due chiacchiere

Che alito tira nella tua bocca?

Si avvicina il tempo degli esami, a scuola. Due anni fa davo alcuni consigli pratici. Oggi mi voglio soffermare su un problema particolare. Quasi nessuno se ne accorge, ma l’alito cattivo è più diffuso di quello che possiamo immaginare. Ricordo sempre con terrore una persona che conoscevo in Italia, che non si rendeva conto degli effluvi pestilenziali che uscivano dalla sua bocca: starle accanto era una tortura, ogni volta. L’alitosi, infatti, può rappresentare una grande limitazione nei rapporti interpersonali, inducendo chi ti è vicino ad evitare il più possibile contatti troppo ravvicinati con il prossimo. Allora non basta riempirsi la bocca di gomme da masticare e sperare che il nostro vicino non si accorga del problema: bisogna conoscere il nemico, e debellarlo alla radice.

  1. La prima causa sono sicuramente i batteri che gozzovigliano nella nostra bocca. Raramente l’alitosi deriva da un disturbo del sistema digestivo. Una buona igiene orale, che faccia uso di spazzolino e filo interdentale, consente di togliere il “banchetto” dei batteri, lasciandoli quindi morti di fame e senza possibilità di proliferare nelle zone recondite della bocca
  2. Infezioni alle gengive, secchezza orale, cattivo stato dei denti, infezioni alle pareti della bocca ed ascessi sono tutti validi contributi ad un alito tutt’altro che fresco. Con l’aiuto del dentista è possibile individuare queste tipologie di problemi e risolverli in maniera efficace e spesso permanente
  3. Certe tipologie di farmaci, l’abuso di alcol ed di caffè possono indurre o peggiorare la secchezza orale. Cibi proteici, oltre a rimanere negli spazi interdentali, creano una patina sulla lingua che contribuisce all’alito cattivo: fanne uso con accortezza, e magari non a pranzo quando non puoi lavarti i denti

Commenti

  1. (Lady).Chobin ha detto:

    giusto, ma perchè a pranzo non puoi lavarti i denti?
    Quelli che si fermano a mangiare in mensa e lavorano con me, quando tornano dal pranzo si recano in bagno muniti di dentifricio e spazzolino 😀

  2. Barbara ha detto:

    Devo dire che nel mio caso uso lavare sovente i denti e tenere in bocca caramelle avendo ( a causa dei miei problemi cronici al colon) spesso la bocca con afte e simili che purtroppo oltre che un male cane non fanno certo un buon sapore in bocca

  3. camu ha detto:

    Lady Chobin, ma magari durante un esame (non solo quello di maturità) la gente non ha l’accortezza di portarsi spazzolino e dentifricio 🙂 Quindi i miei consigli erano per evitare di trovarsi a disagio durante l’interrogazione orale.
    Barbara, i problemi di stomaco o di intestino sono molto più difficili da trattare, ma attenta che i troppi zuccheri delle caramelle possono farti venire la carie! Io ho dovuto “elargire” più di 400 euro al mio dentista, per farmi sistemare il disastro combinato dalle troppe caramelle…

Lascia un commento