due chiacchiere

WordPress sposa Twitter

Ebbene si, ne annuncia la lieta novella il sottoscritto, con il suo anello di fidanzamento appositamente forgiato. No, non si tratta dell’ultima acquisizione tra colossi: Twitter non ha comprato l’azienda che distribuisce WordPress, o viceversa. Molto (ma molto) più modestamente, mi sono scritto un plugin per far sapere a tutti i coloro che mi seguono sul canale da 140 caratteri, quello che sto facendo sul blog. A dirla tutta, l’idea mi è venuta vedendo che, pur non scrivendo su Twitter da secoli, continuavo a ricevere messaggi “tizio is now following you on Twitter“, ma following cosa? Allora, per non lasciare a bocca asciutta questi fedeli lettori, visto che comunque non ho intenzione di usare Twitter per dirti cosa ho mangiato ieri sera, almeno sapranno quando sono collegato al blog, o se qualcuno ha lasciato un commento, oppure che ho appena pubblicato un nuovo articolo.

Commenti

  1. Emanuele ha scritto:

    E fu così che i followers andarono via! Esiste già il feed dei commenti per funzioni simili!
    Ciao,
    Emanuele

  2. Andrea Pinti ha scritto:

    Eh no caro Camu, non puoi sviluppare cose, bullartene e poi non distribuirle :p
    Non vale

  3. Kobayashi ha scritto:

    Beh Emanuele, se è per questo allora esiste anche il feed normale per gli articoli postati! Ma Twitter, alla fine dei conti, a cosa serve realmente?

  4. Emanuele ha scritto:

    Eh, sicuramente per altro! Io non sono iscritto, non uso il servizio, ma farlo diventare un semplice ripetitore di contenuti… boh, mi sembra riduttivo, anche perché chi vuol seguirci ha già due strumenti a disposizione (feed commenti e feed articoli come dicevi tu!). A che pro duplicare le informazioni?
    Ciao,
    Emanuele

  5. camu ha scritto:

    @Emanuele, non hai tutti i torti, ma se dai un’occhiata alla homepage di Twitter, ti accorgerai che la mia idea è tutt’altro che nuova. Io per esempio vedo amosgitai, il bloggatore, la tengi ed altri che usano twitter come semplice ripetitore di contenuti, un feed “calderone” da cui far passare non solo gli articoli, ma anche altri pensieri personali 😉 Il vantaggio di duplicare le informazioni è lo stesso che si ha nell’usare sistemi come digg, delicious, furl: condividere con sempre più persone i propri contenuti. Secondo il tuo ragionamento, anche digg e soci allora sono inutili, no? Io concordo con kobayashi: twitter, nel medio e lungo periodo, diventerà un semplice ripetitore di contenuti, non ha altro motivo d’esistere. Per i micropost è meglio Tumblr. Comunque, la tua critica costruttiva ha avuto il suo effetto: ho modificato il plugin, in modo che segnali anche altre cose oltre ai nuovi post, in modo da farlo sembrare meno noioso 😉 E magicamente i “followers” sono già passati da 50 a 70…

  6. Emanuele ha scritto:

    Beh si… sarà che il mio blog pretende così poco che poco mi importa che venga letto a destra e manca il più possibile. Comunque mi fa piacere che – in un modo o nell’altro – ti sia stato utile! 😉
    Ciao,
    Emanuele

  7. camu ha scritto:

    @Emanuele, adesso nel mio flusso Twitter trovi anche le offerte del giorno da non perdere, pescate dalla rete 🙂

Rispondi a Andrea Pinti

Torna in cima alla pagina