due chiacchiere

Otto dollari al pacchetto

Finalmente hanno approvato una modifica alla legge sulle imposte, qui nello stato di New York, in base alla quale le “tasse” sulle sigarette passano da poco più di un dollaro a quasi 3. Portando così il costo di un pacchetto ad otto dollari ciascuno. Segue il solito codazzo di interviste, pareri autorevoli, malcontenti. I fumatori però, nel tipico stile anglosassone, non sembrano eccessivamente incavolati: per noi, dicono, la sigaretta è un vizio difficile da smettere, e non sarà certo un dollaro in più a farci cambiare idea. Allo stesso tempo i nuovi guadagni che finiranno nelle casse dello stato, serviranno a migliorare la rete dei centri che aiutano a smettere. Io dico semplicemente: ma non si farebbe prima a ritirarle completamente dal mercato?

Commenti

  1. Davide ha detto:

    Siamo sicuri che aiuteranno i centri che aiutano a smettere? Io dico che invece aiuteranno le tasche delle multinazionali e dei politici americani…

  2. Trap ha detto:

    Anche qui da noi aumentano e il risultato lo vedi da te 🙂

  3. jgor ha detto:

    Il ritiro del mercato vorrebbe solo dire la nascita di un mercato nero e non controllabile. Ecco il perchè della legalizzazione del fumo.
    Del tipo se non puoi batterli … tanto vale farseli amici (e guadagnarci delle tasse sopra)

  4. camu ha detto:

    Davide, non è aumentato il costo delle sigarette in sé, ma dell’iva applicata, quindi i soldi non vanno alle multinazionali ma allo Stato. Che secondo quanto dichiarato, li destinerà ai centri di recupero. Se poi qualche politico se li intasca in modi loschi, non è dato sapere. Ma almeno bisogna prendere nota dell’iniziativa 🙂 In Italia non fanno neppure questo!
    Trap, che risultati?
    Jgor, sono d’accordo. Però poi i soldi per curare i malati li deve tirar fuori la comunità… e questo non è che mi faccia tanto piacere. Per uno “sfizio” di alcuni, si ritrova a pagare tutta la nazione. Vero è che oramai la dipendenza è stata creata e non si può sradicarla facilmente!

  5. Artemisia ha detto:

    Mi ricorda il cane famosa e la coda questa notizia. Non credo che ai “piani alti del potere”, ci sia qualcuno veramente interessato a smantellare questo vizio degenere. Ci guadagano tutti, meno il fumatore menefreghista (della sua salute). Massicce campagne contro l’uso e abuso di fumo, alcol e droga ne vedi mai in tv? No, anzi! Sei “trendy” solo se sei strafatto 🙁 Io sinceramente inizio a davvero ad aver paura del futuro. Se fossi sposata ci penserei 100 volte prima di mettere al mondo,in questo mondo attuale, un figlio… sono banale lo so.

Lascia un commento