento assomigli a qualche elemento parassitario che si nutre di sentimenti altrui e in effetti potrebbe essere cosi’.
    Però in questo modo vi rispetto tutti , evito giudizi evito di darvi dei falsi o ingenui consigli ma vi assicuro che ci sarò sempre creatore permettendo.
    Ah dimenticavo il vero motivo di questa mia oscura presenza, ho notato che ultimamente i vostri commenti hanno preso una piega sbagliata , improntata si verso l’ottimismo ma con una vena di tristezza.
    La profezia di celestino manda un messaggio chiaro, tutto si svolge nei tempi prestabiliti l’impazienza non porta a guarigioni spirituali improvvise, gli attacchi di ansia e di panico si affrontano a viso aperto, solo una grande paura sconfigge le piccole.

    marco

  133. moni ha detto:

    E un grande amore per la vita e per tutto ciò che comporta sconfigge le grandi paure vero Marco? ti ringrazio di cuore per la tua mail perchè mettere un accento sulla fede non basta mai!! Come può una persona che ha fede ovvero fiducia che tutto si sta compiendo così come deve essere scoraggiarsi?Rispetto al passato le mie giornate “difficili” non sono nulla perchè so che la guaigione è già quì perchè tutto il mondo sta guarendo e non è un ipotesi, è un dato di fatto!! un altra cosa che forse non ho citato è la gratitudine, sono talmente grata per tutto quello che ho, per ogni singolo avvenimento vissuto, ringrazio Dio, l’universo o comunque ognuno di voi chiami chi prega, ogni giorno della mia vita, e ringrazio anhe per essere capitata qui “casualmente”perchè ognuno di noi è davvero maestro, ma senza il peso della lezione, essendo semplicemente se stesso. un pensiero speciale per te Ste, che sta per Stefania :o),leggendo le tue righe ho provato una profonda tenerezza perchè nel tuo commento al posto di Ste poteva esserci scritto Moni e probabilmente per altre strade anche Marco, Raffaele,Peppe e tanti altri ancora a cui ad un certo momento della vita è capitata per la testa la fatidica domanda che, ad esempio nel mio caso è stata formulata da un amica che mi disse queste precise parole:-scusa ma tu credi negli angeli?-. Ad ognuno la sua domanda e le proprie risposte e tutte le risposte vanno bene se ci calzano a pennello, ognuno di noi è alla ricera della propria verità e tutte sono una alla fine, Ste io sono daccordo con chi dice che non c’è bisogno di cercare, tutto arriva al momento opportuno nè prima nè dopo, l’universo è perfetto non può sbagliare, Paolo coelo che io amo molto come scrittore dice:-la vita è una continua lotta per riconquistare la fede ogni giorno- perchè le risposte per raggiungere la gioia, per essere sani e completi sono tutte lì, se hai fede che quello che ti accade è tutto giusto per te lo accogli con accettazione, amore e tutto diviene sopportabile perchè non è una sofferenza per punizione o fine a se stessa ma una delle tante strade che conducono alla meta… quando vuoi Ste scrivimi pure anche in privato, a volte, anche solo raccontarsi porta una nuova luce sugli avvenimenti e di Luce non ce n’è mai abbastana… un abbraccio di cuore a tutti

  134. marco ha detto:

    Si Momi è certamentecome come dici tu, l’amore per una vita persa e in seguito ritrovata,un bivio ,una selva oscura, 40 giorni nel deserto,un viaggio di andata e ritorno dall’inferno glaciale , follia senza ritorno , alienazione del corpo, un’Hiroscima nel cervello.
    Tanti modi per definire un passaggio di un uomo attraverso ” una cruna di un ago “.
    Dieci anni sono trascorsi da quella allucinante vicenda ho avuto una paura troppo grande di non poetr riuscire a rientrare sulla ” terra ” ma grazie alla compassionevole ingenuità dei miei angeli ( i miei figli ) sono riuscito a stare ancorato alla madre terra e da allora ho bandito la tristezza dal mio cuore per far posto a chi desidera essere ascoltato.
    Troppo prezioza è la vita per banalizzarla,molti sono alla ricerca del dopo e in questo modo si perdono il sapore del presente.
    Sono consapevole che per ogni essere la vita non offre in egual misura le stesse opportunità ma tutto questo ha un senso.
    Avevo detto che scrivere per me sarebbe stata un’eccezzione, quindi mi rimprovero da solo cosciente di aver mancato la parola data ma mi sebrava corretto ringraziarti per come hai esposto il mio e l’altrui pensiero usando parole di saggezza ricercate e limpide.

    Marco

  135. moni ha detto:

    ciao a tutti e grazie a Marco per non aver mantenuto la promessa permettendoci di poter leggere come anche la sua vita, nonostante le difficoltà incontrate abbia comunque preso una piega positiva e piena di Luce.
    Sono appena rientrata da un viaggio, lungo il percorso previsto per le mie vacanze ho avuto il piacere di visitare una graziosissima cittadina, si chiama Saints Maries de la maire, qualcuno la conoscerà già in quanto citata ne “il codice da vinci” di Dan Brown, il motivo per cui ne parlo io non è legato al libro ma alla profonda emozione che ho provato visitandola.
    Sono ancora stupita dalla gioia inaspettata che mi è stata regalata, passeggiavo per la cittadina che è veramente una chicca, io amo moltissimo la Spagna e saint Maries benchè francese me la ricorda tantissimo im quanto colonizzata dagli spagnoli appunto, ne ha mantenuto le usanze, i colori e le atmosfere.
    Come dicevo, stavo appunto passeggiando quando in un negozietto ho trovato una mini guida all’interno della quale si parlava delle “Marie” arrivate da lontano, spiegava la tradizione che faceva sì che 3 giorni all’anno l’intero paese venga letteralmente invaso da zingari e gitani i quali attraverso una processione portano in mare le madonne, una di esse, la loro patrona, arrivata in tempi antichi da terre lontane si chiama santa Sara ed è anche detta madonna nera per il colore della pelle.
    Sono giunta dentro questa piccolissima chiesa che nulla ha a che fare con gli sfarzi della bellissima cattedrale di lourdes ma ha in comune con quest’ultima le moltissime targhe di ringraziamento per il miracolo ricevuto, tutto ciò mi ha un po’ stupito perchè non sapevo nulla di questi miracoli la cosa è praticamente sconosciuta ma non è questo ciò che volevo raccontarvi.
    Scendendo alcuni scalini sotto l’altare della chiesa si arriva in una cripta all’interno della quale vi è un numero incredibile di candele accese, si rimane quasi abbagliati dalla loro luce e il calore è davvero intenso, in fondo alla stanza vi è una statuta, rappresenta santa Sara,essa è coperta da tante vesti, ha in testa più corone, la figura quasi scompare sotto tutti quegli abiti, l’unica cosa ben visibile sono due profondi occhi neri ed il colore scuro della pelle.
    Trovatami davanti a quella statua ho vissuto delle emozioni fortissime, ho cominciato a piangere di gioia, giuro che non so spiegarvi la felicità provata, il mio compagno mi guardava e non capiva cosa stava succedendo e credetemi neanche io, era come se finalmente dopo tanto tampo fossi tornata a casa, come se qualcuno che avevo perso con tanto dolore fosse finalmente ritornato a me portandomi la gioia più grande possibile, l’unica cosa che riuscivo a fare piangendo era guardare la statua raffigurante santa Sara e dire grazie ininterrottamente, la ringraziavo per tutta la gioia e l’amore che stavo provando, ognuno di noi può avere il suo miracolo quando apre il cuore.
    Sono arrivata a saint maries seguendo intuizioni e coincidenze che mi hanno portata a sciegliere proprio quel paese come una delle tappe previste nel viaggio e lì ho ricevuto il mio regalo, il mio miracolo, da quando ho visitato quel posto sono più serena, mi sento più forte e nei momenti di incertezza ripenso a quegli occhi e ricerco la meravigliosa emozione vissuta, vi ho raccontato tutto questo perchè è l’ennesima riprova che se ti lasci guidare senza farti domande la vita ti porta esattamente dove devi andare…..ciao Moni :o)

  136. peppe ha detto:

    interessante, deve essere stata una bella esperienza.

  137. moni ha detto:

    credimi Peppe è stata un’esperienza meravigliosa e soprattutto inaspettata, non sono entrata in quella chiesa aspettandomi di provare chissà cosa, al contrario ero solo incuriosita, Dan Brown sostiene e con lui una storica di cui non ricordo il nome che Sara sia in realtà figlia di Maria Maddalena e Gesù quindi la mia curiosità era legittima, io ed il mio compagno abbiamo amato molto il codice da vinci, soprattutto il fatto che Gesù fosse descritto come un uomo, una grande anima con tanti doni e molto , molto evoluta ma pur sempre un uomo con tanto di moglie, maria maddalena appunto e figli, l’idea di saint maries de la maire quindi come tappa di un viaggio programmato nemmeno un mese fa ci è sembrata divertente, la figura di Sara mi aveva colpito, anche se nel paese non parlano di lei come della figlia di gesù ma in altri termini che non ti sto a spiegare, è la patrona degli zingari come ho già scritto, indipendentemente da chi era veramente il mio legame con lei è innegabile perchè una volta giunta in quella chiesa la sua figura ha risvegliato in me qualcosa di veramente intenso e profondo che non toccava la mia razionalità ma il mio profondo, ora sarà meglio che vada a dormire domattina presto la mia cucciolotta di otto mesi non si limiterà a risvegliare il mio profondo ma tutta la mia persona :o) notte serena

  138. donato ha detto:

    ho appena iniziato a leggere il libro prestatomi da un mio amico,e non posso negare che piu leggo e piu mi rendo conto delle verita espresse dal libro!
    Ho incontrato questo ragazzo in un momento di difficolta e mi sta aiutando ad uscire da questo mio stato di confusione e debolezza .
    sempre in questo periodo,durante una fiera a genova, ho incontrato un ragazzo tibetano che vendeva incensi,l’incontro e stato brevissimo giusto il tempo di comprare,sono rimasto piacevolmente sorpreso dall’energia che questa persona mi ha trasmesso rendendomi ,nel giro di pochi istanti,piu sereno e tranquillo.
    queste sono due piccole esperienzema per me piene di significato “nulla accade per caso”

  139. Raffaele ha detto:

    Tanto per dire che ci sono ancora…….Rispondo a Donato…non sono nuovo di questo sito. Trà le tante cose e coincidenze capitatemi al momento giusto proprio mentre attendevo una risposta per gli eventi che mi vessavano..vè nè è una simile a quella del ragazzo tibetano…solo che non si trattava di un tibetano ma da una ragazza toscana dei Krisna incontrata “diciamo per caso” in una stazione di servizio lungo la Catania-Siaracusa. Quì mentre io reduce di una disquisizione sulla vita, la morte e tutto il resto avuta poco tempo prima con un amico che ero andato a trovare mi si avvicina una ragazza dalla corporatura esile ma dall’aspetto gentile che mi esortava a comprare un libro della loro comunità, che conme forse non tutti sanno si ispira all’antica filosofia dei Veda…un popolo di origine indoeuropea, che abitava l’odierna regione del Kashimir e da cui hanno preso spunto numerose dottrine orientali tra cui il buddismo. Ebbene io sebbene sia un agnostico ho sempre avuto interesse a conoscere su che cosa poggiano quello che oggi in maniera sbrigativa defiamo religioni, ma in quel periodo proprio per le vicende che stavo attraversando avevo sospeso quel genere di letture in quanto apportavano in me altra inquietudine. Lei non si scoraggio e alla fine mi convinse….le avrei dato volentieri l’equivalente in offerta senza prendere alcun libro…ma capii che l’avrei offesa e che comunque non era il modo di trattare qualcuno che ti si porge con gentilezza e accettai e nè presi uno piccolo a caso……dal titolo “La scoperta del Sè” e mi son detto un’altra coincidenza? o sincronicità? meglio la seconda……lei concordo. Ci lasciammo entrai al bar e pensanvo….mi erano rimasti in mente i suoi grandi occhi che emanavano serenità e gioia…e mi dissi ma perchè non le hai detto quello che pensavi “forse temevo di essere frainteso”…comunque uscii…e di nuovo lei..io girato di spalle mi chiama di nuovo…signore …signore mi giro e lei ah ma sei quello di prima sì le dissi a quel punto non potei fare a meno di manifestargli le mie impressioni sù di lei….che non ricordavo….o e che forse mai una donna mi aveva guardato con quei occhi e io di riflesso non potevo che vederla che così…uno sguardo privo di concupescenza…disinteresse…o altro. Non si mostrò per nulla meravigliata….e stavolta ci salutammo definitivamente. Credo che tutto quello che accadde quella sera sia stato un ulteriore supporto alla mia storia personale. La cosa ancor più strana che quel libro lo tenni in macchina per parecchio tempo ripromettendomi di leggerlo….senonchè un giorno mentre ero in auto con un’amica anch’essa sensibile a queste tematiche appena saputo del libro lo volle….e io glielo diedi e pensaii che forse io ero stato il tramite e che quel libro servisse più a lei che a me…senza nulla togliere al suo contenuto. Spero di non avervi annoiato troppo….ma sentivo di dare questo ulteriore contributo….saluto a tutti in particolare a Moni che vedo molto attiva in questo sito e fervida di nuove idee.

  140. moni ha detto:

    ciao raffaele era in effetti un po’ che non ti si leggeva,con piacere ho letto il tuo racconto, in merito a quello che tu e Donato avete raccontato posso associarmi in due esempi in cui non ho nemmemo scambiato una parola con le persone in questione. Si trattava di due ragazzi, uno incontrato in treno e l’altro per caso per strada mentre portava a spasso un cane. Parlo proprio di ragazzi che non potevano avere più di 23, 24 anni, da entrambi non riuscivo a staccare gli occhi, ero come calamitata,io li chiamo: i ragazi dagli occhi di Gesù! è stato quasi imbarazzante incontrarli perchè loro non possono non essersi accorti che li fissavo ma io non riuscivo a staccare lo sguardo dal loro viso e da quegli occhi così profondi e pacificanti, tra l’altro i due ragazzi stessi si assomigliavano tantissimo fra loro, capelli lunghi scuri pettinati rasta, barba incolta, lineamenti delicati ed enormi occhi neri con ciglia lunghissime, il ragazzo del cane ha dovuto subire il mio sguardo per il tempo in cui ha raggiunto la panchina dove ero seduta e lo vedevo arrivare ma il povero disgraziato che era seduto nello scompartimento con me si è fatto modena-forlì probabilmente pensando che fossi un po suonata, ogni tanto alzava lo sguardo perchè si sentiva osservato ed io facevo l’indifferente ma ero veramente calamitata verso il suo sguardo. E’ stato bello raffaele che tu abbia potuto dire alla ragazza le tue sensazioni, come sarebbe meraviglioso se potessimo sempre essere così sinceri ed aperti? ciao Moni :o)

  141. Raffaele ha detto:

    Beh in effetti la prima opportunità l’ho persa…..però subito dopo me nè è stata offerta un’altra e l’ho colta.

  142. donato ha detto:

    Ciao a tutti,Moni ho letto nei tuoi messaggi che sei riuscita ha superare le tue difficolta senza l’aiuto della chimica, o meglio ne hai volutamente fatto a meno,io non ci riesco forse non sono ancora pronto o forse non ho ancora capito qual’è la strada che devo seguire!

  143. moni ha detto:

    ciao Donato, ti avrei risposto prima ma il mio pc faceva i capricci, ad ogni modo credo tu ti sia già risposto da solo. A mio avviso, mai buttarsi senza ali o paracadute altrimenti la caduta è assicurata. Secondo me è già positivo che tu ti sia posto il problema, molti, una volta raggiunto un equilibrio chimico, per dirla con parole tue, preferiscono continuare su quella strada perchè in effetti è dura rimettersi in discussione dopo aver visto com’è stare al centro della tempesta.iIo penso che facciano bene se non si sentono pronti, credo sia giusto muoversi solo quando si è veramente pronti.Nel mio caso è stato più difficile iniziare a prendere le medicine (che rifiutavo) piuttosto che smetterle, non voglio essere ipocrita nel dire che le medicine sono assolutamente sbagliate perchè quando io ho deciso di curarmi, ero talmente sfinita e depressa che non so se sarei qui a raccontartelo se non avessi ricevuto una spinta artificiale, credo però che non possa essere per sempre. Sai non mi sono mai limitata a prendere solo i medicinali, ho fatto psicoterapia, ipnosi, meditazione, shatzu, autotrattamenti reiki, insomma penso di essere riuscita grazie ai percorsi paralleli che percorrevo insieme all’assunzione dei medicinali. E’ solo grazie a loro che ho imparato a conoscermi meglio, ad osservare anche i miei lati bui smettendo di negarli, ad affrontare anche il dolore e la paura con amore accettandoli come necessari per la mia guarigione.
    Quando anni fa ho deciso che non avrei più preso medicine ero comunque consapevole che non sarebbe stato semplice, almeno all’inizio, ma se impari a vivere il momento, a dire:-oggi sto così perchè è necessario ma sono già guarito perchè lo voglio, domani non avrò iù bisogno di stare male…- prima o poi succede, è difficile dire quando ma arrivi ad un punto in cui ti accorgi che non stai più male, hai vinto la battaglia, in molti casi anche la guerra tutta,bisogna allenarsi ad avere fiducia nella guarigione perchè credimi si guarisce, devi solo trovare il tuo cammino ideale e seguirlo con perseveranza (quest’ultima è fondamentale per il risultato). Una persona mi ha detto:- quando inizi un percorso che ti è affine, la guarigione è garantita, se nel percorrerlo non sei perseverante, cerchi scuse per mollare, lasci perdere dicendo che non fa per te significa che non hai preso ancora abbastanza botte per desiderare veramente la guarigione-. Concludo nel dirti di non smettere gli psicofarmaci perchè ti dicono che fanno male, ascolta solo quello che vuole Donato,guardati dentro, chiedi a te stesso cosa vuoi veramente e credimi, non potraf sbagliare…buon cammino Moni :o)

  144. stefania ha detto:

    Il problema è riuscire a capire qual’è davvero il tuo cammino, sopratutto per chi, come me, ha creduto FORTEMENTE di averlo trovato, ha combattuto, sofferto mettendo in discussione tutta la propria vita e poi, alla fine, si è reso conto di aver sbagliato clamorosamente.
    poi …. cosa fai? come puoi non aver paura di sbagliare ancora?
    stef

  145. donato ha detto:

    Grazie di cuore moni per la tua risposta.
    Certo che e difficile capire quale sia la strada giusta,anche io ero riuscito a liberarmi del mio malessere 10 anni fa ma un bel giorno dal nulla sono ripionbato nel disagio totale.
    Questo fa pensare anche a me di aver sbagliato tutto,ma forse ho solo peccato di presunzione pensado che avendo eliminato i sintomi avevo eliminato anche il problema ma in realtà non è cosi forse il cammino vero e propri iniziava solo in quel momento.
    Ora sono intenzionato ad andare fino in fondo e imparare dagli errori commessi allora.
    Dodo

  146. Raffaele ha detto:

    Ma no Donato indietro non si torna…….semmai ti sarai seduto….e hai perso tempo….ma quello che si acquisisce non si perde…nè tantomeno si torna indietro…Tranquillo è così.

  147. moni ha detto:

    Ciao a tutti, sono totalmente in accordo con Raffaele quando afferma che indietro non si torna, le ricadute sono possibili quando il problema non si è curato alla radice ma bisogna anche essere consapevoli che ogni volta che si supera una “crisi” si è fatto comunque un passo avanti e non scoraggiarsi, questa consapevolezza è la nostra forza perchè ci permette di non buttarci giù ma di tirarci su le maniche per affrontare il momento, non dico col sorriso sulla faccia ma con la chiara convinzione che la guarigione totale non è un utopia.
    Dissento invece con te Stefania, mi spiace molto che tu sia così lapidaria ed impietosa con te stessa.
    Quand’è che definiamo una scelta sbagliata? quando le nostre aspettative non sono premiate, quando il risultato è inferiore a quello che abbiamo calcolato ma dare un voto a ciò che si è ottenuto non è poi così semplice.
    Faccio un esempio… mia madre ogni volta che mi sente dire che vorrei andare ad abitare in una città qua vicina mi fa notare che anni fa avevo avuto la possibilità di andarci ma ho rifiutato.E’ inutile per me cercare di farle capire che 10 anni fa sarebbe stato assurdo spostarsi mentre oggi vi sono condizioni favorevoli che portano verso il cambiamento, quindi io che dovrei dire? che ho sbagliato tutto a comprare la casa qui? no perchè quando ho fatto quella scelta era quella giusta per me in quel momento, se vedessi tutta la situazione invece con gli occhi di mia madre direi che a quel tempo non sono stata abbastanza lungimirante e avrei dovuto prevedere che ecc..ecc. Per quanto riguarda il discorso che facevo a donato era riferito ad un percorso di guarigione, il che prevedeva quindi perseveranza per arrivare alla guarigione perchè io credo che tutti i percorsi possono andare bene se ci calzano a pennello, cioè tutte le strade portano a Roma, una va bene per me ma può essere sbagliata per te che ne segui un’altra e così via…Forse me la racconto ma nemmeno la fine del mio matrimonio anni fa mi ha fatto dire che avevo sbagliato tutto, ho preso atto di aver fatto un percorso con una persona e che le nostre strade ad un certo punto divergeveno per tutto ma non rinnego ciò che ho vissuto so di aver comunque camminato insieme a lui con amore, il punto sta nell’accettare il cambiamento e nell’ammettere che ciò che ci calzava a pennello prima può non essere più l’ideale ora, la perseveranza consiste nel credere fino in fondo in quello che si fa ma questa conoscenza comporta anche la comprensione del fatto che le cose possono mutare, modificarsi o a volte cambiare radicalmente sia per nostra scelta che per scelta di altri.
    Non essere cattiva con te stessa Stefania, comincia a pensare che non sei sbagliata e a volerti un po più di bene questo porterà solo cose buone nella tua vita se noi per primi ci cosideriamo degli incapaci immagina cosa possono pensare di noi gli altri, un abbraccio e una camionata di fiducia tutte per te ciao Moni :o)

  148. Giorgia ha detto:

    riflessione…è più importante chiedersi “cosa sarebbe successo SE” o “cosa potrebbe succedere Se”?…io direi la seconda, di solito non mi pento di ciò che ho fatto perchè, anche se una scelta si è rivelata sbagliata, io quando ho scelto ho fatto del mio meglio in quelle condizioni…per la serie “con il senno del poi” bla bla bla … non so… mi hanno consigliato di leggere “l’effetto isaia” e “apocalisse 2012”, li consiglio anche a voi…bacio

  149. moni ha detto:

    ciao a tutti, è inutile che dica che la penso come Giorgia perchè già ho detto la mia opinione sull’argomento ad ogni modo il motivo per cui scrivo è un altro. Visto che questo è decisamente il sito adatto volevo raccontarvi della moltitudini di coincidenze che stanno rendendo la mia vita meravigliosa e soprattutto di tutte le risposte che mi arrivano attraverso persone che incontro, scritte che leggo, canzoni che ascolto e tanto altro ancora. L’universo ha davvero tanta fantasia, tocca a noi però entrare in sintonia con lui e comprendere ciò che ci sta dicendo. Ogni volta che riesco ad afferrare ciò che stanno cercando di dirmi mi sento così piena di gioia e di entusiasmo!!!! Apri gli occhi e smetti di sentirti sola perchè ti accorgi che tutto sta accadendo per te e che se ti lasci andare e segui la corrente non puoi sbagliare strada, svaniscono i timori anche di fronte alle prove più dure perchè sai per certo che ce la farai……….grazie universo, grazie di cuore…..Moni :o)

  150. Susanna ha detto:

    Ciao a tutti.
    Vi scrivo per porvi un quesito, visto che vi leggo da tempo e a suo tempo ho anch’io scritto qualcosina..

    Sono una donna/moglie/mamma felice: ho un marito meraviglioso, due bambini/ragazzi di 10 e 11 anni e una vita veramente dolce e bella. Da alcuni giorni mio marito ed io stiamo pensando di concepire un’altro bambino, sia perchè desideriamo ancora un cucciolo da scucciolare, sia perchè ci piacerebbe una bambina (anche se arriva un bambino, va comunque tutto benissimo), sia perchè i nostri bambini lo desiderano come noi.

    Il punto è che adesso ho 43 anni, e l’idea che un giorno mia/o figlia/o mi dica “Ma come vi è venuto in mente di farmi a 40 anni?” mi disturba un po’.. E poi ho paura che il bellissimo equilibrio che abbiamo creato in famiglia si possa in qualche modo spezzare..

    In merito alle coincidenze, alcuni giorni fa ero in un negozio e pensavo alla bambina che stiamo sognando; vedo allora un depliant che sbuca fuori da un espositore di cui si vede solo la parola “Susanna”. Siccome è il mio nome, mi incuriosisco e lo sfilo per leggerlo meglio… immaginate come ci resto a leggere a grandi caratteri “Stavolta sarò femmina” …….. mi sono messa a ridere e tutti mi hanno guardato, ma io ridevo avanti…

    Vi ringrazio per l’attenzione, un abbraccio a tutti, la vita è bella!
    Susanna

  151. peppe ha detto:

    per Susanna…
    è meraviglioso.
    Datti da fare, vai tranquilla.
    Auguri!!

  152. Giorgia ha detto:

    chissà magari lo staccarsi dalla credenza che a 4o anni non sia più consigliabile avere figli è una cosa positiva…è un dato relativo alle nostre attuali conoscenze, ma 4 o 5 secoli fa a 40 anni si era già in media all’altro mondo… e ci avrebbero bruciato sul rogo ci avessero visto con un cellulare in mano…quindi perchè non mettere in discussione le proprie certezze? secondo me è un buon mezzo per crescere..bacio a tutti!! e tanti auguri per la bimba..chissà..

  153. Raffaele ha detto:

    Eh sì davvero Monia….l’universo ha tanta fantasia….e sentire che la forza delle cose ti guida dà veramente l’idea che facciamo parte di un unico grande progetto. E che a volte la routine di ogni giorno tende a strapparci questa “immortalità” e prova a ributtarci nel pozzo…; ed è sempre lui l’ego…o falso sè il demone, chè con le sue false promesse ci seduce. Ma una volta che hai acquisito la necessaria consapevolezza nè esci…perchè ora sai chè fuori c’è la luce……..Buon viaggio a tutti

  154. moni ha detto:

    ciao Susanna, io ho 39 anni (li compio a febbraio) ed ho una bimba di un anno (avuta dopo due maschi di 20 e 16 anni), anche questa potrebbe essere un’ulteriore coincidenza direi e magari un’altra conferma alla tua idea di avere una bimba. Per quanto mi riguarda durante la gravidanza facevo ridere tutti perchè affermavo senza ombra di dubbio che sarebbe stata una femmina e anche se molti mi guardavano scettici portavo avanti la mia idea con convinzione, a dire il vero ho sempre saputo che se avessi avuto un terzo figlio sarebbe stata una femmina, mia madre raccontava a tutti durante l’ultima gravidanza che ho sempre detto sin da piccola che avrei avuto due maschi e ultima una femmina, ad ogni modo, prima di rimanere incinta ho visuto momenti di grande indecisione,i cuccioli già presenti erano ormai grandi ed invece di rilassarmi un po’ ero consapevole che avrei avuto tanto da fare, il mio compagno non aveva figli ma non premeva più di tanto quindi rimaneva l’idea sospesa senza pensarci più di tanto finchè una sera ho scritto una lettera al cielo chiedendo a lui di decidere per me,gli ho specificato che desideravo una bambina ma che lasciavo a lui la decisione finale. Dopo due mesi, durante un viaggio a Parigi, e premetto senza tentare di fare un figlio intenzionalmente è stata concepita Amelie :o) ultima cosa, era tanto che non entravo qui e guarda caso lo faccio proprio ora quando una mamma è in cerca della sua bimba per raccontare la mia storia :o)………….Quanto a te Raffaele ed anche a Peppe un saluto, dopo tanto tempo e un abbraccio di Luce per tutti Moni :o)

  155. peppe ha detto:

    Beh si, quella di Moni può essere una coincidenza per Susanna, un’ulteriore coincidenza. Alle volte si ha un pò paura di seguire certe indicazioni però se ci arrivano, il cosmo, evidentemente, sa il fatto suo.

  156. Susanna ha detto:

    Grazie Moni.. leggerti è stato incredibile!
    Pensa che non sapevo se scrivervi o no… poi ho detto: ma sì, loro mi daranno l’input giusto!
    E poi arrivi tu, dolce e tenera, e candidamente mi racconti la tua storia.. BELLO!
    E’ incredibile come la vita congegni gli eventi in modo che tu ti trovi ad un certo punto con tutto concatenato, pronto, sviluppato apposta perchè tu faccia quello che devi fare..
    Grazie anche a Giorgia, che mi ha confermato proprio quello che ieri sera pensavo (altra coincidenza??): ho paura della gravidanza (del parto, del cambiamento ed altre cose).. allora se c’è paura ed io la “faccio” ugualmente (perchè sento di farla), ci sarà crescita!
    E poi, la magia di una casa piena di persone che si amano.. bello!
    Grazie anche a Raffaele e a Peppe; siete tutti veramente diversi dal resto del mondo, siete unici.
    Vi voglio bene, buon tutto, a prestissimo.

  157. Raffaele ha detto:

    E sì…..Susanna comprendo adesso che il viaggio più bello, affascinante, interessante ma anche travagliato lo compiamo dentro di noi……senza muovere un’arto. Sè non è magia questa……ciaooo a tutti

  158. moni ha detto:

    ciao a tutti, spero abbiate passato un felice Natale :o)
    vi scrivo a proposito dell’ultimo messaggio di raffaele, mi riferisco alla sua meravigliosa frase in cui dice:”il viaggio più travagliato lo compiamo dentro di noi”, è proprio in considerazione di questo concetto che vi vorrei dire che, se noi riusciamo (ognuno per le sue capacità) a produrre più Luce possibile non saranno necessari terremoti, maremoti o altri sconvolgimenti al nostro pianeta, se ci libereremo delle buie catene che da secoli ci affliggono interiormente saranno sufficienti i nostri “terremoti interiori”,la Luce che deriverà da quelle “battaglie” sarà suffieciente a “PURIFICARE” Gaia dalle schifezze che le abbiamo regalato attraverso azioni, parole e pensieri poco luminosi e impediranno nuove stragi causate dagli eventi atmosferici o altro. Ragazzi impegnamoci in questo,affrontiamo i nostri conflitti interiori invece di crearli col nostro vicino, con l’extracomunitario o con quant’altro temiamo perchè ritenuto diverso da noi ve ne prego……….Un abbraccio virtuale pieno di Luce per tutti voi Moni :o)

  159. Raffaele ha detto:

    Ciao a tutti Moni, Susanna, Stefania e Donato e a tuutti glia altri……chè dirvi Buon Anno?….lo sarà certamente sè non perderemo di vista il nostro obiettivo. Devo dire che mi sento un pò meno in stato di grazia questo fine mese….ricado in quei tranelli e misticazioni messi in essere dal mio ego. Era previsto scendere qualche gradino….avverrà ancora, sempre……l’importante è non scandalizzarsi…me lo ripeto spesso però accade. Resta la consapevolezza che si può anche salire e vedere le stesse cose diversamente…in meglio, basta aspettare e non perdere l’occasione.

  160. Emiliano ha detto:

    Vi rendete conto che questo libro vi ha sconvolto? La natura e l’universo ci ha fatti maschi e femmina, ed è naturale e nel corso normale delle cose fare l’amore fisico. Il maschio si riempie e poi deve svuotarsi periodicamente; se è solo deve sbrigarsela imbrogliando da sè, se è in una coppia e quindi il circolo si chiude, può funzionare tutto naturalmente, e la coppia, in due funziona come un motore per cui la natura fisica di entrambi si trova pienamente soddisfatta ed assolve al suo scopo cosmico e reale. Se voi siete una coppia e non fate nulla sono due le conclusioni : 1 avete problemi psicologici, 2 avete problemi fisici (forse lui è impotente). In entrambi i casi ANDATE CONTRO NATURA E CONTRO (come piace a voi) LE LEGGI COSMICHE UNIVERSALI NATURALI. Una donna che n on lo fa col suo uomo è una donna incompleta e povera, un uomo che sta con una donna simile non è un uomo ma ha qualche problema (psicologico o fisoco appunto). Psicolabili

  161. Emiliano ha detto:

    E poi scusate una domanda : nel libro si parla di un’energia enorme universale, a cui tutti possono attingere. Cioè, noi siamo i furbi, e l’energia universale è senza personalità ma è una massa di energia che sta là. Noi furbi invece attingiamo e approfittiamo. Ma ora sorge un dubbio : cosè che fa si che questa energia di vita non abbia personalità nè volontà mentre noi si? Pensateci. Magari risponderete “perchè noi siamo anche fisici e dall’unione di spirito e materia fisica nasce la volontà”… Ma anche questo non può essere vero, in quanto nella profezia non si parla anche di entità spirituali (classiche della new age)? E queste entità fatte di solo spirito hanno una loro volontà ed iniziativa e sono vive. Allora per forza di cose l’energia totale che fa sì che esistano sia queste entità che noi esseri metà materia metà spirito deve avere una vita propria. La vita è energia, e quello che è tutta l’energia per forze di cose è vivo. Come poptrebbe essere altrimenti? Non è che abbassandosi di livello energetico (e di vita) si inizia a vivere e ragionare e ad essere intelligenti e piu si va in su e meno si vive. Per le altre cose della profezia ok, ma questa proprio non ci siamo sotto il profilo logico, non c’è logica e non regge ad un ragionamento. Pensateci.
    La grande massa di energia deve essere la fonte di vita più alta, più sublime, immensa, forte, totalizzante e soddisfacente, ma viva!

  162. peppe ha detto:

    Ciao a tutti e Buon Anno. Che dirvi? Le cadute sono inevitabili, ma se le guardiamo dal lato giusto diventano meno gravi. Stiamo imparando e quindi è normale che si ricade giù. Poi, si spera, risaliamo e man mano impariamo a cadere sempre meno. La cosa importante è stare sempre attenti agli eventi che il cosmo ci manda. Eventi esterni ed interni, ma anche esterni (e a volte questi ultimi sono vitali) che ci aiutano a risalire.
    Stai nel fondo, conosci una donna/uomo, ti innamori e stai meglio. Man mano cerchi di utilizzare anche l’energia interna, la tua, ma all’inizio specie se stai molto a terra, ti serve un aiuto esterno, e il cosmo ti manda anche quello. Quindi non fossilizziamoci sul fatto che la forza la dobbiamo trovare solo dentro di noi. Accettiamo sia le intuizioni interne che gli eventi esterni. Dobbiamo agire su tutti e due i lati, che poi alla fine, pare, siano la stessa cosa: l’interno è uguale all’esterno e viceversa.
    Se stai giù e ti chiamano per invitarti a fare una pizza, vacci. Può darsi che il cosmo ti ha lanciato quell’invito per farti distrarre ed evitare di degenerare ancora di più, e perchè in quella pizzeria devi incontrare una persona importante per la tua crescita.
    Quindi “Stavo bene e sono caduto” può significare “Stavo bene e sono caduto perchè ho omesso qualche cosa, adesso mi rialzo e non farò quell’errore, devo imparare ancora qualcosa. Però per rialzarmi avrò bisogno di un’intuizione interna o di un evento esterno. Vediamo il cosmo che cosa mi ha preparato, adesso.
    Ciao a tutti, Buon Anno…
    E’ importante condividere le nostre esperienze. Ci aiuterà ad evolvere…

  163. Giorgia ha detto:

    buon anno a tutti!!!! quello che mi viene in mente ora è che…per me il primo passo è stato iniziare a conoscere, il secondo iniziare a capire ciò che avevo appreso e il terzo..iniziare a VIVERE ciò ciò che avevo capito…vivere…davvero bacio a tutti!!!

  164. Raffaele ha detto:

    Rispondo ad Emiliano……..io il libro non l’ho letto a molte di queste considerazioni ci sono arrivato da solo….grande è stata la sorpresa quando ho scoperto un’intera bibliografia scientifica che tratta di questi argomenti seppur con pudore. Ve lo dice un ex cartesiano intergalista (tutt’altro che suggestione. Esperienze di vita forti sono l’ingresso ideale basta lasciarsi trasportare e liberare la mente da quello che noi crediamo causa dei nostri malesseri. Questa energia c’è sempre stata…..la conoscono i mistici di varie tradizioni religiose, sè nè sono avvalsi spesso scienziati alla vigilia di gradi scoperte (vedi il chimico russo Mendejev,il fisico Pauli ecc…il famoso psicalista Jung, grandi esploratori……il famoso inconscio collettivo in cui nascono nuovi miti, spesso plasmati sui vecchi….delle esigenze delle società contemporanee agli uomi e donne di tutti i tempi. Tu ti chiedi come agisce…..ma sè non di apri e mostri sensibilità e rispetto non te nè avvedereai mai…fai tu quasta massima indiana “Tutti sanno che la goccia si perde nell’oceano…..ma pochi sanno che l’oceano si perde nella goccia (Ramana Maharshi). Salute a tutti

  165. Raffaele ha detto:

    Accidenti……la fretta un mare di errori di digitazione…

  166. Anthony ha detto:

    Bellissimo libro…. da allora ho continuato a leggere libri sull’argomento o comunque in sintonia. Ciao Anthony

  167. moni ha detto:

    ciao a tutti!!! E’ sempre un piacere leggervi e vedo che ultimamente siete molto attivi! Ad Emiliano vorrei dire solo una cosa, le persone che scrivono qui, per quanto è possibile, esprimono gentilmente la loro opinione e parlano dei loro percorsi a mio avviso senza preoccuparsi di decidere chi a torto o ragione, portano il loro vissuto, la loro esperienza, la loro VERITA’! ognuno di noi ha la propria, gli calza a pennello, lo fa stare in armonia quindi, decidere come gli altri devono essere in base alle proprie scelte non so quanto possa essere costruttivo. Non è proprio questo atteggiamento a creare divisione tra i popoli e le singole persone? spesso addirittura vi sono “guerre” all’interno dello stesso individuo rispetto a ciò che vuole la società e quello a cui lui veramente aspira. Detto ciò non mi sento di giudicare malato chi sceglie di non avere rapporti sessuali ma nemmeno chi si avvale della forza sessuale a suo piacimento. Il tutto è una scelta personale non giudicabile e non contro l’universo se ci calza come un guanto ciò che decidiamo perchè, per quanto imperfetti siamo comunque perfetti nella nostra imperfezione per quel momento della nostra crescita, siamo in evoluzione no? :o) moni

  168. moni ha detto:

    NOn ho dimenticato di salutare tutti voi ma avevo fretta di chiudere…lo faccio ora, Giorgia grazie per quello che hai scritto è una verità che mi è giunta al cuore :o) a Peppe e Raffaele dico che siete meravigliosi perchè coraggioso non è chi non ha paura ma chi la affronta confidando in un domani migliore SEMPRE vi lascio con una frase di una grande anima quale è Ghandi che racchiude tutto il mio pensiero irspetto a quello che si è scritto fino ad ora: LA FELICITA’ E LA PACE DEL CUORE NASCONO DALLA COSCIENZA DI FARE CIO’ CHE RITENIAMO GIUSTO E DOVEROSO NON DAL FARE CIO’ CHE GLI ALTRI DICONO E FANNO :o) Moni

  169. Raffaele ha detto:

    Bentornata Moni…..Riprendo il tuo discorso in merito alle nostre molteplici “personalità esteriori” di cui anche la letteratura ordinaria si è occupata ed alcuni sono diventati anche celebri film “Lo strano caso caso di dr.Jekill e Mr.Haid” oppure senza discostarci molto dalla nostra cultura guardando a quel passo del Vangelo quando Gesù chiede al Demonio chi è……e lui risponde il mio nome è legione….legione sono i demoni che albergano in noi….paure, suberbia, accidia, avidità ecc….Sono essi che ci dilaniano come un branco di fiere affamate.In ogni tradizione si parla degli stessi temi; tramite queste metafore, racconti e miti i saggi, i mistici, i profeti ci hanno indicato la strada per liberarci dalle catene dell’ignoranza e riconoscere quello che siamo realmente esseri immortali figli di quell’uno con cui continuiamo ad essere connessi….nonostante il velo illusorio del nostro intendere il reale (Maya) sembra indicarci il contrario. Siamo come degli orfani in perenne ricerca del padre….ma noi stessi siamo padre e figlio allo stesso tempo….ritroviamo il padre che in noi e il figlio si sentirà nuovamente nella sua casa.

  170. moni ha detto:

    ciao volevo aggiungere una precisazione a riguardo dell’energia basandomi sui concetti espressi da Emiliano. L’energia è ovunque e questo è provato anche scentificamente ovvero:possiamo toccare con mano. Quello che emiliano però non ha considerato è il concetto di evoluzione. Ogni tipo do energia è in continua evoluzione, cioè tende alla perfezione che è quella (lo dico per chi come me ci crede)dell’energia dell’Altissimo, di Dio o come lo volete chiamare. Anche le pietre sono fatte di energia (ma non è energia pensante, cioè cosciente), gli animali stessi sono fatti di energia, ben più evoluta delle pietre e delle piante, più consapevole ma non come quella dell’essere umano che sà (quasi sempre :O)..) di essere in evoluzione, la differenza è tutta quì, cioè per citare Emiliano, noi sì siamo i “furbi” perchè grazie a Dio abbiamo raggiunto un grado evolutivo tale che ci permette di curarci con l’energia (es: reiki) ho di ricercare attraverso il chakra del cuore il contatto con l’uno per poterci nutrire dell’energia che purtroppo sulla terra viene a mancare in quantità tale da costringerci( causa l’ignoranza di molti o comunque la difficoltà di mantenere alte le vibrazioni) a rubarcela. Quando lasciamo il nostro corpo diveniamo un energia più vibrante e non solida ma abbiamo comunque il senso di chi siamo,siamo parte dell’Uno ma non ci perdiamo in ciò, rimaniamo consapevoli come singola anima immersa nell’Uno ma con la consapevolezza dell’appartenenza a tutto l’universo…. spero di essermi spiegata perchè sono concetti talmente semplici che è molto facile non farsi capire, qui sulla terra la semplicità troppo spesso viene fraintesa e comunque questo rimane il mio pensare, il mio credo nel rispetto di Emiliano e di chi come lui ha dubbi in merito. Un abbraccio collettivo :o) Moni

  171. Valentina ha detto:

    Ciao a tutti!sono capitata per caso su queste pagine…e come dico sempre il caso a mio avviso non esiste mai!
    ho letto i vostri messaggi. Non ho mai sfogliato nessuno dei libri di cui parlate molto, ma mi hanno incuriosita e di certo proverò a cercarli!
    Passo da queste parti per chiedervi se i numeri, solo due in modo particolare, possono essere identificati come segni.
    E’da luglio che mi si ripresenta piu volte nell’arco della giornata un numero che, nella cabala non esiste.Lo conduco sempre ad una persona che nella mia vita ha avuto molta importanza e con la quale c’è un legame forte ma lontano per diverse problematiche. La cifra in questione si verifica costantantemente attraverso il contaKm, le targhe delle macchine, i numeri di telefono, di pagina ecc..
    Cosa accade? dopo la loro uscita, a distanza di poco quella persona mi contatta telefonicamente.
    Molti parlano di sms degli angeli, voi che mi dite?
    buon proseguimento!!
    Valentina

  172. peppe ha detto:

    per valentina: dovresti leggere qualcosa sulla numerologia,
    e vedere il significato di quel numero. Potrebbe avere una relazione con quella persona.

