due chiacchiere

Eventi e mappe di calore in WP Slimstat

Qualcuno si sarà forse chiesto dove fossi finito, dato che erano quasi dieci giorni che non mi facevo vivo sul blog. Beh, la risposta è presto detta: sono impegnato come un matto 🙂 Dividendo la mia giornata tra due lavori, la famiglia e lo sviluppo del mio plugin per le statistiche. Su quest’ultimo in particolare sto investendo buona parte del mio tempo libero ultimamente, aggiungendo nuove funzionalità e correggendo gli errori che mi vengono segnalati man mano dagli utenti. Ed ora che anche la barriera dei 150.000 download è stata abbattuta, percepisco ancora di più il senso di responsabilità che deriva dall’essere il papà di un qualcosa di popolare.

Una delle funzioni che avevo in cantiere da tempo era la generazione delle cosiddette mappe di calore (non sono riuscito a trovare una pagina decente in Italiano in materia), una rappresentazione grafica di quali punti di una pagina sono cliccati maggiormente dagli utenti. Certo, esistono già migliaia di siti che offrono questo servizio gratuitamente con minimo sforzo, ma l’obiettivo è avere questi dati a casa mia, e poterli incrociare con tutte le altre informazioni raccolte da WP SlimStat.

Alcuni potrebbero chiedersi quale sia lo scopo di avere tutta questa massa di dati sui propri visitatori. Ovviamente non esiste una risposta unica: ognuno ha i propri buoni motivi, che nel mio caso si riassumono semplicemente nell’offrire un servizio migliore a chi entra nella mia umile dimora. Ottimizzando il tempo di caricamento delle pagine, mettendo gli elementi più “gettonati” in una zona della pagina più facile da raggiungere, e via dicendo. Lo uso anche per tenere d’occhio gli utenti sospetti, ed evitare che troppi accessi degli spammer mi mandino giù il sito. E perché no, per la semplice curiosità insita in ogni buon blogger.

Commenti

  1. Lorenzo ha detto:

    Camu sto provando il plugin (innanzitutto sembra veramente ottimo, complimenti!!).
    Provando a salvare le impostazioni nella pagina wp-admin/admin.php?page=wp-slimstat/options/index.php&slimpanel=1, ricevo l’errore:
    [code]
    Warning: implode()

    [function.implode]: Invalid arguments passed in /wp-content/plugins/wp-slimstat/wp-slimstat.php on line 976
    [/code]

    Ultima versione del plugin e di WP. Ciaooo! 🙂

    1. camu ha detto:

      Si, è un bug noto, lo sistemo nella 2.8 🙂

  2. Davide ha detto:

    Funzione interessante! Anche se ormai questa rientra nel “contorno”… 😉

    (Quando renderai Slimstat compatibile coi vari plugin di cache, à là Google Analytics?)

    1. camu ha detto:

      Quella della compatibilità con i plugin di caching è una cosa che dovrebbe arrivare con la versione 3.0 del plugin. Ricorda comunque che proprio essendo a là Google, basata esclusivamente su Javascript, non sarà in grado di monitorare tutti quei visitatori “non umani” e bot che non eseguono quel codice…

      1. Davide ha detto:

        @camu: sinceramente di bot e di utenti non-JS (ma di “umani” ce ne sono?) m’importa poco e niente. 😉
        Ad ogni modo, sarebbe ottimo se lasciassi la possibilità di scegliere se usare il tracking tradizionale (PHP?) o quello nuovo!
        (L’importante è che il riconoscimento “commentatori” non venga toccato!)

        1. camu ha detto:

          Si certo, sarà possibile scegliere, anche perché a me invece quei bot interessano eccome, per poter bloccare quelli più rompiscatole (sistema antiflood che guarda al numero di accessi in un dato quanto di tempo e mette in blacklist, se necessario)

  3. Lorenzo ha detto:

    Così fai venire voglia di abbandonare Analytics 🙂

    1. camu ha detto:

      Eheh ci provo 🙂 In realtà mi ero messo a giocare con le API di Analytics, per “importarne” i dati ed avere un confronto in diretta, ma poi ho lasciato perdere…

  4. Alessandro Fontana ha detto:

    Camu,

    Uso slimstat da un po’ e lo trovo davvero ottimo, funzionalità eccezionali e per questo ti faccio i complimenti.

    Volevo farti una piccola domanda da ignorante, di carattere meramente tecnico, per quale motivo i dati visualizzati da slimstat e quelli di analytics non coincidono?

    Aspetto le utilissime mappe di calore 😀

    1. camu ha detto:

      @Alessandro Fontana: grazie per i complimenti, mi fa piacere vedere anche qualche Italiano fra gli utenti del mio plugin. Riguardo alla tua domanda, come spiegavo a Davide qualche commento più in alto, Analytics si basa esclusivamente su un codice da eseguire sul browser dell’utente. Quindi i sistemi di indicizzazione non vengono “catturati”, dato che quel codice non lo eseguono. WP SlimStat, al contrario, è eseguito sul server, ed è quindi in grado di monitorare TUTTE le visite ricevute.

      1. Alessandro Fontana ha detto:

        @camu: Ma grazie mille per la tempestiva risposta! 🙂
        Uso slimstat su diversi blog e devo dire che ne sono pienamente soddisfatto, ti rinnovo i complimenti per il tuo lavoro!

        1. camu ha detto:

          @Alessandro Fontana: se ti capita, un voto per il mio plugin sulla pagina ufficiale sarebbe un modo carino per ringraziarmi 😉

        2. Alessandro Fontana ha detto:

          @camu: Fatto con immenso piacere 😉

        3. camu ha detto:

          Grazie! Fammi sapere anche cosa ne pensi della 2.8, quando la rendo disponibile 🙂

Lascia un commento