due chiacchiere

Starbucks, il caffè aristocratico parla italiano

In questi tre mesi ti ho portato a scoprire varie catene della grande distribuzione americana, ma solo adesso mi son reso conto di aver tralasciato alcune tra le più utili ad un turista italiano in gita nel Paese a stelle e strisce: quelle relative alla ristorazione. All’inizio abbiamo visitato alcuni supermercati, ma è pur vero che una persona in vacanza vuole degustare le specialità locali senza doversi affannare ai fornelli 🧑‍🍳 Allora oggi partiamo da alcuni posti dove potrai addentare una colazione decente ed energetica per cominciare bene la giornata. Di Starbucks avrai certamente sentito parlare, visto che avevano tentato di aprirne alcuni anche in Italia, con scarsi risultati, a quanto ho letto. La particolarità di questa catena sono i nomi delle bevande caffeinate: dal latte, che corrisponde più o meno al nostro caffè macchiato, all’americano, dal veranda blend al frappuccino, il loro ufficio marketing ha deciso che usare nomi italiani contribuisce a dare un tocco sofisticato e più aristocratico ai loro prodotti. E con quella scusa hanno pensato bene di gonfiare un po’ i loro prezzi, come se quelle bevande venissero direttamente dall’Italia.

Il bancone del locale dove la gente ordina il proprio caffe, con alcune persone in fila

Un po’ come in Italia, da Starbucks puoi ordinare un croissant assieme al cappuccino, oltre ad un’ampia varietà di dolci vari, secondo me troppo zuccherati e farciti di strane cremine a cui noi italiani non siamo certo abituati. Se come me non sei un amante del caffè, puoi scegliere tra vari tipi di the orientali, come il chai latte e simili. A completare l’esperienza tipica di questa catena è l’atmosfera generalmente rustica e raffinata dei loro locali, come si può vedere dalla foto qui sopra. Ovviamente Starbucks non è la sola scelta possibile. Quando si tratta di fare colazione, troverai molte altre catene per soddisfare ogni desiderio:

  • Dunkin Donuts, che come dice il nome stesso, vende principalmente le ciambelle americane tanto amate da Homer Simpson nell’omonima serie tv: da quelle semplici con un filo di glassa, a quelle farcite di marmellata e ricoperte di cioccolata e praline. La scelta delle bevande è più limitata rispetto a Starbucks, ma i miei colleghi che ci vanno mi dicono che il caffè (ovviamente americano) è tutto sommato decente.
  • Krispy Kreme, che si concentra esclusivamente sulle ciambelle dolci, ed offre una decente selezione di gusti e forme varie. Assicurati di controllare la loro app, perché di tanto in tanto fanno delle promozioni dove puoi comprare 12 ciambelle (qui sono fissati con le dozzine) al prezzo di 6.
  • IHOP, anche conosciuta come International House of Pancakes, invece è un ristorante dove sedersi a tavola ed ordinare le loro famose pancakes, oppure uova e pancetta, o ancora frittelle di patate ed uova strapazzate.
  • Cracker Barrel, un altro ristorante che però da un tocco rustico alla colazione, a partire dai locali che usano legni grezzi ed in genere sono attaccati ad una sezione dove vendono cianfrusaglie di varia natura. Qui potrai ordinare dalle pancakes ai fiocchi d’avena con un filo di sciroppo d’acero, da uova e salsicce ad una fetta di crostata alle mele.

Lascia un commento