  173. Giorgia ha detto:

    anche a me capita, c’è un numero che ho sognato ormai più di un anno fa e che si ripresenta molto spesso..”per caso”…credo che sia un segnale, qualcosa che mi faccia sentire che c’è qualcuno che si prende cura di me, può essere un modo per non far perdere la speranza…credo che un giorno mi guiderà da qualche parte..bacio p’s:il mio è il 22

  174. Valentina ha detto:

    per Giorgia: il mio è il 91. E’ assurdo lo so, non esiste e nn ha significato vero e proprio ma leggendo quà e là, una gentilissima persona che ha un blog e tratta di numeri e di angeli mi ha confermato il significato globale.
    Questo numero io lo associo solo a lui. Ogni volta che decido di allontanarmi per qualsiasi motivo o non ci penso…mi appare un segnale. Come per dire”dove credi di andare? ricordati di me”..non lo so dove mi porterà ma so che con questa persona non ho ancora terminato il mio percorso, forse è un modo per non dimenticarlo!

    Per Peppe: grazie del consiglio! già fatto!

  175. Raffaele ha detto:

    Scrivo per Valentina…….ciao…sono Raffaele e non sono nuovo di questo sito. Ti consiglio il libro del Fisico Massimo Teodorani intitolato “Sincronicità” . Sè leggi i miei commenti precedenti….di qualche anno fà io ho vissuto un periodo in cui queste coincidenze significative mi hanno accompagnato in veglia e nel sonno…..;sono come dei cartelli stradali che ti indicano qualcosa. Quando ho letto il libro avevo già in mente qualcosa…….ma lo stupore è stato grande quando ho trovato persino un esempio eguale a qualche vicenda mia personale verificatesi tempo prima. Io parlerei di qualcosa di meno astrale e che ha molta più attinenza con qualcosa di più con la “REALTà” che non percepiamo con i comuni sensi….distratti dal turbinio di questa vita illusoria. Fammi sapere ciao

  176. Valentina ha detto:

    Per Raffaele! grazie mille per l’aiuto! ho letto un pò di cose che hai scritto, effettivamente sono molto strane.
    Tu parli di situazioni che si sono verificate anni fa…
    Ora invece? nel presente non le hai piu?
    perchè io credo che queste strane coincidenze in realtà io le abbia fino a quando con questa persona non ci sarà una situazione chiarificatrice. E’ uno stato di costante presenza, come se avesse bisogno di un aiuto. Un SOS.Sono sensazioni che percepisco molto personalmente, lo sento molto vicino, come se fosse un gemello.
    Da un lato mi affascina, dall’altro mi fa incavolare perchè non so dove mi porta anche se so di arrivare da qualche parte!

  177. STEFY 51 ha detto:

    CIAO A TUTTI.QUESTA SERA DOPO UNA LUNGA TELEFONATA CON UN’AMICA,LE HO CONSIGLIATO DI LEGGERE “LA PROFEZIA DI CELESTINO”LIBRO CHE HO LETTO /CONSIGLIATO DA UN’AMICA/ IN UN MOMENTO PARTICOLARE DELLA MIA VITA.HO TROVATO IN ESSO TANTE CONFERME.BISOGNA PRECISARE ANCHE CHE:OGNI COSA PER RECEPIRLA DEVE ESSERE IL MOMENTO GIUSTO.IO MI CHIEDEVO CHI FOSSI E QUALE ERA IL MIO COMPITO.BENE,GUARDANDOMI INTORNO E ASCOLTANDO QUELLO CHE GLI ALTRI MI DICEVANO(DEL TIPO:HO UN PROBLEMA CON MIA NIPOTE)PARLANDO CON QUESTE PERSONE A ME SCONOSCIUTE,MI RENDEVO CONTO CHE AVEVANO BISOGNO DI COMUNICARE ED ESSERE ASCOLTATI.DA QUEL PERIODO SONO PASSATI 11 ANNIE DI INCONTRI E COINCIDENZE NE HO AVUTE TANTE,COME QUESTA SERA CHE PER CASO HO APERTO QUESTA PAGINA.SPERO DI RINCONTRARVI E RACCONTARCI LE NOSTRE ESPERIENZE.SALUTO VOI TUTTI.STEFY 51

  178. Raffaele ha detto:

    Benvenuta Stefy……stai certa che tutto questo non è casuale. Ciao a presto

  179. Valentina ha detto:

    Ciao ragazzi!Raffa ho letto la sincronicità di teodorani che mi hai consigliato!!è difficile da seguire..cmq un consiglio, leggete se vi è possibile anche “nulla succede per caso” di robert h.hopcke e “le coincidenze” di Chopra.
    sono due libri molto interessanti e sopratutto molto molto concreti nella spiegazione!
    buona domenica a tutti!

  180. Raffaele ha detto:

    Complimenti Valentina……..detto fatto..Difficile non direi….nè ho letti di più astrusi, comunque l’autore non si poteva esimere da riferimenti attinenti alla fisica. Seguirò il tuo consiglio in merito al libro che mi hai indicato….il titolo è già un programma. Ciao a tutti

  181. Valentina ha detto:

    Per Raffaele: ah Raffa, chiaramente, non poteva mancare “la legge dell’attrazione” di Esther e Jerry Hicks e ti/vi invito a dare una sbirciata a questo sito!!
    http://www.animeradianti.com..

    fatemi sapere!!!ciaoo ragazzi!!

  182. Raffaele ha detto:

    Grazie Valentina……..sbircerò. Un ciao a tutti gli internauti di questo sito.

  183. Lu ha detto:

    Per Stefy51. A dicembre ’08, ero andata a prendere qualche film a noleggio. Vedo il dvd della “Profezia di Celestino” e, ovviamente lo prendo.
    Il libro l’avrò letto anch’io circa 10-11 anni fa, come avevo pure comprato ma mai letto “La Decima Illuminazione”. Adesso lo sto leggendo e lo trovo anche di un’attualità incredibile; ma soprattutto adeguato al mio momento e conseguente risposta anche ai perchè non l’avessi letto prima.

    Buon risvegio a tutti.
    Ciao!
    Lu

  184. moni ha detto:

    ciao a tutti, sorrido quando penso a due giorni fa. Seguo chi scrive in questo sito ormai da tempo ma non ho sempre il tempo di intervenire io stessa, l’ultima volta che l’ho aperto, leggo di Valentina, che peraltro saluto, che ci consiglia di leggere le coincidenze di chopra, ma non penso di comprarlo perchè ho altri libri del genere…..due giorni fa entro in una libreria che sta chiudendo e propendo per comprare FINALMENTE qualche libro in sconto. Il propietario gentilissimo mi spiega per filo e per segno in che modo ha distribuito i libri per rendermi più semplice la ricerca. Vengo attratta da una fila interminabile di libri, tutti con il titolo scritto in lettere grandi e ben leggibile anche per i “più cecati” come sono io, ce n’è uno solo che attira in modo particolare la mia attenzione perchè, essendo scritto in piccolo non capisco come si intitola, ovviamente è esattamente il libro che dovevo comprare, il messaggio già era arrivato ma non era stato recepito, così hanno trovato il modo di attrarre la mia attenzione. Quale mai sarà stato questo libro? ovviamente “le coincidenze” di chopra…..grazie Valentina per essere stata un magnifico tramite :o)a presto e nel frattempo buon cammino a tutti

  185. Valentina ha detto:

    Per Moni:
    ciao cara! beh che dire, se non è un segno questo! probabilemnte ti aprirà la mente su altre situazioni che forse per sbaglio hai lasciato indietro o di cui ancora non sai darti una spiegazione!
    vedrai, ti servirà molto!
    io per ora li ho finiti tutti..ma chiedo a tutti, se ne avete altri di interessanti, di pubblicare i titoli qui sopra in modo da catapultarci in libreria!!! 🙂
    a presto

  186. Max ha detto:

    Ciao a tutti, ho visto stasera il film La profezia di Celestino.
    Mi è sembrato che nel film si parli di aura e di altri elementi che mi fannno subito pensare ad una sorta di sesto senso, di terzo occhio, fenomeni a cui credo da anni pur essendo, nella vita quotidiana, una persona abbastanza pragmatica.
    E possibile “allenarsi”, come si vede nel film, per scoprire dei poteri, l’energia che ci circonda ma che normalmente non si può vedere? Io ho sempre pensato si trattasse di un dono speciale.
    Cmq, tornando al film, devo dire che ultimamente non sto facendo molto caso a coincidenze particolari nella mia vita. Però, forse per il momento che sto vivendo, mi ha colpito molto la frase in cui una ragazza parla col ragazzo protagonista del film della vita di coppia.
    Nel film la ragazza spiega bene il problema che spesso si genera nelle coppie, ma la soluzione proposta mi è poco chiara, forse perche non ho letto il libro. Potreste chiarirmi un po’ le idee a riguardo?
    Devo dire che forse proprio la descrizione del problema fatta dalla ragazza è per me in questo particolare momento, di “ingarbugliamento” sentimentale, una coincidenza.

  187. Raffaele ha detto:

    Ciao Max….ti consiglio di non cercare attivamente questi messaggi….potresti anche avere delle suggestioni fuorvianti….Basta lasciarsi andare e vivere le cose con più distacco da quella che crediamo essere l’unica realtà esistente. Di solito i momenti di grossa difficoltà sono dei formidabili catalizzatori in questo senso….sia in veglia ma anche durante il sonno, te lo dice un ex sostenitore del pensiero cartesiano ad oltranza…ora un pò meno molto meno…..l’ho verificato prima di imbattermi in questa letteratura e quindi scevro da suggestioni e condizionamenti in questo senso. Ti consiglio il libro “Sincronicità” del fisico del S.E.T.I. Massimo Teodorani, troverai con stupore insolite convergenze trà quello che correntemente si definisce mondo dell’irrazionale e le ultime scoperte della fisica quantistica. Ciao

  188. Valentina ha detto:

    ciao ragazzi, nonostante i miei segni imperterriti continuino, io non mollo e continuo a leggere libri in riguardo che mi stanno aiutando a capire quale forse deve essere il mio filo del destino.
    in biblioteca l’altro giorno, dopo aver letto la profezia di celestino, ho preso altri 3 libri.
    uno è di James redfield (lo stesso autore della profezia) che spiega piu concretamente quanto affermato nel testo precedente e molto semplice:”la visione di celestino”;
    l’altro, per Max forse può essere d’aiuto è un libro di una medium che aiuta a captare il destino spirituale di ognuno di noi e spiega il perchè spesso siamo nel caos sentimentale.
    perchè le nostre anime nonostante l’amore non riescono a legarsi.
    si chiama “i segni dell’anima” di Rosemary Altea.
    Ragazzi, fatevi trasportare dai segni, cercate di comprendere la loro natura, vi stanno indicando che la consapevolezza di una nuova vita è alle porte!
    a presto e buona lettura

  189. moni ha detto:

    cara Valentina sono un po’ di giorni che cerco di decidere se scrivere o meno quello che sto per dire,per me è sempre un peso quando devo esprimere un dissenso perchè penso che ognuno ha un suo percorso e temo sempre di condizionare gli altri ma visto che parliamo di caso che non esiste….! non è quindi per caso che qualche mese fa ho incontrato Rosemary Altea ad un “seminario”. Premetto che il 90% delle persone presenti in sala quella sera devono convivere col dolore di un terribile lutto, che sia del figlio, della sorella o comunque di qualcuno di estremamente caro. Quelle persone, pendevano dalla bocca di Rosemary in attesa di un qualche messaggio dai propri cari. Ora, partendo dal presupposto che ciò che dico è come io ho vissuto quell’incontro mentre spero non sia stato così per altri. La medium cominciava col dire cose generiche in attesa che qualcuno si ritrovasse in ciò che lei stava “sentendo” dopodichè dopo poche parole spicciole, banali e general generiche tipo: suo figlio le vuole molto bene, suo padre la adorava etc… interrompeva bruscamente il “contatto” (sempre se mai ha avuto un reale contatto) per parlare di sè, di come ha guadagnato le prime mille sterline, poi duemila eccetera,di come dal niente sia divenuta una persona famosa nel mondo e……non mi dilungo oltre!…..la serata è proseguita col racconto di quale mostro terribile sia sua madre, anzi peggio un orribile strega…insomma oltre a mancare totalmente di sensibilità nei confronti dell’enorme dolore che si percepiva a pelle in quella stanza, “la grande medium” ha dimostrato di non conoscere minimamente il concetto di perdono in quanto dai suoi discorsi non si percepiva la benchè minima intenzione di mettersi ad analizzare il suo dolore e la sua rabbia nei confronti della madre. Con tutto il rispetto per una donna che sicuramente deve fare ancora un lungo percorso evolutivo per arrivare a capire che non si può crogiolarsi nel proprio ego di fronte a persone che giungono ai suoi seminari per cercare il seppur piccolo contatto coi propri cari scomparsi, non condivido per nulla il suo atteggiamento egocentrico e vanesio. Tutto ciò per dirti Valentina che non tutto quello che si legge va preso per oro colato e che c’è chi abusa della buona fede delle persone sofferenti o semplicemente bisognose di risposte, e che, anche se i libri sono un ottimo aiuto in molti casi,le risposte più giuste e le grandi verità le troviamo dentro noi stessi….un abbraccio grande grande Moni :o)

  190. Valentina ha detto:

    Ciao Moni!
    tu hai perfettamente ragione. Io non conosco qeusta Rosemary altea, da grande profana l’altro giorno mentre raccoglievo info utile sempre per le mie coincidenze, sono incappata nel suo libro che a caso mi sono trovata tra le mani.
    Non ho idea di cosa faccia questa persona nè sapevo parlasse con i defunti o cose del genere.
    Nel suo libro parla solo di riconoscimento individuale dei caratteri delle persone che abbiamo intorno e di come potrebbero essere classificate in base ai comportamenti.
    Perchè è piu semplice andare d’accordo con qualcuno, perchè a pelli altri non ci piacciono e per quale motivo a volte ci si incontra ma poi ci si allontana…
    Concordo pienamente con quello che pensi. Nel libro non parla di morti, nè di aldilà!!!!!!
    Anche perchè poco ci credo!
    cmq a parte questo, leggi se ti capita “la visione di celestino”!!
    un abbraccio

  191. moni ha detto:

    Grazie Vale ne terrò conto anche se di tempo per leggere ne ho davvero poco ultimamente, infatti sono ancora alle prime pagine del libro sulle coincidenze di chopra, amo leggere ma ho talmente poco tempo libero e devo dividerlo fra meditazione, pittura e lettura quindi sono molto limitata direi….tornando al discorso di Rosemary io credo che esistono persone che hanno il dono di vedere e parlare con l’al di là, capacità che si dovrebbe ottenere tutti, dopo la nona illumunazione secondo la profezia, ma penso anche che chi usa questi doni in maniera poco lecita prima o poi li perde o rimane invischiato con le vibrazioni basse il che crea a lui e a chi ne viene a contatto non pochi problemi. volevo anche rispondere a Max, per quanto riguarda il “terzo occhio” o qualsiasi capacità di “intuire” oltre la realtà conosciuta, vi sono persone che hanno già sviluppata dalla nascita questa capacità ma tutti comunque hanno questa possibilità latente, un modo per “allenarsi” è sicuramente la meditazione ma comunque ce ne sono altri ed ognuno può per tentativi scoprire il suo. Per quanto riguarda il rapporto di coppia la profezia dice che all’inizio di una storia si è entrambi aperti (il chakra del cuore è aperto)c’è uno scambio di energia, si riceve e si dà (e questo dovremmo farlo tutti se fossimo illuminati), poi ad un certo punto questa cosa si interrompe ed uno dei due pretende l’energia senza ridarla indietro da qui nasce la sofferenza e la dipendenza. L’autore del libro specifica anche che la dipendenza per un’altra persona blocca l’evoluzione e che l’ideale è una coppia dove ognuno energicamente basta a se stesso ed è in grado di offrire anche energia all’altro così non si creano i bisogni.Un abbraccio di Luce a tutti Moni :o)
    Ps:Raf prima o poi dovrò leggere anche il libro che consigli tu per essere ad armi pari quando parlo col fisico nucleare che lavora con me :o) grazie!

  192. Simone ha detto:

    Salve a tutti, è pasato molto tempo da quando ho scritto in queste pagine…
    Per svariati motivi ho usato sempre meno internet, sarà anche il fatto che mi sono
    dedicato a una nuova passione (la danza) e questo ha comportato uscire più spesso e
    usare meno il computer (un’altra mia passione)… senza aggiungere il lavoro che ocupa un’altra parte della mia giornata…
    Dicevo, il tempo è passato e tra nuove conoscenze e una “storia” iniziata e naufragata subito ho perso veramente tanto di me stesso, ho provato a pormi verso il mondo, ma non sono stato fortunato se così si può dire, ho ricevuto molta negatività da chi mi circondava, adesso forse mi devo ricaricare perchè non ho voglia di lottare sto passando forse un periodo di staticita, dove poi forse quando accadrà qualcosa mi porterà a un livello superiore… Ho letto molti dei vostri post da quando non avevo più scritto io e una domanda mi è sorta alla mente, ma molti di voi non hanno problemi se non quelli che si creano loro stessi… Siete delle persone mature e fantastiche se solo avessi un poco della vostra forza chissà dove andrei… Un saluto affettuoso a tutti voi e in particolare a Giulia… A presto

  193. Raffaele ha detto:

    Svuota la tua mente dalle cose passate belle e brutte e non proiettarti nel futuro Siediti sulla sponda del fiume e aspetta Simone……..ascolta il suo lento mormorio perchè al pari di esso anche tu sei un continuo divenire, istante per istante muori e rinasci a nuova vita, come l’acqua che deufluisce innanzi a te. La forza la possiedi già…..trova consapevolezza di questo e usala.

  194. moni ha detto:

    Ciao Simone e soprattutto ciao Raffaele (le tue parole mi ricordano tanto Coelo che adoro) sono daccordo al 100% che vivere nel presente è sempre e comunque la cosa migliore da fare, l’unica direi, inoltre aggiungo che come ben sai può capitare che attriamo ciò che produciamo quindi è fondamentale porsi nel presente con fiducia e non credere caro Simo che per noi non sia difficile come per te in certi momenti, sono certa che anche tu hai la forza che vedi in noi, il fatto stesso che tu la noti dimostra che fa già parte di te quindi cerca solo, se puoi, di riscoprirla e prova per quanto ti è possibile a vedere ciò che ti accade di non bello come un modo che la vita ha di insegnarti determinate lezioni che altrimenti non coglieresti. L’universo è perfetto e meraviglioso e anche molto attento ai nostri desideri quindi quando tu gli trasmetterai che pensi veramente che Simone si meriti solo il meglio è quello che avrai, lavora sui tuoi pensieri, per quanto mi riguarda la meditazione mi aiuta molto per riuscire in questo ma vi sono molti modi, ti auguro col cuore di trovare il tuo…..mostra a Simone quanto Simone meriti di essere amato………:o) Moni

  195. peppe ha detto:

    Un saluto a tutti, pensavo di esserci mancato per chissà quanto tempo, invece leggendo i commenti mi sono accorto che manco solo da qualche mese..

  196. moni ha detto:

    Ciao Peppe :o) ben tornato, spero tu abbia trascorso un periodo più che positivo in questo tempo in cui non abbiamo avuto tue notizie…..sono qui oggi anche per ricordare che domani 20/03 alle h 11,45 ci sarà l’equinozio e che per chi pratica la meditazione è un momento meraviglioso per connettersi all’energia proprio in quel momento, io lavoro quindi non so se riuscirò a ricavarmi un attimo ma se questo non fosse possibile farò comunque un’ intenzione positiva e di Luce per ringraziare tutti coloro che stanno parteciapndo a questo meraviglioso momento evolutivo qui sul nostro pianeta e comincio ringraziando tutti voi per i dialoghi e gli scambi di esperienze che mi avete regalato fin’ora Grazie Moni :o)

  197. Raffaele ha detto:

    Anche noi abbiamo ricevuto da te Monia…..e poi al di là dei nostri pensieri e intuizioni…è stato importante sapere che anche sè siamo in pochi (presumo)…ci siamo comunque. Ciao

  198. moni ha detto:

    @Raffaele: grazie mille in effetti è esattamente una delle cose che più mi aiuta nei momenti “difficili” sapere che ci sono persone che come me stanno facendo un percorso di riscoperta e che non sono mai sola in questo, a volte può essere frustrante cercare di far capire agli altri quale sia il tuo sentire, altre addirittura impossibile quindi quando ti succede che nemmeno devi spiegare perchè le esperienze affini di un’altra persona già dicono tutto per te è tutto molto meno faticoso e ti da una spinta non indiffarente di incoraggiamento, siamo e saremo sempre di più e questa è una realtà, nulla di più incoraggiante quindi…….a presto Moni :o)

  199. angela ha detto:

    Salve a tutti, circa 10 anni fa ho letto la Profezia di Celestino ma in me non ha avuto nessun risultato. Da due anni ho scoperto il Reiki e da li ho iniziato un percorso spirituale per ritrovare me stessa. Una settimana alla figlia del mio compagno che è venuta a trovarci è stato consigliato il libro di Celestino che lei ha prontamente acquistato. Quando l’ha portato a casa ho sentito subito il bisogno di rileggerlo. La cosa che mi ha sconvolto di più è che non ricordavo assolutamente niente di quello che c’era scritto. Mi è piaciuto moltissimo e adesso voglio leggere la guida alla profezia di celestino con la speranza che mi aiuti a mettere in pratica le varie illuminazioni. un caro saluto a tutti.

  200. Raffaele ha detto:

    Io non l’ho neppure letto……sono andato al rovescio..tramite esperienze di vita ho preso “consapevolezza” di quello che mi sfuggiva o catalogavo semplicemente come “coincidenze”……..e quindi non posso neppure dire chè nè sia rimasto suggestionato. Sappi che questa strada è sconosciuta ai più….. la costeggiano….la incrociano di continuo e non sè nè avvedono, si attaccano ai simbolismi pagani di ogni genere, ma non hanno preso consapevolezza che questa via esiste. Quindi non meravigliarti Angela…..ora che lo sai indietro non puoi tornare…puoi fermarti…..ma indietro non torni sai chè c’è.

  201. moni ha detto:

    carissimi, voglio raccontarvi la mia esperienza degli ultimi tempi, è circa un mese che mi arriva il messaggio: incidente! mi capita di sedermi a mensa in mezzo a 4 persone, chiacchierano a due a due ed entrambe le coppie di cosa? di 2 diversi incidenti, nei giorni successivi il messaggio si ripete ed io cerco di non attribuirgli un’energia di paura, mi impegno nel dare fiducia al Cielo. una mattina mi sto lavando i denti, quando vado per risciacquare (scusate la scena poco fine) in mezzo al dentifricio sul lavandino compare una stria di sangue a forma di M maiuscola ed io mi chiamo Monica, anche qui cerco di non dare peso ma di alzare le vibrazioni. Questa notte mi alzo di soprassalto dal letto con il cuore in gola ma peggio ancora una sensazione di dolore intensissimo, vado in salotto dal mio compagno che guardava la tv e gli dico: non capisco cosa sta succedendo ma ho avuto la sensazione di avere un terremoto sotto il letto….lui dice di non aver sentito nulla. Non era tanto la sesazione del terremoto che mi spaventava quanto il dolore intenso e la frase che mi è uscita dalla bocca: è come se le mia ossa fossero tutte incrinate…. le vedevo tutte luminose ma con ampie crepe ed il dolore era davvero forte, ho capito che stava o sarebbe successo qualcosa di poco piacevole!! Non sono quì per mettere in rilievo il discorso delle coincidenze ma per chiedervi in questi giorni di non dare voce o pensiero a cose tristi, preoccupazione o altro,tenete alte le vostre vibrazioni ed iutate le persone in difficoltà a causa del terremoto con pensieri e parole di aiuto e amore, ve ne prego, la nostra energia luminosa può aiutare tantissimo sia chi ha perso la vita, per andare oltre, sia chi invece si trova in difficoltà su questa terra. Mandate loro Amore, forza e fiducia, nulla succede per caso, lo diciamo di continuo quindi per quanto terribile anche quel che è accaduto oggi ha un suo senso, non perdete tempo a chiedervi perchè ma mandate amore e fiducia nell’oggi e nel domani a chi sta affrontando questo momento di difficoltà….un abbraccio di Luce a tutta la terra Moni :o)

  202. angela ha detto:

    ciao Raffaele, ti ringrazio per le parole di speranza che mi hai dato, credo che avrò un pò di difficoltà a riconoscere le coincidenze forse perchè non riesco ancora a fidarmi delle mie sensazioni. So solo che le poche volte che mi sono fidata è andato tutto bene. Oltre a questo non riesco a evitare lo scontro con le persone soprattuto con il mio compagno. Razionalmente so che non lo devo fare ma quando capita è più forte di me, sembra quasi che se non reagisco (sempre verbalmente!!)lui o il mio interlocutore possano in qualche modo sottomettermi, e questo non mi piace. Oggi per esempio ho avuto una discussione e alla fine mi sono sentita stanchissima, proprio come descrive “la profezia di Celestino”. Da li mi sono accorta che devo aver perso!!! Va bè succede, spero proprio di riuscire sentire sia le mie sensazioni che i miei stati d’animo per potreli ascoltare e quindi viverli al meglio. Ancora grazie
    Angela

  203. Raffaele ha detto:

    Ciao Angela……lo sò è difficile quando si è provati di continuo da altri….sopratutto sè sono persone vicine a noi……in quel momente cadiamo nell’inganno delle meccaniche mentali e reagiamo di conseguenza con le stesse parole, gesti, e sopratutto insofferenza; tanto è vero chè spesso sappiamo già cosa dirò o farò io o il mio interlocutore in occasione di qualche disputa. Ma noi siamo Coscienza……..la mente è un marchingegno di cui non dovremmo essere succubi ma i veri gestori. Applica l’arte saggia o comunque provaci del ju jitsu, chè in italiano può tradursi semplicemente con l’aggettivo “cedevolezza” sii morbida ai colpi del tuo avversario ma non rinunciare a misurarti con esso…piegati al vento impetuoso ma non spezzarti…..è un’arte di vita ancor prima di un sistema di difesa personale. Quì in occidente si semplifica tutto…..può esercitarti anche a casa….ogni qualvolta ti senti provata ripeti a te stessa non devo partecipare emotivamente…ma con distacco….distacco non disinteresse o rifiuto…..fai prevalere la voce della coscienza che ti osserva e non vuole che la mente predomini e ripeta sempre lo stesso copione. Ciao

  204. angela ha detto:

    ciao Raffaele, ti ringrazio per i preziosi consigli che mi hai dato. Mi piace pensare di “piegarmi al vento ma non spezzarmi”. Infatti non riuscivo a capire come fare a non farsi calpestare dagli altri ma allo stesso tempo riuscire a non rimanere invischiata nella disputa!!! Sembrerà stupido, ma non vedo l’ora di provare a mettere in pratica i tuoi consigli!!! Un milione di grazie, a presto
    Angela

  205. Raffaele ha detto:

    Non pretendere troppo all’inizio da te Angela…….ma non abbatterti basta non ascoltare la voce dell’ego….Io ho fallito poco fà……..mi sono arrabbiato per una cosa per cui mi ero ripromesso di non farlo più. E’ un esercizio mentale, al pari di quelli ginnici e che necessità di una continua pratica giornaliera perchè sia efficace, possibilmente per una vita intera. L’importante è sapere chè è possibile. Un ciao a tutti.

  206. andrea ha detto:

    è capitato anche a me…è difficile rimanere collegati…
    @giulia:

  207. angela ha detto:

    Salve ragazzi, avete proprio ragione, è molto difficile riuscire ad essere consapevoli proprio nel momento in cui si sta per scatenare la rabbia! mi è successo di renderme conto un secondo dopo e avere quindi l’opportunità di fare “marcia in dietro”!!! speriamo che la prossima volta vada meglio!!
    grazie a tutti
    Angela

  208. Raffaele ha detto:

    Un secondo dopo?………..vai alla grande allora. Buona Pasqua a tutti.

  209. angela ha detto:

    buona pasqua a tutti
    Angela

  210. valentina ha detto:

    Ciao ragazzi e buona pasqua!
    volevo condividere con voi, una cosa che mi sta accadendo e che forse grazie al vostro aiuto, riesco a capire.
    TUTTO PARTE DALLE SEMPRE E SOLITE COINCIDENZE…
    c’è chi dice che i numeri ad esempio sono messaggi degli angeli, c’è chi dice che le coincidenze non esistono se non SOLO sporadiche, chi invece afferma la regola che niente e nessuno arriva mai per caso…
    sta di fatto che, negli ultimi 9 mesi, le mie giornate sono accompagnate dall’inseguimento di alcuni numeri…
    numeri che io ho sempre collegato ad una persona.
    il loro significato lo conosco e ne sono consapevole..
    sono state delle richieste d’aiuto ed esaudite.
    ora che succede…nelle ultime due settimane (da quando ho ripreso i rapporti con qeulla persona), i numeri sono SPARITI.
    come devo interpretarla? è possiible secondo voi che, all’inizio volessero indicarmi QUELLA STRADA e una volta raggiunta, sparendo, mi stiano ad indicare che i pensieri che sto facendo ora, in questo momento (molto diversi dai mesi passati), siano sbagliati?la mia strada non è qeulla che ho intrapreso oggi, ora in questi giorni ma è sempre stata quella a cui mi hanno sempre condotto?
    grazie a chi leggerà e porterà un significato al mio punto interrogativo!!
    a presto, un abbraccio all’Abruzzo e a tutti voi…

  211. Giorgia ha detto:

    vediamo, io sono una di quelle persone che credono che nulla e nessuno venga per caso, premesso questo, d’impulso direi che secondo me è proprio l’opposto, non stai sbagliando, sei arrivata dove dovevi e ora non hai più bisogno di essere guidata perchè hai raggiunto una meta…un po’ come se i numeri fossero stati una cartina, una volta a destinazione non ne hai più bisogno..e poi non dobbiamo dimenticarci che siamo noi a decidere in ultima analisi,e se è vero che nulla viene per caso magari è che, sì sei stata guidata fino a qui ma ora puoi e devi scegliere tu…questo è ciò che penserei fosse capitato a me credo..se invece la tua sensazione di sbagliare è autentica…allora non so, però per esperienza personale, mi sa che è più paura in sè, nel senso, paura di prendere una decisione che potrebbe essere sbagliata…ma è lasciarsi bloccare dalla paura la cosa peggiore. be’ un bacio a buana fortuna!!!!
    e buona Pasqua a tutti!!

  212. valentina ha detto:

    Cara Giorgia,
    buongiorno e grazie per la risposta!effettivamente non so nemmeno io come interpretarla. Sono davvero 9 mesi in cui sbatto la testa (a volte anche piangendo), cercando di non vedere questi numeri che per una cosa o per l’altra mi hanno fatto credere che “quella”persona, io non dovessi dimenticarla. Il nostro distacco forzato, fosse solo momentaneo. Ho sofferto moltissimo e nn capivo perchè il destino, ci avesse separati se poi cmq non riuscivo a dimenticarlo e a rifarmi una vita.
    Una sorta di legame karmico con lui. Una persona che sento molto vicino nelle sensazioni e negli stati d’animo.
    Ogni qualvolta cancellavo il suo numero di telefono, o cercavo di cancellarlo dalla mente, tac…appariva il numero in questione che mi diceva:”ehi vale, dove credi di andare? guarda che io sono qui..”
    Mi sono sentita obbligata nel perseguire la loro conduzione che mi ha portata ancora a lui fisicamente.
    Poi arrivata a destinazione, i numeri sono spariti o cmq diminuiti.
    Il messaggio alle mie richieste è stato molto chiaro.
    Forse hai ragione Giorgia. Ora che ci sono nel concreto, non so nemmeno io che pesci pigliare e ho “bisogno”ancora dell’aiuto divino.Ora che la situazione è diversa, sono in palla totale…
    Dopo 9 mesi di travagli, capisco che il cammino con lui sia ancora molto lento e incerto ma forse è proprio questo il mio percorso. Se credo nei numeri e nel loro significato, devo cancellare il pensiero negativo che ho ora e riflettere fortemente su ciò che ho sempre pensato..e cioè di lottare e affrontare il presente perchè ciò che sarà il mio futuro forse sentimentale ce l’ho davanti agli occhi, nonostante i fatti (le parole di lui), dicano esattamente l’opposto..seguo il mio istinto e i miei angeli..
    grazie mille davvero..un abbraccio

  213. Raffaele ha detto:

    Ascolta Valentina io sono uno che quì ha scritto tanto in proposito, anche perchè ci sono passato sopra……ma spesso questi aiuti ti arrivano inaspettati…..non stare ad invocare di continuo qual’è la strada giusta. Io ti direi che sè sei giunta sin lì di proseguire……magari dopo il sentiero sconnesso imbocchi un viale…Non ti è mai capitato a volte di dirigerti verso il precipizio, rasentarne il bordo come fosse qualcosa di ineluttabile, pur sapendo di caderci dentro. Ebbene a volte è necessario farlo per rendersi conto dell’orrido, che pur è parte della nostra esistenza e che è bene guardare per quello che è. E poi le coincidenze significative di cui è costellata la nostra esistenza e che per lo più ci sfuggono servono anche per indirizzarci provvisoriamente a scopo diciamo didattico in lidi magari poco gradevoli. Ciao

  214. stefania ha detto:

    Ciao a tutti.
    Vi seguo con molto interesse da parecchio tempo, anche se in silenzio. Al di là della mia personale riservatezza, ho trascorso un periodo particolare della mia vita, nel quale tutto in me è stato stravolto e così sono rimasta in ascolto, ho lasciato che le vostre parole mi entrassero dentro e, piano piano, le ho elaborate secondo il mio modo d’essere, le mie esperienze, ecc. Ora, ho deciso di intervenire leggendo il messaggio di Valentina perchè sto vivendo la sua stessa esperienza e, alla luce dei miei pensieri, le sue parole, mi sono sembrate una straordinaria coincidenza. Concordo sulla necessità di lasciare andare i sentimenti negativi. Proprio ieri sera leggevo che bisogna concentrarsi sul processo e non sul risultato finale perchè esso provoca ansia ed emozioni che interferiscono con il flusso dell’universo. quindi valentina: abbandonarsi al cambiamento e rimanere distaccati dall’esito finale. Lo so, non è facile, per niente…ma possiamo chiedere aiuto, come anche tu dici, ai nostri angeli, chiediamo loro di aiutarci ad annullare le nostre paure e ad avere pensieri positivi. Un grazie particolare a Raffaele, ho sempre apprezzato molto le tue parole che mi sono state di grande aiuto. Stefania

  215. andrea ha detto:

    qualcuno conosce un posticino “potente” in Italia?!?…

  216. valentina ha detto:

    @stefania: Ciao Stefi!
    grazie per il tuo pensiero;infatti non è una coincidenza il fatto che qualcosa dentro mi abbia incanalato all’interno di queste pagine.
    Chi meglio di voi, riesce a captare tante piccole sfumature degli angeli, dei segni e sono giunta al momento più propizio per capire…
    Non so ancora cosa fare. Sono spiazzata dal mutismo degli eventi.
    Ha ragione Giorgia quando scrive che la mia probabilmente è paura di affrontare l’ennesima batosta.
    Allora mi chiedo: “perchè le coincidenze significative mi hanno cotretto a non rifarmi una vita, portandomi sempre li. SEMPRE LI, proprio li..se poi ora, il mio pensiero (sulla base degli eventi ambigui che mi racconta questa persona..),è diventato opposto a quello iniziale e proprio ora che ho bisogno di altre conferme spariscono???
    Me lo hanno riportato d’obbligo indietro…e ora non so che farmene!se rischiare di andare avanti sulla base del cammino che ho fatto in 9 mesi, oppure mollare il colpo (sulla base di ciò che dice lui)per l’assenza dei numeri…
    non voglio rischiare di bruciarmi di nuovo ma è anche vero che se il mio percorso rimanesse a metà, tra qualche tempo numeri potrebbero ricomparire…e allora si ricomincerebbe col solito tran tran!!
    che caos! sono molto confusa…
    mi trovo a pensare a lui un minuto, a chiedermi se mi prende ancora e mi rispondo “forse si” ma, poi presa dalle sue parole (ambigue e incerte), lo mandarei a quel paese…e lo cancello dall’elenco del telefono…che strazio!
    Sono in una fase in cui lascio che le cose vadano cosi senza eventi, ma credo di perdere tempo!
    un abbraccio a tutti!

  217. stefania ha detto:

    Non fare niente Valentina…. aspetta…. ascoltati e cerca di rimanere collegata all’energia dell’universo.
    so per esperienza che, quando c’è confusione dentro noi, non è possibile prendere alcuna decisione.
    E, soprattutto, non avere paura del tempo, il tempo che ci concediamo per capire, non è mai sprecato. Queste sono le parole che anch’io mi ripeto continuamente. Un abbraccio

  218. moni ha detto:

    ciao a tutti, e buona pasqua in ritardo!!!
    Anche io penso che come mi disse una volta una persona saggia: prima di prendere qualsiasi decisione, fermati, riporta la pace nel tuo cuore e poi agisci perseverando nella scelta fatta a cuore calmo…..ma capisco anche chi, subendo un’altalenarsi di emozioni fa fatica a creare un momento in cui la pace è assoluta perchè ogni volta che ci prova i dubbi riaffiorano……l’unica cosa che mi sento di dirti è ciò che farei io, metterei da parte la paura di soffrire che è sicuramente ciò che più ci impedisce di avanzare in una situazione instabile” e correrei il rischio.
    Questo perchè penso che solo vivendo l’esperienza si può ottenere un qualcosa, rifuggendola si è sicuri della sconfitta in quanto nemmeno ci si prova.
    Non so se il sunto stia propriamente nella frase: meglio avere rimorsi che rimpianti….perchè mi sembrerebbe un eccesso ma sicuramente sta in :almeno ci ho provato!!!!le situazioni del cuore possono essere spinose però portano anche ad imparare l’amore incondizionato quello cioè di chi ama senza aspettarsi nulla in cambio…..un abbraccio grande grande e che la Luce del tuo cuore ti indichi la strada……moni :o)

  219. valentina ha detto:

    per moni:
    grazie anche a te di cuore per le tue bellissime parole.
    Ragazzi/e non so come ringraziarvi.
    E’qualche giorno che nei miei pensieri c’è un barcollamento totale che queste parole dette per intero mi fanno solo bene…
    grazie davvero.
    Mi darò qualche giorno ancora..poi continerò nel mio percorso di crescita..se sono giunta fin qui un motivo ci sarà!
    a presto!!

  220. valentina ha detto:

    Ciao a tutti!buon 25 aprile!
    Volevo solo aggiornarvi sulla situazione!innanzitutto tutto, come ho già fatto, vi ri-ringrazio per l’appoggio delle scorse settimane!
    i miei numeri continuano e sono più consapevole di ciò che mi accade. Ho capito che ciò che volevo prima è ancora attuale e con le solite conferme, lo avrò prima o poi!
    i numeri inizialmente erano scomparsi, ora invece sono ritornati.
    Appaiono sopratutto quando “quella persona” è in procinto di farsi sentire.A distanza di ore, di pochi giorni, zac,lo sento o lo vedo..
    Vi chiedo questo ora:
    è capitato in qeusti 9 mesi in cui non ci siamo mai visti e sentiti poco, che i numeri facevano capolino nella mia vita come niente..
    l’altra sera, siamo usciti per cena insieme. Nel tratto di strada per arrivare a destinazione, gli stessi numeri fatidici, si sono presentati diverse volte anche con lui vicino.Ogni volta che guardavo qualcosa, lo sguardo si posava su di uno di loro che cmq mi riportano a lui..
    che vorrà dire secondo voi? è la prima volta che mi accade in sua presenza!!
    grazie ancora!aspetto i vostri preziosi pensieri!
    un abbraccio

  221. Giorgia ha detto:

    hei ciao!!!che dire, visto che anche nella mia vita ci sono dei numeri e una persona speciale, che nel mio caso non riesco a capire(a dirla tutta non mi voglio mettere davvero in gioco), comunque posso dire che nel mio caso i numeri sono come un incoraggiamento, non tanto la giuda verso un’azione, ma piuttosto un “guarda che non sei sola”, come una conferma che posso davvero credere, anche nei sogni, anche nelle cose che adesso sembrano così assurde lontane o semplicemente impossibile, perchè in fondo non è facile “crederci” davvero con tutti noi stessi…crederci veramente… e poi dicono che se ci credi veramente nulla è impossibile…ma allora cosa vuol dire di preciso crederci davvvero?? in ogni caso a me capita che appaiano i numeri quando sono con questa persona…in realtà non gli ho mai attribuito un significato preciso,a parte appunto quello dell’incoraggiamento,ma magari è soggettivo…be’ buon proseguimento!!!baci e buon 25 aprile!

  222. moni ha detto:

    salve a tutti e buona liberazione (quella che intendo io è: buona liberazione da dubbi e paure)!!! Dunque partendo dal presupposto che i numeri hanno un loro significato ben preciso e soprattutto soggettivo a mio parere, credo che ognuno di noi dovrebbe riuscire ad associarli ad un qualcosa e che comunque solitamente quel qualcosa ha un significato che va al di là di persone o cose ma si lega ad un aspetto spirituale. Ad esempio nel vostro caso è sì legato ad una persona ma forse venite spinte verso essa o il mess vi arriva legato alla stessa perchè proprio grazie a lei vi potete liberare di una paura o evolvere in un’altro senso, spesso prima di scendere in terra chiediamo ad anime che hanno un particolare legame con la nostra di aiutarci. Al di la di questo aggiungo che è anche possibile che i numeri scompaiano una volta ricevuto il messaggio, ad ogni modo è importante più che i numeri analizziare cosa provate voi in questa situazionese, se avete dei blocchi da rimuovere o se c’è qualcosa che vi impedisce al di là di voi di realizzarvi in qualche modo, il tutto ovviamente dovrebbe essere fatto senza paturnie semplicemente ascoltandosi volta per volta, evitando di far prevalere la paura e lasciandosi andare alla vita senza ragionarci troppo sopra, a volte sono la mente stessa ed il ragionamento che quest’ultima incessantemente produce a creare una gabbia dalla quale non riusciamo ad uscire. Per voi la Luce della chiarezza, a presto Moni :o)

  223. Giorgia ha detto:

    grazie Moni, quello che dici ci sta in pieno, grazie davvero…baci

  224. ada ha detto:

    Ciao,
    la mia ragione non si soddisfa..anzi credo che si stia travisando il signoificato di una ricorrenza di eventi che non scade nella banalità di numeri letti sui manifesti per strada o sul posteriore di un tram..attenzione siamo figli del caos e c’è una scienza la statistica che ci dice già quello che potrebbe potenzialmente accadere..perfino quello che sceglieremo tra un’ora…non si può credere ad una serie di coincidenze che non rientrino nella sequenza di possibilità a cui ogni essere umano è esposto, solo per il semplice esistere e attraversare il tempo! cosi se si cerca la chiave con la quale gli eventi si accumulano un attimo in un punto non è nelle banalità che la troveremo ma in un movimento intrinseco di cui spesso nemmeno ci accorgiamo, bisogna avere vista lunga e udito sintonizzato sulle frequenze poco percepibili…e molte volte non ci è dato di capire!!!attenzione a insuperficialirci perchè il non capire significa anche accetare la nostra complessità che è mistero, che si muove su una bozza di disegno che non è ancora opera d’arte…..

