due chiacchiere

Open sans, il font più pulito che ci sia

Il mio spirito creativo sempre pronto a sperimentare non trova mai riposo, questo s’era già capito da un pezzo. E così, prendendo spunto da una chiacchierata con il mio amico Trap, ho introdotto un nuovo font per il testo degli articoli. Sfogliando la libreria messa a disposizione da Google Web Fonts, ho fatto diversi esperimenti prima di decidere quale carattere si sposasse meglio con il resto del tema. Da anni il buon vecchio Trebuchet MS aveva svolto egregiamente il suo compito, e mandarlo in pensione non è stato facile. Cercavo un font senza grazie (o sans serif, come dicono quelli che hanno studiato), dato che molti studi associano a questa categoria una leggibilità maggiore, quando si tratta di pubblicazioni per il web. La pulizia anche sui dispositivi mobili era un’altra caratteristica, e la crenatura (o comunque il suo equivalente digitale) che non volevo troppo compatta. Alla fine ho scelto Open Sans, che mi sembra dare una sensazione di respiro profondo, di ariosità e freschezza, senza ammassare caratteri insieme come in altri casi. Che ne pensi?

Aggiornamento delle 21.00. Grazie al commento di Valeria, ho scoperto che Open Sans fa abbastanza rabbrividire, quando la funzione ClearType non è attiva sul proprio computer. Ho aggiunto dunque una piccola funzione Javascript in grado di accorgersi di questo problema e di disattivare il font incriminato, ripristinando il buon vecchio Trebuchet 😉 Così da non scontentare nessuno.

Commenti

  1. Emanuele ha detto:

    Non mi piace usare font esterni: rallentano il caricamento e l’elaborazione (Google Fonts ti segnala di quanto impatta ogni font sulle performance del sito). Comunque è un bel font, questo è senza dubbio… peccato non sia così diffuso tra i SO.
    Ciao,
    Emanuele
    PS: e io invece sto cercando un font serif… ma non voglio aprir bocca oltre… 😛

    1. camu ha detto:

      @Emanuele: sono assolutamente d’accordo con te, fino ad oggi avevo sempre resistito al richiamo delle sirene dei font, proprio per i motivi che citi tu. Uno dei motivi per cui ho scelto Open Sans, grazie per avermelo fatto ricordare, è proprio il suo “impatto” basso in termini di performance del sito (indica un “16” che non so esattamente come interpretare, ma abbondantemente nella zona verde del contachilometri di Google). Inoltre, una volta nella “pancia” del browser, non viene più scaricato, ed i tempi di rendering dalle prove che ho fatto, mi sembrano più che ottimi, sulla maggior parte dei browser. Ma tu perché cerchi un font serif?

    2. Trap ha detto:

      @Emanuele: Droid Serif!

  2. Valeria ha detto:

    Ahh… Ecco perché leggo male oggi! Ho iniziato a leggere 3 post indietro e solo ora ho capito.
    Mi spiace, ma sul mio firefox 9.0.1 si vede male questo tuo nuovo font: le lettere “i, l, D, E, T, M” me le fa vedere in grassetto. Boh! Forse devo settare qualcosa nel browser?

    1. camu ha detto:

      @Valeria: davvero strano… stiamo parlando di Windows 7, come sistema operativo?

    2. camu ha detto:

      @Valeria: mistero risolto. Non è un problema specifico di Firefox 9. Più semplicemente non hai attiva l’opzione ClearType di Windows sul tuo computer. Il che mi fa supporre che anche molti altri siti si vedano una “ciofeca” sul tuo PC 🙂

      1. Valeria ha detto:

        @camu: sì è un win7
        🙁 no, vedo così solo il tuo sito; ma comunque mi hai incuriosito: proverò ad attivare l’opzione.
        Fatto! Ohhhh! Ora sì, che prima no! Grazie! L’attivazione dell’opzione mi è sembrata la visita dall’oculista! 🙂

        1. camu ha detto:

          @Valeria: grazie per la conferma. Probabilmente questo problema non ti è capitato su altri siti perché sono in pochi ad usare questa tecnica, se vedo che la gente continua a lamentarsi, la disattivo e buonasera 🙁

  3. Nusta ha detto:

    Mi piace 🙂

    1. camu ha detto:

      @Nusta: spero tu non abbia problemi di ClearType 🙂

  4. Trap ha detto:

    Leggendo qui: http://en.wikipedia.org/wiki/ClearType

    “ClearType è attivo di default su Windows Vista e 7”

    Quindi a meno che, difficilmente, un utente non lo disabiliti volutamente…

    1. camu ha detto:

      @Trap: grazie per la precisazione, questo è incoraggiante 🙂 Per fortuna la maggior parte dei miei visitatori usa quel sistema operativo, ma chissà come vanno le cose sotto Linux o Mac…

      1. Trap ha detto:

        @camu: per Linux qui si legge bene, se vuoi posso catturarti una schermata.

        1. camu ha detto:

          No, mi fido 🙂 Grazie per la verifica. Comunque ho inserito un javascript che ripristina Trebuchet MS, se il font di google non si vede bene su un dato computer…

  5. CyberAngel ha detto:

    Bel font, pulito. Bisognerà abituarsi ma direi che si legge molto bene ed è ben spaziato. La Mela approva.

    1. camu ha detto:

      Grazie 🙂 Tu hai idea di come funziona la “storia” del cleartype sotto Mac?

      1. isaak ha detto:

        @camu: Capiti a fagiolo, tu che sei un apprezzato esperto di font(s) .. ho una curiosita’ impellente da un po’ di tempo… il font in uso di default sul Mac Classic.. come si chiama ?

        1. Trap ha detto:

          @isaak: wikipedia is your friend 😀

        2. CyberAngel ha detto:

          @isaak: Hai chiesto proprio a quello giusto! 😛
          Comunque dipende se parli del font del testo di Apple oppure delle applicazioni.

        3. camu ha detto:

          In questo caso ha ragione CyberAngel, io “sto al” Mac come Cofferati sta alla Mediaset 🙂 Ma vedo che ti hanno già aiutato…

  6. Quadrrato ha detto:

    Effettivamente questo font è molto leggibile e pulito, ma dei font messi a disposizione da google amo “Dancing Script”.

    Forse poco chiaro e definito sui browser meno recenti, ma per me è diventato di “famiglia”.

    1. camu ha detto:

      @Quadrrato: bello, ma non avrei certo potuto usarlo sul blog 🙂 La foto dell’autore omaccione tatuato è davvero fenomenale!

      1. Quadrrato ha detto:

        @camu: solo ora l’ho vista ed hai ragione! Comunque apprezzo tantissimo il suo font.

Lascia un commento