due chiacchiere

Carciofi ripieni con mozzarella e pangrattato

Essendo io nato e cresciuto in un angolino sperduto della Sicilia, i carciofi, in salamoia, arrostiti sulla brace viva in un pomeriggio d’estate, sott’olio o sottaceti nell’insalata di riso, o preparati in tanti altri modi, hanno sempre fatto parte della mia dieta. Sfortunatamente, trovare quest’ortaggio nei supermercati americani è tutt’altro che facile. E quando li trovo, costano un’occhio della testa, in media due o tre dollari ciascuno. Ciascuno, hai letto bene. Da piccolo ricordo che un mazzo da 25 carciofi il tizio con l’ape lo vendeva a circa cinquemila lire. Ma una volta tanto, crepi l’avarizia, no? E così Sunshine, mia moglie, li ha visti al supermercato e ne ha presi un paio, per farli ripieni. Ma non temere, la sua ricetta è davvero semplice, ed il risultato finale davvero saporito. Se vuoi preparare un secondo sfizioso per rompere la monotonia della fettina di carne alla griglia, hai trovato l’idea giusta.

Ingredienti per 4 persone

4 carciofi medi, 400 grammi di pangrattato, 200 grammi di mozzarella, 4 spicchi d’aglio, 4 cucchiai di parmigiano grattugiato, olio extravergine d’oliva, 50 grammi di concentrato di pomodoro, un mazzetto di prezzemolo

Tempi e strumenti

In circa 45 minuti potrai servire questo piatto gustoso ai tuoi commensali. Tieni a portata di mano una casseruola, tagliere e coltello, una ciotola capiente ed un cucchiaio

Trita aglio ed prezzemolo e mozzarella, e mescolali nella ciotola assieme al pangrattato, olio, concentrato di pomodoro e parmigiano. Aggiusta di sale a seconda dei tuoi gusti. Rimuovi le foglie centrali dai carciofi, in modo da creare uno spazio che riempirai con questa farcitura. Taglia le punte, fai spazio tra le varie foglie ed aiutandoti con un cucchiaio infila il ripieno come si vede nella foto qui sopra. Disponi i carciofi nella casseruola con un dito d’acqua ed un filo d’olio. Copri con un coperchio e fai cuocere a vapore per circa 30 minuti, a seconda della dimensione dei carciofi. Tieni d’occhio l’acqua, ed assicurati che non si asciughi completamente. Se vuoi la lode dai commensali, passali in forno per una decina di minuti dopo averli spolverati di pangrattato.

A me piacciono semplici, ma nel corso degli anni ho assaggiato tante varianti altrettanto saporite: con uova, con riso al posto del pangrattato, con carne macinata. Il carciofo è proprio un ortaggio multivalente, non c’è che dire.

Lascia un commento