  225. moni ha detto:

    ciao a tutti, ciao anche a te Ada, io penso che se si siesce ad entrare nel flusso delle coincidenze si scopre il miracolo del fluire, ciòè tutto è concatenato con una tale perfezione che si arriva a commuoversi per tanta efficienza, aprirsi agli eventi non vuol dire dare pace all’intelletto, alla ragione ma ascoltare col cuore e a mio avviso solo quando si riesce a fare ciò si arriva veramente a capire perchè un numero ti sta inseguendo, perchè quel giorno hai incontrato la tal persona e così via….è nella nostra natura farsi delle domande di fronte ad eventi che si ripetono anche se però purtroppo non tutti si accorgono di queste ripetitività, perchè sono una grande aiuto. Stupirsi e farsi domande per questo non è superficialità ma è voglia di partecipare e entusiasmo per la perfezione che nelle piccole cose ci è continuamente rimarcata, ad ogni modo questa è la mia verità che anche se non coincide con la tua è comunque esse sono per ognuna di noi la nostra personale giusta strada in questo momento ciao :o)

  226. peppe ha detto:

    Si, bisogna seguire le indicazioni, anche quando sembrano eventi negativi. Solo quando non riusciamo ad interpretare quello che ci succede o non vogliamo collaborare, cominciamo a vedere quello che ci capita, come un problema..

  227. green ha detto:

    Ciao a tutti, ho visto per la prima volta oggi il sito, il libro l’ho letto nel lontano ’96 (..e riletto un paio di volte)e devo dire che qualcosa è cambiato, ma che le interpretazioni che uno può dare agli avvenimenti sono tante e dipendono sempre da qualcosa che ritengo stia alla radice. sicuramente la fiducia porta sempre da qualche parte..
    sono tornata a cercare qualcosa sulla profezia dopo aver visto su you tube il seminario di Bruce Lipton, lo consiglio a chi non l’abbia mai visto, ci trovo molto dei meccanismi celestiniani, e il tutto con un fondamento comunque scientifico.
    Un abbraccio a tutti, e la raccomandazione di restare sempre forti, tranquilli e vigili!!

  228. patty ha detto:

    Vorrei sapere come si chiama il protagonista del libro…

  229. patty ha detto:

    Ho letto il libro ora per la prima volta. Mi era stato consigliato tante volte in passato da molte persone che ho incrociato, ma non ho mai dato retta a nessuno. Deduco che non era il momento giusto per me. Ora quel momento è arrivato. Ho letto molti dei vostri commenti e mi trovo d’accordo con la maggior parte dei vostri pensieri. L’unica curiosità che mi è rimasta è: come si chiama il protagonista del libro. Io non sono riuscita a trovare il nome. Qualcuno di voi lo sa?
    Grazie

  230. moni ha detto:

    Ciao vorrei aiutarti Patty ma sono un disastro quando si tratta di ricordare i particolari. Non vorrei dire una cavolata dicendo Jhonn, io ho anche il dvd e pur non avendo notato nel libro il nome del protagonista assolutamente nel dvd lo chiamano per nome, ovviamente. Mi sembra Jhonn ma non ci giurerei, quando ho un attimo guarderò il dvd per metterti al corrente ciao Moni :o)

  231. moni ha detto:

    Ciao vorrei aiutarti Patty ma sono un disastro quando si tratta di ricordare i particolari. Non vorrei dire una cavolata ma mi sembra Jhonn, io ho anche il dvd e pur non avendo notato nel libro il nome del protagonista assolutamente nel dvd lo chiamano per nome, ovviamente. Mi sembra Jhonn ma non ci giurerei, quando ho un attimo guarderò il dvd per metterti al corrente ciao Moni :o)

  232. Raffaele ha detto:

    Salve ma lo sapete cos’è oggi……eh eh…San Celestino….e beh questa non è una coincidenza significativa……..però è significativo ricordarlo quì. Ciao a tutti

  233. patty ha detto:

    Sono contenta di aver trovato questo forum. Se si parla di queste cose con la gente comune si rischia di essere considerati un po’ pazzi, o con qualche rotella in meno. Cmq è verissima la questione delle energie e delle coincidenze. La sto sperimentando di giorno in giorno sempre di più. Vi consiglio anche il libro The secret che parla della potenza del pensiero positivo. Sto cercando di mettere in pratica anche quei concetti e vi assicuro, funziona!!!
    Baci a tutti

  234. patty ha detto:

    Ho fatto un sogno bellissimo e vorrei raccontarvelo. Ho sognato di essere in un vicolo di Parigi, camminavo a piedi. Indossavo un abito bianco candido e lungo, ma non era un abito da sposa. Avevo capelli lunghi e biondi mossi da una leggera brezza (i miei sono lunghi e biondi, ma non così lunghi come nel sogno). Mi dirigevo con passo leggero verso Notre Dame dove io e il mio fidanzato (che non ho) vedevamo chiaramente dei campi di energia fortissimi che circondavano la chiesa. Mentre procedevamo trovavo in terra gioielli con diamanti e li raccoglievo. Dopo un po’ avevo le mani piene e non sapevo più come prenderli. Altre persone davanti a noi andavano verso la chiesa, ma non vedevano i campi di energia. Io mi rivolgevo al mio fidanzato e gli dicevo: “La vedi anche tu l’energia?” e lui rispondeva “sì”. “E allora andiamo” rispondevo io. E abbiamo ricominciato a camminare. L’energia era di un bianco trasparente a tratti cangiante con i colori dell’arcobaleno. Prima di arrivare alla chiesa mi sono svegliata… Un incanto. Vi sarei grata se mi aiutaste a decifrarlo. Che ne pensate?

  235. Raffaele ha detto:

    La spiegazione la troverai semmai te…..più avanti….per le cose che accadranno forse in seguito nella tua vita…..oppure per via dell’evoluzione della tua coscienza. Lasciati andare……lasciati trasportare…il fiume della vita deve ancora condurti in questo luogo di consapevolezza…..per cui drizza le antenne. Ciao

  236. green ha detto:

    @patty: che sogno meraviglioso.. non può che essere un buon segno! come dice raffaele senz’altro troverai tu i collegamenti con la tua vita. 🙂

  237. patty ha detto:

    Ho visto il film La profezia di Celestino in dvd. Meravigliosa la musica. Quanto a spiegazioni sulle illuminazioni, il libro è certamente più completo. Sto facendo ricerche sulla musica (o suoni) capaci di stimolare la parta dormiente del nostro dna. Secondo alcuni fisici quantistici, risvegliando quella parte di dna inutilizzato, si riattiverebbero poteri della mente che abbiamo, ma che a causa di certa cultura millenaria, abbiamo atrofizzato. Ne sapete nulla?

  238. Raffaele ha detto:

    Beh diciamo che bisogna andarci un pò cauti……siamo in mezzo tra quelli che si fidano solo del modo di procedere classico, che scorpora le cose materiali da quelle che solitomente vengono rilegati nella “metafisica” quantomeno a partire dal 16 secolo con Cartesio ed gli studiosi, frà cui imminenti premi nobel per la fisica (Wolfang Pauli) ed altri come David Bohm, ed altri ancora in vita ed attivi, come Massimo Teodorani, che coraggiosamente considerano l’aspetto, che sembra sfuggire alla fisica canonica o trascurato per comodità perchè terreno insidioso e poco sondabile dalla ricerca scientifica così come la conosciamo in questi ultimi 4 secoli, approntato per la prima volta da Cartesio e Galileo. Ti consiglio come inizio il libro di Massimo Teodorani intitolato “Sincronicità” e poi documentati sù internet, metti sul motore di ricerca il nome Gustav Jung e Wolfang Pauli….Poi mi dirai….comincia da quì per ora. Ciao a tutti.

  239. Giorgia ha detto:

    sarà..ma io il prossimo anno farò fisica all’università..e se ci riesco, sarò una di quelle che applicheranno alla lettera il metodo scientifico.ovvero osservare e verificare..e se vedo (vedrò) l’aura o un campo di energia o qualunque cosa..be’ non potrò che crederci e studiarlo se potrò.. e dovro qualcosa anche a celestino..bacio!!!
    ps:quando ho saputo che piero angela aveva prima visto e poi screditato Rol, mi è crollato un mito, visto che sono cresciuta con i documentari sui leoni..peccato che gli scienziati che non credono in ciò che vedono non capiscano di essere più simili a fanatici religiosi che a veri scienziati, seppur con tutti i meriti che hanno

  240. patty ha detto:

    Il problema è che gli scienziati dovrebbero essere soprattutto curiosi e aperti alle novità, mentre sono tutto tranne che di larghe vedute. Se io fossi uno scienziato il primo istinto che mi verrebbe di fronte a tali fenomeni è quello di studiarli. Certe persone purtroppo vengono etichettate come scienziati da un gruppo di persone (universitari, baroni degli atenei) che hanno ottenuto onorificenze e titoli per raccomandazioni o attribuendosi il merito di ricerche altrui. La prova è che quasi sempre le scoperte più clamorose vengono fatte da persone che vengono screditate ed emarginate dal mondo accademico e solo molto tempo dopo la loro morte viene riconosciuta la validità delle loro scoperte. Quanto a Piero Angela hai la mia piena solidarietà. Anche io sono cresciuta con Quark e di fronte a tanta chiusura mentale da parte di un giornalista (altra categoria che dovrebbe essere curiosa e aperta) sono rabbrividita. Ma alla fine sai che ti dico? Peggio per loro. Sono poco evoluti. Non sanno cosa perdono…

  241. Eleonora ha detto:

    ciao ha tutti sono nuova mi piace molto il vostro pensiero le cose ke dite sono vere….mi piacerebbe fare mia questa disciplina ho bisogno di cambiare sono in stato di depressione ansiosa e per la rabbia che ho repressa vado da una psicologa psicoterapeuta sono solo 2 volte che ci sono andata pero non lo so oggi mi sento veramente depressa…ho letto qualcosina su conversazioni con dio….sara stato un caso boo…haa se ci fosse qualcuno ke applicherebbe questa disciplina sarebbe fantastico…ho visto anche the secret e ho letto molto sul theta healing…vi prego aiutatemi che strada devo prendere non ho piu voglia di cambiare psicologhe…e poi c’e un’altra cosa che vorrei raccontarvi…..non so da quanto tempo o forse quasi 1anno che la notte sogno sempre il mio ex lo lasciato io ma me ne sono pentita piu della mia stessa vita…e adesso ne soffro…io convivo e ho un figlio e lui la stessa cosa….non capisco perche lo sogno quasi tutte le notti….ragazzi cio una rabbia dentro non so come fare per liberarmi da essa e tutta la sofferenza….cosa vuole dirmi la vita non riesco ha capirlo….grazie a tutti voi un saluto.Ele

  242. Eleonora ha detto:

    spero qualcuno riesca a rispondermi

  243. Raffaele ha detto:

    Ciao Eleonora…….anche per me è stata una storia d’amore andata a male ad aprirmi definitivamente a questo tipo di esperienze, ma devo dire che comunque sono sempre stato interessato dall’insondabile, che c’è e permea anche quello che noi riteniamo vuoto. Ora non stò a raccontarti tutto….magari sè guardi qualche mia precedente lettera potrai avvedertene, ma dirti in estrema sintesi che di per sè il psicologo non è una cosa nefasta…….per un’anno anche io ho fatto sedute di psicoterapia……e credimi sè li affronti con lo spirito giusto funziona eccome……ma il lavoro lo devi fare te….l’operatore stimola solo la ricerca……ma nella cantina buia ci devi rovistare te.
    Anzi ti dirò che sè andarci ti crea ansia e tensione….o altro vuol dire he siete sulla buona strada…..è una terapia come le altre e il dolore è inevitabile per cercare di riappropriarti della tua serenità,….bisogna passarci…..Semmai non cambiarne di frequente…questo sì che è nocivo….a volte l’approccio è molto diverso tra l’uno e l’altro e questo può ingenerarti confusione. Penso che per te adesso il problema principale è il senso di colpa che ti cova dentro…….però è anche un’opportunità anche per intravvedere nuovi orizzonti e comprendere che la vita è ben altro dell’amore fisico o dal possedere qualcosa….solo il baratro della disperazione può darti la voglia di questa esplorazione e mandarti al di là della sofferenza per rinascere a nuova vita. Quì sei nel sito giusto….parliamo e ci occupiamo di questo….lavoriamo per noi e per gli amici come te che si aggiungono. A presto

  244. Giorgia ha detto:

    guarda, io ho passato anni pensando che la rabbia fosse una cosa brutta cattiva e negativa da eliminare e sopprimere, un rapporto con questo sentimento molto occhio per occhio direi,l’ho odiata odiandomi quando mi arrabbiavo..sai che penso ora?? che sì è vero la rabbia è importantissimo saperla controllare, non bisogna mai perdere la consapevolezza di sè stessi, mai… però dalla rabbia può arrivare un’energia enorme, si tratta solo di saperla sfruttare e controlare, ti fa sentire vivo, e ti verrebbe voglia di spostare e le montegne e salvare il mondo..tramutare l’energia che da la rabbia in energia utilizzabile per qualcosa che ti faccia sentire viva..io per esempio se sono turbata..riordino casa!!!ognuno ha i suoi metodi..sono comunque convinta che la rabbia vada capita accettata, controllata certo, e magari col tempo superare ciò che ci fa arrabbiare..ma reprimere no…quando reprimiamo qualcosa e cerchiamo di far finta che non esista…be’ magari ci vogliono anni ma torna…sempre..per forza, stile polvere sotto il tappeto..
    per quanto riguarda il tuo ex…forse significa che sei molto legata al passato..magari lui rappresenta qualcosa…potrebbe essere un simbolo..non so, sono ipotesi
    posso dirti però una cosa certa, tutto il lavoro che fai su di te, tutte le lacrime e tutto il dolore che affronti, non vanno mai persi o sprecati, servono tantissimo, ci vuole coraggio e ci vuole tempo, ma puoi stare certa che da qualche parte arrivi, acquisisci innanzi tutto consapevolezza ti conosci e se c’è una chiave per conoscere ciò che ci circonda per me è questa,consapevolezza, sembra un concetto molto semplice, e lo è anche troppo, infatti è dato per scontato e qui casca l’asino,
    ok ora basta, ti consiglio di leggere qualcosa sull’enneagramma, parla anche di rabbia e con me ci ha azzeccato moltissimo, ma ricorda che tu sei l’unica e sola che può davvero giudicare se stessa tutto ciò che ho detto può essere giusto o sbagliato ciò che conta è che sia utile
    un abbraccio

  245. Eleonora ha detto:

    @Giorgia: ciao giorgia innanzi tutto volevo ringraziarti per avermi risposto essere consapevoli di se stessi della propria rabbia significa accoggersi che c’è e controllarla ma senza reprimerla….io cio anche il mio lato nero le mie paure mi fanno paura…in passato ho represso troppa rabbia e adesso mi si e rivoltata contro anche con paure assurde e insignificanti ansia ecc..vado dalla psicologa mi ha detto di scrivere tutto qhello ke sento…esempio se ho la rabbia o paura apro il quaderno e scrivo tutto quello che sento e tutto quello di cui ho paura…il mio dolore che è infinito..ho appena iniziato speriamo che servi a qualcosa cmq grazie dei tuoi consigli ho letto qualcosa su internet sull’enneagramma ma ci sono tanti libri e non so quale scegliere e poi mi sembra complicato come si fà ha capire…grazie…un saluto eleonnora

  246. Eleonora ha detto:

    @Raffaele: ciao raffaele grazie dei tuoi consigli sono felice di aver trovato questo sito cmq io non voglio cambiare psicologa ho paura di fare un buco nell’acqua ho di aver trovato quella sbagliata…oggi ho fatto una seduta tutta a piangere, lei e una psicoterapeuta breve strategica non so se ne ai mai sentito parlare…adesso mi sta facendo scrivere tutto quello che provo rabbia paure ansie dolore tutto..su un quaderno non sò a cosa potrebbe servire…la rabbia e quella che piu ho paura sono perennemente arrabbiata e poi quella repressa che sta venendo fuori sono sempre nervosa…bisogna provare x vedere i risultati se no mi tocca cambiare psicologa o terapia…vorrei leggere il libro conversazioni con dio secondo te sarebbe utile…grazie di cuore…un saluto eleonora

  247. Raffaele ha detto:

    Ascolta Eleonora lo sò che per ora sembra tutto impossibile o difficile…..posso suggerirti delle strategie mie personali…..penso che possano esserti utili anche sè te sei donna e abbiamo vissuti precedenti diversi. Per cominciare a proposito di pscologia tieni in mente questa regola….semmbra banale ma non lo è affatto, non c’è alcun trucco prendila alla lettera ed esercitati ad ogni occasione, qualunque cosa ti accada, pensi, sogni o altro non scandalizzarti, non meravigliarti, non spaventarti…..nulla può farti più male di quanto credi di provarne….è la soggettività del pensiero che porta ad amplificare le paure. Fai conto che ti aggingi a risalire dal pozzo…..salire è più faticoso di scendere…ma ti porta di nuovo a rivedere la luce. Non attaccarti ai pensieri…arrivano?…bene lasciali scivolare via…non devi impedirti di pensare…..ma acquisire l’abilità di non aggangiarti ad essi…fai la stessa cosa anche con quelli buoni….lascia fluire il tutto. Non usare farmaci trnquillanti o altro….anzi sii sempre vigile e consapevole così non metterai la polvere sotto il tappeto ma la spazzerai via. Io ero arrivato al punto di aver paura del sonno….perchè temevo il risveglio in una relttà che non accettavo…..risultato dormivo per la stanchezza e con un nulla mi svegliavo con le palpitazioni e il desiderio di correre da lei….ma mi sono imposto di non farlo. Dopo 20 giorni ho detto basta e ci ho messo tutto la mia forza, come altre volte in passato…..e dopo circa un anno erò non quello di prima…meglio..e continuo nella voglia di progredire. Sè analizzi bene i personaggi delle storie t’accorgi che della presenza di anime in pena….vincente, perdente, concetti da cavernicoli….si è vittime e carnefici in questa vita…non abbiamo ruoli predefiniti, dietro ad ogni bugia, tradimento, desiderio c’è sempre quell’ego….quello che noi crediamo il nostrò “SE” che vuole pervenire ad una sua idea di felicità che non esiste e pretende pure di mantenerla in eterno. Ma esso è il “FALSO SE” quello vero lo dobbiamo scorprire e lo possimao fare cercando i riscontri dentro di noi e non dalle conferme estrene a noi. Sè è vero che l’intuizione è prerogativa più femminile che maschile ti sarà più facile…..segui l’intuizione non attacarti alla forma che vedi…..ma cerca di coglierne la sostanza. Ti sembrerà un discorso astratto ma non lo è…..e forse sei anche sulla strada e non te ne sei ancora accorta……….

  248. Eleonora ha detto:

    @Raffaele: ciao raffaele grazie ma e tutto cosi difficile oggi e stata una giornata da fuoco la rabbia ha preso il sopravvento sono arrabbiata vorrei spaccare tutto ho paura delle volte talmente la rabbia di impazzire o fare del male a me stessa o a qualcuno queste sono le mie paure…oggi talmente avevo rabbia che ho dato un pugno alla porta e mi sono fatta male il polso,mio figlio piange in continuazione e io grido sembro esaurita e mi dispiace e mi sento in colpa perche il bambino diventa nervoso e io non voglio ma la rabbia e troppo forte e viene anche senza motivo solo che sento dei rumori o qualcuno gridare che mi viene la rabbia la mia psicologa mi dice di scrivere ok ma poi come la gestisco sta cavolo di rabbia e in piu quella repressa…avvolte vorrei morire..non riesco ha trovare una via d’uscita..faccio incubi mi vengono pensieri terribili di morte non ho piu pace e un inferno ho paura di farmi del male a me stessa ho a qualcuno della mia famiglia tutto questo e cosi assurdo e la troppa rabbia mi si e rivoltata in questo modo…ma perchè…non trovo nessuno che mi possa aiutare veramente io continuo a scrivere la rabbia le mie paure..ma ha cosa servirà…un altra delusione e unìaltra terapia che neanche so quale intaprendere sono confusa scusate x lo sfogo ma oggi e stata una giornata infernale…un saluto a tutti e a te raffaele

  249. peppe ha detto:

    X Ele
    Non ho capito bene, hai rabbia perchè ti sei lasciata col tuo ex? l’hai lasciato tu, e ora te ne sei pentita e non sai come tornare indietro o non puoi tornare indietro?

  250. Giorgia ha detto:

    eleonora…resisti, puoi farcela…fallo per tuo figlio…lui ha solo te e nessun altro, tu sei tutto per lui, e in te ripone piena fiducia…è tuo figlio..tu sei il suo punto di riferimento, il legame che c’è con lui è speciale per forza,prova a trovare la forza che ti serve pensando a coloro a cui vuoi bene, forse non te lo dimostrano, ma chi ci sta vicino farebbe di tutto per vederci stare bene, posso dirlo perchè lo so per esperienza, mio padre ha avuto dei problemi di esaurimento, io sono ancora molto giovane e so bene cosa significhino certe cose per i figli…senti, causa effetto, se ti arrabbi c’è un motivo, per forza, potrebbe sembrare anche una cosa banale ma è reagiamo vuol dire che per noi è importante e tu lo devi assolutamente trovare, riflettici, prova con la meditazione…davvero però ricorda sempre che l’amore di chi ci circonda è davvero enorme..ti assicuro che se potessimo percepirlo forse piangeremmo per ore dalla commozione..la vita in fondo è un dono, voluto o no, è tutto troppo organizzato e perfetto per non avere un senso, anche se ben nascosto spesso!!!
    ti prego ogni volta che ti arrabbi pensa alle persone che ti vogliono bene e a cui vuoi bene e che ti vorrebbero aiutare,e prova a vedere le cose da un altro punto di vista, come se la tua vita fosse un film, a volte serve eprova a riderci su…l’autoironia fa miracoli!!…inutile dirti che spero che tutto ciò che ti diciamo ti sia d’aiuto e che col tempo la situazione migliori, e soprattutto non pensare male di te solo perchè urli e ti arrabbi,ognuno ha il suo percorso e tutti vano rispettati….
    un bacio e un abbraccio

  251. Raffaele ha detto:

    Sei nel pieno della tempesta per ora……per cui ti ripeto qualunque cosa ti passa per la mente “non ti scandalizzare, non ti meravigliare….e non ti spaventare” sono loro i demoni interiori che la tua insicurezza, la rabbia e il rancore hanno svincolato dalle catene che li tenevano…..ma bada ci sono sempre stati. In questo momento in te piange quell’antico bambino che ci portiamo dentro…..non più per un bambola rotta, un rimprovero, ma per un altro giocattolo di cui ti senti ingiustamente privata…..e l’antico paura atavica dell’abbandono e della perdita. Guarda la cosa da un altro punto di vista…pensa che nulla ci è dovuto……che quello che non hai forse non è essenziale come credi…e sopratutto vorrei dirti a proposito del bambino di non comunicargli le tue tensioni. Sono figlio di separati e non ti dico cosa ho dovuto vedere e sopportare da 5 ai 15 anni……e qualcosina anche dopo….Botte da amdo i due genitori…..mia madre lo faceva per disperazione….ma poi si pentiva….e sono ricordi vivi quelli…e alimentano (ma ora molto meno) la mia malinconia, certi luoghi, il mare tempestoso, insomma ho fatto un lavoro mio negli anni di elaborazione, ma non è stato sufficiente, da adulto rivivendo gli stessi percorsi da attore e non passivamente mi si sono ripresentati davanti questi ricordi rinvigoriti. Così ho deciso di contattare un psicoterapeuta conosciuto 10 anni prima in un corso e per un anno abbiamo fatto un percorso…..ed sicuramente ha aggiunto molto, sono più abile a gestire le tensioni…..la rabbia arriva sì…fino a ieri sera…ma và via subito….non mi ci attacco….e così non l’alimento e va via. Tu non la devi reprimere..non ci devi lottare…lascia che ti avvinghi, ti morda…..guardala per quello che è….una forza fittizia…una tigre di carta, non dargli potere non temerla, rispetta la sua natura, alla fine ti mollerà e scivolerà via. In questo momento te sei la nemica di te stessa. I pensieri di morte sono normali…..stai elaborando a modo tuo un lutto…..la fine di qualcosa di cui ti attibuisci la responsabilità….ma rifletti è proprio vero….e sè è accaduto magari non ti avrà capita…..insomma non vi siete trovati…..ci vuole “intelligenza emotiva” e sottolineo emotiva per vivere un rapporto d’amore sano…..e bisogna avercela in due. Ti prego di volerti più bene……di ricordarti che hai un bambino……di non fare sciocchezze e che vivi una fase transitoria della tua vita da cui nè uscirai più forte. Cerca un luogo fisico, un rifugio qualche posto dove ti senti più protetta, nel frattempo continua l’iter con la pscoterapeuta…pazienta vedrai che quando farai un passo avanti ti sorprenderai…..un sogno, una nuova capacità, un’intuizione, insomma ti accorgerai di aver conquistato qualcosa e non lo perderai più….anche quando penserai che stai regredendo o sarai nuovamente preda dello sconforto….è un inganno dell’io che non si arrende…indietro non si torna. Devi conviverci devi capire che il tuo io è un bambino fa i capricci e le marachelle…..e che lo consideri per quello che è un bambino…..e non un tiranno a cui piegarti….ma sei sempre tu Eleonora…il bambino rappresenta la natura……ma noi siamo anche cultura….un connubio di natura e cultura……nel momento che togliamo di mezzo l’una o l’altra cosa son guai. In gamba.

  252. Eleonora ha detto:

    @Raffaele: grazie grazie e ancora grazie di cuore non so se stato un segno di dio ma ti assicuro ke oggi ho parlato con dio gli ho chiesto di darmi un segno o di illuminarmi su qualcosa per capire meglio e imboccare la strada giusta e adesso accendo il pc è trovo il tuo messaggio sarà stato dio tramite te e la tua esperienza di vita…vorrei dirti un’ultima cosa oggi ho chiamato la psicologa per dirgli che ieri sono stata piu male del solito e sai lei cosa mi ha detto ”ha se vuoi c’e un farmaco x calmarti però non voglio che tu lo prenda”ma scusa mi dice del farmaco e poi mi dice di non prenderlo ma non capisco e contradittoria e poi non ma dato nessun consiglio…mi ha solo detto ”ha se stai di nuovo male richiamami…io mi sono scocciata…una seduta la pago 75euro e faccio salti mortali per raccimulare i soldi…io avrei pensato di andare da un’altra psicologa,psicoterapeuta transazionale…quale terapia mi consigli?ormai ne ho cambiati un TOT…io se riesco non voglio assumere farmaci li ho gia presi in passato e il risultato e quello di adesso..e poi allatto mio figlio e non voglio staccarlo…grazie veramente di cuore che dio ti illumini sempre con affetto Eleonora

  253. Raffaele ha detto:

    La storia del farmaco è antica…..e maschera sostanzialmente l’incapacità di gestire la cosa….sè fosse una malattia organica allora sì abbinato o meno alla terapia tradizionale. Io ti dico di non prendere neppure le novalgina….tu dentro hai una forza che neppure sai di avere…..pensa quanta nè hanno avuta coloro che hanno affrontato un martirio terribile, che avrebberò evitato ripudiando sè stessi e il loro pensiero. A noi non ci viene chiesto tanto….ma ricordati che non ti verrà caricato un pesò maggiore di quello che puoi sostenere…..vedrai che al risveglio quello che ti sembrava essenziale lo sarà di meno….e scoprirai che il vero progetto sei te….lavora sù Eleonora, più in là l’altra Eleonaora si prenderà cura di te e come sè ti sdoppiassi e scoprirai di quanto a volte sia sciocco sentirsi soli e abbandonati. a quel punto il tuo viso irradierà una luce tale, che a sua volta sarai sostegno e forza per chi deve ancora affrontare questi travagli interiori. Per la terapia è necessario che tu abbia fiducia nell’operatore…..e continuare solo con la psicoterapia……il lavoro lo si fà quando si è soli al lavoro a casa cerca di essere meno parte di te stessa e analizzati nelle tue azioni sìì anche tu un osservatore…..e quando settimanalmente o quando ci ritorni portagli le tue impressioni…..i sogni…insomma tutto anche quello che a te sembra non rilevante. Conosci la storia del giunco e della quercia….la quercia scherniva il giungo perchè era all’apparenza fine…esile…flessuoso, di contro lei fiera, alta, robusta con saldi radici….ma quando venne la bufera il morbido giunco assecondo il forte vento piegandosi….l’altera quercia si contrappose ad esso invece spezzandosi e non sopravisse. Te hai capito devi essere come il giunco……non temere di piegarti….perchè sopravviverai alla tempesta e tornerai a drizzarti. A proposito a me ha aiutato molto la pratica continua dello sport 4-5 volte a settimana fà miracoli credimi.Lo sò che tutto ha un costo…..ma sè più in là puoi ti consiglio di recarti in una buona scuola di arti marziali, non solo pratica ma esercizio mentale amche……ti consiglio l’Aikido….io pratico il Kung-Fù shaolin dove abito io c’è un ottimo maestro…ma potendo cambierei volentieri per L’Aikido…..è l’arte della cedevolezza per eccelenza, ma mantenedo la fermezza sia nell’azione che nel pensiero.

  254. Raffaele ha detto:

    A proposito di segnali questa non è una coincidenza Eleonora almeno non nel senso classico……ha un nome particolare si chiama “Sincronicità” e si riallaccia più o meno con quello che discutiamo quì tutti noi……nè ho parlato molto in passato quì. Vai sù google cerca sul motore…..Scoprirai una storia insolita ma vera……quella trà uno dei padri della psicoanalisi C. G. Jung e un famoso fisico premio nobel W.Pauli quest’ultimo era andato da Jung a causa della sua forte depressione a causa del suo matrimonio naufragato con una soubrette e poi il suicidio della madre e da questo incontrò nacque una collaborazione feconda chè durò oltre 40 anni in cui per la prima volta il pensiero fino ad allora disgiunto dalla materia adesso trovava una sua cittadinanza nel tangibile, coniando per questa sinergia appunto il termine sincronicità. La cosa strana è che molte cose che ho rilevato in essa già facevano parte del mio intuito….ma pensavo che fosserò suggestioni. Non lo sono….e proprio in questo sito ho narrato un episodio trà i tanti che mi ha impressionato una serie di coicidenze apparentemente assurde, ma con un fine…..indicarmi in quel momento nerissimo della mia vita che non stavo morendo ma rinascendo. Io non sò sè sono sè ti sarò utile…ma di certo sono uno strumento nelle mani dell’intelligenza cosmica…..e parlarti anche sè non ti conosco non è solo la volontà di aiutarti, ma anche un debito contratto e che ora mi si dà la possibilità non di estinguere…non stà a noi stabilire il quanto e dove….ma di collaborare a questo disegno innalzzarci TUTTI a stadi più elevati….perchè pensare è come mangiare….sè mangi male intossichi l’organismo…e sè rimugini cattivi pensieri avveleni lo spirito. Ecco nell’ambito di quello che possiamo non avveleniamoci….è come l’esercizio fisico costante pratica e fiducia in sè stessi…..alla fine si può solo migliorare…senza fretta..con il dovuto tempo.

  255. Eleonora ha detto:

    @Raffaele: caro raff..grazie x i tuoi consigli mi fanno bene mi sento meglio e con un po di fiducia cosa vuoi dire quando dici scritto che la cosa strana e che molte cose che ho rilevato in essa facevano gia marte del mio intuito?e le coincidenze assurde in quel periodo nerissimo sei rinato? come hai detto tu sono nel pieno della tempesta ma che segnali dovrei cogliere?come si fa?e poi l’intuito?ma se è paura?a me succede sempre non so se e coincidenza o meno di conoscere persone piu depresse di me cosi x caso forse perche sono assorbita dai cattivi pensieri..allìimprovviso anche senza volerli vengono da soli i segnali sono terribili e questo cosè l’ego o l’energia negatica gira intorno a me e come la legge d’attrazione o mi sbaglio? solo come dici tu non bisogna lottarci ma lasciarli fluire senza spaventarsi o allarmarsi..io vorrei capire di piu come fare a sincronizzarmi all’universo x cogliere i segnali buoni..e quando i segnali sono terribili che cos’è..io ho paura…hai mai letto conversazioni con dio e un buon libro?li ti parla di segnali almeno credo ho letto qualche riga su internet..e il disegno come si fa a collaborare vorrei trovare la fiducia in qualcosa di grande cosi riuscirei a piegarmi al vento e poi tornare dritta senza rimuginare sull’evento…hai ragione la psicologa non riesce a gestire la situazione…ma vedremo..sembra essere forte con me ma non lo so..dice che se entro dieci sedute non mi sblocco devo cambiare terapeuta lei fa terapia strategica..ma mi sa che e meglio la classica non lo so sono un po confusa ne ho cambiate ma non mi e mai piaciuto l’approccio questa mi piace pero mi dice sempre di scrivere le cose brutte che mi passano nella mente..i demoni interiori mi piace questa affermazione!!!sono 3 volte che vado pero al parte scrivere non mi dice niente la vedo chiusa ma glielo dirò…voglio imparare tanto perchè ho voglia di crescere e le tue parole mi piacciono avvolte un po a fatica capisco..però cerco di sforzarmi ha capire…un saluto grande Eleonora

  256. Raffaele ha detto:

    Buona domenica Eleonora e anche a tutti gli amici quì non vorrei che sembrasse un monologo in due…..magari oltre a Giorgia e a Peppe…..potrebberò intervernire altri…Monia ad esempio….mà forse è in vacanza. Tornando a noi ti porto un esempio riguardo alle verità ovvie che non cogliamo….ti è mai capitato per anni di ascoltare una canzone….magari apprendi le parole…ti piace l’arrangiamento…..e poi ti capita qualcosa nella vita attinente a quel tema e d’un tratto realizzi ed è come sè l’ascoltassi per una prima volta. Ecco questo è un esempio banale trà la differenza del verbo apprendere e conoscere. Sono sensazioni…..non è una verita scritta…..magari una frase o un detto può essere un input…..ma quando entri in questo stato di grazia non puoi non accorgetene…abbi pazienza…suppongo che te sei molto giovane…..e appartieni ad una generazione più esposta ed indifesa agli attacchi feroci delle vicissitudini della vita, ma tu pazienta non aspettarti rivelazioni, il sito, io, i tuoi amici, il tuo bimbo…..il tuo compagno attuale la tua famiglia….siamo altre pedine di questo gioco ma le mosse le devi fare te. Anche il non agire di cui ti parlavo è un’azione….segui il tuo istinto….è come uscire da una foresta…quando sì è in un gruppo ognuno pensa la sua….ma l’oscurità incombe sù tutti. Io rispetto a te penso di aver trovato la via….ed ho appena iniziato a percorrerla……ho finito di girare per ritrovarmi nel luogo di partenza. Presta attenzione alle dritte della psicoterapeuta….ti darà delle soluzioni pratiche…..ma te devi collaborare. Pensa a volte volevo scappare quando ero in seduta mi sentivo a disagio…sentivo caldo…mi tornava l’ansia però in quel momento mi rendevo conto che stavo lavorando bene….e non mi prendevo in giro.

  257. Eleonora ha detto:

    grazie tanto raffaele senz’altro farò tutto questo e cercherò di fidarmi di piu del terapeuta…seguirò il mio istinto e le cose che mi fanno stare bene le farò anche se gli altri me lo vogliono impedire…io ascolto molta musica quella d’amore mi piace mi da delle sensazioni bellissime l’essere innamorati l’amore vero tutte queste cose belle che nella vita non ho in senso di essere innamorati del proprio compagno…ho 26 anni e forse ci vorra del tempo ma io spero con tutto il cuore di percorrere la strada giusta…un saluto a tutti,giorgia peppe monia anche se non ci siamo mai contattati,un saluto caro a te raffaele.ele

  258. Eleonora ha detto:

    volevo chiederti una cosa ma per parlare cosi bene e sapere tutte queste stupende..e stata la terapeuta?o alcuni libri che hai letto non penso che sei nato con questo sapere…ti invidio tanto sei cosi saggio nel parlare…un saluto buona domenica a tutti quanti ci sentiamo

  259. Raffaele ha detto:

    No il terapeuta è cosa recente….non ci sentiamo da 14 mesi….sì anche da lui ho imparato è chiaro qualche trucchetto…..però mi ha anche detto “chissà sè vero ” che in 45 anni di carriera non ricordava di aver avuto come paziente qualcuno che avesse lasciato un segno…o che l’impressionasse così positivamente” Per molti anni ho creduto di poter fare da solo….ma tutta la tua esperienza il tuo sapere non bastano….e bisogna avere l’umiltà di chiedere un aiuto…..ma per me sopratutto era una questione di fiducia….mi sembrava di gettare soldi e tempo….solo un dialogo normale…senza ipnosi o altri artifici. Le parole hanno un grande potere, la parola uccide, ma anche salva, nega e da speranza…ecc.. Riguardo alla mia preparazione ti dirò sono un perito elettrotecnico…laureato in scienze geologiche…..che lavora come assitente tecnico in una scuola superiore…con la passione della storia, delle scienze….in particolare della fisica e dei misteri della mente….la coscienza……e alla continua ricerca di una spiritualità scevra da superstizioni e paganesimo…ma indirizzata nell’arduo tentativo di comprendere il perchè dell’esistenza. Un bel guazzabuglio vero?…….

  260. Eleonora ha detto:

    @Raffaele: complimenti sono senza parole

  261. Raffaele ha detto:

    La cultura è una gran cosa……ma và presa con le molle….bisogna sviluppare un proprio pensiero….non bisogna rinchiudersi nelle certezze della scienza, nei dogmi sociali o religiosi….E’ nebbia e non ti fà vedere oltre. Bisogna imaparare a usare la mente….è non reagire solo per stimoli,riflessi, svincolarsi dagli stereotipi e non dipendere dalla critica altrui. Io mi vedo come un laboratorio vivente…sperimento sù me stesso e osservo gli altri….e certo mi aiuto magari con delle letture specifiche….ma sottoponendole ad una verifica o quantomeno ad una critica. E’il più bel viaggio che puoi fare….fallo anche te…..magari lo stai facendo in un modo diverso…però è necessario che nè prenda anche consapevolezza….ti sentirai piena e soddisfatta di te……passato e futuro non ti assilleranno….immersa in un eterno ed appagante presente. Eleonora alla scoperta di Eleonora.

  262. Eleonora ha detto:

    @Raffaele: anche io e da 2anni che cerco di fare questo viaggio sicuramente bellissimo libri,corsi,psicologi perche comunque mi rendo conto che ho bisogno che qualcuno mi aiuti a superare e a dare un senso all’inferno che provo dentro da 3anni..ma non riesco a trovare la strada giusta e allora mi deprimo perchè non riuscirò ha trovare la via della serenità..l’ansia mi divora la paura e i pensieri distorti sono sempre con me è cosi difficile lasciarsi piegare dalla tempesta…ci ho provato ma forse la paura è forte e mi fa sentire male..desidererei piu della mia vita ha non aver piu paura di niente soprattutto dei fantasmi della mente..la mente mente..spero a dio che un giorno riesca ha trovare la serenita e la pace interiore..un saluto a te e a tutti voi del forum..Eleonora

  263. Raffaele ha detto:

    Ma il cambiamento non sarà più nel non aver esitazioni, paure, ansie, o blocchi….ma nel saperle gestire, sono come dei fuochi….basta non buttargli legna. In tal modo li depotenzi. Ciao

  264. Eleonora ha detto:

    @Raffaele: se non butti legna sul fuoco ke arde…essa si spegnerà..ma poi potrà ritornare e io so che non dovro buttare legna sul fuoco si spegnera di nuovo e cosi via un saluto ciao

  265. Raffaele ha detto:

    E’ come un esercizio fisico…….costanza e tempo. ciao

  266. Giorgia ha detto:

    ma il fuoco non è per forza negativo no?? basta sapere come contenerlo, anche se c’è legna che brucia..mi piace l’associazione del controllo delle proprie emozioni ad un esercizio fisico, perchè in effetti è proprio azzeccato…visto che quando stiamo male a livello di sentimenti stiamo male anche fisicamente, anche se magari non sempre si nota…già solo il groppo in gola tipico di chi vorrebbe dire qualcosa ma non può \non ne ha la forza\non sa se va bene ne è un esempio..
    comunque è vero..ci sono dei momenti in cui è proprio triste..magari apparentemente la situazione “materiale\concreta2 non è cambiata oppure non è cattiva..però ci si sente male dentro..tristi depressi arrabbiati con se stessi..direi anche furiosi,letteralmente dilaniati dal dolore\rabbia\frustrazione o un po’ tutto…è li è davvero lunga…so che quando mi capita la cosa migliore è che io inizi a cercare di capire il perchè ammettendo innanzi tutto ciò di cui non sono soddisfatta..e poi veramente si “ricade”, sembra una situazione senza uscita..ma il fatto che non è una situazione fisica ma il modo in cui noi percepiamo noi stessi e il mondo…e quindi solo noi la possiamo cambiare..per fortuna per quanto mi rigaurda mi basta sedermi stringere i denti e pensare, magari in giardino e curandomi del fatto che nessuno noti gli occhi magari un po’ lucidi..eh sono sempre stata molto discreta..anche troppo e me lo rimprovero anche a volte..vabbè..era così per dire..anche a voi capita di sentirvi malissimo a volte senza quasi trovare una giustificazione “razionale” a prima vista??
    immagino di sì..cosa fate se vi capita??
    un bacio a tutti
    ah un’altra cosa..a proposito di visione e punto di vista..quando mi capita di essere arrabbiata\frustrata\depressa(con chi non importa) tutte le volte è come se la mia visione delle cose si restringesse..come se mi immedesimassi troppo nel dolore, senza cercare davvero di risolverlo..non so se mi sono spiegata..comunque..

