due chiacchiere

Studiare l’inglese americano

In questi giorni ho sostenuto l’esame per il Test of English as a Foreign Language, meglio noto con l’acronimo TOEFL. Una certificazione riconosciuta a livello internazionale, spendibile in vari contesti, tra cui molte università in tutto il mondo. Per prepararmi al meglio, ho frequentato un corso organizzato in città, del quale mi ritengo pienamente soddisfatto. Eccoti alcuni consigli per giungere pronto alla data dell’esame.

Cinque punti fondamentali

  1. Verranno messe alla prova le tue capacità a livello tipicamente accademico, su quattro fronti: scrittura, lettura, parlato e ascolto. Ad esempio, dato un testo di media lunghezza, dovrai leggerlo e poi rispondere ad alcune domande a scelta multipla, del tipo “quando l’autore dice questa frase, cosa intende?”; per la scrittura ti sarà chiesto di comporre un tema di circa 300 parole, sulla base di un titolo che ti daranno
  2. Nella quasi totalità dei casi, l’esame è completamente al computer: allenati all’uso di tastiera e mouse, impara ad usare l’interfaccia del test, disponibile sul sito della ETS, l’organizzazione che gestisce queste certificazioni. Puoi anche trovare delle prove d’esame acquistando il programma della Kaplan, che simula in tutto e per tutto una vera sessione d’esame
  3. La durata del test è di circa 4 ore: lettura e ascolto nelle prime due, parlato e scrittura nelle altre due. Non è possibile uscire dalla stanza, bere o mangiare durante le due ore, quindi se ti scappa di andare in bagno pensaci prima
  4. Allenati a parlare: gli esaminatori che ascolteranno le tue parole (registrate tramite microfono al computer), valuteranno non tanto la perfezione grammaticale, quando il tuo saper essere fluido (senza esitazioni) e la chiarezza espositiva. Anche la pronuncia non deve essere da “madrelingua”, ma neppure scattosa ed incomprensibile
  5. Scegli con buon anticipo la data del tuo esame, nei centri di raccolta i posti sono pochi e fanno presto a riempirsi

Commenti

  1. Monte ha detto:

    Beh più che consigli mi sembrano banalità…

  2. camu ha detto:

    Si vede che non hai avuto modo di parlare con gente che doveva dare l’esame: forse proprio perché cose banali, nessuno ci pensa! E così si lascia fregare, il giorno del test… Specialmente per quanto riguarda l’allenamento: il programma della Kaplan al corso che ho seguito, per me è stato fondamentale.

Lascia un commento