due chiacchiere

Non riusciranno a farmi tacere

Da circa un mese questo sito sta subendo più “attacchi” del solito, ovvero quantitativi esagerati di richieste in brevi lassi di tempo: l’ultimo degno di nota è di un paio di giorni fa, quando da un agguerrito indirizzo IP del Sud Africa ho ricevuto la bellezza di 1200 accessi in 10 minuti. Per fortuna la nuova infrastruttura cloud di Tophost sembra avere le spalle robuste, e non ho notato nessun particolare problema anche con questa sventagliata di proiettili verso la mia umile dimora virtuale. La cosa curiosa è che buona parte degli attacchi arrivano dalla Germania, dall’Olanda, dagli Stati Uniti e da altri Paesi europei. Sarà segno che la Merkel, non amando particolarmente l’Italia, ha detto in gran segreto ai suoi “uomini” di attaccarci sul web? Ne dubito, più probabilmente dietro c’è qualcuno a cui non sto molto simpatico. Ho anche scritto ad alcuni provider a cui corrispondono gli IP, chiedendo se potessero prendere provvedimenti. Tra questi la LeaseWeb mi ha gentilmente detto a chi corrisponde l’indirizzo di sua competenza, e spero solo che questa persona la smetta presto. Ad ogni modo, se ogni tanto ti appare il messaggio che questo sito ha superato il doppio della banda concessa, ti prego di aver pazienza. 

Commenti

  1. isaak ha detto:

    Azz … attacchi mirati contro un blog !?

    La bassezza umana non conosce limiti. Ma poi, scusa Camu, spiegala meglio sta cosa .. almeno per noi lettori che non ti conoscono bene. Quali sono le ragioni dietro questi attacchi secondo te ? Ne possono ricavare un qualche utile questi personaggi oppure trattasi di pura stupidita’.. cioe’ voglio dire, stanno attaccando un qualche server con tuoi dati in qualche modo rilevanti o importanti, stanno cercando di farti chiudere una attivita’ commerciale che hai da qualche parte o si tratta solo di crearti problemi su questo blog, che peraltro mi pare decisamente un blog innocuo e bonaccione.

    Saranno mica attacchi di qualche meridionale inferocito, perche’ da qualche parte hai parlato male della pasta con la “pummarola ncoppa” ? TI DIFENDEREMO NOI CAMU ! TIENI DURO !!

    1. camu ha detto:

      Grazie caro, è la vicinanza di lettori come te che mi spinge ad andare avanti 🙂 Non ho risposto nel weekend perché intento a divorare con amici e parenti un tacchinone ripieno, torte alla zucca e quant’altro… Tornando alla tua domanda, si tratta di pochi balordi che usano vari server “compromessi” in giro per il mondo, difficili da associare ad una persona. Avendo però peccato di ingenuità all’inizio (forse sottovalutando il sottoscritto) hanno lasciato tracce che riconducono alla loro identità… Il bello è che sono aziende “americane” quindi io gioco in casa, se volessi agire legalmente eheh

      Sul perché lo fanno è presto detto: ho scritto cose che non sono piaciute, in passato. Si tratta di una specie di ripicca nei miei confronti, da cui il titolo qui sopra.

  2. Lorenzo ha detto:

    Purtroppo è solo stupidità e denota senza dubbio che hanno tempo (molto tempo) da perdere.
    Dei sospetti li ho (anche delle certezze) e a questo punto ti chiedo se è possibile (se non ti fanno storie legali) inserire i dati da dove partono questi attacchi. Magari capiscono meglio.

    1. Isaak ha detto:

      @Lorenzo: Tu che sai .. chi sono questi qui ? E soprattutto perche’ lo fanno, quale scopo recondito si prefiggono.

      1. camu ha detto:

        Vi pregherei di non divulgare illazioni sul blog, sarebbe solo un modo per aizzare ulteriormente questi cani randagi…

    2. camu ha detto:

      Postare una manciata di indirizzi IP sarebbe di fatto poco utile, ma molti degli attacchi arrivano da Ovh (dove probabilmente hanno acquistato spazi server), da VolumeDrive, noto per essere il provider degli spammer, e da vari server tedeschi (tutti dello stesso provider). Altri sono probabilmente solo falsi positivi impigliati nella rete di protezione a maglie strette che ho messo in piedi. Strano comunque che dopo questo post gli attacchi siano quasi smessi del tutto. Segno che questi parlano anche italiano?

  3. isaak ha detto:

    Poi scusa… rileggendo bene.. dici Sudafrica, Germania, Olanda, USA .. ma tutta sta gente ti attacca sparsa sul globo terracqueo ? Pare strano..

    Si tratta di piu’ persone sparse nel mondo unite dall’odio contro Camu.. oppure e’ la stessa persona che usa raffinate tecniche di rompimento di coglioni usando dei proxyes ? Comunque sia e’ possibile fare una roba del genere .. vale a dire attaccare un sito usando dei proxyes sparsi qua e la nel mondo ? E poi .. scusa ma questi proxy non hanno nulla di meglio da fare che prestarsi ad attacchi cybernetici .. dico io sprecano tutta quella banda a gratis, senza nessun tipo di ritorno economico ?

    1. camu ha detto:

      Sei meglio del Tenente Colombo 🙂

  4. Ignota ha detto:

    Io sarei spietato in tal senso.
    Se c’è la possibilità di poter pubblicare i link di questi “signori” per poterli sputtanare sarebbe meglio.
    In alternativa non si potrebbe fare in modo di bloccare loro l’accesso?

    Gli anonymous usano questa metodologia di attacco per oscurare siti.
    Non è difficile farlo, basta solo impratichirsi.

    1. camu ha detto:

      Si, ho messo in piedi un sistema che li blocca dopo qualche minuto, impedendo loro l’accesso a qualsiasi risorsa 🙂 Prima o poi capiranno che questi giochetti non scalfiscono neppure la superficie di Tophost…

  5. Jack ha detto:

    … ma sono gli stessi di cui abbiamo largamente parlato e grazie a cui sono approdato sul tuo blog per la prima volta con tanto di commenti?

  6. Caigo ha detto:

    Solo un’ora arrivando al tuo blog mi era apparso il messaggio:

    Parse error: syntax error, unexpected T_IF, expecting T_FUNCTION in /home…….

    Ha qualcosa a che fare con il problema di cui parli o è una semplice coincidenza?

    1. camu ha detto:

      @Caigo: wow, ai miei lettori non sfugge proprio nulla 🙂 No, in quel caso era colpa mia, stavo sperimentando una nuova funzione del mio plugin per le statistiche, e m’hanno chiamato in una riunione di lavoro non prevista, così l’errore è rimasto online più di quanto avessi preventivato!

      1. Caigo ha detto:

        @camu: Più che lettori siamo segugi! 😉
        Ci “leggiamo presto”, ciao 😀

Lascia un commento