  267. moni ha detto:

    Salve a tutti!!!! quanto avete scritto!!! non ci si può distrarre un attimo qui :o)……
    Prima di tutto preciso che mi firmo Moni ma il mio nome non è Monia bensì Monica ma queste sono decisamente quisquilie in confronto a ciò che racconta Eleonora.
    Innanzitutto ti stringo con un abbraccio perchè quando si soffre gli abbracci non bastano mai poi proseguo dicendoti una cosa molto importante già ben spiegata (come sempre) da Raffaele. Tutti noi che scriviamo qui, non siamo immuni a momenti di disperazione e paura come quelli che stai provando tu da un po’ di tempo a questa parte, semplicemente siamo sempre consapevoli, anche nella difficoltà, che tutto passerà, bisogna solo aspettare fiduciosi, vivendo il disagio fino in fondo, trasformandolo nel tempo (che con l’allenamento diviene sempre più breve)con estrema FEDE consapevoli che poi la pace torna…..sapere che tutto è esattamente come deve essere in ogni momento, anche quando questo essere non ci piace ma ci è estremamente utile nella nostra crescita personale. Le strade che ognuno di noi intraprende per affrontare questo lungo viaggio chiamato vita vanno tutte bene, assolutamente tutte, noi abbiamo solo il compito di trovare quella che ci è più affine ed una volta trovata, avere il coraggio di affrontarla….sai perchè ti dico questo?? perchè conosco troppa gente che si avvale del:prendi l’arte e mettila da parte!!!questo proverbio va benissimo ma dobbiamo stare attenti che non diventi una scusa per non mettersi a lavorare….cambiare continuamente “terapia” ci permette di scappare dal lavoro che dobbiamo fare su noi stessi, una volta che il dolore viene fuori diamo la colpa a quello che stiamo facendo perchè non ci solleva dalla difficoltà ma a volte invece, è solo il momento fondamentale in cui quello che deve essere pulito sta venendo fuori.
    Con questo non voglio dire che la tua giusta strada sia la psicoterapia perchè solo tu puoi avere questa risposta ma sottolinearti che lavorare su se stessi può non essere sempre piacevole. Non sono nemmeno fra quelle persone che credono che si evolve solo nel dolore anzi penso che si possa fare ed essere molto sereni e centrati ma prima di questo certe pulizie vanno fatte…….Ho letto che sai qualcosa di theta healing, bhe quella è la mia strada!! ce ne ho messo di tempo però per trovarla e comunque la personalizzo nonostante le chiare linee guida perchè tutto ciò che gli altri mi impongono come legge fissa mi sta sempre stretta quindi la mia vera e unica strada è il mio sentire anche se il theta mi calza a pennello. Sai da cosa ho capito che era per me? dal fatto che sin dal primo momento è stato per me semplicissimo, mi accorgevo che quello che per altri veniva fuori lavorando molto a me riusciva senza alcuno sforzo, ma ti assicuro che nonostante sia una strada a me più affine di altre non mi risparmia momenti di difficoltà quando vado a mettere un dito dove il dente duole :o) ho fatto il primo corso quasi in apnea :o) il mio sè separato o ego o come lo vuoi chiamare ha fatto di tutto per allontanarmi da una strada che lui sapeva benissimo avrebbe provocato un cambiamento e per quanto siano necessari noi non vogliamo i cambiamenti e ci opponiamo con sofferenze di ogni tipo, a volte anche con malattie mortali.
    Ho vissuto tre giorni respirando malissimo ma ben consapevole dhe il mio respiro sarebbe tornato normale al momento opportuno e così è stato, fede tesoro fede che tutto andrà a posto anche per te, te la invio con tutto il cuore, aggiungo che so in ogni mia cellula che non sei sola e non lo sarai mai, sei tanto amata sia da chi è incarnato sia in dose ancor maggiore e di un’amore puro e disinteressato da chi è in spirito….questo è almeno il mio credo e ingigantisce la mia fiducia ogni volta che vacillo….tante Luce Moni

  268. moni ha detto:

    ciao Giorgia,so di cosa parli quando dici che hai un emozione e non ne capisci il motivo.Alcuni anni fa mi è successo addirittura in grande scala :O) ho avuto per mesi la sensazione dolorosissima che mi fosse morta la persona in assoluto più cara al mondo e che non potessi sopportare un dolore così grande, quasi non riuscivo a sopravvivervi,il punto è che di fatto, nessuno era morto, non avevo un reale motivo per sentirmi così.
    Ho raccontato questo fatto un po’ estremo come esempio ma spesso ci capita di piccole e solo un po’ inopportune emozioni che ci danno fastidio ma non ne capiamo la natura, i motivi di queste emozioni possono essere davvero tanti, non sto qui ad elencarli, ad ogni modo è anche vero che noi abbiamo emozioni negative solo quando la nostra visione del tutto si restringe, esattamente come dici tu Giorgia.
    Quando riusciamo a cogliere il totale significato di una situazione la rabbia o qualsiasi altra emozione spiacevole sono già pronte ad andarsene, solo quando ci aggrappiamo alla nostra sensazione, vogliamo per forza sentirci vittime o abbiamo un bisogno narcisistico di aver ragione il dolore non ci abbandona, perchè restringiamo il campo a quel sentimento e del quadro ci appare solo la parte buia e priva di colore….un abbracci Moni

  269. Raffaele ha detto:

    Bentornata Moni…….sei stata in vacanza?…bene….io sono ancora in ferie ma lavoro ugualmente….da 10 giorni mi si sfascia a ciclo continuo: moto, autoclave, cancello elettrico…Ho riparato tutto tranne la moto e pure debbo fare le grandi pulizie….domani ricevo la visita dei tecnici comunali…Le mie almeno letture mi rinfrancano un pò….ma prima della fine del mese debbo pur andar almeno un paio di volte a mare. Sei in buone mani Eleonora……ora che la nostra amica Moni (trà le più attive)è tornata…Giorgia e Valentina di prenderanno cura di te…….e io mica vado in Brasile……resto quì nei paraggi. Ciao a tutti.

  270. moni ha detto:

    ciao Raf, leggo che ti si sfascia tutto, quali pensieri ti portano una realtà da accomodare costantemente?? i miei mi costringono a venire a patti con la rabbia in queste ultime due settimane, è uno sporco lavoro ma qualcuno lo deve fare :O)….scherzi a parte, le energie di questi mesi tendono a ripulire ciò che è necessario rimettere a punto, stiamo tutti (volenti o nolenti) spolverando la dove non avevamo mai messo mano e guardare la nostra parte meno piacevole non è divertente direi, l’importante è non giudicarsi o tantomeno sentirsi in colpa, prima arriveremo ad amare anche il nostro lato “oscuro” prima staremo meglio.
    Io sono in ferie fino a fine mese come molti di voi suppongo e da quel che ho letto, te compreso Raffaele, aggiungo buon mare vista la tua intenzione, per quanto mi riguarda: ho già dato!!!dico così perchè pur amando il mare con tutta me stessa la riviera adriatica in quaesto momento così caotica proprio non la reggo quindi, come si disse in un famoso film:ritorno a settembre :o) buona serata a tutti….pace e armonia

  271. Giorgia ha detto:

    grazie Moni per quello che scrivi!!
    curiosità.. cos’è che ci influenza a scoprire i nostri lati “oscuri” in questo periodo??
    però effettivamente corrisponde alla situazione in cui mi trovo…
    baci

  272. moni ha detto:

    Nel pianeta terra e nel genere umano in quaesto periodo stanno avvenendo grandi cambiamenti (questo è misurabile anche scientificamente) si sono alzate tantissimo le vibrazioni energetiche e tutto si sta velocizzando (non hai come l’impressione di non avere abbastanza tempo?). Storicamente nemmeno durante le grandi civiltà più antiche ed evolute era stata raggiunta una vibrazione così alta, ora è sufficiente che nemmeno lo 0,1% della popolazione raggiunga un certo grado di evoluzione, cioè la massa critica, per fare evolvere di conseguenza tutti gli altri. Le nuove vibrazioni così elevate, costringono quelle più basse a velocizzarsi, il che è solo possibile (avere vibrazioni elevate) se ci si pulisce da tutto ciò che impedisce all’energia umana di vibrare di più ovvero:paure, rabbie, tristezza, tutte quelle emozioni che fanno appunto parte del lato buio di ognuno di noi. Anime più elevate si offrono di aprire la strada a chi ha ancora un percorso più lento e quando un determinato numero di queste anime sarà raggiunto, l’evoluzione di queste ultime potrà essere trasmessa anche a chi non appartiene a questo numero ristretto. Per spiegarti meglio…la prima scimmia in un isola sperduta ha cominciato a lavare le patate nel fiume prima di mangiarle, imitata poi dalle sue compagne di tutta l’isola, è successo poi, siccome siamo tutti collegati,che raggiunta la massa critica, per trasmissione energetica le scimmie di tutto il mondo hanno iniziato a lavare le patate prima di mangiarle, mi sono spiegata???
    Lo stesso sta avvenendo alla razza umana sulla terra, il cambiamento energetico è avvenuto e sempre più persone raggiungeranno un certo grado di consapevolezza perchè l’aumento delle vibrazioni implica un maggior lavoro interiore che lo si volgia o no…più lasceremo andare il vecchio, più accetteremo di guardare dove non abbiamo mai voluto e accoglieremo con amore ciò che troviamo, prima potremo raggiungere una nuova stabilità basata sull’armonia, la gioia e la consapevolezza che si può evolvere senza sofferenza ma con Amore….è un discorso un po’ più complesso di così spero però almeno in parte di essermi spiegata Giorgia…..un abbraccio Moni

  273. Raffaele ha detto:

    E’ un periodo di stallo per me……pare che in assenza di esperienze, vivendo raccolto sù me stesso mi mancano gli spunti per progredire….le letture, la riflessione non basta….ci si avvita sù sè stessi. E’ vero che indietro non si torna…..ma una volta che sei riuscito per la prima volta a volare alto vorresti restarci. Non è possibile lo sò…..ma non finirò più nella gabbia mentale che mi ero costruito o quantomeno sapere che si può uscirne. Ciao a tutti Monia, Eleonora, Giorgia ecc…

  274. moni ha detto:

    Il punto Raffaele è che tu in questo momento ti senti come molti di noi, siamo in un momento in cui le nuove energie ci costringono ad un cambiamento e stiamo effettivamente cambiando solo che ancora non sappiamo chi stiamo divenendo,i nostri nuovi ruoli non sono ancora definiti quindi ci sentiamo frustrati, come fermi, immobili ma ben consapevoli che non è quello il nostro posto, non più.
    Piano piano la consapevolezza arriverà e ci accorgeremo che le nostre vite avranno profondi cambiamenti sia a livello emozionale che concreto, io stessa sento che sta cambiando qualcosa nella mia vita, che ciò che ho alle spalle ormai non mi appartiene, molto probabilmente avrò nuove occasioni di lavoro, anzi ne sono certa anche se al momento tutto sembra dover rimanere statico, il cambiamento però già lo percepisco, da qui la frustrazione, la stessa che probabilmente provi tu, dobbiamo solo avere pazienza….un abbraccio Moni

  275. moni ha detto:

    ps: qualcuno di voi ha mai letto “going deeper” di jaen-claude koven, a me risuona tantissimo quindi lo leggerò sicuramente…..serenità e pace Moni

  276. Raffaele ha detto:

    Beh questo non è proprio il mio posto l’ho sempre saputo……e sò cosa significa aspettare e aspettare…..la scoperta di questi tempi stà proprio in questo non proiettarmi nel futuro….non agognare o pensare chissà a quali mondi o situazioni appanganti o funesti….avendo finalmente realizzato la vacuità delle cose. Vivo in una famiglia in cui non mi sono mai sentito integrato…..in particolare con i miei fratelli e sorelle…c’è un ignorarsi reciprocamente, un’indiferrenza non dichiarata…..al di là dei crediti d’ogni genere che credo d’avere e che ho messo da parte c’è un’incomunicabilità caratteriale che non dipende neppure dalla cultura…..il non accettare tavolta diversità estreme……e accorgerti quanto si possa essere diversi all’interno dello stesso nucleo familiare. C’è una ragione anche in questo….forse non stò giocando al meglio le mie carte in questa vita o pretendo troppo da me stessò “Per la serie predica bene e razzola altrettando” Quell’antica superbia che mia allontanava dal trascendente e che ho smussato…..ancora persiste verso i miei simili…..non nasce dalla cattiveria lo sò….ma come un modo di affermarsi anche solamente nel mio privato e non nel sociale…..ma mi rendo conto che non ho bisogno di questo…..ma è la mia natura umana che pretende il suo pegno…..e ricordarmi che nonostante abbia intrapreso un nuovo cammino lei c’è sempre. La mia vittoria stà nel riuscire a vedere questa discrepanza ed esserne consapevole….e nel comprendere che la via della liberazione passa sopratutto nel saper ridefinire i legami con i simili.

  277. Raffaele ha detto:

    A proposito di libri stò leggendo un libro del Fisico Massimo Teodeorani….”Entagelment” è scritto in modo semplice…..basta avere un pò di cognizioni scientifiche elementari….non vi sono formule o altro…..e dopo conto di leggerene un’altro di Michael Talbot “Tutto è uno”…..Sono volumi che discutono dei legami esistenti tra mente e materia…e di come il cervello sia capace di captare le informazioni da quel famoso “vuoto quantico” così somigliante al vuoto prima della creazione nella bibbia o nelle filosofie e religioni dell’asia sud-orientale, che è tutt’altro che vacante e che presiede alla creazione del tutto….immagini cose, persone, pianeti, energie….E’ un approccio scientifico al problema ma che spiegherebbe qualora verrebbe provato molti fenomeni che oggi ci sembrano soprannaturali ( e forse lo somo ) come la pscometria, la telecinesi, le apparizoni di spettri, i sogni premonitori, le anticipazioni del futuro, le guarigioni miracolose, alcune facoltà prodigiose degli autistici e anche meraviglie della tecnologia forse futura come il teletrasporto.

  278. moni ha detto:

    E’ interessante osservare le nostre due personalità Raffaele, io che sono totalmente (dalla nascita o quasi) avvolta nell’energia spirituale e cerco di sforzarmi di cogliere anche la parte scientifica (con pessimi risultati), tu che invece hai bisogno di spiegare fenomeni per me assolutamente normali benchè appaiano “sopranaturali” con la scienza. Entrambi facciamo la stessa cosa alla fine, siamo alla ricerca della più giusta strada che ci porterà alla nostra origine o Dio o comunque tu voglia chiamarlo benchè in modi quasi diamentralmente opposti.
    Anche io appaio al quanto “strana” alla mia famiglia, forse più che strana incuto un po’ di timore quando con le mie sensazioni parlo loro di un mondo che non conoscono e che proprio per questa mancanza di conoscenza, li spaventa, benchè li ami molto mi accorgo che il più delle volte quando mi esprimo non vengo capita oppure vengo interpretata non proprio correttamente ma se siamo in mezzo a loro un motivo ci sarà… vero? quando oggi ho raccontato al mio compagno di aver visto un’entità stanotte mi ha detto che gli erano venuti i brividi fin sulla nuca, che a volte pensa seriamente che sono suonata :O) ognuno di noi ha il compito di ritrovare se stesso in base alle proprie esperienze di vita che possono essere diversissime le une dalle altre ma che, se le guardiamo con occhi amorevoli sono tutte meravigliose e perfette per noi….Ottimo ferragosto a tutti Moni

  279. Raffaele ha detto:

    Beh vedi Monia a loro non parlo affatto di queste cose. Non tutti possono comprendere ed è normale questo, il fatto è che noi non comunichiamo per cose ben più elementari. Ho preso questo spunto per dire che vedo anche questo come un esercizio (faticoso molto) per elevarmi e razzolare come predico…….ma quando si ci mette di mezzo il rancore e la rabbia…..Riesco a rimuoverle in fretta, ma permangono dei fattori che non mi permaettano di andare oltre. Poi riguardo alle strada per giungere alla verità ti dirò che la vera novità stà proprio in questo, aver messo da parte un pò di logica a favore dell’intuizone un piccolo atto di fede……e dal quel momento ho letto nella scienza che avevo appreso quello che prima mi sfuggiva pur avendolo sotto il naso. Non mi aspetto la convalida della scienza ufficiale…….oggi sono pronto per accettare quello che prima mi sembrava assurdo.

  280. moni ha detto:

    @Raffaele: esatto Raff, a parte che mi chiamo Monica non Monia, era proprio quello che intendevo, io al contrario di te non riuscivo a capire perchè la scienza fosse così ottusa e limitata ed ho sempre dato spazio alla mia parte spirituale mentre ora mi rendo conto che quel poco di scienza(davvero poca) che conosco, altro non fa che spiegarmi meglio il mio Dio con parole a volte meno metafisiche ma anchde più chiare, abbiamo cioè fatto percorsi inversi ma con l’intenzione di arrivare alla stessa cosa, capire la nostra più profonda natura arrivando così a risalire alla nostra essenza più vera e generatrice.
    un mio amico mi ha proposto un libro che però ancora non riesco ad affrontare (forse l’inverno mi ispirerà di più) su uno scienziato di nome Lipton che tu sicuramente conoiscerai, io al contrario riesco solo a far il paragone con una tazza di thè.
    Quanto alle incomprensioni familiari, penso che se nelle famiglie di chi fa una ricerca come la nostra non c’è condivisione di percorso, è normale poi, arrivare da usare un linguaggio diverso anche per le più piccole cose, quando io ho cercato di spiegare che l’ideale sarebbe evitare di usare il “non” con la mia bimba piccola e formulare frasi diverse perchè l’inconscio non lo legge e renderebbe per lei tutto più chiaro in questo momento di grande apprendimento, (ha due anni) mi hanno quasi lapidato, accusandomi di fare la saccente, la loro ragione era pari alla mia in quel momento, due percorsi diversi, diverse verità ma tutte legittime, solo che all’inizio hanno creato un gran putiferio perchè io mi ostinavo a cercare di spiegare e loro dal loro punto di vista, non avevano nessun interesse per ciò che stavo dicendo. Ripeto, avevamo entrambi ragione, l’importante è non limitare il raggio di visione, come diceva Giorgia ma cercare di osservare la situazione da più punti di vista.
    Con tutto ciò non dico che ci riesco sempre o subito, al contrario, come te e tutti noi, una cosa alla volta, ripulendo e dando aria ad armadi che per timore sono stati chiusi per anni (a volte , per chi ci crede, per vite intere) e che ora vogliono essere ripuliti e riempiti di cose nuove perchè nuove sono le persone che li indosseranno, visto che questi percorsi e le energie stesse ci stanno cambiando….pace e serenità…Moni

  281. Raffaele ha detto:

    Accidenti è vero ti chiami Monica……l’hai anche detto più volte. Non possiamo far partecipi gli altri di questo mondo in cui ci siamo addentrati. Come hai precisato c’è chi non nè intravvede la possibilità neppure durante l’intero arco di una vita…..e sono certamente i più. Eppure è lì…….è come un universo parallelo di cui nè ignorano l’esistenza. Avvertono il benessere e il malessere del vivere in relazione alle cose che acquistano o perdono. L’esigenza di andare oltre è di pochi. Lipton?….buona la battuta del thè…..sì mi sembra forse forse vagamente il nome mi richiama qualcosa…..ma non ho mai letto qualcosa di suo. Dimmi ieri ho sorvolato sù quella apparizione che hai avuto…non ricordo che nè avessi parlato prima quì…..era qualcuno che conoscevi?…..ed eri completamente vigile?…….quali reazioni ti suscita?…..è accaduto più volte?……..Quante domande.

  282. moni ha detto:

    @Raffaele: le “apparizioni” stanno diventando sempre più nitide da quando uso il theta healing ma ne ho avute sin da bambina dando loro vari significati, non ne parlavo a nessuno ma sapevo che mi terrorizzavano, non perchè fossero negative, erano semplici presenze ma il più delle volte più che vederle, le percepivo soltanto. Mi tenevo tutto dentro, davo per scontato che nessuno potesse credermi. Crescendo ho anche deciso che probabilmente ero un po’ matta ed ho anche cercato di abbandonare questo aspetto di me che tanto mi faceva paura, ma come tutti sappiamo la vita ti mette davanti le tue prove e ti istruisce anche quando non vuoi :O) più cercavo di scacciare questa parte così particolare del mio essere più mi ammalavo (attacchi di panico, depressione, ansia, e chi piùà ne ha più ne metta..). L’incontro più determinante che ho avuto nella mia vita è stata una telefonata con un’amica che non sentivo da anni la quale mi ha fatto la domanda che mi ha poi cambiato la vita :-tu credi agli angeli??- Da lì la consapevolezza e se vogliamo la riscoperta del mio talento di sensitiva e veggente….nulla a che vedere coi grandi in questo campo ovviamente, anche perchè sono cose in cui bisogna allenarsi molto per liberare paure e blocchi che ti impediscono di vedere e sentire come potresti….Ad ogni modo quando ho incontrato una veggente di nome Chiara, questa mi ha detto che avevo visto una particolare entità,spiegando nei minimi particolari come si era svolto l’inconto e cosa avevo provato (il tutto senza che io avessi nemmeno accennato a quello che poi lei mi ha raccontato) da lì ho dovuto accettare che sono meno suonata di quello che pensavo e che dovevo accogliere tutto questo imparando a non averne più paura e che forse prima o poi il mio dono sarebbe stato utile a qualcuno.
    Per questo quando ho visto questa signora labbra rosse, neo finto ed un’enorme parrucca bianca in testa (tipo quelle delle signore di corte in Francia) non mi sono spaventata, ne ho fatto nulla per capire, perchè so che se sarà necessario capirò al momento il perchè dell’apparizione, diversamente sarà solo una delle tante cose che ho visto alle quali non ho dato spiegazione.
    Non rincorro questi eventi, mi capitano e basta…..serenità Moni

  283. Giorgia ha detto:

    wow quanto avete scritto..impressionante!! va a finire che mi dimentico utto quello che mi è venuto in mente di chiedere e dire..
    quindi con calma..allora..
    innanzi tutto, grazie moni per l’ultima risposta, perchè ringraziare non è mai superfluo..poi, cos’è il theta qualcosa??non ne ho mai sentito parlare, quindi essendo curiosa mi interessa, spero non sia una qualche pratica con rituali specifici, perchè io ci sono un po’ allergica, ho sempre l’impressione di non “viverli come sarebbe giusto”..ma vabbè..
    poi ancora..Lipton??anche a me ricorda qualcosa..ma non saprei dire se è solo per il the che per altro non mi piace..troppo amaro (quello della lipton)..
    infine, riguardo alla famiglia…eh sì lì c’è nè veramente tanto da dire e fare…un po’ perchè è il primo campo di prova di ciò che impariamo, o vorremmo essere, un po’ perchè la nostra famiglia ha forgiato il nostro carattere è ci ha dato per prima la spinta a essere ciò che siamo, che sia conscio o no, anche se siamo apparentemente l’opposto dei nostri familiari, la loro influenza è comunque enorme..e a volte siamo molto più simili di ciò che pensiamo…poi almeno per me la quantità di blocchi che ho, derivano in gran parte da ciò che è passato magari in contro luce dai miei genitori..quelle cose non dette che si percepiscono solo, e che assolutamente magari loro non vogliono, tipo per esempio scarsa fiducia e stima di me stessa..cose con cui è proprio duro lottare, e poi nopn è nè facile nè bello scoprire che in fondo in fondo ci si disprezza..e poi capisci che non è così per forza e che soprattutto non è assolutamente logico..e che deriva da come i miei mi hanno trattata, anche se non se ne rendono conto..il massimo poi sono tutto gli scontri che abbiamo con i nostri parenti più vicini, che almeno in parte mettono in luce tutto ciò su cui dobbiamo ancora lavorare e che quindi ci irrita terribilmente…e poi ci sono le volte in cui..i punti di vista sono veramente troppo lontani e in cui non posso che pensare che non abbia senso(lo so che il senso del perchè ho determinati genitori è più che indiscutibile…ma a volte ti arrabbi talmente che altro che se lo dimentichi!!!)
    e poi altra cosa..
    apparizioni..
    io sono quella che ha sempre avuto paura dei fantasmi..sigh..lo so.. non dovrei
    e il bello è che a 7 anni ho avuto una specie di visione (la chiamerei così poi non so) nel senso che ero in camera mia, dove è morto mio nonno, era un periodo in cui ci pensavo spesso, sempre curiosità, avrei forse voluto conoscerlo(è morto quasi 10 anni prima se non ricordo male) e così un giorno d’estate sono andata da mia mamma a dirle che avevo visto un raggio luminoso battere sulla ringhiera del balcone, con un effetto stile cristalli di quarzo o simili e poi avevo “visto” mio nonno o almeno presumo fosse lui, che camminava verso l’orto..con alberi fioriti da primavera e..da una prospettiva in cui dal posto in cui ero non potevo vedere..ovvio questione di un attimo..e poi col tempo il ricordo si affievolisce in parte, per mia grand fortuna i miei non mi hanno presa per pazza…se anche non mi avessero davvero creduto, non è passato nulla di negativo comunque..
    la cosa davvero bella è stata che io avevo paura dei fantasmi prima e ho continuato ad averla dopo, be’ ora col tempo è diverso(ci penso meno e in modo meno negativo credo..poi se esistono e non mi hanno mai fatto nulla perchè dovrei averne paura no??), ma in quel momento non ho avuto nè paura nè ho provato il ben che minimo stupore..ed è una delle cose di cui più sono grata..
    ah..a distanza di anni non ho mai capito “perchè” l’ho visto..non sono una da ossessioni..dimentico in fretta e non risco a concentrare tutta questa energia su qualcosa..e tantomeno sono una che fa di tutto per apparire..e sono davvero poche le percone che lo sanno..bellissimo quando una mia coetanea mi ha detto(riferendosi alle apparizioni) “bè è normale, all’inizio anch’io avevo paura, poi ho capito che io sono lì loro sono lì, ci guardiamo e basta..avranno i loro motivi..” be’..per mia fortuna io non vedo nessuno..e ne sono felice..mi inqueterebbe troppo..
    però sto cominciando a vedere “piccoli lampi dorati” attorno alle mani o al corpo, quando c’è molta luce(ma non necessariamente sotto il sole, anche se intendo luce solare) e a percepire qualcosa,stile formicolio..ma non proprio..non so cosa sia anche se so che non me lo immagino..(voglio studiare fisica..la mia mente è più che portata per logica e razionalità(spero!!!)) non nemmeno pesante come situazione per fortuna..certo sarò felicissima di studiare l’energia quando farò fisica!! :-)a volte mi sembra di immaginarmelo ovvio..e a volte mi sembra che dovrebbero vederlo anche gli altri…chissà che ne verrà fuori..(sono sempre curiosa), in realtà l’unica cosa che spero è seriamente di avere sempre l’umiltà necessaria..
    be’ basta ho già scritto troppo ora vado
    un bacio a tutti

  284. Raffaele ha detto:

    Non credevo che avevi un’esperienza simile in fatto di apparizioni, hai sicuramente un via privilegiata con l’universo dell’ordine implicato dove tutto nasce e finisce. Io è strano a parte sogni premonitori….e incubi……alcuni mesi fà forse in dormiveglia ho avuto l’impressione che qualcosa mi avviluppasse il corpo, quasi una sensazione tattile, come non sò un corpo femminile che mi strisciava sopra, qualcosa di sensuale, ma anche di sgradevole e nefasto….mi sono ridestato di botto un pò inquieto. Boh non sò suggestione?…ma di chè?…ero perfettamente tranquillo e nulla mi turbava. Di sicurò non vi ho spaventato……voi le avete viste. Ciao a tutti.

  285. moni ha detto:

    @Giorgia: grazie di cuore per il tuo racconto Giorgia, mi viene da sorridere perchè solitamente non si parla di ciò che vediamo fuori dall’usuale ma se avessimo più coraggio di parlarne (correndo il rischio di passare per suonati) scopriremmo che molte più persone di quelle che crediamo hanno vissuto “strane esperienze” che non si sanno spiegare e che, nel tempo, la loro razionalità ha fortemente ridimensionato.
    Tu dici che ti spaventerebbe molto vivere un’esperienza inspiegabile ma sappi che chi scrive ora qui è stata per anni miss fifona per antonomasia, ciononostante non avevo scelta così ho deciso che forse era meglio riuscire a vedere più chiaramente piuttosto che intuire solo le presenze nel tentativo di avere meno paura, per questo ad un certo punto ho deciso di impegnarmi per mettere appunto un attitudine che era già in me piuttosto spiccata.
    Ora posso sorridere di certi fatti passati, ad esempio, dopo il parto del mio primo figlio mi lamentavo per la mancanza di sonno, non perchè mio figlio non dormisse ma perchè c’era qualcuno con una lunga tunica che camminava intorno al mio letto e lo strusciare della tunica non mi faceva dormire (tutto questo è stato tradotto come:depressione post-partum) nessuno mi ha preso seriamente ma per assurdo tutti credevano alla nostra vicina di casa che sentiva voci di bambini che la chiamavano (abitavamo tutti in case molto antiche, nelle mura del castello di Anghiari); quando vivi situazioni di questo tipo, sei costretto ad affrontare questa parte di te se non vuoi continuare a vivere nel terrore tutta la vita e credo che la tua amica che dice che si limita ad osservare semplicemente sia una saggia perchè altro non puoi fare.
    In realtà c’è altro che si può fare ma è inutile parlarne ora,ci sarebbe troppo da dire ad ogni moddo non è di questo che volevo parlare.
    Credo che il tuo amore per la fisica sia senza dubbio una manna venuta dal cielo, infatti solo scienziati che hanno la mente più aperta e che possono accettare che una cosa esiste pur non potendola spiegare possono recare beneficio a questo mondo, è ora che la scienza si apra anche al metafisico e viceversa, tante sono le cose che non sono scientificamente spiegabili che però possono essere di grande aiuto all’uomo a partire dall’esistenza di un’energia originaria o Dio o come la si voglia chiamare che riporti l’uomo ai suoi giusti valori che esulano dal dipendere dal materialismo ma comunque ne beneficino senza doverne essere schiavo, negli estremi vi è sempre l’eccesso, ma nell’equilibrio fra la propria materialità e spiritualità ci sta l’uomo felice e realizzato in pace con se stesso e gli altri.
    Prometto che appena posso ti parlo del theta healing ora proprio non riesco, quanto a Lipton non ne so nulla nemmeno io ma mi è stato vivamente consigliato, appena sviluppo l’argomento te ne parlo.
    PS: quello che tu vedi potrebbe essere l’aura delle persone o anche forme energetiche presentri in quel momento, difficile dirlo con così pochi particolari bacio e serena serata Moni

  286. moni ha detto:

    @Raffaele: ora non riesco, appena posso ti dico la mia su ciò che ti è accaduto serena sarata moni :O)

  287. Giorgia ha detto:

    purtroppo non sempre si ha la fortuna di trovare persone con cui condividere certe cose… io in parte posso ritenermi più che fortunata perchè ho amici con cui ne posso parlare…e visto che per me parlare è fondamentale, sono davvero fortunata..ovviamente fa male però quando ti accorgi che persone che ti sono molto vicine…in fondo anche se ti ascoltano..non ti capiscono..non è certo la cosa più importante, lo so, ma è comunque doloroso, sono cose che davvero uno ha bisogno di condividere in certi momenti..
    io all’inizio avevo paura di immaginarmelo, chissà per che strano motivo, poi ora non posso più pensare di non iniziare a vedere qualcosina in più..anche se è ancora molto soft, ma non c’è fretta..
    a proposito di sogni, mi è capitata una cosa simile, sogni premonitori no, ma la sensazione di realtà sì,o momenti in cui l’attenzione nel sogno è sempre più vivida,e quasi si comincia a pensare come se si fosse svegli, molto quasi per la verità, e una volta mi è capitato , a proposito di incubi, di sognare una tipa, una strega, che mi trascinava per un piede fuori dal letto,ho sentito la sensazione di essere trascinata anche troppo bene, e mi sono svegliata paralizzata dal terrore, come quando da piccola mi svegliavo di notte e avevo paura del buio e nemmeno osavo alzarmi per andare dai miei,pochi secondi e ho realizzato che era solo un sogno, un’altra volta ho sognato di essere trascinata in alto da qualcosa, di non identificato, spiacevole direi, e credo che la mia paura centri con il lasciarsi andare, visto che sono sempre molto controllata, però non ne so di più, nè so se abbia altri significati quindi direi di aspettare moni..
    se avete voglia di saperne di più sulla fisica moderna, andate sul sito del cern,è il centro europeo per la ricerca nucleare, dove con nucleare si intende il nucleo degli atomi, è solo in francese e inglese se non sbaglio e purtroppo, ma se sapete una delle due lingue ne vale davvero la pena, perchè apre gli occhi su quanto ancora non si sappia, per me è stato importante perchè mi è sempre passato il messaggio che la scienza “avesse le risposte”, mentre era solo un mio preconcetto, purtroppo spesso le persone disprezzano le materie scientifiche la matematica per prima(come inutili), senza pensare che la nostra società ne è il frutto,il punto è che come diceva moni integrare materia e spitito..dà i suoi problemi!!!!! almeno è interessante…
    ultima cosa..da sottolineare..come già ha detto moni..certe cose non si possono spiegare, semplicemente esistono..è uno forse dei paradossi più grandi ma quante persone riflettono sul significato dell’esistenza?? non sto dicendo che si debba dare una risposta, magari c’è, ma non è ora però esserne coscienti è un grande passo avanti..soscienti di esistere ora, a me a volte fa paura(tanto per cambiare)cioè..non proprio paura, ma mi sembra una cosa talmente grande ed incomprensibile da dare le vertigini..qualcosa di incontrollabile, con troppe implicazioni..
    bacio e buon inizio settimana!!!!!!
    e..poter “dire” certe cose è davvero bello..

  288. Eleonora ha detto:

    salve a tutti voi ragazzi sono appena tornata dal mare vorrei scusarmi con monica per averla chiamata monia,grazie a tutti voi x avermi dato dei consigli giorgia e raffaele…ma il fatto e che io prendo consigli ma non riesco mai a fare quello avere fiducia e fede che un giorno avro la pace ”magari ma non riaesco ad avere fede e fiducia e poi in chi?avere consapevolezza quando arriva il disagio paure rabbia..e cosi difficile perche li senti dentro e sei tu e non riesci a separartene..per quanto riguarda la psicoterapeuta io non e che voglio cambiare in continuazione ma non trovo quella giusta e sinceramente mi sono stancata..lei non mi dice mai cosa devo fare che attegiamento usare..mi sto rassegnando che forse devo stare cosi sempre io ho tanta voglia di farcela ad afrontare l’inferno che ho dentro ma cio anche paura questa e una parte di me cattiva bruttissima e arrabbiatissima ecco sono arrabbiatissima la rabbia anche appena mi sveglio la mattina l’ansia paure assurde immotivate sensa senzo fortuna che capisco che non hanno un senso…voi cosa mi consigliate quale terapia potrei fare io non lo so piu..iio non dico che devo guarire ma almeno saperle gestire..io ho proprio bisogno di una bella crescita me lo sento..un amica che ho conosciuto in albergo non e stato un caso ma non so definirlo lei adesso sta bene ma ha passato 3anni della sua vita neri come del resto tutti noi..mi ha detto che quando ti assale la rabbia e di reagire alla rabbia di contare da 10 fino a 1 io non so non ci ho maio provato non mi viene..ieri sera ero arrabbiata con me stessa perche ho dato una sculacciata a mio figlio e lo fatto piangere e mi sono pentita sono stata male mi sono presa a schiaffi io stessa ma forte solo cosi mi sono sentita meglio e non piu in colpa e poi mi vengono pensieri terribili mi sento male e un’ossessione..sono consapevole che ho un disagio che come tale va curato ma non riesco ad affrontarlo..volevo dire a monica che a me succede spesso di avere la sensazione forte che qualcuno sia vicino aa me una mattina ero nel letto dormi veglia e mi sentivo accarezzare la schiena ho pensato che fosse mio figlio mi giro x abbracciarlo e nel letto non c’era nessuno ero da sola mioo figlio era nella culla mi sono spaventata a morte infatti ho paura di dormire da sola ho paura di vedere chissa quale mostro..e poi un’altra cosa quando muore qualcuno e vado in casa dove e morto ho sempre la sensazione che ci sia la persona morta e questo mi spaventa sono andata da un’amica che gli e morto il marito e mio figlio che non sta mai fermo era seduto in braccio a me inpaurito e guardava sempre lo stesso punto nell’angolo della porta e mi faceva segnale col dito come se vedeva qualcuno ma non c’era nessuno e continuava cosi sono andata via dopo pochi minuti perche mi stavo cacando dalla paura siamo andate via e mio figlio e stato tranquillo questo non me lo so spiegare..un altra volta ero in macchina ho avuto la sensazione che sarebbe successo un incidente pochi minuti dopo la macchina davanti a me a fatto un volo e si e accappottata assurdo ero sconvolta..ho delle sensazioni persone che non sento da mesi e anni li penso e poi mi chiamano..non lo so…poi se penso positivo va tutto negativo..se penso negativo va tutto positivo ma perchè questa situazione non la sopporto sono una strega..ragazzi vi saluto con cuore e affetto e sono contenta di far parte di questo forum..raff giorgia e monica e gli altri.Eleonora

  289. Raffaele ha detto:

    Ciao a tutti. Bentornata Eleonora stavo per lanciare un appello quì……ero un pò in apprensione. Come vedi anche a te sono successe cose “diciamo insolite” tipo quell’esperienza di sentirsi qualcuno che si sfrega con te o ti accarezza durante il sonno o nella dormiveglia…..Monica ieri non ha avuto tempo per chiarirmi la cosa…e che io in un primo tempo avevo attribuito ad una suggestione di primomattino. Pensate ragazzi sè fossimo nel XVII secolo avrebbero detto che erano demoni concupiscenti venuti a soddisfare chissà quale voglie sensuali. Scherzo…non avere paura Eleonora….riguardo a te la rabbia non la reprimi con altra rabbia…non ti riprendi la sculacciata che hai dato picchiandoti il viso. Io ad esempio mi rifugio in un posto tranquillo e cerco di svuotare la mente nel senso, che la scio passare come in un film tutto quello che filtra in quel momento, vedrai che se la lasci a briglie sciolte e la ignori con “consapevolezza” essa svanirà…..si magari poi torna….ma sà già che ti troverà sempre pronta e vigile……e tu l’accoglierai come un ingombrante vicina che mal si sopporta, ma che purtroppo abita accanto a te. Tu adesso non ci credi perchè il dolore che ti lacera è vivo….ma elevandolo oltre misura ti senti sopraffatta. Il mattino è una parte critica lo sò……anche nei momenti di serenità il mattino ti dà a volte come un senso di disagio…perchè esso simula simbolicamente l’affacciarsi alla vita, dopo il sonno che simboleggia la piccola morte…..e te siccome senti di aver poca voglia di affrontare la realtà è normale che ti senti demoralizzata. La psicoterapeuta è come un allenatore di una squadra di calcio…….ti dà i consigli, ti allena…..ma il gioco in campo lo fai te. Un arrivederci a presto.

  290. moni ha detto:

    Finalmente Eleonora!!! anche io ero un po’ preoccupata, non ho detto nulla perchè poteva essere che tu non avessi voglia di parlare ma continuavo a chiedermi se mandarti un mess qui o aspettarne uno tuo….Vedi Eleonora le tue parole mi hanno un po’ confermato ciò che già sospettavo cioè che anche tu hai dei doni e che maggiormente dalla manifestazioni di questi nascono le tue paure, è successo anche a me in passato ed a volte ancora oggi. Essere intuitivi non è una cosa semplice se temi che quello che stai percependo o vedendo può farti del male, infatti il punto cruciale sta proprio qui, alzare le proprie vibazioni ovvero cercare di vincere il più possibile la paura o qualsiasi sentimento spiacevole.
    Appena puoi mi scrivi per favore la tua data di nascita? è solo per togliermi un ulteriore dubbio, ad ogni modo, non avendo paura aiuti il tuo dono a manifestarsi ma nella consapevolezza che NULLA PUO’ SUCCEDERTI e così è!!!! l’avere paura abbassa le vibrazioni e questo porta maggiore paura che a sua volta abbassa le vibrazioni, un cane cioè che si morde la coda… apriti a quello che senti o che vedi con la convinzione che non ti può arrecare alcun danno perchè tu non ne hai più paura, ti consiglio vivamente il theta healing per togliere le convinzioni che ti tengono in questo stato di continua tensione, trova un buon operatore mi raccomando, mano a mano che ti ripulisci sentirai un enorme sollievo, in questo momento forse non riesci a fare questo lavoro da sola, hai innanzitutto bisogno di acquisire fiducia in te stessa ed in chi ti aiuta a venire fuori da questo momento di confusione, quando avrai tolto un po’ delle convinzioni che ti bloccano ti accorgerai di due cose meravigliose, avrai più fiducia e quindi potrai aiutare te stessa con più decisione e credimi se ti dico che aiuterai anche gli altri……….x Giorgia e Raffaele a proposito dei sogni a più tardi….pace e serenità Moni :O)

  291. moni ha detto:

    ciao a tutti, allora parto subito col dire che non sono esperta in materia e che benchè alcune cose mi siano accadute anche personalmente, l’unico tipo di spiegazione che mi viene da darvi è basata su seminari che ho fatto sul tema dei sogni, spiegandovi cioè ciò che una grande veggente a detto a me a suo tempo.
    Innanzitutto specifico che a me è stato insegnato che noi viviamo due vite parallele, quella diurna e quella notturna, entrambi reali benchè una lo sembri di più (quella diurna ovviamente). Di notte noi abbiamo la possibilità di muoverci (come spirito o come coscienza a secondo delle capacità) dal nostro corpo, nel caso dell’uscita dello spirito esso può allontanarsi molto perchè comunque rimane legato al corpo attraverso il cordone d’argento (un filo appunto estensibile all’infinito che si spezza solo quando muoriamo e lasciamo appunto, definitivamente il corso). Vi tralascio le parti che non vi/ci riguardano e vado alla fase del sogno/incubo, mi è stato detto che certi sogni si definiscono “succubi” ovvero chi li fa si trova nel piano astrale ed incontra forme energetiche non purissime che attraverso la paura succhiano energia, quindi in quei sogni c’è una dispersione di energia da parte nostra, che può essere ristabilita pregando (chiedendo aiuto quindi ad angeli o/e spiriti guida) andando in meditazione o nei sistemi che ognuno di voi conosce per ricentrarsi, che possono essere yoga, arti marziali o ciò che volete e vi calza a pennello, più questi eventi sono sentiti come reali più c’è dispersione di energia ed è evidente che alzando le vibrazioni con le tecniche a voi più favoreli si impedisce che si ripropongano.
    Quanto da eleonora che si è sentita accarezzare ed ha avuto dopo paura, cioè quando è divenuta consapevole che non c’era nessuno dietro di lei (o almeno nessuno con un corpo) vista la carezza e quindi la dolcezza con cui è stata trattata credo che chiunque fosse cercasse solo di donarle affetto e amore (comprensibile che si sia spaventata ma certamente non era nell’intenzione di chi faceva la carezza crearle paura).
    A me è capitato con una mia amica morta da poco, la stavo sognando ma la sua carezza sul mio viso era reale come quella che posso ricevere da uno dei miei figli e la sensazione tattile inequivocabile(ovviamente anche io mi sono spaventata purtroppo di fronte ad un gesto di amore non si dovrebbe ma conosciamo tutti le attenuanti).
    In questo periodo ognuno di noi è chiamato a rapporto (anche se questo può essere traumatico da vivere) ma nessuno ce lo ha imposto, lo abbiamo scelto noi prima di nascere di fare da fari in questo momento storico a chi è ancora chiuso a queste ricerche, ma per fare da fari dobbiamo prima sconfiggere le nostre paure ed accendere le nostre luci quindi, strigiamoci tutti in un abbraccio e diamoci forza a lun l’altro NON SIAMO SOLI………….tanto Amore per tutti voi Moni :O)

  292. Eleonora ha detto:

    @moni: ciao moni capisco tutto quello che dici sul theta healing..l’ho fatto anch’io ma non e servito a niemte non riesco ad andare in theta e connettermi col creatore di tutto cio che è l’operatrice e abbbastanza brava si chiama lorella de luca e abbastanza famosa e stata l’alieva di vianna stibal..lei l’operatrice del theta si e connessa col creatoree a chiesto la mia guarigione ma ti ripeto non e servito a niente almeno a me..poi ho pensato la psicologa ma come vedo anche quest’ultima e un buco nell’acqua..il theta e utile per fare un percorso di crescita..il mio e un disturbo d’ansia legato alla depressione paure fobie..ecc..io non lo so sono confusa non ci sto capendo niente ma perchè vengono i disturbi che cosa vogliono farci capire e le paure insensate patologiche?che cosa vogliono?gli incubi sognare mostri..il mostro sono io stessa…poi sogno sempre che faccio l’amore con qualcuno..boo.. ragazzi forse e meglio la psicologa che mi aiuti a capire ed a dare un senso a tutto cio con consapevolezza..la mia data 07-11-1982…cosa dice?che non c’e la farò mai haa mi sparerei in testa…ti saluto con affetto Eleonora

  293. Eleonora ha detto:

    mi voglio ripulire dai brutti pensieri..sapete l’attrezzo che si usa per fare l’olio ke gira in continuazione per far venire fuori l’olio bene il mio cervello e in questo modo anche senza il mio volere cioe che i pensieri vengono da soli siccome i pensieri sono terribili distruttivi viene la paura e l’ansia ed è un’ossessione appunto in termine psicologo e un disturbo ossessivo…i mal ditesta che ho…haa mio dio vorrei spegnere il cervello..un saluto a tutti voi carissimi Eleonora

  294. Eleonora ha detto:

    sarebbe facile non avere piu paura magari ci metterei la firma ma come si fa raffaele dice che il cambiamento non avviene all’eleminazione di paure ed ansie ma nel saperle gestire ma ci capite qualcosa boo..un saluto caro EL
    E

  295. moni ha detto:

    @Eleonora: tesoro tu sei tanto confusa e spaventata non c’è dubbio, il problema però al momento è un altro, sembra quasi che tu ti aspetti di trovare una panacea che risolva tutti i tuoi problemi, devo darti una notizia che non ti piacerà: nessuno può guarirti, sei tu che devi permettere la tua guarigione, impegnandoti nel rimettere ordine.
    Ti ho consigliato il theta proprio per questo, perchè è mirato e se anche tu non raggiungi il settimo piano può farlo un operatore per te ma è anche tanto chiaro che sei piena zeppa di credenze che non ti permettono una guarigione istantanea, quindi grazie ad un operatore puoi lavorare su queste, poi vedrai la guarigione…. per arrivare ad avere equilibrio bisogna lavorare a fondo e con Fede!!!!!non arrendersi ma continuare, vedendo progressi a volte anche molto lentamente, non è possibile guarire se tu per prima non ci credi….quello che intendeva Raffaele credo fosse che ogni volta che superi una difficoltà ne sorgerà un’altra, siamo qui per imparare no? ma se tu impari come affrontare le difficoltà, a ritornare in armonia velocemente, puoi anche avere una botta che non ti aspetti ma sei in grado di gestirla( se ho mal interpretato le tue parole Raf correggimi tu e scusami).
    Ti arrabbi con la tua terapeuta perchè non ti da l’aiuto che vuoi ma vedi, se devi buttare giù un muro, lei può passarti gli attrezzi per farlo ma quel muro sei comunque tu a doverlo far cadere capisci?
    Anche il fatto stesso di andare in theta è una questione di allenamento, non credo che Raffaele stesso abbia imparato le arti marziali senza provare e riprovare, così come Giorgia dovrà studiare tanto per imparare la fisica.
    Quello che ti sto dicendo con affetto Eleonora è di provare a smettere di arrabbiarti con gli altri perchè non ti guariscono e cominciare a volerti guarire tu stessa, imparando a conoscerti e a capire cosa vuoi e chi sei veramente….un abbraccio grande grande Moni :O)…quando riesco ti dirò qual’è la tua missione in questa vita…..smack

  296. Raffaele ha detto:

    Beh per le arti marziali sono ancora indietro….per adesso è più una preparazione fisica…e poi nelle palestre purtroppo si cura più la tecnica di lotta….che non l’esercizio mentale, meglio lo yoga. Peccato che non possiamo incontrarci tutti forse di presenza sarebbe meglio…magari a parlare quì con noi attraverso delle lettere scritte ti crea ansia…..e non riesci ad esprimerti al meglio e le emozioni ti soffocano….ma sappi Eleonora, che il tuo dolore è anche il nostro, le tue paure ci appartengono l’ansia e la rabbia le conosciamo….facciamo tutti parte del genere umano…e tutti almeno una volta siamo stati colpiti a tal punto da credere che non si può sopravvivere a certi traumi. Per farti un esempio in questo periodo stò vivendo anche io una situazione di ansia anche sè latente….la colgo perchè nè sono consapevole e non la nego…..Spesso temo di perdere qualcuno a cui tengo……ma questo pensiero avvelena il mio presente……ma non lo posso negare e allora cerco di maturare una strategia che mi permetta di contenerlo. Non sò magari poi dopo un pò dico che ho pensato da sciocco, ma per intanto è così. Potrei parlare quì di cose che rasentano l’ivverosimile riguardo alla mente e alla coscienza…andare oltrè questo egoista che è l’Io, avvicinasi a quel vero Sè che rigetta l’individualità e agogna di fondersi con quell’uno di cui tutti noi siamo figli.

