due chiacchiere

Cosa avere nel kit di emergenza

Ogni anno, puntuale, alla fine dell’estate arriva la stagione degli uragani a flagellare la costa orientale degli Stati Uniti. Molti si fermano giù in Florida o si infilano nel golfo del Messico, ma ogni tanto uno riesce ad arrivare fino alle ridenti colline del New Jersey dove abitiamo. Qualche mese fa una forte tempesta ha causato allagamenti con conseguenti disagi per la popolazione, incluso il rimanere senza elettricità per qualche giorno. Noi ce la siamo cavati, abitando sul cucuzzolo di una di queste ridenti colline, ma la mia manager ha addirittura perso la casa giù a valle dove abita. Puoi immaginare come la sua vita sia stata sconvolta da un giorno all’altro. A quanto pare l’Italia sta prendendo esempio dall’America anche su questo. Ed è in situazioni del genere che ci rendiamo conto di quanto siamo impreparati per una situazione di emergenza. Oggi vorrei condividere la breve lista di quello che teniamo nel nostro kit di emergenza.

  • Un caricabatteria per i cellulari ed una batteria portatile extra: tutti siamo ben coscienti di come i cellulari siano oramai la nostra salvezza. Rimanere collegati al resto del mondo per notizie o per comunicare con parenti ed amici è fondamentale.
  • Qualche bottiglia d’acqua e barrette ai cereali: in caso di allagamenti come è successo alla mia manager, i supermercati potrebbero non avere scorte di beni di prima necessità per tutti, e potrebbero rimanere chiusi per qualche giorno mentre ripuliscono i locali dopo il disastro; controllane la scadenza di tanto in tanto.
  • Documenti importanti e qualche foto di famiglia: sebbene oggi la nostra vita sia quasi tutta online, ci sono ancora certificati e documenti che vanno esibiti in forma cartacea, come il rogito notarile per la casa, i passaporti, certificati medici che potrebbero servire in ospedale; se proprio non puoi portarli con te, mettili in un contenitore ignifugo ed impermeabile, facilmente acquistabile su Amazon.
  • Indumenti ed intimo: tieni tutto in una piccola valigia che puoi tranquillamente conservare in un angolo dell’armadio (o dello sgabuzzino), il cambio per almeno un paio di giorni, una maglia ed un pantalone; se hai spazio, aggiungi un paio di scarpe, e qualche accessorio per l’igiene personale, come spazzolino e dentifricio.

E tu, quali altri oggetti consiglieresti di tenere nel kit di emergenza?

Commenti

  1. Fiordicactus ha detto:

    Come state, con tutta quella neve???
    Tutto bene? O avete avuto bisogno di un “kit di emergenza”???

    Spero sia tutto a posto! Magari tutti a casa!

    Riguardo al post, una cugina alla lontana che abita da anni in Florida (vicino Miami), qualche anno fa, durante una sua visita in Italia, ci ha spiegato cosa si deve fare . . . “ci si siede in mezzo alla casa, lontano dalle finestre. Si prepara una valigetta di abiti e ricordi che si tiene ferma tra le gambe, si prendono i documenti della casa e l’assicurazione e si stringono bene fra i denti . . . poi si prega!”
    I figli ne rimasero scioccati! Come c’era un temporale un po’ più forte, mi chiedevano “mamma, dobbiamo prendere i documenti?”

    Ciao, Fior

    1. camu ha detto:

      Ciao, si giusto un po’ di neve. I media esagerano sempre, specialmente oltre oceano. Qualcuno è rimasto senza corrente (la rete elettrica americana è un colabrodo, ne parlerò) ma per il resto è stata una giornata divertente per i bimbi che aspettavano quest’evento da un pezzo. Per la Florida, certo Miami è proprio la parte più esposta, ed è uno dei motivi per cui non andrei a vivere da quelle parti. Si, sole e mare tutto l’anno, ma quando arrivano gli uragani, non è una passeggiata. Mi hai dato però l’idea di aggiungere dei vestiti all’elenco.

Lascia un commento