due chiacchiere

Appesi alle frequentazioni

Oggi prendo spunto dai miei “partner” di Il Mio Inglese, per discutere i vari usi di una parola che, devo ammettere, m’era poco familiare prima di approdare sulle coste americane dell’Atlantico: hang. Se è usata come verbo significa appendere, attaccare ad un supporto elevato da terra. Ma gli usi figurati spaziano dalle amicizie al telefono. Se la zia, guardando fuori dalla finestra, ti chiede Have you seen little Dave? puoi rispondere che He is hanging out with the next door kid. Che in Italiano potremmo tradurre sia con un’accezione negativa (ciondolare) che positiva (passare del tempo insieme). Se invece sei seduto come passeggero sulla moto del tuo amico spericolato, prima di accelerare bruscamente ti avviserà con hang on, tieniti forte. A volte quest’ultimo si può scambiare con hold on tight, non penso ci siano casi specifici in cui debba essere usata la prima forma e casi in cui serva la seconda. La stessa esatta espressione, però, è usata in modo figurato al telefono, ad esempio, quando l’interlocutore ti chiede di aspettare in linea. Sempre al telefono, si può invece “appendere” la cornetta alla fine della conversazione con hang up (come cantava anche Madonna qualche anno fa).

Commenti

  1. Caigo ha detto:

    Passando con il mouse sopra la parola “hang” il traduttore mi ha aggiunto, tra le tante, anche la parola “frollare” e “pendio”.
    Con così tanti significati credo sia difficile arrivare a fine giornata senza aver pronunciato “hang” almeno una volta! 🙂

  2. camu ha detto:

    @Caigo: già vero, pendio mi torna. Mentre frollare non so cosa voglia dire neppure in Italiano 🙂 Corro a studiare…

  3. camu ha detto:

    @42nopanic: grazie per la segnalazione 🙂 Vi terrò d’occhio, anche se certo è un approccio diametralmente opposto al mio eheh

Lascia un commento