  297. Eleonora ha detto:

    sono cosi contenta di avere conosciuto delle persone stupende e ke mi capiscono in profondità come voi..sarebbe veramente bello incontrarci…un caro saluto monica,raffaele,giorgia..Ele!!

  298. Eleonora ha detto:

    buon giorno a tutti ragazzi stanotte e stata una nottata bruttissima non sono riuscita ha chiudere occhio avevo paura ad addormentarmi ha guardare il buio che c’era in camera avevo paura che potessi vedere o sentire qualcosa di non ”normale”avevo paura di essere sfiorata da qualcosa che non vedevo,ero terrorizzata il cuore mi stava scoppiando ho chiamato il mio compagno chiedendogli di abbracciarmi per la paura..mi sono addormentata col piumone invernale che mi ha coperto dalla testa ai piedi ho fatto la sauna volevo essere coraggiosa ma la paura e piu forte e mi spezza in due ho anche paura ha pensare e parlare in positivo che succede qualcosa di negativo..fin da piccola sono cosi ho questa paura..alla5 di stamane ho intravisto la luce di fuori e non ho piu avuto nessuna paura mi sono addormentata..lo sapete che ho paura diciamo terrore ha guardare il mio poster in camera di quando avevo6mesi..ho il terrore di quella bambina non riesco ha guardarla mi sembra un mostro e sono io.c’e stato un periodo che non riuscivo ad entrare in camera mia avevo la sensazione forte che c’era qualcuno ma non c’era nessuno..solo a guardare la foto mi viene il panico..ragazzi ma perchè..puo essere perche ho visto in passato dei film horror..infatti non li guardo perche mi suggestionano troppo ed e cosi..ma e tutto nella mia mente?ho c’e veramente quello che sento?pero la mia e proprio terrore allo stato puro..volevo chiedere a monica come si fa ad avere fede e fiducia in se stessi e nel creatore….non sopporto piu la mia famiglia la odio ha sempre da ridire su tutto ma che palle vorrei andare via ma non riesco..manca la base che sarei io il coraggio..ma si puo vivere cosi con un padre che ha pelle mi da delle sensazioni di schifo mia madre che rompe tutto il giorno perche non sto attento a mio figlio e non e vero io ci guardo a mio figlio ”io li odio..odio questa casa mi da rabbia tutto..ho dei sentimenti d’odio di rabbia anche per le persone che non centrano un bel niente..haaa perche sono cosi…grazie mi sono sfogata ci voleva..un abbraccio a tutti voi..Ele

  299. peppe ha detto:

    x Ele
    noi abbiamo paura dell’ignoto. Se è probabile che esistono entità astrali è vero pure che non ci vogliono certo fare del male.
    A me successe di avere un sogno lucido e vidi delle entità vicino a me, entità amichevoli, tranquille. Poi mi svegliai e provai uno stato di tranquillità però dopo un pò ebbi un pò paura, nn tanto per loro che erano amichevoli, ma per la paura dello “strano”, dell’invisibile.
    Quindi partiamo da un fatto importante: è solo una tua paura, forse perchè hai accumulato un pò di ansia e ora stai più carica. Evita inoltre di vedere film o discorsi che ti mettono in tensione e ti suggestionano, specie di sera. Io evito di vedere film thriller o cose del genere, di sera. Ascolta musica leggera, pop, jazz, country e romantica o qualche film romantico….una pizza col compagno etc.
    Ciao, un kiss

  300. Giorgia ha detto:

    cavolo ho davvero poco tempo ora che devo andare via, però voglio comunque dire qualcosa..
    innanzi tutto ele, non punirti,non serve..poi ricorda che odio e paura, per quanto possano essere molto negativi, sono anche assolutamente normali per un essere umano che vive in una società tanto imperfetta, quindi non sentirti un mostro per questo, perchè non lo sei,sei semplicemente umana..
    e stai facendo tantissimo per crescere..
    poi.. sul lasciarsi aiutare..per esempio per me è una delle cose più difficili, devo sempre essere autosufficiente, e “pagare” ciò che ho di bello, ho una bassa stima di me stessa..sai cosa davvero mi commuove..l’idea che qualcuno possa amarmi per quello che sono..
    ora proprio non ho tempo però!!
    vado..
    un bacio a tutti
    e miraccomando, resisti, e rassicura tuo figlio, che essendo già di un’altra ganerazione avrà certe facoltà più sviluppate, e quindi bisogno di tanto amore esicurezza..non è facile lo so…un abbraccio

  301. moni ha detto:

    @Eleonora:come promesso sono qui per dirti una cosa che in cuor mio sono certa ti darà la forza per affrontare i momenti più difficili.
    Quando scendiamo sulla terra abbiamo vari compiti uno dei quali viene definito dagli angeli (queste informazioni sono state trasmesse da angeli ed arcangeli ad una famosa veggente che conosco e alla quale voglio molto bene)Missione.
    si ognuno di noi ha una missione specifica che poi deve, riscoprendosi ed ascoltandosi trovare il modo di mettere in atto attraverso il proprio lavoro e con coerenza con la sua vita stessa.
    Preciso subito che la nostra missione può essere anche (spessissimo lo è) il nostro punto debole, cioè, prima dobbiamo riscoprire questo talento latente dentro di noi, poi lo tasmettermo agli altri.
    E’ possibile scoprire la missione attraverso un calcolo particolare della nostra data di nascita. Le missioni in tutto sono 11, vanno dalla numero 1 alla 9, poi ci sono le ultime due, ovvero la 11 e la 22 (questi sono i numeri che le caratterizzano) che se vogliamo (senza togliere nulla alle altre) sono delle “super-missioni” o meglio contengono anche parti delle altre come significato profondo.
    Specifico che quì non si tratta di chi è più o meno bravo, non è una gara, ognuna di queste missioni ha un suo grande valore, è anche vero però che solitamente si trovano persone con molti talenti a svolgere le ultime due, sono anime già molto evolute.
    Eleonora la tua missione è la numero 11!
    Questo significa che sotto le paure, le insicurezze, la rabbia si nasconde un grande potenziale di Amore e talenti utili a te stessa e agli altri una volta che, vinte le paure li avrai manifestati.
    La veggente stessa che ha canalizzato tutto questo è una missione numero 11.
    MISSIONE 11:FEDE ED ISPIRAZIONE……
    Tutti coloro che hanno questa missione devono fare uso delle proprie ispirazioni per illuminare i propri simili e delle loro intuizioni per fare nuove invenzioni o per scoprire nuovi principi.
    Tutto questo la persona lo fa nel sentiero della FEDE e della spiritualità dando esempio agli altri con ogni emozione, coloro che hanno questa missione sono anche veggenti e sensitivi!!!!
    premetto che prima di essere in missione è necessario essere per un lungo periodo attivi ovvero in una ricerca spirituale di se stessi.
    Quando la persona che ha la 11 non è in missione si sente così:Ribelle, intollerante e priva di fiducia e fede neglia altri, in se stessa ed in DIo.
    Come dicevo all’inizio, prima di essere in missione per gli altri bisogna prima aiutare se stessi a tirare fuori le proprie peculiarità, la propria forza ed una volta fatto questo possiamo fare da faro a chi ancora non è riuscito.
    Capisci Ele cosa c’è dentro di te se solo cominci ad avere fiducia in te stessa???
    Capisci che ciò che ora ti spaventa può diventare la tua forza??
    Che la rabbia che hai dentro si può trasformare in amore per tutto il creato?
    Come??tesoro le risposte sono dentro di te, nascoste da tutte quelle menzogne che ti racconti, bugie che ti dicono che sei cattiva, bugie che ti dicono che sei inadatta, bugie che ti dicono che gli altri sono meglio di te….solo bugie.
    Io non posso combattere la paura al tuo posto ma ti assicuro che dentro di te c’è il coraggio della Fede, fede per te stessa come parte di tutto ciò che è…..un abbraccio grande….fede e coraggio Moni :O)

  302. Raffaele ha detto:

    Ciao tutti……Ce la puoi fare Eleonora….i rapporti con i miei familiari vanno male da quando avevo 5 anni…..non scendo nei particolari, l’uno contro l’altro tutti…..non c’è mai stata una vera armonia, ad una causa un effetto e poi un’altro ancora e poi ancora. E’ vero ora abito da solo ma alcuni di essi continuano ad essere mediocri. A volte mi sembra che sono io ad educarli….ma lasciamo perdere. Forse ti farebbe bene separarti da loro……sè ti è possibile….Io mi sono distaccato 5 anni fà….ma l’avrei fatto molto prima potendo. Accidenti ti sei coperta con il piumone….io a stento sopporto solo gli slip……mi sentirei cuocere. Quì alla fine di luglio abbiamo avuto fino a 47.

  303. moni ha detto:

    @Raffaele: 47????? ma dove vivi??? e io che vado in crisi per 35!!!!!il racconto di eleonora mi ha fatto tornare in mente una mia paura di quando ero adolescente ed ero in collegio a Rimini, anche io a quel tempo usavo la trapunta per “difendermi” da ciò che non vedevo ma percepivo soltanto, ho provato infatti una grande tenerezza per lei mentre leggevo. Purtroppo solo le cose provate sulla propria pelle ci sono davvero conosciute, le altre, quelle solo lette o raccontate si basano esclusivamente sulla razionalità, è difficile comprenderle pienamente non avendole vissute.
    Per questo nonostante quasi noi tutti abbiamo conosciuto l’ansia ed il panico non possiamo che regalare parole ad Ele per aiutarla, parole che capirà veramente solo dopo averne fatto esperienza lei stessa (sto parlando del riuscire a gestire la paura ovviamente), comunque nelle nostre parole ci sono contenuti anche la nostra comprensione e l’affetto per una ragazza dolcissima in grande difficoltà ed io prego che questi le arrivino e le costruiscano un ponte di amore e di fiducia verso la guarigione…..Un abbraccio grande grande a tutti Moni :O)
    PS: grazie di cuore a tutti voi, spesso ci lamentiamo per ciò che non abbiamo, meglio invece ringraziare per quello che si ha: GRAZIE A TUTTI PER ESSERE QUI Moni :O)

  304. Eleonora ha detto:

    grazie di cuore moni,per le bellissime parole dolci e l’affetto ke mi mandi l’ho apprezzo tanto…grazie anche a raff.peppe..giorgia..un caro saluto..anche adesso ho paura purtroppo non riesco a gestirla..mi sa ke non andrò dalla psicologa tanto lo so 75euro buttati al vento..grazie mi siete di conforto.Ele

  305. Eleonora ha detto:

    buon giorno a tutti ragazzi stanotte ho passato un’altra nottata col piumone bee niente male ho fatto la sauna dalla paura bee almeno si purifica la pelle…LUI c’e sempre lui nella mente nei sogni era un po di giorni che non lo sognavo stanotte mi e venuto in sogno correva verso di me per abbracciarmi mi ha perdonato mi bacia sento il suo calore il suo amore io non credevo ai miei occhi era cosi reale…mi si lacera il cuore al pensiero di lui e un angoscia..non riesco ad ascoltare nessun tipo di canzone che cio le lacrime e mi sento in colpa ho rabbia per averlo lasciato perche lo perso veramente..perdonami!!!io non ci riesco!!!quanto vorrei abbracciarlo dirgli quello ho dentro il cuore perdonami..Ele

  306. peppe ha detto:

    Ele…ma non puoi riprendere quella storia??

  307. green ha detto:

    @moni: ciao Moni, ciao a tutti. Non intervengo quasi mai, ma qui devo dire si parla la mia lingua, finalmente :). Riguardo Lipton, su YouTube c’è un intero seminario, diviso in parti. Per me è molto semplice e chiaro e spiega in breve argomenti interessanti.. lui è un fisico, quindi parla dal punto di vista di chi ha vissuto di scienza, ma non girando lo sguardo quando le cose risultano meno razionali. Ve lo consiglio! Ciau!

  308. Eleonora ha detto:

    x peppe no.non posso riprenderla,abbiamo famiglia tutti e 2 e poi io ho fatto di tutto perche lui tornasse da me ma anzi era pieno di rabbia perche lui aveva sofferto tanto x me e l’avevo l’asciato ci siamo amati in sbagliati non penso proprio ke lui ci tenga a me e una cosa che sento..la mia e piu un’ossessione per averlo lasciato e poi aver capito ke era l’uomo della mia vita ormai quando era troppo tardi..tutto questo non mi da pace perchè con la persona ke sto adesso ke sarebbe il padre di mio figlio non sono felice anzi sono delusa non so piu ke cosa è l’amore..poi non ti dico l’intimità..uno schifo x me non riesco e piu forte di me..sono bloccata in tutti i sensi..ma questo e un disagio ke mi porto da piccola di essere bloccata a livello sessuale anke se la persona ke ho di fianco mi piace mi attrae e c’è sentimento..con il mio compagno adesso non sento nessun sentimento perchè mi infastidisce solo ke mi vuole baciare—un saluto.Ele

  309. Raffaele ha detto:

    Dove abito?……in provincia di Catania Monica…e nella terza decade di luglio il termometro di fronte casa segnava quella temperatura e vi dico che nello stesso mese del 1998 abbiamo avuto in provincia anche 50….poi con lo scirocco ve lo immaginate che gioia e per di più non usò il climatizzatore. Certo la tua situazione Eleonora è molto articolata ti senti in trappola….con una famiglia d’origine che ti contesta, un compagno che non accetti e i figli avuti con lui che ti vincolano ancor di più. Anche io 5 anni fà ho mandato a monte una relazione a 4 mesi dal matrimonio…..è stato difficilissimo, locale prenotato, corso prematrimoniale…..ed è stato lì che ho maturato definitivamente l’idea di lasciar perdere….anche sè girava da prima. Per molti un paradosso…poi in un paese uno sberleffo….e invece mai forse come allora un corso fù tanto azzeccato….nelle ultime sedute sembrava che il prete parlasse solo a me e non a tutti i presenti. Volevo bene a quella ragazza…..ma non mi sentivo pronto o meglio sicuro per legarmi per sempre….lei invece mi teneva sottopressione oppure dovevo lasciarla, quasi un ricatto….un tira e molla che mi ha portato una sera dopo una delle solite scenate a mettermi a letto tremante per la rabbia con brividi di freddo…una situazione che denotava a quale punto fossi arrivato per evitare di prendere una decisione che adesso agli sgoccioli solo io volevo. E così ho fatto…..non ho mai pianto per una donna o un amore negato……triste, depresso, malinconico sì……ma quella volta nè ho versate a fiumi tale era quel dannato senso di colpa che ci avvelena la vita e che ci impedisce di prendere le giuste decisoni. Dopo 3 anni ho vissuto una storia al rovescio…..il mio vero grande amore ma tradito…..sè la prima era durata 4 anni quì è accaduto tutto in 4 mesi…..a me sarebbe andata bene anche la convivenza stavolta…ma lei no non rinunciava alla sua cerchia di amici tutti maschi…..con cui a giro ogni tanto usciva quando non si incontrava con me e lo diceva (un gioco perverso per insinuarmi il dubbio del tradimento per cui è finita, arrivando per assurdo ad accusare a me di tradimento….senza una lacrima ma molto dolore ed è stato anche per me lo spunto per andare in psicoterapeuta e guardarmi dentro in un modo diverso….diciamo che la storia era ancora in piedi e che sarebbe finita da lì a poco. La poca esperienza…..ma credo anche l’educazione, la separazione e le liti dei miei quando ero in tenera età e oltre non mi hanno certo agevolato in una crescita equilibrata in tutte le sue sfaccettature…..Vorrei dirti sè poi sei proprio sicura che con quell’altro le cose sarebbero andate meglio……sai è probabile che dopo un pò di tempo avresti avuto anche le stesse sensazioni di apatia…..il matrimonio il vivere costantemente assieme e sempre con la stessa persona è un severo collaudo dei rapporti interpersonali…..Forse la psicoterapeuta t’avrà detto che le tue manifestazioni di disagio derivano da questa mancata accettazione dell’oggi rifugiandoti in una ipotetica età dell’oro….in cui tutto era bello, nuovo e romantico. Magari lo era…..ma come fai a dire che la tua vita era quella e non questa. Il fatto è che in questo momento ti senti ostaggio dalle circostanze e la tua responsabilità di impedisce di fuggire, anche perchè hai una prole ed è giusto……E’ importante che guardi dentro di te e scelga cosa è prioritario. Sè non ci fosse di mezzo il bimbo potrei consigliarti di separarti……ma per quanto detto prima per me ti inviterei a sceglierla come ultima opzione, ma è anche vero che non ti sì può neppure chiedere di vivere a 26 anni una relazione di coppia simile……Mia madre diceva sempre che ha sopportato per noi…..ma erano altri tempi…..e c’era in casa anche molta violenza fisica……alla fine è accaduto ma si paga un prezzo tutti, ma in quel caso era il male minore. Sebbene la situazione per te è molto più variegata e meno drammatica vivi comunque una violenza…in amore non ci si forza….è come quando non si ha fame……sè mangi il cibo lo vomiti. Devi accertarti dei sentimenti che provi…..e sopratutto di tenere lontano dalla tua decisione la storia precedente, una cosa alla volta….affronta la realtà immediata. Ci sentiamo presto un ciao a tutti

  310. green ha detto:

    @Eleonora: Eleonora, il mio consiglio, molto semplice, è: quel che è fatto è fatto, so che non è facile, ma devi cercare di incanalare tutta questa rabbia e questo dolore a tuo favore. Sfidati, mettiti alla prova, questo odio che provi è in realtà una forte energia che devi sfruttare, smettila di sentirti in colpa per quel che ti è successo in passato, non serve, anzi, ti impantani sempre di più; fai qualcosa per te, convincersi che quel che non puoi avere sia l’unica strada è un grosso errore, anzi, se avete rotto, probabilmente è proprio quello che doveva succedere.
    Non rimuginare su quelli che tu pensi siano i tuoi errori, perchè è molto probabile che non lo siano stati.
    Mettiti alla prova, davvero, vedrai che uscita da questa situazione difficile ti sentirai un leone; i forti sentimenti che provi, anche se negativi, sono comunque forti; sfogati, fai dello sport, ascolta della musica bella potente, guarda dei film che ti facciano sbellicare dal ridere.. sei libera e il mondo è pieno di bellezza, di persone speciali, di belle situazioni. Cercale e cogli quel che di bello ti riserva la giornata!

  311. Eleonora ha detto:

    x raff adesso non ho tempo perchè devo badare al bimbo ma piu tardi ti rispondo…ps sono siciliana anch’io provincia di ragusa,

  312. Eleonora ha detto:

    x raff adesso non ho tempo perchè devo badare al bimbo ma piu tardi ti rispondo…ps sono siciliana anch’io provincia di ragusa,però purtroppo non abito li ma ha modena e anche qui c’e una storia di sofferenza io non volevo venire qua ma essendo minorenne figlia unica sono stata costretta dalla mia famiglia e da quel giorno e iniziato il calvario depressione ansia attacchi di panico..sono passati 10 anni e la mia vita e uno schifo perche ho sempre e solo fatto delle scelte per paura…poi ti raccontero..adesso andiamo a mangiare..un saluto ele

  313. Eleonora ha detto:

    devo solo cancellare il passato e rivivere di nuovo ma e difficile adesso cio un bimbo e ho paura voglio che lui sia felice ma anch’io voglio essere felice e serena

  314. Giorgia ha detto:

    wow!!! ele quello che ti ha detto monica è fantastico!!! ma come si fa a capire quale sia la propria missione??
    comunque, non prendiamoci in giro, ora come ora se una coppia che non vive bene insieme e non si separa…ci possono anche essere un sacco di motivi, ma non ditemi che è per i figli!!!!!!! ok ok…forse è soggettivo.. ma io parlando da figlia con dei genitori che sono più di 10 anni che parlano di divorzio, ne ho ovviamente già piene le p*ll*, ergo , visto che mi sono anche sentita dire che “ma io sono stato qui per te (messaggio subliminale:mi devi qualcosa)..sentir dire una cosa del genere …mi fa un po’ incazzare e un po’ schifo..se non ne sei capace di separarti ammettilo,che problema c’è??se vuoi vivere così (male) fai pure,risultato..i figli ti odieranno per un po’ prima di elaborare una presa per il c**o simile..e risultato: non vedo l’ora di trovare un lavoro(che battutona!)e togliermi dai piedi, così finalmente senza il collante vi separerete…poveri bimbi immaturi..che è si vive per gli altri ora??ma se siamo spesso talmente ogoisti da crederci altruisti!!!no…sono palle per me.. uffa che tristezza..ci mancava questo sfogo..ovvio non ha senso però che io giudichi la situazione degli altri, ma volevo solo dire cosa provo io a riguardo…
    un bacio a tutti!!
    ps:sicilia??? wow..nono io sono della provincia di torino!!!!mezza piemontese e mezza molisana!!!anche se sono nata qui ..vabbè baci baci!!!

  315. Giorgia ha detto:

    ancora una cosa che sennò magari non si capisce..io voglio veramente molto bene ai miei, ho fatto un sacco di cose per loro, dalle cavolate a cose più importanti..ma ora ho bisogno di staccarmene, purtroppo negli anni ho sempre fatto lo sbaglio di giustificare il loro operato, ora non posso più farlo(distrugge la stima che ho di me), per fortuna però questo non centra nulla con tutto l’amore che gli dedico,..ho l’impressione che dovrò lottare un po’ prima di sentirmi libera e adulta, e trovare il modo di comunicare l’affetto in un modo che non sia approvare ciò che fanno..scusate lo sfogo..
    bacio

  316. moni ha detto:

    ok…ok..ok…! Onguno di noi ha avuto delle difficoltà, genitori che non ci hanno e non ci capiscono, matrimoni o fidanzamenti non duraturi, relazioni difficoltose ecc… ad ogni modo siamo grandi e con una consapevolezza tale da ben sapere che se la nostra vita non ci piace non è colpa degli altri!!Abbiamo tutti la facoltà di cambiare (con più o meno facilità)se non lo facciamo è perchè veniamo inglobati in due situazioni: 1)sensi di colpa….2)paure!!! i sensi di colpa ci derivano dal passato da ciò che cioè stiamo lasciando, le paure dal futuro, ovvero a cosa andremo incontro, l’incognita di non sapere se stiamo facendo la cosa giusta.
    Di tutte queste emozioni siamo noi gli artefici, o meglio la nostra incapacità di conoscerci al punto da sapere cosa vogliamo veramente e muoverci nella direzione a cui aspiriamo.
    Scusami per la psicologia spicciola Ele, ti chiedo solo di riflettere su di una cosa: potrebbe essere che tu sei tutta protratta verso il passato perchè vedi nel tuo ex l’unica via di fuga a questa tua vita che senti così soffocante? te lo chiedo perchè se fosse così non avresti trovato la soluzione nemmeno se lui arrivasse con un cavallo bianco e tutto vestito di azzurro.
    Dico questo perchè la mia opinione è sempre stata questa: siamo quì per imparare!!!quindi non possiamo delegare qualcuno a fare il lavoro al posto nostro.
    Raffaele è un gran saggio in questo (sicuarmente grazie alla sua personale esperienza) infatti ha affermato di affrontare una cosa per volta, prima ritrova il tuo equilibrio facendo delle scelte per te stessa e la tua serenità (che questo comporti o meno la rottura del tuo attuale legame lo sai solo tu) poi una volta che avrai fatto un po’ di ordine sarai pronta sia per andare avanti sia per tornare sui tuoi passi amorosi, i nostri dolori, le nostre paure ci fanno sentire scomode a volte, situazioni che non lo sono, se invece lo sono davvero, una volta centrati lo sentiremo nel profondo e avremo molto più coraggio e determinazione nel cercare ciò che è giusto per noi.
    X Giorgia:se mi dici la tua data di nascita ti dico la missione.
    X green:sto scaricando il video di Lipton….poi ti dico la mia impressione :O)
    XRaffaele:bella la Sicilia, non ho ancora avuto il piacere di visitarla ma se riusciamo con le ferie dovremmo venire a taormina per un matrimonio spero solo le temperature siano un po’ scese :O)
    X Peppe:Ciao :O) è un po’ che non ti si vedeva qui…
    SErenità per tutti Moni :O)

  317. Giorgia ha detto:

    fantastico!!! sono esattamente preda sia di paure che di sensi di colpa!!! però mi piace un sacco la lettura che ne hai dato!! e vabbè..in fondo mi piacciono le sfide anche se sfidare se stessi è davvero difficile!!..tanto non mollo
    io sono nata il 14 aprile 1990!!!!!!!!!!!!!
    mi sa che qua dal basso dei miei 19 anni sono il cuccioletto di turno!!!!!!!!
    bacio a tutti!!!!!!!!!

  318. moni ha detto:

    @Giorgia: siamo tutti preda di ciò che hai detto Giorgia, il grado di evoluzione è dato anche da questo, meno paure, meno sensi di colpa uguale più evoluzione, ovviamente non solo questi fattori determinano l’evoluzione.
    La tua missione è la numero 1 ovvero: devi sviluppare e portare equilibrio in te stessa fra mente, corpo e spirito attraverso discipline spirituali quali:yoga, sport, shatzu,arti marzialio qualsiasi altra pratica che porti all’equilibrio questi tre fattori,
    una volta travati questi equilibri in te stessa potrai illuminare gli altri ovvero insegnare le altre persone a fare altrettanto…..tanto equilibrio per te Moni :O)

  319. Giorgia ha detto:

    grazie!! uh mi sa che non sarà facile…e mi sa che è proprio per questo che è importante..
    vedo se trovo qualcosa che mi ispiri in proposito!!
    un bacio!!

  320. peppe ha detto:

    Ragazze/i, forse stiamo andando un pò oltre rispetto allo scopo principale di questo blog “le coincidenze”. Le coincidenze che potrebbero essere la vera guida al nostro percorso. Parlare di psicologia, di libri, video etc. è importante ma forse stiamo osservando poco gli eventi che ci capitano quotidianamente e che forse ci vogliono dare delle indicazioni per il nostro percorso. All’inizio, è chiaro, ci capiremo poco ma poi man mano si potrebbe allargare la visuale. Incontri casuali, eventi, telefonate, tutti eventi che ci potrebbero voler dire qualcosa. Se ci capita qualcosa e riusciamo a capire che cosa vuole insegnarci il cosmo, bene, se no, se non capiamo il messaggio, l’evento, che poteva avere del buono, si trasforma in problema. Anche l’ansia e la paura derivano dall’aver evitato di vedere e di affrontare qualcosa..

  321. Giorgia ha detto:

    ma c’è bisogno di un po’ di tutto..non è forse una coincidenza anche essere qui a discutere di queste cose?ok, non ci incontriamo davvero, ma in fondo questo dà la possibilità di parlare più liberamente, e in ogni caso, sì riuscire a “vivere” le coincidenze è sicuramente molto importante,ma tutto può essere utile..meglio se uniamo le cose..
    bacio

  322. moni ha detto:

    @peppe: se vuoi ti parlo delle coincidenze che mi hanno portato al theta healing ma sono anche daccordo con Giorgia perchè è proprio parlando liberamente di tutto e non focalizzandosi su nessuna ricerca specifica che ognuno trova le sue coincidenze,esattamente come il fatto di essere tutti quì!!!nulla succede per caso no? quindi sentirsi liberi di parlare di se stessi e dei propri percorsi forse non è specifico per questo blog ma il filo conduttore che ci lega è che ognuno di noi crede alle coincidenze quindi siamo in grado attraverso i racconti personali e non di vedere ciò che a noi serve e cogliere le nostre proprie coincidenze.
    Ad ogni modo ritorno al concetto iniziale, ero in internet che cercavo siti sul reiki perchè a quel tempo avevo solo il primo livello e mi interessava passare al secondo per usare i simboli, durante la mia ricerca mi addentro in un argomento a me sconosciuto ma il cui nome mi risuonava molto:theta healing.
    Dopo aver letto a grandi linee dei concetti fondamentali mi sento dire:-non è ancora ora ma se deve essere sarà!-.
    E’ passato quasi un anno e mezzo. ogni tanto mi ritornava il messaggio ma ogni volta che mi adoperavo per qualche corso non avevo i soldi per farlo, in giugno stavo appunto parlando con una mia amica del fatto che non avevo una lira ma che mi sarebbe piaciuto fare il seminario theta, eravamo in una libreria esoterica, mentre sfogliavo qualche libro la mia amica mi ha dato un volantino dove si parlava di un corso di primo livello theta che si svolgeva pochi giorni dopo ma io come dicevo prima, non potevo, così ho semplicemete riposto in un taschino della borsa il volantino.
    In quel periodo i medici avevano scoperto che soffrivo di apnee notturne, il che mi portava una gran stanchezza e molto stress.
    Un giorno ho deciso di uscire prima dal lavoro proprio per quel motivo ma, dovevo passare in un centro commerciale senza meno, arrivo lì, era chiuso fino alle tre ed erano già più delle tredici, così decido di aspettare(ho sempre dietro un buon libro che mi salva da questi inconvenienti).
    Apro una tasca della borsa per togliere il cellulare e insieme a quest’ultimo esce il volantino che mi aveva dato la mia amica quasi un mese prima, sorrido e mi dico che è sicuramente giunto il momento, visto che qualche giorno prima mi erano arrivati dei soldi che aspettavo da tempo.
    Chiamo il tipo il quale mi spiega che il corso sul volantino non si è svolto ma è stato spostato alla SETTIMANA SUCCESSIVA :O) non essendo in gran forma gli faccio capire che non mi va di fare il corso senza aver fatto prima un incontro con lui perchè non sto molto bene e non voglio sovracaricarmi. Lui ha tutta la giornata e settiamana successiva impegnata, un unico posto libero alle 14,15 e sono le 13,30, mezz’ora di tempo per arrivare, diciamo che più coincidenza di così!!!!e da tutto ciò è iniziata la mia avventura nel theta healing…..serenità per tutti Moni :o)

  323. Eleonora ha detto:

    x moni hai ragione tutto quello ke dici è vero anche se lui tornerebbe i problemi non cambierebbero..sono io ke devo cambiare dentro sono io che devo trovare la forza x affrontare le mie paure ogni volta che si presentano con fede e fiducia profonda come dici tu..perchè quando si è sereni è in pace con se stessi tutto il resto viene da sè..e forse troverei il coraggio di lasciare il mio compagno..e non è vero ke non lo lascio x mio figlio questa e una scusa e perche non ho proprio il coraggio ma di piu e la paura come dici tu…di fare gli stessi errori del passato,avere paura del futuro,i figli crescono bene anche da separati genitori felici figli felici..i bambini lo sentono quello ke provi..comunque cara moni adesso voglio pensare a me stessa a ritrovare il mio equilibrio ke forse non ho mai avuto fiducia e fede..se io voglio posso..io lo voglio faccio psicoterapia perche sento di volere aiuto pero il muro lo devo fare cadere io lo sò.. però piu avanti mi piacerebbe riprovare il theta healing forse con piu consapevolezza riuscirei ad andare in tetha sarebbe bellissimo a me queste cose mi hanno sempre affascinato..secondo te ke ormai sai i problemi ke ho faccio bene a fare questo?bee comunque quando una sta bene lo sente da sè e inutile dirlo..ci vuole costanza come dice raff allenamento…scusatemi se vi annoio ma siete l’unico mio sfogo e ringrazio dio di averlo trovato…un bacio a tutti voi con affetto Ele

  324. Raffaele ha detto:

    Ieri sera non mi sono collegato……acc….vi siete scatenati bene bene…e trovo anche nuovi giovani internauti. Una cosa vorrei dire……qualunque cosa che diciamo quì per quanto suggestiva và vagliata e quindi accettata, respinta o archiviata in base al nostro sentire, quello che oggi non comprendi lo si può realizzare nel tempo futuro adesso o mai. Non pensavo che fossi Siciliana…..il ragusano è bellissimo…mi ci comprerei una masseria e vivrei a ridosso sul mare, Marzamemi, Pachino, ecc….che bello poi a Settembre e Ottobre con quei tramnonti. Comunnque Eleonora una cosa di buono c’è…proprio ieri sera ho iniziato un libro di un famoso pscoterapeuta che opera con ipnosi regressiva ed il tema che stò leggendo verte proprio sulle dinamiche di coppia e non solo perchè non tratta la cosa freddamente ma si riallaccia ai temi della filosofia induista e buddista. Personalmente credo che l’ipnosi regressiva non sia una panacea assoluta, anche sè a qualcuno è giovato tantissimo. Anzi può essere anche rischiosa per personalità suggestionabili e francamente non saprei neppure io sè sottopormi ad essa. Sè vuoi in privato o quì come preferisci ti dò il suo nominativo e visto che opera a Bologan e te risiedi a Modena azzeri il problema logistico. Ma ti consiglieri di leggere prima il libro….ho letto 60 pagine in un’ora, pensa che il mio record precedente non superava le 10, pur trattando argomenti seri sono descritti con humor e senso pratico…con frequenti aggangi agli antichi miti classici e alla cultura giudaico-cristiana, ma promette molto di più. Stasera ti dò il titolo esatto. Per concludere a tutti vorrei dire una cosa potete diffidarne ed è comprensibile ma sappiate che esiste una coscienza universale a cui attingiamo, jung la chiamava inconscio collettivo, il fisico quantistico David Bohm “ordine implicato” altri lo chiamano “vuoto quantistico” altri ancora “universo olografico” è il posto dove ha avuto origine il tutto e con cui intergiamo continuamente, dall’informazione è sgorgata la materia e l’energia….da un atto di consapevolezza in un luogo senza tempo in una spazio molto più piccolo di una particella atomica ha avuto origine l’universo che già alla sua nascita contemplava la vita. Quella che per secoli è stata pura fede e intuizione di alcune filofie e fedi oggi viene sondata dalla matematica. Il nostro pensare comune è come un grosso cervello globale e anche sè non ci siamo mai visti collaboriamo assieme a questo grande progetto evolutivo, non solo quì, ma anche un lama che medita in Tibet, o un sufi islamico in una tenda in un deserto un mistico delle nostre parti, ma anche con gente comune……quando questo numero crescerà nel mondo si vivranno tempi molto diversi da quelli di oggi.

  325. Eleonora ha detto:

    x raff sei molto simpatico io di preciso sono di chiaramonte gulfi non so se l’hai mai sentito..la citta dell’olio olive salsicce pane e tutto meraviglioso la sicilia e meravigliosa anch’io mi comprerei una masseria vorrei tante mucche e pecore e fare la ricotta e mangiarmela la mattina col siero bella CALDA e perche no con del pane sminuzzato dentro..quando vado giu ogni tanto vado a mangiarla…un paio di volte sono stata a catania bella citta molto caotica a me piace il casino la sicilia la mia terra sono orgogliosa di essere sicula mi manca tanto haa mi spacchiavo la vita giu…venire qua e stato l’inizio del mio stare male avevo17anni brutta età avevo tutto giu tutto quello ke era la mia vita non lo mai accettato per seguire la mia famiglia per l’insicurezza che ho e che mi ritrovo a 26anni dovevo fare invece quello che sentiva il mio cuore il mio cuore mi diceva di rimanere giu ma non lo fatto forse x paura ma poi i miei non volevano mia madre lasciamo perdere..la gioia di vivere mi sprizzava dai pori quando ero giu appena arrivavo a modena mi veniva la depressione e l’ansia e cosi x 8anni e andata avanti…finchè non ho peggiorato con vari problemi e scelte e i disturbi si sono raddoppiati..adesso voglio pensare a me stessa e al mio benessere interiore cosi potro fare delle scelte piu sagge e non cosi tantox….se sei in pace tutto viene da sè o per lo meno trovare la fiducia per affrontare le insidie della vita e della mente….sinceramente non ho voglia di farmi ipnotizzare pero non si sa mai il libro lo posso anche leggere…in questi ultimi 2anni ho letto un sacco di libri di saggistica e di r.morelli…molto belli,,,salutami la sicilia e mangiati x me una bella granita con la brioche..un cannolo con la ricotta e la cioccolata haa se sarei li mi manca la mia libertà pero devo essere io a riprendermela…un caro saluto Ele

  326. Raffaele ha detto:

    Beh sono contento vedi che la pensi come riguardo all’ipnosi…..e poi non credo sia facile ipnotizzarmi….ho un autocontrollo molto forte e dovrei mettercela tutta per abbandonarmi….Quando ho iniziato la terapia lo specialista dove andavo non era neppure favorevole all’ipnosi…e poi addirittura a quella regressiva…..con cui si dovrebbero riprendere le esistenze precedenti e trovare in esse le cause del malessere, la condizone sociale, di salute, economica che viviamo oggi. A dire il vero quì entriamo in un’area delicata e che la razionalità ci impedisce anche di prendere in considerazione. A titolo personale devo dirti che oggi comincio a vederci qualcosa di logico…..vent’anni fà bollavo queste dicerie come superstizioni….ma oggi quantomeno comincio a valutarla, per le cose inspiegabili che differiscono da individuo ad individuo, trovo che sè veniamo a questo mondo con destini a volte così diversi deve esserci alla base una ragione. Ma è un opinione mia questa. Il libro si chiama “Come trovare l’altra metà della mela evitando il bruco” oggi pomeriggio ho letto altre 40 parine e mi stò divertendo un mondo pur trattando argomenti seri; l’autore si chiama Angelo Bona. Sì conosco Chiaramonte Gulfi…..non ci sono mai salito ho lavorato anni fà a Comiso per un progetto e poi dalla superstrada, quando si và a Ragusa. Io sono della provincia di Catania…vivo in mezzo agli agrumeti….il mare è un pò distante…ma di fronte mi si staglia Miss Etna…….per la granita e i cannoli basta percorrere meno di 100 metri da casa, fanno una granita ai gelsi rossi eccezionale.

  327. Raffaele ha detto:

    E tutti voi del sito vi piace la granita ai gelsi rossi?….parliamo di cose meno gravose……

  328. Giorgia ha detto:

    oh ma io ho un gelso in giardino!!!!! ..be’ non ha mai fatto i frutti in realtà..è che fa solo i fiori, ne fà tantissimi ma poi li perde, quelle specie di fiori strani..magari è il clima..però so che qualche pianta che fa i gelsi c’è anche qui, ma questo non basta per conoscere la granita ai gelsi rossi..anche se così mi fate venire voglia di vedere la sicilia!!!!!!!! deve essere molto più selvaggio e meno abitato(il che suona come fantastico!!) che qui a 40 km da torino..dubito che la cosa mi dispiacerebbe, anche se mi mancherebbero le montagne viste dalla finestra..e poi il mare..il mare mi mette sempre una malinconia, in realtà lo adoro, e adoro l’acqua in generale, ma il mare mette una pace e un silenzio, tutto quel “vuoto” tutto insieme, fa pensare, ma credo che vedere il mare dalla finestra sarebbe fantastico, è un po’ come qualcosa di vivo, mi sembra sempre di non riuscire a capirlo, poi lo vedo una volta l’anno..:-( sigh!!comunque anche una bella casa in collina, in un posto soleggiato e vicino a un torrente non sarebbe niente male, pace e tranquilllità, la neve d’inverno, ma non troppo lontano dai famosissimi “servizi” della pianura di cui non possiamo fare a meno!ci metterei anche un boschetto, sarebbe carino, meglio che boccheggiare sull’asfalto di torino, sarà anche una città magica ma il cemento e l’asfalto sono comunque fastidiosi!!
    così per sapere, ma le cose in sicilia funzionano male come di fama o come al solito si esagera?? non mi piace tenermi io preconcetti!!
    bacio
    (ok, qua l’argomento del blog è stato definitivamente messo da parte…)

  329. Raffaele ha detto:

    Beh Giorgia al posto delle alpi c’è l’Etna…il parco…e i monti Nebrodi e altro parco naturalistico….certo non sono le Alpi. E’ vero anche a me un pò inquieta il mare…quelle onde, la risacca, mi induce alla riflessione per me è come una metafora ogni increspatura è come una vita che sorge dal nulla…si erge…e poi declina per ritornare a confondersi col tutto. La montagna o la campagna da più un senso di serenità e non è un caso che i mistici di ogni cultura si sono sempre rifugiati sui monti.

  330. Giorgia ha detto:

    già, il mare è incontrollabile ed incontenibile, in più è in continuo mutamento, non è mai uguale, e non puoi prenderlo o catturarlo e portarlo via, sarà per questo che inquieta, fa pensare a cose tipo il tempo che passa, o il senso della vita, è un po’ magico, e lo si collega all’inconscio, a qualcosa di inconoscibile ed incontrollabile, è pericoloso e non vedi cosa c’è al suo interno..è libero.. anche l’etna non mi dispiacerebbe da vedere, anche se mi farebbe un po’ paura!!
    ma diciamo pure che il confronto con il mare è tosto!!

  331. moni ha detto:

    @Raffaele: Io Angelo Bona l’ho conosciuto ad un suo seminario a Rimini circa due anni fa.
    E’ una persona di una simpatia e di un’autoironia unica, la sera del seminario ha fatto battute a raffica rendendo argomenti molto seri e a volte “fra le righe” alla portata di tutti.
    Io adoro Brian weiss, non so se avete mai letto nulla di suo ma altro non è che l’Angelo Bona Americano, è grazie a lui che ho esplorato il concetto di ipnosi regressiva che mi ha portato poi ad Angelo Bona.
    Avrei anche fatto qualche seduta con lui perchè al contrario di voi mi è sempre piaciuta molto l’idea (ho fatto sedute di ipnosi ma non regressiva a parte una volta ma è stato tutto molto in superfice)ma i prezzi del dottor Bona sono inarrivabili per me.
    Ci sono liste di attesa di più di sei mesi (o almeno era così quando mi sono informata) si fanno due, tre sedute in tre settimane coloquiali in cui lui decide se siamo soggetti ipnotizzabili, poi si fa l’ipnosi.
    A suo tempo erano più di cento euro ad incontro quindi mi ci voleva quasi uno stipendio solo per arrivare a fare la prima seduta, ho rinunciato ma credetemi lui è un uomo davvero molto divertente e alla mano, si sente che ama molto il suo lavoro e lo fa con il cuore, ho letto il libro che hai citato Raff ma ti consiglio anche “molte vite, molti maestri” e “molte vite, un solo amore” di Weiss se ti appassioni all’argomento.
    Finisco rispondendo ad Eleonora che mi chiede se secondo me deve riprendere poi il theta, la mia risposta è la solita, se senti che ti attrae, che può essere la tua strada per arrivare alla guarigione riprendi, ma al momento almeno per quanto riguarda il theta hai sicuramente bisogno dell’aiuto di un operatore, io non ho mai conosciuto Lorella de Luca ma il suo viso mi ha sempre ispirato fiducia, tant’è che sto pensando di fare con lei “abbondanza e manifestazione” anche se i primi due li ho fatti con un altro istruttore.
    Ascoltati tesoro ma fallo quando sei serena, anche se sono pochi quiei momenti ora,la verità non è mai presente nei nostri pensieri quando abbiamo paura.
    Un saluto a tutti e pace Moni :O)

  332. moni ha detto:

    Cari amici, passo a voi un regalo meraviglioso che ho ricevuto sperando di farvi cosa gradita…..
    IO SONO EVA
    Io sono Eva Signore, e non volgio obbedirti, soltanto amarti, perchè credo che l’Amore contenga già l’Obbedienza. Io sono Eva, Signore, stanca di sacrifici, Eva che vuole gioire perchè crede che l’Allegria contenga già il Servizio. Io sono Eva, Signore, anche senza figli, perchè una donna anche con la mente è già Madre e nel Grembo delle sue idee dà vita ad ogni Creazione. Io sono Eva, Signore, ed ho compreso che “l’Amore per Sempre” non era per Lui, non era per Te ma era la sola Fedeltà possibile che potevo garantire a me stessa. Io sono Eva, Signore, e oggi come ieri, affronto il Lavoro in casa e fuori, ma non nascondo più la fatica di farlo dietro il Sorriso ossequioso della serva o della puttana, e credo nella maternità ma non a costo della mia vita e dell’Infelicità di quelli che genero, e credo nell’Amore ma non come asservimento del corpo, del cuore, dei pensieri. E se qualcuno vuole Giocare con me Prima deve addomesticarmi come il Piccolo Principe fece con la Volpe e rinunciare al dominio, alle guerre, agli eserciti ai quali, nei secoli è stato concesso lo Stupro. Perchè io non sono più una che si trasforma in albero per sfuggire ai sottoprodotti maschili del Violentatore Sacro che, tante volte, qualcuno ha chiamato “dio”. Io sono Eva, Signore, allevata, sfidando, per miliardi di anni, Roghi e Calunnie. Eva assai spesso nemica delle altre donne e da sempre, certamente Sola, eppure ancora spaventata dalla Solitudine,ancora terrorizzata dall’Abbandono. Eva che però, ha deciso, di non avere più Paura di ciò che, in verità, Desidera: la Libertà anche a costo della Solitudine. Ho capito infatti, Signore, che esiste un terrore da abbattere peggiore della Morte e il più potente di ogni divinità. Un terrore sconfiggendo il quale ogni Libertà è possibile. Quel terrore da abbattere è la Paura della solitudine. Ecco perchè oggi, Signore, io sono Eva: Lbera e Sola….e vengo Felice ad incontrarti.
    Visto che nulla succede per caso, mi sono arrivate queste parole che secondo me sono decisamente a tema…..un abbraccio Moni :O)

  333. Raffaele ha detto:

    Condivido in piemo le tue riflessioni……appartengono anche a me……sebbene maschio. Avete notizie di Eleonora…..si è eclissata. Và meglio bimba?….ciao a tutti.

  334. Eleonora ha detto:

    @Raffaele: ciao atutti sono qui sto bene diciamo..un po in ansia e preccupata x mia mamma ha dei noduli al seno e deve fare un esame x vedere di che natura sono ho contattato un medico oncologo x e-mail e mi ha detto…che non e detto che sia una patologia tumorale ma selo fosse si puo curare…sto male ho paura la notte non dormo mi sembra di impazzire non vedo l’ora che arrivi lunedi x fare la visita dal chirurgo e vedere cosa è…io le sto vicino e non le faccio capire che soffro perche e peggio…ma nel mio cuore sto morendo…ragazzi lo sapete cosa vi dico che queste cose sono piu brutte della depressione l’ansia il panico….la salute e la cosa piu importante la vita e bella e un dono di dio..vorrei dire a moni che sto pregando tanto a dio che si risolva tutto x il meglio…il mio angelo custode che x me e mia nonna gli parlo so che lei mi ascolta gli ho chiesto nonna fatti sentire e si e posata una farfalla sul mio braccio ho capito che era un suo segno perche lei e vicino a me…vi saluto con cuore a presto vi faro sapere

  335. Raffaele ha detto:

    La storia della farfalla qualche anno addietro mi avrebbe fatto sorridere……orà ti dirò che magari non sarà la tua povera nonna, ma un segnale sincronico, un modo per congiungere il nostro mondo con altri mondi, con cui veniamo in contatto occasionalmente sebbene siano fittamente compenetrati con il nostro e che nei momenti di difficoltà ci viene in soccorso portandoci un di ottimismo e la percezione che nessuno è solo in questo universo apparentemente buio e freddo.

  336. moni ha detto:

    Le riflessioni scritte non sono mie, mi sono state passate da mia cugina, per questo ho sottolineato che è un’ulteriore coincidenza visto che parlano appunto di come è giusto che un individuo (sia maschile che femminile, anche se lì il soggetto è femminile) ha il diritto di realizzare se stesso per quello che è e può dare, mentre la società spesso tende ad attaccarci etichette di pseudo-egoismo se non ci sacrifichiamo sempre agli altri.
    C’è un’altro fatto da esaminare in questo momento, cioè come ogni cosa che ci accade, anche la più terribile ai nostri occhi, ha lo scopo di insegnarci qualcosa.
    Solo pochi giorni fa ci scriveva un’eleonora completamente assorbita nelle sue paure che ora sono passate in secondo piano di fronte alla possibile malattia della madre, esattamente come le incomprensioni fra lei e la madre stessa che sono state cancellate dall’amore che le lega e che era stato messo in secondo piano dai caratteri.
    Ogni esperienza ha un suo perchè e non accade per caso, Tu e tua madre Ele trarrete un insegnamento da quello che sta succedendo (non voglio essere superficiale ma lavoro in medicina nucleare e so che se fosse, il tumore al seno è uno di quelli più curabili), per questo che credo sia molto saggio il detto :Vivi ogni giorno come se fosse l’ultimo!! perchè se veramente così fosse non lasceremmo mai i rancori in sospeso ma cercheremmo sempre di riportare pace in ogni lite o incomprensione e saremmo certamente più obiettivi nei confronti di noi stessi e degli altri evitandoci tanti sensi di colpa inutili.
    Ognuno di noi fa il meglio che può per essere felice….:O) Moni

  337. Eleonora ha detto:

    @moni: grazie moni grazie di cuore…ti posso dire che le mie paure non sono niente in confronto all’angoscia e la paura di questa brutta situazione…però ho capito che la vera sofferenza e un’altra cosa…perche la vita e bella e la salute è importante…l’amore della vita…spero di cuore che si risolva tutto lo spero a dio e spero che lui mi ascolti…grazie moni sei un’amica dolce che capisce il senso della vita…e anche io sto iniziando a capirlo…mio figlio mi da forza

  338. moni ha detto:

    @Eleonora: cara Ele, tu dici che conosco la vita, diciamo che amo la vita, la amo profondamente e ringrazio Iddio per ogni secondo vissuto e che vivrò, sono immersa nella meraviglia ogni volta che contemplo il nostro meraviglioso pianeta, amo la natura con tutto il cuore e spesso lei mi regala un amore che nemmeno sono in grado di spiegare, sento che tutto ciò che mi circonda fa parte di me nel profondo ma, tutto questo, non mi ha preservato dall’avere paura, esattamente come te!
    Ogni volta che dimentichiamo ciò che siamo ci assale la paura, tutto ci sembra così complicato ed irrisolvibile!!
    A me succede come a te tesoro, non sentirti penalizzata o di poco valore perchè vieni assalita da quell’emozione così paralizzante, è ritrovando il tuo vero valore che il terrore svanirà.
    A volte ci viene chiesto di accettare l’inaccettabile (almeno lo è ai nostri occhi) e quando riusciamo a farlo, ci accorgiamo che il dolore si è finalmente placato, perchè quello era il nostro compito…..anche io mi arrabbio, sono testarda, come te!! anche io piango quando le cose non vanno come vorrei o tremo quando ho paura di affrontare i miei fantasmi…..ognuno di noi ha le sue piccole grandi difficoltà, anche io ho avuto il mio piumone invernale che mi proteggeva dai dolori del mondo e dalle “ombre” dell’al di là, ed ancora oggi ogni tanto mi sveglio col cuore in gola una sola cosa è cambiata in me negli anni, è l’unica cosa che mi fa tornare sereno il cuore: la mia profonda fede che, anche se può non piacermi, anche se può terrorizzarmi, anche se vorrei fuggire e cambiare tutto, quello che provo sono solo emozioni false e devianti, perchè la mia vita si sta svolgendo come deve essere anche in quel momento, tutto ha un ordine preciso e tutto quello che incontriamo o viviamo è perfetto per noi anche quando non lo capiamo…..Ogni cosa è perfettamente al suo posto in ogni momento ed in divenire, così che possa trasformarsi per essere perfetta per il momento successivo…..Moni :o)

  339. Eleonora ha detto:

    @moni: carissima moni quello che leggo dalle tue parole e veramente bellissimo…ma come hai fatto e come continui ad avere una cosi profonda fede…io ci sto provando,ma e difficile trovare l’amore di dio dentro di te perchè la paura ha la priorità a prendere il sopravvento… so che c’è e questo mi da coraggio però avvolte mi scoraggio…vorrei sentirmi coccolata protetta dall’amore di dio…l’amore è la cosa piu bella che possa esistere nella vita…ti saluto..dolce moni…>>>>

  340. Raffaele ha detto:

    L’attenzione del grande uno, che per ora è scisso in tutto quello che esiste nell’universo, opera in continuazione per ricongiungersi e ritrovare quell’antica unità senza la quale non fà altro che contrapporsi a sè stesso. Ogni qual volta che hai la sensazione che qualcuno si prende in un modo o nell’altro cura di te o ti accade qualche cosa che ti risolleva, ebbene esso ti parla nel suo modo e ti dimostra che non ha dimenticato nemmeno una parte di esso. Te immagini dio come una persona o comunque a qualcosa che rimanda alla tradizione cattolica?…..và bene lo stesso Eleonora, sè non riesci a identificarlo diversamente, l’importante è che la tua spiritualità non sia statica e prevenuta verso il nuovo o da quello che si discosta dalla tradizione, ma dinamica e aperta. Ciò ti permetterà di cogliere i segni ovunque tu ti trovi e non solo nei sogni o all’interno di una chiesa. Ciao

  341. Eleonora ha detto:

    x raff io a dio lo immagino come una forza divina e invisibile…ma fammi capire un cosa forse sono un po ignorante quali sarebbero i segnali di dio da dove lo dovrei capire…quelli positivi e quelli negativi li da sempre dio adesso in questo momento di sofferenza e paura x questo problema che e insorto dove sarebbero i segnali?? io prego ha dio con le parole mie che mi escono dal cuore…mi deve dare lui la forza io di piu non so cosa fare…ciao

  342. Eleonora ha detto:

    tu raff come lo immagini DIO??

  343. moni ha detto:

    @Eleonora: non so darti una risposta precisa, ora a posteriori so che per lunghi anni ho ricoperto il ruolo della vittima, secondo la mia visione venivo ingiustamente punita, non era mai colpa mia e tutto quello che accadeva di negativo o era causato dagli altri o era colpa di Dio insomma, non ero capace di assumermi la responsabilità della mia vita, delle mie azioni e dei miei pensieri.
    Ancora oggi, quando accade qualacosa che mi turba tendo a tornare indietro e assumo un atteggiamento iniziale, della serie, perchè quella persona mi sta facendo questo? solo che come ti dicevo tempo fa, la capacità di ricentrarsi, nel tempo, lavorando su di sè migliora sempre di più, così dopo un attimo di smarrimento caccio il vecchio schema e mi chiedo: su cosa devo lavorare in me per cambiare questo stato di cose?
    Per quanto riguarda Dio, non so se l’ho già raccontato qui ma anni fa, durante un tremendo attacco di panico, ad un certo punto, quando ormai ero convinta che sarei morta, mi sono lasciata andare completamente, mi sono rivolta a Dio e ho detto: va bene, sono qui, che accada quello che deve accadere, accetto!!! in quello stesso momento mi sono ritrovata in posizione fetale, avvolta da una sorta di nuvola, sembravano due enormi braccia ma non avevano forma umana, era solo energia, e da quella nuvola ho ricevuto tanto di quell’amore che nemmeno campassi milioni di vite potrei spiegarlo in termini umani.
    Era una luogo meraviglioso, non avevo più paura di nulla mi sentivo amata e in completa armonia con tutto quello che mi circondava, benchè fossi consapevole del mio corpo mi sentivo anche parte di tutto quell’amore, è durato pochissimo ma tante volte ho cercato di ricreare quel momento senza più riuscirci.
    Premetto che tutto questo è successo prima che io iniziassi un cammino spirituale, le uniche parole che allora sono riuscita a dire:sono stata fra le braccia di DIO…..Non so se è da lì che la mia fede si è consolidata so solo che è dentro di me, solida, posso avere tanti dubbi ma nessun dubbio sull’esistenza di quella meravigliosa energia d’Amore che è il Creatore di tutto ciò che è…..Moni :O)

  344. Raffaele ha detto:

    Te Monica hai vissuto certamente qualcosa di molto palese riguardo al tema che stiamo trattando…..ma come tu sai spesso questi segnali sono più flebili….oppure sono proporzionali allo stato di disagio che si vive. Io dico ad Eleonora che già lei ha capito come fare….assumersi le sue responsabilità…ed essere consapevole che trasferisce i suoi insuccessi addebitandoli ad altri. Ma questo accade anche a me….però essere consapevole della dinamica ti porta a guardarti dall’esterno ed avvederti della cosa. Con questo non voglio dire che chi ti prevarica è nella ragione…..assolutamente è sicuramente più indietro di te spiritualmente e non si pone affatto questi problemi….vive nel suo ego…ed è solo uno strumento inconsapevole volto non a punirti ma ad affinare ulteriormente il tuo animo e renderlo pronto per il gradino successivo. Volendo fare un simpatico parallelo è come una malattia, che dopo ti lascia gli anticorpi e ti rende immune. Nessuno vuole punirti……è il bambino che abbiamo dentro, che reclama solo attenzioni e protesta perchè si crede solo e abbandonato.

  345. Raffaele ha detto:

    Come immagino Dio….diciamo come lo percepisco. Beh quando mi faccio l’esame di coscienza per qualche azione commessa…quando cerco di afferrare il senso delle cose…della vita, il suo scopo, la malattia, il fine di una morte prematura o di quella che tarda ad arrivare oltre ogni decenza,…quando provo comapassione per qualche essere vivente o appagamento per quello che ci attornia, ed infine quando punto il cielo stellato e con soddisfazione sento di essere un pezzo della sua coscienza in quanto posso dire io esisto, penso e sò distinguere.

  346. Moni ha detto:

    @Raffaele:sostanzialmente, gli altri, anche quando ci fanno male, ci sono maestri, per quanto possa essere davvero difficile rigraziarli di questo essi ci indicano la giusta direzione su cui lavorare e spesso ci mostrano lati di noi stessi di cui non siamo consapevoli. Se ad esempio mal sopportiamo le persone saccenti che cercano di imporre sempre la loro opinione è molto facilmente proprio perchè un po’ così lo siamo anche noi, oppure se non tolleriamo le persone aggressive è perchè dobbiamo imparare ad essere meno aggressivi noi stessi, o se aggressivi non lo siamo a capire questa cosa fino in fondo, liberando l’aggressività che è dentro di noi anche se non manifesta arrivando a capire tramite l’attacco dell’altro che l’essere aggressivi non è necessario e non porta a nulla….io come te Raff e come credo tutti noi siamo consapevoli di questo ma visto che siamo qui dobbiamo ancora imparare molto quindi è normale che cadiamo nella trappola e poi ravvederci.
    A me capita anche di essere pienamente consapevole del meccanismo ma di non riuscire a distaccarmi dall’emozione di rabbia che mi assale e devo lavorarci a lungo, certe ferite profonde che abbiamo quando vengono risvegliate producono un tale dolore che è davvero difficile da gestire, ciò non toglie che se così non fosse probabilmente non ci occuperemmo mai di loro quindi ben venga chi ci risveglia…. un abbraccio a tutti Moni :O)

  347. peppe ha detto:

    giusto, Moni…a volte gli altri sono il nostro specchio. Se ci da fastidio l’aggressività dell’altro/a o è perchè lo siamo pure noi o perchè nn lo siamo, ed esserlo un pò non guasterebbe, o meglio, non sarebbe male acquistare un pò di dinamicità in più, senza necessariamente aggredire. Alle volte ci fossilizziamo un pò troppo nell’essere teneri e dolci e forse ci manca proprio quel pizzico di sale. Quindi gli eventi/incontri che ci capitano ci insegnano questo. Quando ce ne rendiamo conto, va bene…se no vediamo la cosa (evento, incontro) come un problema.

  348. Raffaele ha detto:

    E anche io ci stò in mezzo a queste contraddizioni……mica sono un lama tibetano, però prima mi sentivo un crociato in mezzo agli infedeli…poi prendendo a spunto la metafora dell’incudine e del martello ci ho visto poca differenza. Un appunto sul fatto che detestiamo quello che è il nostro riflesso nello specchio delle emozioni. Non credo che sia spiegabile in un modo così semplicistico; almeno così vedo la cosa io……

  349. Susanna ha detto:

    X Moni: come si fa a sapere qual’è la propria missione?
    Interessantissimi i vostri post, perfettemente in linea con la mia anima.. Grazie ragazzi!

  350. Moni ha detto:

    @Susanna:Ciao, per sapere la tua missione è sufficiente che mi lasci qui la tua data di nascita, in base a quella c’è un calcolo numerico da fare per giungere ad un numero che è poi la tua missione corrispondente, se vuoi te la passo quando mi lasci la data :O) Moni

  351. Moni ha detto:

    @Raffaele: certo Raff sono daccordo che non è semplicistico fino a quel punto, il discorso dello specchio è indicativo nel senso che la tua irritazione di fronte a quella determinata situazione (rabbia o dolore o altre emozioni che ti inquietano ovviamente) è indice del fatto che tu devi lavorare su quell’aspetto e i motivi possono essere molteplici, sono comunque legati (a mio avviso ovviamente) ad un tipo di energia che ti da fastidio che è quindi da riequilibrare, il motivo generico di solito si lega allo specchio ma sono daccordo nel dire che non è sempre così.
    Io solitamente quando mi trovo in una situazione del genere chiedo agli altri come mi vedono rispetto a quella situazione perchè spesso noi non vediamo ciò che gli altri colgono di noi stessi, quindi arrivo a capire il lavoro che devo fare ( che è quasi sempre comunque il perdono!) basandomi su vari elementi. A volte con la pace, cioè il ritorno della serenità, sono alla guarigione, altre volte mi si ripresenta una situazione analoga con un’altra persona e lì capisco che c’è ancora da lavorare.
    PS: anche il concetto di perdono che ho espresso non è così semplicistico, il perdono ha molte facce e ha lo scopo finale di riportarci in armonia….Pace :O) Moni

  352. Susanna ha detto:

    Grazie Moni!
    La mia data di nascita è 30/08/1965.
    A buon rendere!

  353. Raffaele ha detto:

    Ti dò anche la mia Monica….30.11.1964.

  354. Patty ha detto:

    Come voi ho riflettuto molto sulla cosiddetta “teoria dello specchio”, cioè che ci dà fastidio negli altri quello che in realtà siamo noi. Mi sono chiesta perché mi davano fastidio certi comportamenti di alcuni colleghi per es. Ma per quanto mi sforzi di essere obiettiva non mi sento affatto di assomigliare alle persone che detesto. Ho anche chiesto ad amici e parenti, persone affidabili e sincere, che mi hanno detto che non ho nulla in comune con certe persone. La spiegazione che mi sono data si basa sulle tante letture che ho fatto sulla reincarnazione. Io credo che probabilmente queste sono persone che abbiamo già incontrato in vite precedenti e con cui abbiamo avuto magari rapporti negativi. Ci hanno fatto del male magari. Quando li ritroviamo in questa vita è perché dobbiamo risolvere il rapporto con loro. Vi è mai capitato di incontrare persone nei confronti delle quali l’antipatia risultava immediata? Succede spesso anche con la simpatia immediata. Incontri una persona e ti è simpatica e non sai perché. Magari fa anche delle cose che in genere non sopporti, ma da quella persona le accetti. Secondo me succede perché in un’altra vita vi siete amati, come amici, genitori, mogli o mariti, figli, ma comunque avete avuto rapporti positivi. Succede anche con le antipatie, solo che con la simpatia non lo rileviamo perché non è una cosa che ci fa soffrire. Con l’antipatia invece ne facciamo un caso di stato… Dobbiamo risolvere il rapporto con loro. E il perdono scatta spontaneamente nel momento in cui erchiamo di immedesimarci nella loro personalità e di capire perché si comportano così. Un abbraccio a tutti. Finalmente ho qualcuno con cui parlare di queste cose senza essere presa peer pazza…
    Per moni: la mia data di nascita è 29/09/1969, se vuoi dire anche a me qual è la mia missione…. Grazie in anticipo

  355. Moni ha detto:

    @Patty: ciao Patty innanzitutto dico a te e agli altri che non potrò dirvi la missione fino a domani perchè oggi non rientro a casa e ho lì gli appunti del seminario delle missioni, non le conosco a memoria tranne la mia e qualche altra, inoltre preferisco scrivere ciò che mi è stato detto con le stesse parole della veggente per lasciare ad ognuno la giusta interpretazione della propria e non metterci del mio.
    Riguardo al discorso di cui parlavi, dello specchio cioè posso dirti quello che ne ho dedotto io.
    Anche se tu non ti riconosci nell’atteggiamento che ti da fastidio se quello stesso atteggiamento ti provoca rabbia, fastidio, una parte dell’energia di quell’atteggiamento è ancora dentro di te da liberare.
    Ti faccio un esempio, tu non sei razzista, senti di accettare tutti e sei convinta di questo, poi incontri una persona che ha nei tuoi confronti un atteggiamento razzista, tu ti arrabbi.
    Quella persona ti ha fatto da specchio ti ha mostrato un atteggiamento che tu non hai più, ha però anche risvegliato quella parte di energia che devi liberare completamente e sarai completamente libera quando di fronte ad un atteggiamento razzista pur non condividendolo non ti arrabbierai ma prenderai atto del cammino che ancora deve fare la persona che agisce così.
    Questa è la mia personale interpretazione del discorso dello specchio che però come dicevo è più complessa ancora, questa è la base perchè sono tanti i fattori che intervengono…:O) Moni

  356. Patty ha detto:

    Può darsi che siano vere tutte e due le cose. Ho provato a fare l’ipnosi regressiva che mi ha fatto rivivere vite precedenti. In una di queste ho ritrovato un collega di cui ero la madre in una vita passata. Ho rivissuto il momento della mia morte ed ho scoperto che mi aveva ucciso colpendomi alla testa con una pietra. Il risultato è stato che il mal di testa che avevo spesso in quel punto del cranio, è sparito. E anche la mia antipatia per il collega si è dissolta perché ho capito che in questa vita non aveva colpe nei miei confronti…

  357. Raffaele ha detto:

    No non sei bizzarra Patty…..da un pò di tempo ho preso in seria considerazione la reincarnazione e non la liquido più come una favola…..Essa spiegherebbe molte cose di cui ci chiediamo invano le ragioni.

  358. Susanna ha detto:

    X Moni: ok, benissimo, quando puoi 🙂
    X Patti: ho provato pure io l’ipnosi regressiva, ma è risultata piuttosto deludente perchè non è stata fatta l’ipnosi vera e propria ma solo un rilassamento profondo che non è la stessa cosa.. Quindi volevo chiederti se puoi darci il nominativo del medico al quale ti sei rivolta… anche se è lontano non importa, prima o poi capito in tutte le parti del mondo 🙂

    Inoltre: sono d’accordo con Moni su quanto scrive ma anche con Patty, anche se per istinto mi sembra che entrambe le teorie possano convivere..
    Che bella è la vita!

  359. Patty ha detto:

    A dire la verità sono stata a Miami da Brian Weiss in persona. Non so se lo conoscete. Ha scritto libri bellissimi sulla reincarnazione prendendo spunto dalla sua esperienza come psicoterapeuta. In uno di questi libri c’è anche il cd con le istruzioni per indurre l’autoipnosi. Io ho provato, ma da sola non ci sono riuscita. Con lui ho fatto solo due sedute perché avevo poco tempo. Per fortuna so abbastanza bene l’inglese…
    Comunque vi consiglio di leggere i suoi libri: “Molte vite molti maestri” è il primo. Vi consiglio anche “Oltre le porte del tempo” in cui parla dell’ipnosi usata per la guarigione delle malattie. Sono i libri che mi hanno cambiato la vita e quando posso li regalo a persone che hanno bisogno di aiuto…

  360. Susanna ha detto:

    Ho letto tutti i libri di Brian Weiss, e da anni cerco un bravo ipnoterapeuta ma nulla… Credo bene che con lui hai risolto il mal di testa!! E’ una persona incredibile! Brava e complimenti!

  361. Moni ha detto:

    @Patty:CIAO

  362. Moni ha detto:

    @Moni: mi è partito il tasto sbagliato :O) stavo appundo dicendo ciao, ho letto quasi tutti i libri di Weiss, lui è una di quelle persone con cui vorrei bere un thè nel pomeriggio assolato e chiacchierare amabilmente della sua esperienza, siccome credo fortemente che se diamo energia ai nostri sogni essi si realizzano voglio chiedere ufficialmente davanti a tutti voi che questa cosa succeda :O)al di là di ciò Patty, tu devi sapere che sono anni che rincorro una persona che abbia vissuto un’esperienza con il dottor Weiss (ne abbiamo anche già parlato qui di lui e Angelo Bona che fa l’ipnosi in Italia)
    Anche la mia personale esperienza di ipnosi regressiva (ho fatto anche quella non regressiva)come quella di Susannna è stata superficiale, io osservavo la scena ma non vi ero immersa dentro come si racconta nel libro.
    Sento che questa cosa dell’ipnosi mi coinvolge molto quindi probabilmente prima o poi dovrò imparare l’inglese (sono al di sotto di un bimbo delle elementari) in quanto ai soldi non me ne faccio un problema perchè se dovrà essere sarà…con Bona non mi è stato possibile economicamente ma probabilmente non era il momento.
    Io credo fortemente nelle vite passate e come ho detto precedentemente le componenti dell’argomento dello specchio sono tante una di queste potrebbe appunto essere il discorso di imparare attraverso persone che abbiamo già incontrato e attraverso di loro, liberare le energie che ci legavano precedentemente per “danni subiti” quindi mi sa che abbiamo aperto una porta che conduce verso strade infinite :O)Moni

  363. Susanna ha detto:

    Bè… anch’io sogno di fare una seduta con Weiss, e so che se è destino, questo desiderio si esaudirà: ho molta fiducia nella vita.
    Gia che ci sono, vi avviso da subito di evitare accuratamente il dott. Benemeglio, che si vanta di fare ipnosi regressiva: ti fa un rilassamento superficialissimo, fa poche domande, silenzi lnghissimi, per la modica cifra di 150 euro per 45 minuti.. 🙁

  364. Patty ha detto:

    Non mi ispira molto Angelo Bona. Alcune mie amiche sono andate da lui e ne sono rimaste molto deluse. A parte le cifre esorbitanti per ogni seduta, cosa che non fa Weiss, la tira molto per le lunghe. Cinque sedute di preparazione prima di passare all’ipnosi, e poi si tratta anche in questo caso di ipnosi leggera che non conduce a nulla. Poi lui fa domande e ti guida basandosi su quello che ha imparato di te durante le sedute di preparazione. La cosa puzza…. Attenzione che ci sono parecchi imbroglioni in giro. Il fatto che abbia scritto dei libri non lo rende affidabile per forza…

  365. Susanna ha detto:

    Ho leto di Bona, e infatti mi sembrava un tantino “gasato”.. 4-5 sedute per preparare: è assurdo!
    Recentemente ho trovato valido aiuto a livello emotivo/spirituale (e di riflesso anche fisico) con i fiori di Bach, che fino a poco tempo fa snobbavo. Ma devono essere quelli giusti, altrimenti è come bere acqua..

  366. Patty ha detto:

    @Susanna: Io li ho provati ma non ho avuto nessun giovamento. Forse erano quelli sbagliati…

  367. Moni ha detto:

    @Patty: infatti lo avevo già detto che come cifre per me Bona era stato inarrivabile però l’ho conosciuto ad un seminario e mi aveva fatto un’impressione positiva era stato molto divertente nell’esporre il suo lavoro e si vedeva che amava molto quello che fa, unico difetto forse un ego spropositato ma si sa che di fronte a un talento così manifesto si possa cadere nell’errore di sopravalutarsi, ad ogni modo anche se avessi voluto chiedeva davvero troppi soldi e chi ha un normale lavoro non risce a gestire dei prezzi così!Sono felicissima invece di sapere che l’opinione che mi ero fatta di weiss sia giusta e anche molto stupita che i suoi prezzi siano modici, però questo è sicuramente indice del fatto che lui altro non è che la persona semplice e di cuore che appare nei suoi libri.
    Grazie Patty!!! mi piacerebbe quando e se vuoi tu raccontassi la tua esperienza nelle sedute (evitando il particolare intimo ovviamente)avere cioè un’idea di come si svolge il tutto….Per la famosa missione rimandiamo a quando arrivo a casa ora sto scrivendo dal lavoro :O) Moni

  368. Moni ha detto:

    @Susanna: una delle mie più care amiche consiglia e prepara lei stessa i fiori di bach, sono ottimi davvero ma anche molto lenti nell’agire, quindi pur sapendo che ci vuole un po’ sono comunque consigliabili, personalmente li ho presi spesso fiduciosa anche del fatto che sapevo chi li produceva e con quale amore, se si è trattato di crisi acute di panico, i rescu remedy può aiutare ma molto lavoro bisogna farlo attraverso se stessi, però lavorare in lunga veduta sul panico è utile perchè ti porta ha vedere le cose in maniera più lucida.
    Insomma non per le emergenze a mio avviso, se c’è qualcuno che li produce non sarà daccordo ma io sto parlando della mia esperienza personale con i fiori, magari molto diversa da altri….:o) Moni
    PS: il mio ultimo parto è durato 20 ore ma usando i fiori è stato comunque per me un’esperienza bellissima e senza traumi residui

  369. moni ha detto:

    @Susanna: missione n5 coloro che hanno la missione numero cinque devono imparare e quindi insegnare agli altri attraverso il proprio esempio la libertò, ovvero a liberarsi dalle catene, libertà di essere se stessi, liberarsi dalle paure. Possono seguire un sentiero spirituale o ricerca scientifica o ancora essere missionari.
    Quando non sono in missione essicercheranno l’attaccamento alle cose materiali del pianeta e vorranno assumersi responsabilità delle quali non è bene farsi carico mettendosi in difficoltà…..MOni :O)

  370. moni ha detto:

    @Raffaele: missione numero 7, coloro che hanno la missione sette sono dei saggi, spesso anche degli eremiti perchè su questa terra devono imparare ed quindi insegnare la calma, il silenzio, la contemplazione del creato e di tutte le sue creature con meditazione, preghiera (premetto che ognuno di noi ha il suo modo di pregare quindi non è inteso nel senso classico della chiesa)e sono anche dei sensitivi.
    Quando non sono in missione tenderanno alla completa solitudine ma cadendo nel caos mentale, nella confusione sentendosi molto soli….Moni:O)

  371. moni ha detto:

    @Patty: missione numero 9, chi ha la missione numero 9 deve, imparare ed insegnare l’universalità, la fratellanza degli uomini, l’amore incondizionato, può ricoprire ruoli di consiliere,benefattore, umanitarista, purchè doni amore e assistenza agli altri senza porsi dei limiti.
    Tutto ciò possono farlo anche semplicemente nella famiglia o nell’arte spirituale di donare energia.
    Quando non sono in missione non si donano affatto agli altri, sono diffidenti, sfiduciati, abbattuti e privi di gioia.
    E’ interessante vedere come ognuno di voi ha una missione diversa, è particolare questa cosa, solitamente mi capitano più persone con la stessa missione invece qui differiamo tutti, infatti anche io ho una missione diversa dalla vostra…un abbraccio Moni :O)

  372. Raffaele ha detto:

    Grazie Monica di esserti fatta carico delle nostre richieste. A te sembra strano che ti sia capitato stavolta un gruppo così variegato in quanto a missioni….meglio, così siamo complementari gli uni agli altri. Rigaurdo alla mia ti dico chè ci hai azzeccato in pieno…….non sò quanto sia saggio…..ma riguardo alla contemplazione del visibile e non….alla solitudine, alla tendenza di separarmi dal chiasso e dal brusio del vivere sociale ci hai azzeccato in pieno. A volte è vero pesa anche a me questo isolamento eccessivo, ma è la mia natura….e ripercorrendo il mio passato ricordo che questo seme era in me da un tempo remoto….da piccolino.

  373. Susanna ha detto:

    X Moni: grazie, grazie di cuore. Hai azzeccato in pieno direi… sono visuta fino a 20 anni con un carico di paure enorme, schiacciante, reso leggero dalla mia immensa voglia di vivere. Adesso, a 44 anni, posso dire che ho fatto e sto facendo un buon lavoro su me stessa…
    Pensa che avevo terrore, ma terrore cieco, del buio e dell’acqua buia.
    Questa estate in un acquasplash ho deciso con determinazione di provare un’attrazione in cui si scendeva per 25 secondi in un tunnel completamente buio e con acqua!!
    Quando sono uscita ero in condizioni terribili, ho pianto a singulti per un minuto buono nelle braccia del mio sposo. Poi ho rifatto altre due volte il gioco per far capire alla mia anima che non devo aver paura, che il buio fa parte della mia vita… Bè… direi che è andata bene… 🙂
    Grazie ancora Moni!

  374. Susanna ha detto:

    Riguardo i Fiori di Bach:
    per chi è interessato legga “Guarisci te stesso” di Edward Bach. E’ un testo altamente spirituale, dolcissimo e pieno di insegnamenti.
    Sono naturopata da quasi 12 anni e solo nell’ultimo anno ho capito come lavorano questi rimedi; sono lenti quando devono fare un lavoro su un problema cronico… tanto più a lungo durava il problema, tanto più lungo, probabilmente ma non è detto, sarà il periodo di assunzione del o dei fiori.
    Funzionano su piante ed animali, quindi se su voi non fuzionano o non sono quelli giusti, o il vostro percorso non passa da lì.
    Se volete posso consigliarvi il/i vostro/i fiore/i..
    Baci mattutini

  375. Raffaele ha detto:

    Accidenti ma ripensandoci ancora ci hai proprio azzeccato Moni……Missione numero 7

  376. Moni ha detto:

    Sapevo che come dite voi, ci avrei azzeccato!!!:O) il motivo è molto semplice, primo, Chiara è una veggente che parla con le schiere angeliche dalla nascita quindi il suo canale angelico è molto puro e attendibile, secondo, a volte si può pensare di non sentirsi in armonia con la missione ma questo succede solo quando non si è fatto alcun lavoro su se stessi e si è fuori missione….non è questo che sentivo di voi quindi ero certa che vi sareste sentiti in armonia perchè vi conoscete………………
    Quando ho scoperto la mia missione, che è la numero due ovvero: portare Luce là dove regnano buio e tenebre mi sono sentita scossa ma, nello stesso tempo sapevo che era esattamente quello che stavo facendo nella mia vita, sia ripulendo le mie paure e disarmonie sia ritrovandomi spesso con persone o situazioni buie che avevano bisogno della Luce della speranza….Giornata di Luce :O) Moni

  377. Moni ha detto:

    @Susanna:Hai affrontato la tua fobia con enorme coraggio, Brava!!!! io ho provato a risolvere quella per l’altezza col banji jamping ma col cavolo che ci sono riuscita!!!:O) la terapia d’urto non mi si addice, ho bisogno di affrontare le cose in maniera graduale, hai davvero un coraggio da leone!!!!Io non rifuggo i luoghi alti ma mi ci avvicino con cautela ed osservo piano piano le reazioni del mio corpo cercando di riportare la calma ed il controllo, quando ho provato a fare il banji ho rischiato di vomitare addosso all’istruttore solo perchè voleva mettermi l’imbracatura :=) però vado in seggiovia, prendo l’aerea insomma non mi limito ma non per questo sono in grado di affrontare l’altezza con cuor di leon, quì ci vorrebbe Weiss :O)…..
    Ps: Raff la saggezza si percepisce anche dalla pacatezza con cui qualcuno espone le sue idee, quasi in punta di piedi, senza irruenza e tu in questo direi che sei molto saggio….
    di nuovo buona giornata Moni:O)

  378. Patty ha detto:

    Grazie Moni, anche io mi ritrovo in quello che hai scritto. L’unica cosa è che sono un po’ altalenante. Oscillo dai momenti in cui sento di donare gioia a quelli in cui sono sfiduciata, ma sto imparando a ri sintonizzarmi nel flusso sempre più velocemente…e i momenti di sconforto sono sempre meno…
    Grazie ancora…

  379. moni ha detto:

    @Patty:carissima quello che tu dici è abbastanza condivisibile da molti di noi credo, cioè cerchiamo tutti di portare avanti ciò che riteniamo giusto ma è anche vero che ogni tanto ancora cadiamo nelle trappole dell’ego.
    Quello che infatti non vi ho detto delle missione è che esiste una sorta di piramide, una piramide evolutiva ovviamente. Alla base ci sono i dormienti (cioè coloro che vivono senza domandarsi se è tutto lì e si perdono solo nella materialità), subito sopra troviamo gli attivi, le persone che cioè cominciano a farsi domande ed iniziano percorsi di ricerca personale, quando per un lungo periodo si è attivi, senza perdersi e ritornare fra i dormienti ti viene donata la missione…..stessa cosa, quando per un lungo periodo si porta avanti la missione senza retrocedere, causa dubbi o altro verso gli attivi, si passa nel mandato.
    Ti accorgi di essere nel mandato quando la tua vita subisce un enorme cambiamento (secondo me lei per mandato intende quella che tutti chiamano ascensione), e vivi tutta la tua vita in armonia con l’universo donando a te stessa e agli altri la gioia dell’amore condizionato.
    E’ importante dire che una volta giunti nel mandato, tale è la fede e l’unione con l’uno che non si hanno ricadute indietro.
    Tutto questo Patty per dirti che credo che ci troviamo in molti nella tua stessa situazione, ovvero, gli strumenti li abbiamo, conosciamo quel che è meglio ma non sempre il nostro ego e le nostre ferite ci permettono di agire come dovremmo, sottolineo comunque che ogni percorso va bene, che non possiamo donare gioia e amore se prima non portiamo gioia ed amore a noi stessi, quando avremo imparato davvero chi siamo saremo in grado di aprirci completamente e aiutare gli altri a fare questo, senza giudizio.
    Siamo sulla terra in un periodo meraviglioso, perchè i risvegliati e ascesi saranno sempre di più, l’aumento delle vibrazioni ce lo permette, quindi niente giudizio per le nostre ricadute ma un meraviglioso sorriso di fede che tutto avverrà nel migliore dei modi e nel nostro ed altrui bene supremo :O) Moni

  380. Raffaele ha detto:

    Perfetto Moni…..non potevi spiegare meglio il percorso iniziatico di un dormiente e delle difficoltà a cui và incontro…..azzeccato al 100%. Non chiediamo troppo a noi stessi…poco per volta….siamo ancora giovani…consolidiamo le posizione raggiunte e miriamo dopo più in alto. Buona domenica a tutti.

  381. Patty ha detto:

    Che bello parlare con voi, siete veramente persone speciali. Leggere i vostri commenti mi aiuta ogni giorno a mettere a fuoco sempre meglio quello che mi circonda e che mi accade.
    Un abbraccio a tutti

  382. milvia ha detto:

    vorrei raccontare la mia storia…non vedevo mia nonna da cca 10 anni un giorno sono andata al cimitero a trovare mio nonno , ma quel giorno feci una cosa strana… mi sedetti davanti alla sua tomba e mi misi a leggere per cca un’ora le lettere di Padre Pio. Ad un certo punto si alzò il vento e notai i fiori riposti nel vaso, pensai che li aveva messi mia nonna e che avrei tanto avuto voglia di riabbracciarla…nonostante tutto…
    il giorno dopo…la incontrai..ci abbracciammo e ricominciammo a vederci..Mia madre e lei non avevano mai avuto un buon rapporto,circa un mese fa , io e mia nonna non ci siamo capite molto bene…, così sembrava di nuovo rotta…, per quel motivo chiesi a mia madre di vedere se qualcuno potesse accompagnarla in ospedale per una visita, la accompagnò lei , dormirono, mangiarono insieme, Nel frattempo avevo letto “le profezie di Celestino”, e mi chiedevo che senso aveva avuto rincontrare mia nonna per poi perderla di nuovo..La risposta la ebbi proprio da lei. Mi chiamò e mi disse che non voleva perdermi di nuovo per un malinteso, e che mia madre era stata con lei , avevano passato delle ore bellissime insieme, ed erano entrambe entusiaste, ecco il senso…dovevano riunirsi loro, ed io sono stata il tramite…le amo tanto e desiseravo con tutto il cuore che si amassero anche loro….così è successo…Scusate se sono stata un pò…lunga , ma grazie Celestino

  383. Raffaele ha detto:

    Ciao Milvia……sei nuova?…nel caso benvenuta. Si credo che tu abbia visto giusto….magari per vicende meno verosimili di quella che hai esposto siamo più portati a fare queste considerazioni…ma devi sapere che queste forze agiscono sempre…..ci sfuggono di continuo…e solo quando le vediamo concretizzare in qualcosa di eccezionale ci ridestiamo e le captiamo. La nostra vita è costellata di questi segnali…..almeno te cominci, come io un tempo a prenderli in considerazione….e per questo già hai fatto non poco. Ora sei una ex dormiente. Buon cammino.

  384. Susanna ha detto:

    Ciao celestini!
    @Moni: grazie per la tua spiegazione, credo che ogni tanto sfioro il mandato e poi ritorno nella zona attivi: è possibile? Per quanto riguarda il coraggio che ho avuto, è dovuto al fatto che sto lavorando molti anni su me stessa, e che ho maturato una sorta di determinazione molto grande nel affrontare la mia enorme paura. Non è stato facile, a dire il vero all’inizio nel tubo nero ero convinta che ero morta o stavo per morire. Di solito quando ho paura, grido: nel tubo ero bloccata, terrorizzata: da questo ho capito quanto enorme era il blocco.
    Per quanto riguarda il tuo banji jamping, personalmente mi sembra un passo veramente troppo lungo: un conto è un tubo nero, un conto invece è buttarsi giù da un ponte che potrebbe venir visto dalla nostra anima come un tentativo di suicidio.. nel tubo non potevo morire, con il banji jamping è possibile. E’ troppo estremo per te, trova una via di mezzo; è già un grande progresso che tu abbia preso la strada per farlo, ma il tuo corpo ti hadato un segnale chiarissimo di quello che pensava in merito.
    Seguite sempre i segnali… SEMPRE!
    Mal di stomaco improvviso, significa, almeno nel mio caso, che sto facendo/pensado a qualcosa che non va.
    Volevo poi sapere sia da Moni che da voi, che ne pensate delle catastrofi collegate al 2012 e all’arrivo del piantea X o Nibiru.
    Bacetti autunnali a tutti e grazie per le vostre parole 🙂

  385. milvia ha detto:

    si sono nuova, in realtà di fatti “strani ” nella vita , ne sono accaduti molti,li ho sempre associati …molto spesso a messaggi di consolazione da parte della Madonnina a cui sono molto devota ,per esempio , ventate, profumi,auguri da Lourdes ,il giorno del mio compleanno, ecc. e tutte in momenti in cui ero in cerca di consolazione rivolta alla Madonnina..,ho sempre pensato che tutto quello che ci succedeva doveva avere in qualche modo un significato per crescere…e leggendo 2Le profezie di Celestino ” è come se il puzzle si ricomponesse e tutto ha come pensavo una spiegazione profonda, io non riesco a provare sentimenti di odio, ma sicuramente di pena sì, ma non so se anche questo porta positività o no . Qual’è il sentimento giusto da provare verso chi soffre o al contrario, verso chi fà del male agli innocenti? se poteste spiegarmelo..grazie. un abbraccio a tutti gli amanti della fratellanza e della pace

  386. Susanna ha detto:

    Bè, cara Milva, sicuramente non si deve provare odio, nè rancore, nè giudizio. Le persone che fanno del male soffrono, soffrono tantissimo. Chi ha la pace nel cuore non fa del male…
    Io immagino ogni persona come un diamante, con uno o più strati di fango stesi sopra. C’è chi lascia intravedere il suo diamante sotto, e chi invece sporca il mondo con il suo fango che cola… ma il diamante ce l’ha pure lui. Semplicemente è ad un altro stadio di consapevolezza… del resto esiste la legge di attrazione: non esistono nè vittime nè carnefici casuali, ma ognuno di noi attira a sè cosa e chi ha bisogno per crescere ed evolversi.
    Se non apprendiamo una lezione che ci viene riproposta più e più volte, allora la vita ci da una lezione un po’ più forte e ovviamente, più dolorosa. Le persone che ci fanno del male le attiriamo noi, con il nostro bisogno di apprendere una lezione.
    Ti faccio un’esempio: anni fa un amico medico mi avvisa che un suo collega sta per denunciarmi per i consigli che davo come naturopata. Personalmente non avevo nulla da temere, ma ho iniziato a tremare, a formulare ipotesi terrorizzanti di me stessa in prigione e i miei figli da soli. Poi (dopo circa 30 minuti di questo tipo), mi sono fermata e ho pensato: “Aspetta un attimo… e tutto quello che ho studiato dove va a finire? Perchè mi arriva questo?” e da li a poco ho capito che era una prova per me, non era solo la presunta cattiveria di una persona, che oltretutto era stata mia amica.
    Ho iniziato a pregare per questa persona, per me e per la mia famiglia. Mi sono calmata, e ho passato vari giorni abbastanza tranquilla. Morale: la persona in questione non mi ha denunciato. Un caso? 🙂

  387. peppe ha detto:

    per susanna
    hai capito, poi, quale era il messaggio insito nell’evento?

  388. Susanna ha detto:

    Si, molto chiaramente.
    Dovevo vincere la mia paura di essere terapeuta, dato che avevo sempre avuto paura di espormi. Se assommiamo anche il terrore di essere giudicata, e peggio ancora condannata, formiamo il quadro completo 🙂

  389. milvia ha detto:

    l’anno scorso, una persona che ho conosciuto , si è proposta di farmi un massagio cervicale per il mal di testa…,lui lo faceva abitualmente, ma non era un professionista…era solo vana gloria, così mi ha spostato un osso del collo ..ancora adesso ho dolori e mi sto curando,ma ho detto a lui che era una grave infiammazione causata dal suo massaggio e che aveva rischiato di farmi peggio, per non farlo preoccupare troppo.Lui ha giurato di non fare mai più massaggi…io ora sto male , ma credo di essere stata un tramite perchè lui non la combinasse più grossa, tipo uccidere sul colpo una persona..la sua mossa era stata violenta ..tipo quando stoccano il collo per uccidere,,,va be è andata bene così…ma il messaggio per me?..forse era solo per lui..

  390. Raffaele ha detto:

    Rispondo al dilemma posto da Milvia……e che mi porta ad affermare che è a mio parere sulla buona strada. Si domanda quali sono i sentimenti da provare in certe circostanze o nei confronti di comportamenti altrui deplorevoli. Ebbene porti il questito già ti pone sù gradino più in alto…..tuttavia non devi forzare i tuoi sentimenti o reprimerli, per compiacere un confessore o obbedire alle scritture, ma lasciarli fluire liberamente……devi solo non aggrapparti ad essi……ed esercitati a guardarli come sè fossi uno spettatore esterno, senza dare giudizi, con distacco (questo è un pò più difficile). Non scandalizzarti quando provi sentimenti negativi….e tieni a bada quelli che invece che ti lusingano e seducono, anch’essi vanno trattati alla stessa stregua dei primi. Segui la strada della rettitudine, essa è la medesima anche per chì non segue una morale preconfezionata da credi, ma esiste a priori in noi…comprende la verità,…..la compassione, (non pena ma accettazione anche per quello che è lontano da noi), la meditazione o dialogo interiore….perchè come si semina si raccoglie.

  391. peppe ha detto:

    x Milva
    capitò anche a me che un amico o meglio una persona che avevo conosciuto da poco mi disse che sapeva fare massaggi e mi fece qlcs del genere. fortunatamente non mi procurò danno ma mi fece male…mai più massaggi con improvvisatori…

  392. moni ha detto:

    @Susanna: ciao Susanna scusa il ritardo ma sono stata a Parigi qualche giorno, riguardo alle teorie sul 2012 di cui chiedevi, non so che sia il nibiru, ho solo una mia teoria sul 2012, che sia una cosa un po’ gonfiata (molto gonfiata) tipo il millenium bag in cui doveva succedere chissà quale disastro mai avvenuto, penso che i cambiamenti di cui tanto si parla stiano già avvenendo da tempo ( l’alzarsi dele vibrazioni di cui parlavo tempo fa)e che siano graduali, non che nel 2012 debba accadere un patatrac, ovviamente tutto quello che dico si basa sul mio sentire che si rifiuta di farsi abbassare le vibrazioni con la paura della distruzione.
    Meravigliosa le spiegazione del mal di stomaco, mi ha fatto tanto riflettere, e ci penserò su quando mi succede. A me capita con la tosse, inizio a tossire all’improvviso e mi succede sempre quando penso, dico o ascolto qualcosa che mi irrita, l’irritazione di riflesso mi si strasferisce in gola e tossisco….tanta pace per tutti Moni

  393. milvia ha detto:

    @moni:potresti far sapere anche a me la mia missione?grazie mille

  394. milvia ha detto:

    ops! la mia data è 09 01 70.

  395. moni ha detto:

    @milvia: ciao benvenuta qui, la tua missione è la numero 9 ovvero:imparare e quindi insegnare l’universalità. la fratellanza fra gli uomini, l’amore incondizionato, si può ricoprire ruolo di consigliere, beneffatore, umanitarista, purchè doni sempre amore e assistenza agli altri senza limite. Tutto ciò si può fare nella famiglia o nell’arte spirituale di dare energia agli latri.
    quando non sei in missione non ti doni agli altri, sei diffidente,sfiduciata, nell’abbattimento e perdita di gioia.
    Tra le altre cose, sei nata un mese prima di me :O)
    un abbraccio a tutti Moni :O)

  396. moni ha detto:

    salve, torniamo al significato di questo di questo sito, a fine agosto sono rientrata al lavoro quindi è palese che una settimana di ferie dopo solo 5 giorni di lavoro non era prevista, ma allora perchè? coincidenze ovviamente e le ho seguite senza discutere….
    Domenica sera sono in pizzeria quando sento mia cugina che dice:-se sto così non parto!!-. la mia risposta è stata ovvia:-perchè dove vai?- due mesi fa mi aveva detto che sarebbe andata a Parigi ma chi ci pensava più…la sua risposta è stata.-Vado a Parigi, a proposito, perchè non vieni? siamo ospiti in un appartamento quindi non paghiamo il pernottamento e si è liberato un posto perchè Ale si è ritirato, dovresti solo pagare il cambio di nominativo del biglietto!..- Non vi sembra una chiara coincidenza? diversamente non avrei mai potuto permettermi questo viaggio…oltretutto nel mio ufficio sono sempre stata solo io quindi non avrei mai potuto chiedere altri giorni di ferie ma…..eh sì c’è un ma….ritornata dalle ferie mi hanno affiancato una ragazza che rimarrà con me per un anno quindi….quando ho chiesto all’ultimo minuto se potevo assentarmi di nuovo, mi hanno detto che non c’era problema :O).
    Prima di partire sono andata in theta ed ho chiesto di questo viaggio, mi è stato risposto che era giusto per me e che sarei tornata profondamente cambiata…………..
    durante il viaggio di andata (penserete che sono masochista) ho letto “il libro tibetano dei morti” o almeno una parte, durante tutto il viaggio in vari momenti ho rielaborato la lettura mettendo da parte ciò che sentivo mio e lasciando andare ciò che non era utile, durante il viaggio di ritorno invece l’aereo ha ballato parecchio, la mia amica era in panico quindi dovevo gestire le sue paure oltre alle mie ma attuando le mie conoscenze nell’andare in onde theta è succeso il miracolo!!percepivo il disagio di chi stava intorno a me, il mio corpo che vibrava insieme all’aereo, ero cosciente dell’eventuale pericolo di vita se all’aereo fosse successo qualcosa ma il mio cuore batteva regolare, il mio respiro era sotto controllo ed ero completamente permeata da una sesazione di estrema pace, la cosa buffa è che ne ero estremamente stupita, era come se mi stessi chiedendo:-ma come fai ad essere così calma in questa situazione?- perchè, avrei potuto capire se fossi stata più serena grazie alla meditazione ma lì in quel frangente si trattava proprio di un benessere intenso ero in completa armonia…..un abbraccio di pace Moni :O)

  397. nomegiulia ha detto:

    moni,per favore,….21/01/1974
    non sono nuova del blog ma…non ho molto da darvi, mi faccio solo coccolare dalle vostre chiacchiere, per ora. grazie!!

  398. moni ha detto:

    @nomegiulia: ciao la tua missione è la numero 7 ovvero la missione dei saggi, degli eremiti, perchè su questa terra devono imparare e insegnare la calma, la contemplazione del creato e di tutte le sue creature, il silenzio, attraverso la meditazione, la preghiera o qualsiasi altro mezzo a loro affine, sono dei sensitivi.
    Quando non sei in missione tenderai alla solitudine, cadrai nel caos mentale e nella confusione e ti sentirai molto sola.
    Sai nomegiulia non sono molto convinta di quello che hai detto, penso invece che anche tu abbia qualcosa da dare anche semplicemente raccontandoti, se hai letto la profezia saprai ad esempio che in un gruppo che parla ognuno ha qualcosa da dare, siamo tutti speciali, ognuno di noi a nostro modo, abbi fiducia che se sei qui non è un caso e parla con serenità ogni volta che vuoi sarai accolta da tutti con piacere.
    ps: sono felice per le coccole che abbiamo saputo darti anche senza saperlo, un abbraccio di pace Moni :O)

  399. Raffaele ha detto:

    E siamo in 2 con la missione n.7…..senza 0 la nostra è una missione…..con licenza di pace…beh come del resto tutte quelle che Moni ha elencato quì. Fidati Giulia…con me ci ha azzeccato….mi ci ritrovo del tutto…sopratutto per le situazioni a cui vado incontro quando perdo di vista il fine della stessa.

  400. milvia ha detto:

    @Raffaele:si anch’io sono d’accordo..uau,anche se non tutti riescono a capire la profondità e l’importanza che hanno l’amore per noi stessi e per il prossimo, ma…siamo noi per primi a dover dare il primo esempio, come diceva goethe, se vuoi essere simpatico ad una persona , deve esserti simpatico prima di tutto, lui a te..così il tuo sorriso sarà vero e lo trasmetterai attraendoti la sua simpatia…, pace e amore a tutti

  401. milvia ha detto:

    a proposito ..grazie Moni .un abbraccio

  402. nomegiulia ha detto:

    dici: insegnare la calma..qunto poi a sensitività…sensibilità và bene lo stesso?
    vi racconto, magari mi potete aiutare a trovare la strada(peppe, per favore, non mettere i puntini sulle i per quanto riguarda le sincronicità e tutto ciò che non è per caso, sii indulgente, di aneddoti ne ho e li racconterò. a volte chi, in qusto blog cerca risposte e/o aiuto, si fà prendere da un pò d’ansia e tralascia l’argomento principe, ma sii buono ideatore del sito..)
    missione…sapete, ho creduto per anni che il mio mestiere fosse la mia missione: decoro le case, le facciate e a volte gl’interni (in liguria dove abito il genere và forte ) e per anni i miei clienti mi hanno orgoliosamente mostrato i loro alloggi (i sogni di tutta una vita) descrivendomi dettagli, le scelte, tutto tutto tutto…vi prego credetemi: sempre più spesso mi capita di trovarmi in situazioni per me dolorosissime, veri e propri vampiri che mi fanno vedere le piastrelle ch’hanno scelto per la cucina e poi attaccano a dirmi che sono depressi, che gli artigiani sono tutti uguali chè dicono di venire lunedì e poi vengono giovedì e via di seguito, poi ci sono quelli, sopratutto donne sole ed anziane che t’invitano a pranzo ( che gli fai tenerezza a mangiare un panino sul ponteggio ) e poi ti raccontano tutta la loro vita e tu sei bloccatan non ti puoi muvere e maledici il piatto di pasta che hai appena mangiato ..
    sono arrivata a detestare il mio lavoro, mi sento malissimo..e non ditemi che è un lavoro affascinte, affascinti sono le persone, troppo spesso l’abito nnon fà il monaco
    ecco moni, lo vedi, ho detto e magari anche troppo…aiuto

  403. moni ha detto:

    @nomegiulia: Io penso che tu stia semplicemente lottando con te stessa; quello che non ho forse detto delle missioni è che la prima missione è verso noi stessi quindi, prima devi imparare ciò che poi insegnerai agli altri, ma non come fa un maestro alla cattedra, semplicemente vivendo il tuo modo di essere, mostrando ad esempio, come si può vivere attraverso la calma, semplicente vivendo nel quotidiano con calma.
    Se tu devi imparare questo e ancora non riesci, è chiaro che andrai continuamente incontro a situazioni che tenderanno a farti perdere la calma, proprio perchè la devi imparare. Quanto al tuo lavoro, forse è solo giunto il momento di cambiare, pensiamo spesso che se una cosa funziona per un po’ deve farlo per sempre ma non è detto che sia così, o forse hai solo bisogno di prenderti un po’ di tempo per ritrovarti, quando siamo scarichi facciamo una gran fatica a rapportarci con gli altri perchè se ci richiedono energia e non ne abbiamo, ci sfiniscono, se è questo il caso non devi comunque sentirti in colpa perchè il tuo primo compito è portare amore e cura a te stessa…poi agli altri.Quanto alla sensitività è sicuramente uno dei tuoi doni ma non è detto che sia manifesto nel senso che intendiamo noi, essa è un concetto ampio e profondo che non mi metto qui a spiegare, molti scelgono di non volerla vedere perchè affrontata può fare paura prima di saperla gestire; ad ogni modo per spiegare meglio le missioni e non essere fraintesa userò me stessa come esempio. Sin da piccola ho avuto tanta ma credimi tanta paura di ciò che percepivo e non vedevo (con gli occhi del corpo ovviamente) ed assoluto terrore di quello che non solo percepivo ma vedevo anche, queste paure si sono protratte per lunghi anni, ho anche tanto lottato contro i miei doni, buttandomi sulla materialità, attacchi di panico, ansie di vario genere, depressione e chi pù ne ha più ne metta….la mia missione è :portare Luce là dove regnano buio e tenebre….. prima però di aiutare gli altri ho dovuto portare Luce nelle mie tenebre, nelle mie profonde paure. Una delle cose che più ti allontana dalla Luce è la depressione, perchè quando sei depresso la Luce proprio non la vedi, vedi tutto oscuro ed irrisolvibile.
    Si entra in missione quando si porta equilibrio in se stessi ed avendo lavorato in un campo specifico, si può, raccontare agli altri le proprie esperienze, per dare degli spunti di aiuto su come affrontare le stesse situazioni e poi semplicemente vivere e portare esempio essendo se stessi…Non ti conosco ma ho fiducia che troverai la giusta strada per credere di nuono in te stessa….un abbraccio di Calma :O) Moni

  404. moni ha detto:

    Chiudo raccontandovi un aneddoto palese su come attraiamo le stesse energie (o pensieri e parole) che produciamo…….Prima di partire per Parigi, ovvero all’aeroporto di Bologna una mia amica, ha pesato almeno 4 volte la sua valigia, per essere sicura che non superasse il peso consentito, non contenta ha anche “costretto” me e l’altra nostra amica, a pesare le nostre, nonostante noi fossimo molto tranquille e non in ansia per il peso delle valigie.
    Provate da indovinare chi di noi tre, all’aeroporto francese il giorno del nostro rientro, è stata fermata e non fatta entrare al gate perchè doveva tornare indietro a pesare la valigia, secondo loro troppo pesante???? :O)ovviamente l’unica di noi che aveva emesso tanta ansia per il peso delle valigie…..tutto questo per rimarcare che quello che ti accade lo hai attratto tu stesso anche quando fa male ammetterlo e che nulla succede per caso ma tutto fluisce meravigliosamente come deve…un abbraccio di Pace Moni :O)

  405. Raffaele ha detto:

    Sì è vero…….io sono stato in missione più volte almeno in questo anno e mezzo…..nè avevo coscienza…però magari gli davo un altro nome. E’ anche vero che c’è chi ti si aggrappa a volte come un naufrago e rischia di fare annegare anche te. Ascoltare, consigliare, sostenere sì..ma senza scordarci di noi stessi…..Esaurire improvvisamente le energie può farci seppur momentaneamente ripiombare nel limbo delle incertezze.

  406. milvia ha detto:

    @moni: ciao , potresti dirmi la missione per mia figlia 11\12\94,le ho parlato del libro e di voi, di come tutto coincida con le parole di nostro Signore Gesù Cristo, nei suoi insegnamenti, e questo la entusiasma, Le piace pensare positivo, e vuole provare anche lei a capirsi e migliorarsi…certo non è subito facile per noi..ma con la buona volontà….pace amore a tutti

  407. Susanna ha detto:

    Ciao a tutti!
    E’ bello aprire il pc al mattino e trovarvi qui, più presenti che mai.
    Per nomegiulia: fra le altre cose credo che tu dovresti imparare a mettere i paletti nella tua vita, ad imparare cioè, a dire di no. Il dire no, nella nostra epoca, è spesso considerato come una cosa negativa, una forma di egoismo, ma non è così. La libertà dell’altro finisce dove inizia la mia e viceversa: quindi se una persona mi invita a mangiare un piatto di pasta mentre io sono dolcemente impegnata a gustarmi un panino, bè… devo imparare a dire di no (questo ovviamente se non voglio il piatto di pasta!!). Dolcemente, con rispetto, ma resta no.
    Il difficile, sembra strano, viene dopo il “no”: riuscire a non farsi venire i sensi di colpa per la delusione letta sul viso dell’altro 🙁
    Prova con i Fiori di Bach Centaury, Walnut e Larch, 4 gocce per 4 volte al giorno sotto la lingua… li ho sentiti mentre ti scrivevo, quindi perchè no?
    Per Moni: grazie per le tue condivisioni, soprattutto per quella della valigia. Succede proprio così, E’ VERISSIMO!
    A dopo, bacetti

  408. Patty ha detto:

    @Susanna: Brava Susanna, basta con il falso buonismo. Bisogna saper dire di No. Con garbo, ma anche con fermezza. In questo modo si evita che queste persone ci sottraggano le energie. Nella vita ho incontrato spesso i cosiddetti “vampiri energetici”, quelle persone che sembrano gentilissime, ma che in realtà cercano persone da cui “rifornirsi” delle energie che gli mancano. Sono quelle persone che ti stancano anche solo a star loro vicino, anche se non ti fanno nulla di male. Probabilmente loro non sono consapevoli di quello che fanno. Se sei carente di energie è normale e umano essere attirato da chi ne ha. Ma devono imparare ad attingere dall’universo e non dalle altre persone…
    Inoltre complimenti, sono poche le persone che sanno stare sole con se stesse e non si fanno problemi a mangiare anche da sole. Significa che sei una persona forte.
    Baci

  409. Susanna ha detto:

    Grazie Patty!
    Ma, sai.. non era mica sempre così…
    🙂

  410. Raffaele ha detto:

    I vampiri energetici……è vero…ti stancano solo averli accanto….prendono, prendono e pensano che quello và bene a loro è buono per tutti, per cui alla fine dai due volte e le energie finiscono presto. La maggior parte non nè è consapevole….o almeno sentono in un modo o nell’altro che devono servirsi di te….per appagare sè stessi. La mia ultima ex era una tipa simile….e non l’ha fatto solo con me a sentire le sue storie passate. Da poco mi sono allontanato da un amico che era un tipo simile…starci vicino mi mette l’ansia….ci incotriamo solo qualche giorno a settimana per lo Jogging, uno meno intimo è sparito (non è la prima volta)…..ma quando tornerà saranno dolori. In passato mi sentivo più in colpa….davo di più ma col tempo mi sono avveduto che tipi simili sono un ulteriore ostacolo per svincolarsi e librarsi più in alto….Non poniamo già noi stessi un inerzia notevole al cambiamento della nostra persona?……figurarsi sè si vive parecchio agganciati a questi poveracci.

  411. moni ha detto:

    @milvia: cara milvia la missione di tua figlia è la numero 1 ovvero: Sviluppare e portare equilibrio fra mente, corpo e spiriti, lo si può fare attraverso discipline spirituali quali: sport, arti marziali, yoga, massaggi shatzu o tutto ciò che serve appunto ad armonizzare queste tre cose….chi è fuori missione uno si lascerà schiacciare dalle situazioni e dagli altri non riuscendo a crearsi più una posizione nel mondo per mezzo delle proprie risorse….un abbraccio di pace Moni :O)

  412. Patty ha detto:

    @Raffaele: Io avevo una collega che mi stava sempre intorno e mi faceva mille gentilezze, ma quando la vedevo arrivare mi prendeva un colpo. Mi toglieva le forze anche quando mi faceva favori. Sono riuscita ad allontanarla con garbo anche se farlo è costato fatica. Non trovavo il modo per non accettare le sue gentilezze e non sapevo come giustificare con lei questo allontanamento. Alla fine ci sono riuscita. A forza di rifiutare con gentilezza, anche inventando qualche scusa, ce l’ho fatta. Mi è dispiaciuto perché ho capito che aveva bisogno di aiuto, ma io non ero in grado di darglielo. Le ho regalato un libro di Brian Weiss. Spero che l’abbia portata sulla strada giusta per stare meglio perché si vedeva lontano un chilometro che la prima a stare male era proprio lei.
    Questo tipo di vampiri energetici sono i peggiori perché sono camuffati. Ci sono quelli che aggrediscono, ma li riconosci facilmente e hai anche un buon appiglio per allontanarli dato che sono aggressivi. Questi sono subdoli, ma il modo più veloce per individuarli è analizzare come vi sentire in loro presenza. Se vi sentite stanchi e depressi, sono vampiri…

  413. moni ha detto:

    ora vorrei raccontarvi di coincidenze alle quali non ho saputo dare una spiegazione chiara: durante il mio viaggio a Parigi ho pernottato nell’appartamento di un musicista jezz e sua moglie (cantante di musica contemporanea) che però non conosco, loro gentilissimi hanno dato l’appartamento ad una mia amica che è cugina della cantante appunto. In appartamento con noi c’era un’amica che insegna musica e suona il sax per grande passione,all’aeroporto a parigi mi fermo a chiacchierare con una ragazza italiana e lei mi dice che è stata a parigi per fare un’audizione all’operà perche è cantante lirica, insomma è chiaro che tutto si rifà alla musica ma io non ho capito il messaggio, a cosa cioè questo portava (pazienza!!!). Questa casualità invece è davvero la più divertente che mi è capitata: in appartamento eravamo 5 donne ovvero Francesca-Erica-Monica-Maria-Emanuela….se prendete le iniziali dei nostri cinque nomi nell’ordine scritto viene fuori la parola femme che in francese significa donna :O) Emanuela (detta Sax per lo strumento che suona) soffre d’insonnia e nel dormiveglia ha notato questa cosa che ha fatto ridere tutte noi…l’universo ha anche un grande senso dell’umorismo direi…l’ultima cosa che vi racconto è invece la prova di come tutto ci arriva anche senza chiederlo ufficialmente quando siamo in armonia. Mia figlia piccola ha la dermatite atopica, mia madre “casualmente” ha sentito una conversazione in cui un signore raccontava come ha guarito la figlia dalla dermatite appunto lavandola con acqua solfurea. A circa 12 km da casa mia ci sono le terme quindi mia mamma fa questa osservazione con noi ieri sera:- potremmo andare tutti i giorni a prendere l’acqua a Bagno (il paese termale) anche se bisogna fare una lunga camminata a piedi con la tanica pesante ne vale la pena per la bimba, però se mi sembra, che ad Alfero (altro paese ad appena 5 km da casa mia) ci sia una fonte da qualche parte…- Stamani sono al lavoro e parlo al telefono con mio marito dicendogli che in qualche modo devo avere informazioni sulla fonte più vicina e che mi informerò appena possibile. Non sono passate nemmeno due ore dalla conversazione, quando di fronte a me, in ufficio, mi trovo un paziente di Alfero, appunto, che mi dice dove si trova la fonte:O) ci tengo a precisare che il paese di questa persona, esattamente come il mio, non è nella usl di forlì dove lavoro io, ma in quella di Cesena, quindi non è usuale per noi ricevere persone che abitano dalle mie parti, questo perchè c’è un servizio di medicina nucleare anche a cesena quindi per comodità solitamente vanno lì, eppure lui, stamani era “casualmente” nel posto giusto per rispondere a ciò che ancora non avevo nemmeno chiesto, solo desiderato sapere :o) non trovate che la vita sia meravigliosa??? un abbraccio di Luce Moni

  414. nomegiulia ha detto:

    ciao a tutti!!!!!!
    coincidenza?…sorrido ancora per quello che mi si è appena verificato:avevo appena sritto tutta una cosa lunga, forse un pò lacrimevole…ve la mando e ‘tac’ !!!! mi si scollega il pc……
    ne approfitto subito e me lo dico che non è per caso, ci penso…….ci penso fortissimo.
    credo d’aver decifrato il senso più pieno di quello che volevo dirvi: la paura del buio non è solo ‘paura del buio’ ( piccola eleonora ) e non saper dire di no non è solo non saper dire di ‘no’…vero?
    ragazzi siete splendidi. grazi moni raffaele e susanna proverò, certamente, i fiori di bach.
    grazie!!!

  415. Eleonora ha detto:

    salve a tutti..cara nomegiulia io ho ancora paura non tanto del buio ma di dormire da sola mi terrorizza ho paura di qualcosa o qualcuno che non vedo che non c’è dell’ignoto forse non lo sò..il mio psicoterapeuta dice che ho paura di me stessa di conoscere la mia parte buia, aggressiva,e finche non la conoscerò la mia parte buia aggressiva mi si rivolterà contro..ma non e solo questo il mio problema io sono piena zeppa di paure ed ansie che non ho voglia di raccontare perchè adesso non ho voglia di pensare a me stessa..adesso voglio solo stare accanto a mia madre che si deve operare al seno il medico la chiamata oggi dicendogli dell’operazione e che c’è una notizia buona e una cattiva…quella cattiva lo capita si tratta di una patologia quella buona non lo so domani andiamo a parlare di persona per capire con chiarezza…non lo faccio capire ma ho tanta paura l’ansia mi fa pensare al peggio e questo non lo sopporto forse ancora non me ne rendo conto..forse questa esperienza ci vuole fare diventare piu forti non lo so..ho pregato a dio che andasse tutto bene e sembra invece che la negatività mi perseguità non voglio piu pensare negativo affronteremo la situazione passo per passo…ho paura ho anche un bambino e non voglio crollare psicologicamente spero che dio mi ascolti..anche se non cio piu la voglia di pregare…buona notte a tutti

  416. milvia ha detto:

    @moni:grazie…un bacione

  417. Susanna ha detto:

    @Eleonora: se vuoi, ci sarebbero alcuni fiori di bach che potrebbero aiutarti. Sono: Aspen, Mimulus, Rock Rose e Star of Bethlehm, 4 gocce del composto per 4 volte al giorno sotto la lingua a digiuno. Per almeno 60-80 giorni. Sono relativi alle paure e allo shock sia presente (tua madre) che vecchio (a quando risalgono le varie paure). Bacetti

  418. moni ha detto:

    @Susanna:ciao la mia domandaè, visto che i pareri sono tanti e discordanti, se ovviamente non si considera ciò che ha detto originariamente bach, quanti rimedi in una sola volta consigli solitamente, so che alcuni pongono limiti come 6-7 o addirittura fino a nove per arrivare (ed io qui non condivido) ad un numero anche maggiore….un bacio Moni :O)

  419. Susanna ha detto:

    @Moni: bè, posso portarti la mia modesta esperienza.
    Circa 15 anni fa, quando ho iniziato ad usarli, solitamente consigliavo 6 fiori (più o meno) ma con gli anni, non so per quale motivo, ho aumentato talvolta a 9 fiori.
    Alcuni anni fa, dopo un corso veramente illuminante, mi sono resa conto che vanno usati pochi per volta, e non solo: devono avere un certo collegamento fra loro (anche se non è strettamente necessario).
    Adesso uso consigliare 2 fiori alle persone che vedo personalmente, per poi aumentarli (se necessario) nel corso del mese a 3, o al massimo a 4. E vedo che funziona alla grande, molto meglio rispetto a prima. Quindi pochi, ma buoni… e talvolta anche per tempi lunghi (se è un lavoro di profondità)

  420. nomegiulia ha detto:

    ..eleonora, tre mesi fà, proprio come si sente raccontare agli altri nelle esperienze di vita, facendo la doccia ho sentito una grossa nocciolina sul seno….mi sono veramente spaventata (non ho l’influeza da dieci anni, mai un reffrddore, non so cosa sia il ma di pancia, nulla…niente medicine )e mi sono immediatamente attivata per fare tutti gli esami:la coincidenza (vi giuro che è tutto vero ) è che in quei giorni lavoraro in un cantiere per delle persone bellissime, anziane e di una fortissima capacità comunicativa. Erano trascorsi due giorni da quando m’ero accorta del ‘problema’ ed una mattina arriva la mia cliente (circa 65 anni ) che del tutto priva di pudore (eravamo entrate in casa un momento ) con le lacrime agli occhi si scopre completamente un seno e mi mostra un gran livido, mi dice che da qualche giorno aveva fatto l’ago aspirato…per chi conosce questo tipo di situazione sà di cosa parlo. Insomma, la feccio breve: le racconto io pure di me e da allora e per 20 giorni queste persone mi sono state accanto ( io non ho famiglia )in mille modi e io a loro. Per me è stato fondamentale il loro aiuto, una ciocidenza di quelle ad altissimo impatto.
    Il nodulo io ce l’ho ma per ora non occorre intervenire, la mia cliente ha fatto la radio terapia ed ora và bene..
    eleonora magari s’aggiusta tutto, oggi io ho molta fiducia dei progressi medici scientifici.
    Coraggio e davvero queste situazioni fanno crescere..ciao a tutti

  421. moni ha detto:

    @Susanna:sei un tesoro e vedo anche che siamo in perfetta sintonia, tu perchè ti basi sull’esperienza, io per un mio sentire che poi si è tradotto nel chiedere al mio angelo il quale ha confermato pochi fiori.
    Ti dico questo perchè ho notato la specificità dei fiori che hai consigliato ad Eleonora (non li conosco benissimo, ma per quel che so, quelli che le hai detto di prendere, a parte star of B., ho notato che curano la paura in tutti i suoi aspetti) quindi sei andata diritta al problema principale che poi può far scaturire nel tempo anche sentimenti che magari vanno curati con altri fiori (nel caso di eleonora ad esempio vedo giusti anche gorse, gentian, forse anche beech)ma tu hai puntato su ciò che è maggiormente manifesto, ed io sono assolutamente daccordo con te sull’andare a lavorare con pochi fiori anche per tanto tempo, piuttosto che tanti e cambiati di continuo, penso (nella mia ignoranza) che è inutile madare mille messaggi (che possono solo confondere) meglio pochi ma chiari e ripetuti…grazie mille Susanna un abbraccio Moni:O)

  422. Susanna ha detto:

    @Moni: di nulla, grazie a te di esistere!! E’ bello ritrovarsi assieme su un camino comune… fa sentire meno soli…
    @ nomegiulia: per i noduli al seno, ti consiglio due rimedi:
    1) impacchi di argilla di notte, ogni notte, e impacchi di ricotta durante il giorno quando si può. Se non sai come si fa l’impacco, vai sul link: http://digilander.libero.it/naturalmenteit/prod01.htm

    2) Equilibrio donna dei Bush Flower, dato che tocca una zona importante della donna, e molto probabilmente sei stata “toccata” da qualcosa anche a livello sottile. 7 gocce per 4 volte al giorno
    Bacetti e tanti auguri

  423. milvia ha detto:

    anche a mia figlia è successa una “strana coincidenza…l’anno scorso , si lament

  424. milvia ha detto:

    anche a mia figlia è successa una “strana coincidenza…l’anno scorso , si lamentò dicendo che le era cresciuta una boccia nel seno e le dava dolore, presi subito gli appuntamenti che dovevo, la ginecologa, le prescrisse l’ecg mammaria, e confermò la persenza del nodulo, si sentiva a mani nude ,era come una pallina da pigpong,non vi dico il morale… andammo a fare l’ecg,: La pallina era completamente scomparsa, ma scoprimmo, che in un altro punto , vi era un vero nodulo della dimensione di 2mm, per fortuna benigno, ma da tenere sotto controllo…ha solo 14 anni…comunque , grazie a quella “misteriosa” ciste abbiamo scoperto….chi l’avrebbe mai pensato !!!

  425. Eleonora ha detto:

    grazie di cuore nomegiulia..lo spero con tutto il cuore

  426. moni ha detto:

    Come dice Susanna, se ci sono specifici problemi al seno, o anche all’utero è stata in qualche modo toccata la nostra femminilità, il nostro corpo ci sta dicendo qualcosa in merito, nel caso del seno può essere il rapporto con la madre o con la madre che è in noi, comunque ha sempre un’attinenza con l’essere donna.
    Statisticamente un numero molto alto di suore si ammala al seno o alle parti genitali, non c’è da stupirsene più di tanto visto che loro stesse per credo religioso rinnegano tutto quello che è parte della loro femminilità e sessualità. Non so se avete mai letto nulla di “nuova medicina” o del dottor Hamer, entrambi comunque spiegano che le malattie altro non sono che traumi psicologici non risolti i quali bloccando una specifica energia a quell’organo ne provocano la malattia.
    Tempo fa scrissi che mi avevano consigliato uno scienziato di nome Lipton, bhe il suo dvd spiega proprio questo concetto in termini scentifici, in maniera molto semplice e chiara, ve lo consiglio di cuore, sempre e comunque solo in caso che siate disposti ad assumervi le responsabilità delle vostre malattie, ma non sentendovi in colpa, semplicemente leggendole come messaggi per curarvi corpo e anima…un abbraccio Moni :O)

  427. Raffaele ha detto:

    Avete vinto donne……..sono l’unico maschio rimasto, non è che mi dispiaccia…..il vostro intuito vi predispone di più a queste tematiche…..però sè non fosse per qualche capatina di Peppe sarei l’unico interlocutore attualmente attivo in questo sito. In merito all’efficacia dei fiori di Bach, di cui sconoscevo i principi resto un pò diffidente…..E poi nel caso come si fà a sapere, quali usare e miscelarli trà loro……Riguardo alle malattie penso che possa essere vera l’ipotesi dei blocchi emotivi….anche sè escluderei alcuni casi. Ma comunque anche in questa evenienza esse sono le nostre azioni passate che germogliano, per mostrarci nel caso che non cè nè avvediamo cosa abbiamo seminato, al di là della buona o malafede.

  428. peppe ha detto:

    Ciao ragazze/i, anche se sto partecipando poco al blog, però, leggo i vostri messaggi e noto che i vs spiriti stanno evolvendo…
    A presto

  429. Susanna ha detto:

    Ah aha ha..
    Dopo che Raffaele ha detto di essere l’unico uomo, ecco che riappare Beppe!!! Un caso???
    Caro Raffaele, sappi che mi sono avvicinata ai fiori di Bach COMPLETAMENTE convinta che non potevano funzionare. Sono andata avanti per anni, finchè ho auto un flash, in un momento critico della mia vita e ho sentito che dovevo prenderli in quel momento, anche se fino ad allora non avevano MAI fatto effetto su di me. Incredibile ma vero, quella volta hano funzionato, mi hanno stravolto, pur essendo partita scettica.. Quindi non preoccuparti se non li senti o non ci credi, ognuno ha la sua strada, guai se non fosse così. 🙂

  430. peppe ha detto:

    Si, un caso. Quando ho lasciato il mio commento nn avevo ancora letto il messaggio di Raffaele, poi l’ho letto dopo e ho pensato anch’io: “Che coincidenza!”…:))

    E’ come se l’energia invisibile del gruppo mi abbia sottolineato (servendosi di Raffaele) la mia poca presenza. Io che nel frattempo avevo percepito ciò (senza leggere ancora il comm di Raf) ci ho tenuto a dire : No ragazze/i, ci sono, ci sono, vi sto vicino.
    Forse anche inconsapevolmente si è stabilito un legame cosmico tra noi…

  431. peppe ha detto:

    mi correggo: non un caso ma una coincidenza significativa…

  432. moni ha detto:

    @Susanna:sorrido perchè a me è successa la stessa cosa coi fiori, li ho presi, ho continuato a prenderli perchè come vi dicevo la mia amica li fa e li consiglia e per un po’ ho anche aiutato lei a preparare le boccette ma non vedevo, almeno io (lei si) nessun risultato, poi c’è stata una volta in cui ormai ero rassegnata e pur prendendoli mi dicevo:- non mi fanno nulla ma neanche male quindi prenderli non è un problema- insomma proprio quando non mi aspettavo più nulla da loro hanno funzionato, e palesemente anche…..è stato però quando mi sono rifiutata di prenderne più di un certo numero, credo che siano incisivi quando agiscono su di un tema specifico come dicevo prima e non bisogna avere fretta di sostituirli con altri, finchè non ci si accorge di avere cambiato atteggiamento per un periodo che non sia troppo breve.
    Ho letto che il fiore anguria è ottimo per chi vuole un figlio e anche durante la gravidanza, susanna mi puoi illuminare per favore??
    Per Raff e Peppe, il fatto che siete solo due è a vostro favore, così vi coccoliamo di più :O) scherzi a parte sono daccordo raff quando dici che è maggiormente una prorogativa femminile quella di fare certi percorsi ma credo anche che finalmente anche gli uomini piano piano si stiano risvegliando….Tanta pace…Moni :O)

  433. moni ha detto:

    @peppe: ho letto Peppe che in questo momento energetico molto importante chi ha fatto il salto vibrazionale, può sentirsi un po’ solo in quanto nei nostri nuovi spazi siamo un po’ meno rispetto a dove eravamo, ovvero in una vibrazione più bassa ma……ed ecco il nesso con quello che hai detto, questo sentirci soli sarebbe stato risolto da quelli che avendo fatto anche loro il salto vibrazionale sarebbero stati molto più sensibili nel richiamarsi a vicenda per sostenersi e creare la nuova realtà più vibrante e armonica….santo cielo spero di essermi spiegata….un sorriso a tutti voi :o)

  434. Susanna ha detto:

    @Moni: non so di fiore Anguria… di che fiori? Californiani?

  435. moni ha detto:

    @Susanna:bella domanda!!! sinceramente non lo so… in casa ho un libro di un’azienda che si chiama Remedia che è a 2 km da casa mia dove vengono coltivate piante e prodotti sia fiori di bach che rimedi a base naturalmente vegetale, i propietari sono amanti della natura e ricercatori, nel loro libro che ho aperto a caso, ho trovato la parola anguria (nella nomenclatura dei fiori) in cui veniva descritto questo fiore come ottimo sia per preparare che per vivere la gravidanza e chiedevo appunto se ne sapevi più di me perchè non l’avevo mai sentito ricordare nei fiori prima…..giornata felice Moni :O)

  436. Susanna ha detto:

    @MOni: conosco la Remedia, ma non sapevo del fiore anguria. Con un attimo di calma trovo il sito e mi aggiorno.
    Buona giornata a te, e a tutti voi!

  437. moni ha detto:

    @Susanna:sono andata a vedere nel sito di remedia, non fa parte di nessuna categoria di fiori,penso sia invece uno dei fiori che hanno scoperto perchè come dicevo sono anche ricercatori…..dice appunto che prepara prima del concepimento stesso aiuta a vivere in maniera molto meno stressante la gravidanza e ad affrontare il parto senza timore…. serenità Moni :O)

  438. Susanna ha detto:

    Adesso vi racconto cosa mi è capitato stamattina, parlando di caso…
    Vado dal giornalaio a ricaricare i cellulari, e vedo un gioco per PC dal nome SAMU & MAX.
    Ovviamente lo prendo in mano, mi metto a ridere e racconto al giornalaio, che è simpaticissimo, che ho due figli proprio con quei nomi (incredibile ma vero). Al chè mi dice che allora devo proprio prendere quel gioco, ma io ribatto dicendo che non abbiamo il computer.
    Lui allora mi dice che il computer serve ai ragazzi, ed io ribatto dicendogli che non abbiamo soldi per comperarlo..
    Sai che mi dice? “Bè… glielo regalo io. Ne ho uno a casa che non vuole nessuno in regalo, funziona benissimo, va anche in internet ed è anche abbastanza recente. Lo vuole?”
    Secondo voi cosa gi ho risposto?????????????????
    @Moni: grazie per aver controllato.. pensavo che era una quintessenza..

  439. Susanna ha detto:

    Adesso vi racconto cosa mi è capitato stamattina, parlando di caso…
    Vado dal giornalaio a ricaricare i cellulari, e vedo un gioco per PC dal nome SAMU & MAX.
    Ovviamente lo prendo in mano, mi metto a ridere e racconto al giornalaio, che è simpaticissimo, che ho due figli proprio con quei nomi (incredibile ma vero). Al chè mi dice che allora devo proprio prendere quel gioco, ma io ribatto dicendo che non abbiamo il computer.
    Lui allora mi dice che il computer serve ai ragazzi, ed io ribatto dicendogli che non abbiamo soldi per comperarlo..
    Sai che mi dice? “Bè… glielo regalo io. Ne ho uno a casa che non vuole nessuno in regalo, funziona benissimo, va anche in internet ed è anche abbastanza recente. Lo vuole?”
    Secondo voi cosa gli ho risposto?????????????????
    @Moni: grazie per aver controllato.. pensavo che era una quintessenza..

  440. Raffaele ha detto:

    Che coincidenza significativa…….ragazzi abbiamo raggiunto la massa critica…..termine che evoca ben altri scenari….ma che rende bene l’idea di cosa è la SINCRONICITA’, una coscienza globale che si giova di tutti quelli che vi si riescono a connettere efficacemente, una rete costituita dalle informazioni che emaniamo e captiamo, da dimensioni che non percepiamo, con l’hardware cervello. La sua azione ci conduce per le vie più insolite, seguendo dei cartelli un pò speciali, e che ci guidano in tutta la nostra vita. Questo è un tema che mi è molto caro e in cui ho creduto ancor prima di sentirne parlare e scoprire che aveva una definizione, anche in ambito scientifico…seppur circoscritto, fuori dal mondo accademico tradizionale…..popolato da tromboni pieni di sè. Sè ricordo bene è l’argomento con cui ho esordito quì e su cui mi sono dilungato spesso. Sono contento che ci segui ancora Peppe….un saluto a tutti…….proprio a tutti e grazie per le coccole.

  441. peppe ha detto:

    Ah, dimenticavo…grazie anhe da parte mia per le coccole..:-)

  442. nomegiulia ha detto:

    ..lo sò,lo sò che quello che stò per dire forse è tabù, ma prendendo spunto da susanna che mi suggerisce i fiori di bach perchè li ha sentiti mentre mi scrive, allora io ve lo dico cosa sento mentre vi leggo: sarebbe bellissimo vedervi, di persona, tutti….proprio bello. Un bel raduno, sotto un cielo ‘celestino’.
    un abbraccio a tutti..

  443. peppe ha detto:

    sarebbe simpatico…proviamo a lanciare l’idea nel cosmo poi vediamo come si svilupperà…
    io vivo a napoli e voi?

  444. Raffaele ha detto:

    Io sono della provincia di Catania…a Napoli ho prestato il servizio militare…Mi è rimasto qualcosa di quella città. Tutti sotto un cileo celestino…..perchè no cominciamo a lavorarci.

  445. Susanna ha detto:

    Sono d’accordo sul trovarci; io sono di Trieste, ma esistono i treni 🙂
    Se poi troviamo una via di mezzo per me è molto meglio, tipo Roma…
    Volevo dirvi di un’altra coincidenza incredibile, oserei dire miracolosa: ieri sera ero un po’ (molto) giù, perchè siamo sotto in banca di 1500 euro, e ogni mese che passa aumentano 🙁
    Ero in camera, molto ma molto giù e anche molto arrabbiata; mi sono aggrappata all’armadio e con lacrime di rabbia ho chiesto con forza, con determinazione di essere aiutata perchè quei soldi mi servono, dobbiamo mangiare e vivere..
    Poi mi sono calmata, ho ripreso con tranquillità la mia vita..
    Stamattina, arrivo in ufficio e la mia collega mi dice, candida candida, che per un caso eccezionale arrivano 1500 euro per ognuno di noi………………
    Sono alle stelle!!!! 🙂 🙂

  446. nomegiulia ha detto:

    buona sera a tutti, io sono di genova ( già l’ho detto ) e l’idea di un viaggetto mi piace, vi raggiungo dove volete. e, per una volta, vada a farsi friggere il (contro)senso ‘delle aspettative’ sul prossimo.. ( il tono è leggero ma esprimo tutto il rispetto per chi deve fare i conti a fine mese e per chi affronta i problemi del quotidiano che tutti abbiamo.. )

  447. Susanna ha detto:

    Fantastico, siamo sparsi per tutta l’Italia!!! :))
    Buon lunedì celestini!

  448. moni ha detto:

    Ok allora io rappresento l’Emilia Romagna, infatti abito in provincia di Forlì, siamo in effetti omogeneamente sparpagliati e questo senza dubbio ci arricchisce……….
    Vi porgo un quesito e mi rifaccio alla vostra saggezza ed intuizione per la risposta visto che vi sarà complicato con i pochi dati che vi porgo rispondermi più precisamente.
    Quali possono essere le vostre personali interpretazioni per spiegare il perchè una persona comincia imspiegabilmente dalla sera alla mattina a sentire continuamente delle voci che le predicono la propria morte (sta succedendo ad un’amica di un’amica). Ve lo chiedo perchè penso che più intuizioni possono aiutare quindi vi chiedo aiuto. Ps:la persona sta facendo anche esami clinici ovviamente…..serenità per tutti Moni:O)

  449. Susanna ha detto:

    Ciao Moni.. bella l’Emilia!!!
    Il tono di queste voci com’è? Fanno paura? Sono solo informative? O sono neutre? Sono maschili o femminili?

  450. peppe ha detto:

    Non sempre un mess del genere vuole dire questo..si può anche riferire alla morte dell’ego o delforte orgoglio e quindi muore qualcosa di negativo per dare spazio ad una personalità più autentica. Dovresti farti dire le parole esatte che sente.

  451. moni ha detto:

    @Susanna:sente molte voci sia maschili che femminili, la spaventano molto perchè vogliono “la sua distruzione”(così le dicono le voci),lei sta peggiorando al punto che benchè all’inizio avesse paura ma non le collocasse ora dice che sono persone in carne ed ossa, le voci sono così negative e lei è entrata talmente nel cerchio della negatività che non si riesce più a farle pensare ad altro, ne a farle capire l’assurdità del pensare che possano essere persone in carne ed ossa visto che le sente solo lei ed in mezzo alla gente….aiuto!!! io ho la mia idea ma la vostra mi interessa davvero grazie Moni:O)

  452. Susanna ha detto:

    Scusa, ma ci sono intossicazioni di metalli pesanti che inducono a sentire voci. Personalmente, oltre a cercare una strada “sottile”, io consiglierei anche di eseguire un mineralogramma del capello; il n.ro verde al quale chiedere dove effettuare tale test: 800.01.7770
    Il link su cui capire cos’è è: http://digilander.libero.it/naturalmenteit/mineralogramma.htm

    Inoltre penso che questa persona sia arrivata ad un punto in cui deve sbloccare la sua energia della paura e del terrore, troppo a lungo repressa: se teniamo chiusa nel cassetto un’energia per noi negativa, a lungo andare scoppia e degenera con conseguenze veramente gravi. Non penso comunque che stia per morire.. ma se continua così, il livello di autoconvincimento può portare anche a quello..

  453. Raffaele ha detto:

    Ma sè vede pure queste entità la cosa non è facilmente spiegabile, Sappiamo molto poco in merito…..cosa sono proiezioni verso l’esterno di una carica energetica di intensità notevole?………energie esterne e che in qualòche modo entrano in risonanza con lei…..Quì ci dibattiamo in un campo, che spazia dall’antropologia, alla filosofia delle religoni, al metafisico. Non sappiamo in cosa crede, qual è il suo rapporto col mondo esterno, come vive la sua spiritualità……il rapporto con il suo “SE”. Non vorrei pronunciarmi neppure per esclusione…..ma oggi e non ieri ritengo sia doveroso scandagliare più possibilità. Pensate che durante una lite trà Freud e Jung si udirono nel locale ove discutevano animosamente dei colpi sordi provenienti dalla mobilia, come sè qualcun’altro fosse lì a provocarli, mentre invece era la rabbia di Jung a causare tutto ciò….cosa sù cui almeno in questo i due colleghi concordarono. Lo stessa abitazione dello Jung fù sede di strani episodi, che oggi definiremo ancora soprannaturali, esso grazie al suo coraggio riusci ugualmente a decodificare molto di questo mondo a noi ignoto e che tempo prima aveva condotto alla follia un personaggio illustre della letteratura decadentista, Friederich Nieztsche, che si avventurò per prima per questo sentiero inesplorato, ma non sufficientemente forte per gestire la sua esperienza.

  454. Susanna ha detto:

    Mi sembrava di aver capito che sento solo le voci, esatto? Comunque noi attiriamo quello di cui abbiamo bisogno, siamo come calamite che richiamano le esperienze che ci servono per risolvere nostre problematiche irrisolte. Il punto è che se non le risolviamo le prime volte che ci arrivano, quando sono cioè gestibili e risolvibili a breve, la vita ce le continua a ri-mandare sempre più grandi finchè sono di un impatto tale che ci “svegliamo”. La vita bussa… se non apriamo, bussa sempre più forte…
    Nulla arriva per caso..

  455. moni ha detto:

    Non vi ho dato informazioni più approfondite con intenzione, è meraviglioso come ognuno di voi risponde in base al proprio sentire, se rileggete i vostri messaggi sono, per chi un po’ vi comincia a conoscere, come un marchio, potrebbero non avere i nomi identificativi tanto vi raccontano. E’ bellissimo con quale rispetto ognuno dice la sua, si può cogliere un quadro variegato dello stesso tema grazie a quanto siamo diversi nelle nostre credenze.
    Sapete, pur senza boria, questo sito potrebbe insegnare molto al mondo, su come rispettare le diversità di opinione, oltretutto è pure divertente vedere che veniamo da diverse parti di italia quindi è meraviglioso notare come la dislocazione geografica insieme con le culture e i diversi studi di ognuno di noi può arricchire tanto.
    Quello che viene scritto sarà poi sempre reinterpretato ed ognuno coglierà il proprio insegnamento a seconda del bisogno :O) meraviglioso!!!
    Ad ogni modo la persona sente solamente le voci, non vede nulla, peggiora giorno per giorno al punto che, pur essendo una erborista, con un percorso spirituale alle spalle, la sola cosa che ha voluto fare per se stessa è andare dallo psichiatra ed ora sta prendendo psicofarmaci che al momento non danno alcun risultato positivo.
    Non vuole già più farsi aiutare e rinnega tutto ciò che ha studiato in vita sua e ciò in cui ha creduto….un abbraccio Moni :O)

  456. peppe ha detto:

    @Moni
    anch’io una volta, anni fa, ho sentito una voce dentro di me che mi dava un messaggio, una voce così chiara, così chiara eppure stavo da solo a letto. E’ probabile che il nostro spirito si serve anche di questi mezzi per parlarci….forse questa ragazza è diventata così sensibile che le sente più spesso. Fa uso di psicofarmaci o anche di cure erboriste? se così è, è probabile che queste amplificano questa capacità. Forse dovrebbe accettare questi messaggi senza ansia. Da un problema che è potrebbe addirittura diventare una marcia in più..
    Giusto per fare un’ipotesi…

  457. Susanna ha detto:

    Visto che Peppe si è lanciato, lo faccio anch’io: talvolta (ma molto raramente) sento delle voci, che mi danno delle direttive, del tipo di prendere un rimedio o di fare una determinata cosa..
    Talvolta sento anche qualcuno che parla ma non capisco il senso.. solitamente accade nel dormiveglia, prima di essere sveglia del tutto…
    Una notte persino mi hanno suonato un corno nell’orecchio destro, che ha continuato anche dopo sveglia :))
    Credo che dovevo svegliarmi, a livello spirituale intendo 🙂
    Grazie per le tue parole Moni… aiutano tanto…
    Per la persona in questione, la vita è la sua, deve scegliere e deve fare quello che sente… probabilmente (sicuro!), anche se noi non lo capiamo, un motivo importante c’è..

  458. moni ha detto:

    @peppe: e’ capitato anche a me in due episodi di sentire come un coro di voci,ma ti assicuro, che quando mi è successo, essendo le voci così chiaramente fuori di me (sentivo come se nella stanza con me ci fossero 50 persone che parlavano contemporaneamente)ne ho avuto molta paura in quanto percepivo qualcosa fuori di me che però non era li in quel momento.
    La persona di cui vi ho parlato sta veramente divenendo schizzofrenica, il tutto è iniziato con dei litigi col vicino di casa che la ossessionava con continue puntualizzazioni su quello di sbagliato che secondo lui lei stava facendo, successivo dimagrimento e l’arrivo delle voci che inizialmente le preannunciavano semplicemente la morte prossima, col passare dei giorni, circa due settimane non di più le voci sono divenute più crudeli e le parlano della sua distruzione e del fatto che anche i suoi amici sono in pericolo, mi raccontava inoltre la mia amica che mentre era con lei le ha detto che due persone dietro di lei( realmente lì) l’avrebbero uccisa.
    Per stringere: la sua paura si sta trasformando in mania di persecuzione, terrore puro e rifiuto di qualsiasi intervento che lei normalmente avrebbe chiesto (essendo appunto erborista) è come se le voci la spingessero a non voler più farsi aiutare o verso chi effettivamente non può esserle di aiuto come ad esempio lo psichiatra….Moni

  459. Susanna ha detto:

    Triste…

  460. Raffaele ha detto:

    Potrebbe trattarsi di paranoia…..e allora deve forza farsi aiutare…anche sè in questi casi non c’è verso di farli ragionare…in quel momento si credono gli unici dritti in un mondo che congiura contro di loro. Oppure l’abuso di psicofarmaci….non ti chiedo sè fà uso di LSD o anfetamine, anche perchè non te nè parlerebbe…ma sò che danno disturbi simili. Potrebbe trattarsi di un forte travaglio interiore….ma in tal caso rimando a quello che scritto prima. Il percorso spirituale vero inizia, quando ci vuole convertire a nuova vita…….non passa necessariamente attraverso maestri di vita, guide, gruppi o testi particolari, diversamente sè non motivati, possono rivelarsi financhè nocivi per l’equilibrio della persona. Moni concordo sull’idea che ti sei fatta del nostro gruppo….davvero oculata……ottima osservazione. Ciao a tutti internauti dello spirito.

  461. peppe ha detto:

    se prende psicofarmaci o altre cose anche naturali, dovrebbe, secondo me, smettere…poi cambiare abitazione se il suo disaghio è nato da lì…

    p.s. per quanto riguarda la voce, io sentii proprio una frase chiara e distinta che vibrò nella mia testa…ma non mi creò nessun problema

  462. moni ha detto:

    @peppe:Io mi spaventai moltissimo perchè ancora ero ignara di tutto, ovvero non sapevo dare un nome a ciò che mi succedeva quindi per me fu un vero trauma cogliere quelle voci, per lei lo è in quanto le voci la minacciano, non sono affatto positive.
    Una mia amica che è psicoterapeuta teme il peggio, in quanto dai sintomi descritti si potrebbe trattare di tumore al cervello, insomma le possibilità sono molte, ora è opportuno come dicevo nella prima mail che si escluda qualcosa di patologico, poi, una volta escluso quello si vedrà quale strada prendere, purtroppo indipendentemente dalla volontà della persona perchè purtroppo, velocissimamente ha perso i contatti con la realtà……..vi ringrazio di cuore Moni :O)

  463. Eleonora ha detto:

    salve a tutti x moni:potrebbe trattarsi di un disturbo ossessivo o compulsivo pensieri ricorrenti…si può curare con una buona psicoterapia…avere pensieri di morte o verso qualcuno li ho avuto anch’io e ancora adesso della volte ma sono solo dei pensieri brutti non voci..con il problema di salute che insorto di mia mamma tumore al seno mi succede che quando cerco di essere positiva ad affrontare questa brutta situazione mi vengono di botta i pensieri negativi che mi fanno pensare al peggio..infatti la patologia di mia mamma è abbastanza severa non li sopporto i pensieri negativi li odio qualcuno di voi mi puo dire perchè?…scusate ma il tumore al cervello non ha questi sintomi quella è una cosa pericolosa si rischia la vita..un saluto a tutti voi..io sono di modena emilia romagna

  464. Susanna ha detto:

    Scusate, ma non resisto!
    Il tumore al cervello E’ guaribile. Il dott. Hamer con la sua nuova medicina germanica lo spiega chiaramente, e spiega anche perchè chi muore di presunto tumore al cervello, muore in realtà 8 mesi dopo la fine delle radiazioni al cervello (che sono quelle che causano la morte)..
    Quando ho fatto il corso italiano della nuova medicina, ho conosciuto personalmente due persone che avevano il tumore al cervello e che sono guarite seguite dagli allievi di Hamer italiani. E vi assicuro che erano sincere, come anche era sicero un signore guarito dal tumore al pancreas, giudicato inguaribile dalla medicina ufficiale.
    Vi prego, informatevi, non lasciate che un giudizio negativo prevalga, si tratta della nostra vita, ne vale la pena!
    Bacetti a tutti

  465. Raffaele ha detto:

    Ma non credo per sua fortuna che si tratti di neoplasia cerebrale….no semmai una disfunzione, magari favorita dalla genetica, ma subordinata a meccanismi mentali. Vedete senza andar molto indietro nel tempo ogni qual volta si parla di anomalie comportamentali si liquida il tutto come follia…oggi un pò meno……poco meno….c’è molto da fare. Si pensa che il cervello sia una scatola chiusa, come un computer, con una memoria localizzata e impulsi eletrici che fungono da trasmettori, quando invece studi recenti e meno stanno smentendo molte di queste credenze per avanzare nuove spiegazioni, anche grazie alle nuove scoperte nel campo della fisica delle particelle. In sintesi la nostra centralina più di accumulatore di dati che cancella e sovrascrive è una macchina che funziona secondo i parsdigmi della meccanica quantistica, in grado di captare e tradurre in oggetti concreti, immagini, suoni e odori, nel mondo attorno a noi che chiamiamo realtà. Questo spiegherebbe anche molti fenomeni che vanno dalla bilocazione, alla psicocinesi alla telepatia, ai sogni premonitori alle guarigioni miracolose ed ad un sapere che d’un tratto ti si rivela senza aver mai letto nulla prima in merito. Non si può sintetizzare un argomento così complesso e oggetto continuo di studi in così poche righe……vi consiglio di cercare sù google con le parole chiavi: ologramma, cervello, oppure leggere il libro di Massimo Teodeorani “Enteglament” o di Micheal Talbot “Tutto è uno”…quest’ultimo lo devo iniziare. Ciao a tutti

  466. moni ha detto:

    @Susanna: daccordissimo Raffaele sulla complessità del cervello ma mi associo anche totalmente a Susanna quando parla di nuova medicina e di hamer e aggiungo la mia frustrazione nel lavorare in medicina nucleare, non è facile per me prendere lo stipendio lavorando in un settore che non condivido, o meglio credo nella diagnostica, quello che cioè si fa nel mio ambulatorio nello scoprire le varie anomalie fisiche ma non credo affatto nel modo in cui le cura la medicina classica.
    Ribadisco che credo fortemente nella malattia come blocco o trauma psicologico protratto nel tempo senza esere sciolto o liberato.
    Quanto all’escludere il tumore al cervello della persona di cui parliamo purtroppo non me la sento perchè molti sono i sintomi che coincidono anche se si può dire lo stesso della schizzofrenia che però solitamente non si conclama così tardi bensì entro i 30/31 anni……solo il tempo potrà darci una risposta, anche se penso che lei dovrebbe fare anche il controllo sull’intossicazione da metallo pesante, il problema è il suo rifiuto, spero che i parenti facciano per lei le scelte giuste….grazie infinite a tutti un abbraccio :O)

  467. Eleonora ha detto:

    scusatemi ho letto di questo dottore hamer scrive delle cose assurde e poi grazie a lui tanta gente è morta perchè non si e curata..ho lette di altre che c’è l’anno fatta..una bambina inglese l’anno salvata per miracolo con la medicina tradizionale..un’altra donna che non si è curata e andata in metastasi ed e morta poveretta..lui da un simbolo significato alla malattia,,chi ha un tumore al seno è perche ci sono conflitti con i figli,chi ha un tumore allo stomaco deve mangiare dei batteri di turbercolosi…ma e assurdo e poi e anche in carcere e non so perchè..allora io dovrei dire a mia mamma di non curarsi che il bel cancro faccia il suo bel decorso…quando sento certe cose mi viene solo rabbia..e bello se fosse vero ma purtroppo si muore

  468. moni ha detto:

    @Eleonora: permettimi di non commentare ciò che hai detto, ti chiedo solo di leggere qualcosa in più prima di esprimere un opinione ad ogni modo nessuno ti ha detto di non curare tua madre, ognuno ha il diritto di fare ciò che trova più giusto.
    Eviterò per rispetto del tuo pensiero di parlare delle case farmaceutiche e altro, capisco che tu possa provare rabbia, anche io la proverei se pensassi che la malattia è ingiusta e colpisce inspiegabilmente qua e la, la mia opinione è molto diversa in merito ma davvero dovrei spiegarti troppe cose per farti capire e detto qui è troppo riduttivo per chi non ha mai letto libri di metamedicina o di scienziati come lipton già citati da me in precedenza.
    Tu devi fare ciò che senti per tua madre ma anche rispettare chi non condivide una scelta come la vostra per se stesso, personalmente non mi avvicinerei nemmeno a chi mi propone la chemio ma ribadisco è e rimane una scelta personale basata sulle proprie opinioni…ti auguro la giusta risoluzione per tua madre Moni :O)

  469. Raffaele ha detto:

    Te che lavori in medicina nucleare certamente hai avuto nel tempo riscontro pratico in situazioni reali, forse è così….Sè ho detto lo escludo era per rimarcare il mio scetticismo…….non credevo che questi sintomi rientrassero nella manifestazione di una patologia così nefasta. Quanto ai fantomatici o reali guaritori…..è vero a volte si sono ottenute guarigioni….anche la cura del dott. Di Bella ora caduta nel dimenticatoio ha avuto successo….però è anche vero che più volte una volta abbandonata la chemioterapia le cose sono andate diversamente. A proposito di chemio…..penso che alla fine per i più sia un’aggravante che un aiuto. Ciao a tutti

  470. moni ha detto:

    @Raffaele: Vuoi che ti dica realmente come la penso Raff? Io credo che ogni malattia sia un percorso, uno dei tanti che ti capitano nella vita, come un matrimonio, la nascita di un figlio, un lavoro nuovo….penserai che sono matta ma io vedo proprio così la malattia.
    So che sono qui sulla terra per imparare, io sono energia pura, parte dell’energia universale chiamata Dio, Padre Eterno o come ti pare, ma qui sulla terra sono imperfetta, non riconosco la mia perfezione energetica perchè il dimonuire le mie vibrazioni per vivere in un corpo mi ha fatto dimenticare di essere immortale.
    Quindi mentre sono qui ho il compito di reimparare la mia perfezione e tornare a vibrare d’amore incondizionato ma…eh si c’è sempre un ma! quando non capisco, quando mi perdo nelle emozioni quali:rabbia, paura, gelosia, insoddisfazione e chi più ne ha più ne metta…ogni volta che permetto a tutte queste emozioni di farmi dimenticare l’amore universale mi succede qualcosa che ha il compito di riaprire i miei occhi.
    Se capisco subito ben venga, la lezione è leggera, ma più mi intestardisco più la botta è forte affinchè io finalmente mi decida a ritrovarmi. Una delle lezioni che riceviamo è attraverso la malattia, essa ha esattamente questa funzione, se odio, se non mi amo, se sono arrabbiato, se sono spaventato prima o poi mi ammalo, questa malattia può essere sottoforma di malessere psicologico come fisico e più mi ostino a non ripulirmi da quelle emozioni più la cosa si fa grave.
    Capisci Raff? credendo in questo io credo anche che qualsiasi sia il metodo che tu mi proporrai se io capisco la lezione poi guarisco!!!!a tutto questo c’è un’unica condizione però, se la cura che tu mi proponi mi avvelena come faccio a guarire? ci sono casi in cui senti dire:il tumore non c’è più ma per sicurezza facciamo qualche chemio!!!! io rabbrividisco!! è vero che ognuno di noi fa le proprie scelte e ogni anima sceglie il suo percorso ma io, che sto facendo il mio con queste profonde convinzioni, come faccio a non essere dispiaciuta per chi si mette nelle mani delle case farmaceutiche che pensano solo ai loro guadagni??? chiedo scusa per questo messaggio così crudo ma vedete è un tema come vi dicevo che mi tocca particolarmente perchè è doloroso per me lavorare in un posto che non condivido e chiedo al buon Dio di aiutarmi a trovare una strada che mi possa permettere di aiutare le persone in maniera diversa, credendo in quello che faccio e per potermi mantenere…un abbraccio a tutti Moni:O)

  471. Eleonora ha detto:

    cara moni tu puoi dire quello che pensi ognuno ha le sue idee,,le cure tradizionali per i tumori sono orrende la chemio la radio e via di seguito questo lo sapevo anch’io..ma se non c’e alternativa..la chemio ti fa perdere i capelli ti fa diventare uno scheletro,stanchezza senza energie nausea vomito..dopo la cura un po di tempo e ti vengono le metastasi pero della gente e anche sopravvissuta .ieri sono andata nel reparto di medicina nucleare perche mia mamma ha fatto la scintigrafia ossea 3ore e mezzo di attesa e non solo gli anno pure inniettato un liquido radioattivo…tutto questo e orrendo..odio quei dottori…se qualcuno sa indicarmi unìaltra strada apparte il dottor hamer.dottori ospedali cure chi piu ne ha piu ne metta,,IO SONO QUA.lo sapete come si dice da me in sicilia dove abitavo?AIUTATI CHE DIO TI AIUTA.

  472. Susanna ha detto:

    @Raffaele: grazie, utilissimi i tuoi riferimenti. Ho preso nota e farò la ricerca..
    @Eleonora: sapessi quante cose hanno stravirato del lavoro di Hamer, proprio perchè funziona… Conosco il caso di cui dici, non è andata come si trova scritto, per niente… E’ stato manipolato in modo che “sembrasse” che è colpa del metodo di Hamer. E, bada, l’ho saputo da fonti vicine, non da Hamer. Dobbiamo abituarci a non prendere per oro colato quello che dicono alla tv e attraverso i media, in quanto o sono manipolati dalle multinazionali o non sono disposti ad aprire gli occhi per motivi di prestigio o petere o di paura.
    I casi di guarigione di cui parlavo non sono solo quelli: per un periodo della mia vita ho operato con la nuova medicina, e avrei in attivo un tumore al polmone, una metastasi ossea e altri casi minori, tutti guariti perfettamente.
    Ti prego Eleonora, non lo dico per me, a me non cambia nulla, ascolta e leggi tutto (anche questo scritto e anche gli scritti di chi è contro) senza giudizio e senza prendere le parti di uno o dell’altro..
    Il tempo poi ti porterà a fare delle scelte di vita…
    Io da tempo non prendo per oro colato nessuna ipotesi nè altro, nemmeno Hamer, perchè so che la vita mi porterà, in caso di bisogno, verso la scelta giusta.. forse esiste un qualcosa di mille volte meglio di Hamer, non lo so anche se per il momento non mi sembra… Ma se non lascio aperta la porta dello spirito, del NON GIUDIZIO, mai più troverò quella strada 🙂
    Il mio motto è : SII FIUME

  473. Raffaele ha detto:

    Ma anche io credo nelle cose che hai scritto Monica in merito alle vicende che ci riguardano quì……la legge del Karma e del Dharma….non sò fino a che punto sia tutto vero…..ma di certo anche la malattia costiuisce un percorso. Però quì si discuteva quale azione intraprendere in certe situazioni….quale azione pratica intraprendere. E’ naturale che sia un percorso, infatti c’è chi guarisce e chi no, chi riceve la guarigione prodigiosa e chi apparentemente più meritevole, più “devoto” , oppure una creatura innocente….niente. E’ la stessa spiegazione che svela il mistero del perchè non abbiamo tutti le stesse carte da giocare, la prova e i compiti non sono eguali per tutti, in funzione di cosa abbiamo seminato dai tempi più remoti.

  474. moni ha detto:

    @Raffaele:Si il karma c’entra ma fino da un certo punto, nel senso che può essere sicuramente associato a chi già nasce con una determinata malattia ma quello a cui mi riferisco io sono malattie non di nascita ma che nel corso della vita ci vogliono mostrare dov’è il nodo che dobbiamo sciogliere (cosa che purtroppo non sempre cogliamo, così ci tocca salutare tutti e ritornare poi per vedere se abbiamo capito meglio), sicuramente la nostra capacità o meno di sciogliere questi nodi è legata alle vite precedenti e a quanto eravamo o siamo in grado di evolvere.
    Mi rendo conto che è un discorso comlicato e ostico da accettare, anche perchè partendo da questo assunto ognuno è responsabile di tutto ciò che gli accade, anche quando ti ammali, quello che però a volte ci appare difficile capire è che la malattia non è una colpa per non essere stati bravi a capire ma un aiuto che ci viene dato per aprirci gli occhi (per quanto una volta qui sulla terra questo aiuto non sia affatto gradito solitamente).
    Siamo abituati a sentirci delle vittime quando ci ammaliamo ma questo vittimismo non ci aiuta affatto, perchè quante volte lo abbiamo detto qui: NULLA SUCCEDE PER CASO…..tutto ciò fermo restando che ognuno deve trovare la sua formulina magica, ovvero un qualcosa in cui credere abbastanza da permetterle di guarirgli la malattia..lo dico sempre a chi viene qui di impegnarsi per quanto gli sia possibile di credere fermamente nella propria guarigione perchè, secondo me sarà quello a farlo guarire, non i farmaci.
    Non ti dico quanti studi sono stati avvalorati di malattie guarite con placebo e poi affossati dalle ditte farmaceutiche.
    Ultima cosa e scusatemi se mi sono come al solito lasciata andare scrivendo tanto è che, essendosi alzate le vibrazioni sulla terra, ora tutto è più veloce ed il karma viene sostituito dalla legge di causa ed effetto immediato, ovvero, se prima potevi pagare i tuoi debiti nel tempo ora non è più possibile perchè la legge della manifestazione rende realtà i tuoi pensieri praticamente nell’immediato,quindi riceviamo o paghiamo subito e questa cosa si amplificherà ulteriormente nel 2012 quando si apriranno i portali di Luce (tutto questo ovvero l’aumento vibrazionale e la modificazione del magnetismo terrestre è e sarà dimostrabile anche scientificamente) un abbraccio di Luce Moni :O)

  475. nomegiulia ha detto:

    moni,che situazione angosciosa quella c’hai raccontato, non entro nel merito della discussione perchè non sono assolutamente all’altezza di poter commentare,però quello che sento lo posso dire e ancora una volta constato (anche se da lontano, in questo caso) il lato scuro della vita..
    sarebbe bello poter pensare che ( come nel film ‘ il sesto senso’ ) i messaggi di voci ecc , superata la paura, ci portano più lontano, facendoci ritrovare noi stessi con una marcia in più. Ma forse non tutte le volte i contatti sono positivi…oppure forse è vero:la shizzofrenia, mi viene tanto spesso in mente il caso di Cogne..
    Eleonora mi fai proprio tanta tenerezza, vorrei cancellare dal tuo vocabolario la parola ‘odio’, la usi troppo spesso, mi spiace, non per me personalmemte, ma per tutti..
    ciao ragazzi buona sereta.

  476. Raffaele ha detto:

    A me l’ultimo insegnamento mi è giunto quando è finita con la mia ex…….mi sono successe tante cose…l’ho già raccontato quì questo episodio….e quando tutto sembrava precipitare una mano provvidenziale, un concatenersi di più coincidenze, (sincronicità) mi ha aiutato a superare meglio quella vicenda. Sè prima avevo appreso…ora invece conoscevo. Per fortuna a volte per certi insegnamenti basta qualcosa di più veniale. Sera a tutti

  477. moni ha detto:

    @nomegiulia:Ero in macchina mentre venivo al lavoro pochi minuti fa e riflettevo su quello che hai scritto tu Giulia, a quante volte Eleonora usa la parola odio o rabbia, come vedi siamo assolutamente tutti collegati e tu sei assolutamente pertinente coi miei pensieri :O) grazie! ad ogni modo è esattamente così, il ripetersi di queste emozioni che ci disconnettono dalla sorgente ci fa ammalare, sia psicologicamente che fisicamente se questi sentimenti si protraggono nel tempo,è per questo che Eleonora è bravissima nel voler lavorare su di sè, fa proprio bene perchè è solo così che può aiutare se stessa e per riflesso anche chi le sta vicino ed è anche per questo che Raff ad un certo punto è riuscito a vedere tutto più chiaro nel suo dolore e ha cominciato a cogliere le sincronicità, perchè si è aperto e ha lasciato che tutto ciò che gli impediva di vedere veramente ciò che stava vivendo fosse curato amorevolmente, tutto questo il più delle volte lo facciamo inconsapevolmente, cioè il perdono per gli altri o per noi stessi ci arriva grazie ad un episodio che magari neppure notiamo, altre volte attraverso grandi dolori o momenti davvero difficili.
    Riguardo ai “contatti” che citi tu Giulia, si è vero non sono sempre positivi ma ricorda:”sono sempre in assonanza con le emozioni che proviamo noi in quel momento” ovvero, agisce la famosa legge di attrazione, io provo paura, attraggo energie che mi spaventeranno ulteriormente, tutto questo non perchè sono cattiva ma perchè ho bisogno di liberare, vincere quella paura e ritrovare il mio equilibrio….tutto ha un senso… Vi prego questo non dimenticatelo mai, non sentitevi puniti dalla vita ma sentitevi amati a tal punto da poter vivere liberamente sempre e solo grazie alle vostre scelte, i risultati potranno non piacervi ma saranno i resoconti di ciò che avete prodotto e vi indicheranno dove andare a lavorare.
    Dico questo a voi e a me stessa ovviamente e che l’amore sia sempre la nostra guida….Giornata di sole a voi :O)

  478. nomegiulia ha detto:

    buona sera ragazzi/e!!!!
    alleggerisco un pò il tono, vi và?!!
    Dal 2000 vivo da sola ( se non includiamo al mio fianco, Lux la mia amica gattina ) ed in questi 8 anni ho cambiato tre case..in nessuna arrivava il segnale tv!! ( certo avrei potuto comprare un decoder ,ma anni fà avevo altre priorità ed oggi, ormai disintossicata dal tubo catodico, stò benissimo così )…
    Quindi sono 8 anni che non vedo la tele…
    Coincidenza?!!!!!!!!!!!!!!

  479. peppe ha detto:

    @nomegiulia
    non ho capito la coincidenza della tele. Non vedi la tele da 8 anni, qual’è la coincidenza?

  480. Raffaele ha detto:

    Coincidenza o non coincidenza una cosa è certa………senza tv ti disintossichi…poi di questi tempi….Io seguo solo programmi scientifici, culturali e qualche dibattito politico serio. A parte questo ho scoperto il piacere della lettura……Strano dopo 30 anni di studi……forse perchè adesso scelgo io di cosa cibarmi…e non al fine di raggiungere una posizione sociale.

  481. nomegiulia ha detto:

    ciao Pep…e ciao a tutti!!!!
    La cioncidenza stà nell’aver abitato in case, (che senza sceglierlo io) dove non arrivava il segnale per vedere la tv: niente antenna sul tetto e quella prorpia della tele non era sufficente…..così, ogni volta mi trovavo a chiedermi se dovessi attrezzarmi o lasciar andare, sai Pep, quello della televisione è un ‘dilemma/domanda’ che ti sembrerà banale, fino a quando fai una scelta, ‘la scelta’ ed allora scopri tutto un altro mondo, ti giuro tutto un altro mondo.
    Insomma, ci sono bivii importanti e cose più semplici ( semplici……bisogna vedere, è tutto relativo !!!!! ). Tante volte abbiamo detto di messaggi che se non decifrati, ritornano via via più forti….bè, io con i miei tre traslochi in case non telegeniche, qualcosa l’ho capito…molti baci e buon fine settimana a tutti!

  482. Susanna ha detto:

    @nomegiulia: sei grande! Un’altro al tuo posto si sarebbe arrabbiato e avrebbe fatto una campagna di rabbia con tutti i vicini, i quali gli avrebbero confermato che la zona fa proprio schifo come ricezione! Brava!

    @tutti: Ora sono io a chiedere a voi: non faccio che sognare gatti, gatti e gatti. Nei sogni li trovo, li salvo, li addotto, li abbraccio, ecc.. Io personalmente adoro i gatti, ma non riesco ancora a tenerne a casa perchè non ho ancora risolto il terrore dello sporco. L’altr’anno ho provato a tenere in pensionato un gattino di una mia amica per alcuni giorni: è stato un dramma, la sentivo come un’invasione di campo, l’ultimo giorno non ce la facevo più… Comunque sono fiduciosa, so che ce la farò prima o poi a risolvere anche questo limite, questa paura.
    Ma… i sogni? Ne faccio troppi, credo sia urgente…
    Grazie anticipate

  483. moni ha detto:

    @nomegiulia:ciao, quando ero incinta della terza, avendo il primo ed il secondo figlio già grandi ed essendo rimasta subito a casa dal lavoro, ho avuto tantissimo tempo libero, da dedicare a me stessa. Durante quei meravigliosi lunghi mesi, ho avuto modo di stare per ore ogni giorno in mezzo ed a contatto con la natura, essa mi ispira un grande amore e rispetto (è da quel periodo ad esempio che per quanto li amo tantissimo e mi piacerebbe averli in casa, non recido più i fiori, se ho voglia di vederli vado io nei campi).
    Ad ogni modo, stando così tanto in mezzo alla natura è subentrato in me un grande cambiamento, mi sono accorta all’inizio che non riuscivo più ad ascoltare il tg ( le notizie mi sconvolgevano e quelle brutte erano talmente tante che a fine tg ero sfinita), poi piano piano ho sentito questo rifiuto per la tv in generale quindi i miei passatempi erano, libri e musica (quella rilassante, vangelis ad esempio o la celtica, andava bene tutta purchè sentissi che mi tranquillizzava)…tutto questo per dire che è giusto il termine:Disintossicazione, perchè purtroppo non ci rendiamo davvero conto di quanto le urla, le notizie tristi, la rabbia che purtroppo molto spesso escono dal piccolo schermo e ci intossicano.
    Dopo il parto purtroppo, è stato tutto molto impegnativo, non ho più potuto vivere la natura come vorrei, la cucciola, il rientro al lavoro e piano piano, ho ricominciato a vedere la tv (anche se il tg proprio non lo reggo).
    Ho deciso che preferisco essere disinformata piuttosto che assorbire quello che i media vogliono farci credere, abbassandoci le vibrazioni nella paura e nell’angoscia (basta vedere il terrore che hanno cercato di inculcare per l’influenza suina pur di fare notizia).
    Non amo molto la tv e solitamente guardo film che mi scelgo purtroppo il mio compagno la ama molto quindi in casa mia è quasi sempre accesa e la vivo di riflesso, un po’ mi salva mia figlia con i cartoni animati (oggi ne fanno di davvero carini e molto educativi).
    Ad ogni modo Giulia BRAVA, tante sincronicità ti hanno aiutata ma tu hai saputo seguire il consiglio :O)…Giornata serena Moni

  484. peppe ha detto:

    @Susanna
    il sogno, secondo me, parla chiaro. tu hai bisogno di integrare nella tua vita l’elemento gatto o gatta e quello che può significare

  485. moni ha detto:

    @Susanna: a quello che dice Peppe posso aggiungere: necessità di redifinire i tuoi spazi….il gatto è un animale molto indipendente e la sua caratteristica principale è proprio quella di essere accessibile solo quando anche lui è daccordo.
    Necessità di ritrovare i tuoi confini per poter vivere uno spazio tutto tuo dove gli altri entrano solo quando e se vuoi :O) un abbraccio Moni

  486. Susanna ha detto:

    Grazie. Bello! La mia idea è simile alla vostra… e stanotte ne ho sognati altri 4 o 5…

  487. peppe ha detto:

    @Susanna
    sii contenta di sognarli, significa che la onsapevolezza è più vicina se no il simbolo sarebbe ancora più nascosto, anche nel sogno

  488. Susanna ha detto:

    Grazie Peppe. Sono contenta tu dica che sognarli spesso significa che la consapevolezza è vicina…
    Io invece pensavo che sono talmente dura di comprendonio che me ne devono mandare ogni notte, altrimenti non capisco 🙂 🙂

  489. peppe ha detto:

    Più stiamo avanti con la consapevolezza più i messaggi sono chiari, sia nel sogno che nella realtà…se farai più caso alla quotidianità reale noterai molti più gatti/e del solito. Fai anche caso se sono gatti maschi o gatte femmine…

  490. Susanna ha detto:

    Direi che mediamente sono misti: stanotte erano tanti gatti (di cui uno nero) ma non sapevo il sesso. Ieri ho sognato un gatto e una gatta, l’altroieri una gatta grandissima, prima ancora un gattino…
    Nella realtà ultimamente non ne incontro, anche se li cerco..

  491. moni ha detto:

    Ciao a tutti, a proposito di sogni, anche se non è esattamente di quelli che in realtà voglio chiedervi…..a me succede spesso, di solito per un periodo più o meno lungo una cosa del genere:in teoria starei dormendo ma non è un sonno profondo, in realtà mi sento come se fossi in una sorta di “limbo” che non è sonno ma nemmeno veglia, parlo tantissimo con qualcuno e non so chi che mi fa un sacco di domande tanto da sentirmi stanca a forza di rispondere e mentalmente ( i dialoghi ovviamente sono solo mentali) ripeto spesso:-ora sono stanca p