due chiacchiere

Analizzare la velocità delle pagine

Qualche giorno fa quel tentatore di Emanuele ha scritto un interessante articolo sull’ottimizzazione del codice di una pagina web. Ne è nata una breve e stimolante discussione da cui ho imparato che esiste un aggeggio chiamato Google Page Speed, da installare come estensione di Firefox. In breve questo strumento, data una pagina, la analizza e suggerisce come migliorarne la velocità di caricamento: spostando il javascript all’interno, abilitando il mod_expires sul server (Tophost ce l’ha, ed il tuo provider?), e via dicendo. Il test sul mio sito non è andato poi così male, molti dei punti esaminati passavano i rigidi controlli di questo diabolico marchingegno targato Google. Ho adottato il suggerimento di allungare la “scadenza” dei contenuti statici (fogli di stile, immagini, javascript), quello di riorganizzare l’ordine di caricamento dei vari pezzi, ed altri. Ma quando mi ha suggerito di comprare un altro dominio dove tenere tutta la roba statica “senza cookie”, ho declinato gentilmente 😉 Lo spiritello talebano che mi accompagna è contento ugualmente.

Commenti

  1. Emanuele ha scritto:

    Essì, tutto va visto in proporzione. Quello strumento come ti dicevo è nato nei lab di Google per Google stesso, lo usano per ottimizzare le pagine dei loro progetti e li, richiedere un dominio non costa soldi, probabilmente è solo questione di qualche ora…
    In ogni caso mi chiedo se sia davvero conveniente (ok, in realtà ci sarebbe da fidarsi…) perché comunque prendere risorse da domini esterni significa aprire nuove connessioni, con tempo di ack e tutto ciò che ne consegue.
    Ciao,
    Emanuele

  2. Andrea Pinti ha scritto:

    Sulla stessa riga di questo c’è anche YSlow di Yahoo, è un plugin per un plugin (firebug).
    Dagli un occhiata, http://developer.yahoo.com/yslow/, si sofferma un po’ troppo sulle buone maniere made in yahoo, nonostante questo puo’ tornare utile quando il sito va stranamente piano e non sai dove mettere le mani :D.

  3. camu ha scritto:

    @Emanuele: era la stessa cosa che pensavo io, tanto che poi, cerca e ricerca, ho trovato alcuni articoli in inglese che spiegano come i benefici ottenibili da certe ottimizzazioni siano davvero esigui, e non valga la pena metterli in campo.
    @Andrea Pinti: cercando informazioni su Page Speed, ho trovato alla fine anche il giocattolo di Yahoo! (che non ho installato) e mi sembra di capire che entrambi si spingano davvero un po’ oltre le normali attività di ottimizzazione. Per carità, tutto lecito ed utile, ma mi pare un po’ da maniaci 🙂

  4. Francesco Gavello ha scritto:

    Veramente ottimo Page Speed, forse anche meglio di YSlow. Interessanti soprattutto per le dettagliate spiegazioni sul singolo “problema” che la pagina può presentare.

    Risposte al commento di Francesco Gavello

    1. camu ha scritto:

      @Francesco: concordo, li ho provati entrambi anche io e devo ammettere che quello fatto in casa Google mi ha soddisfatto di più 😉

  5. Emanuele ha scritto:

    Beh se non erro YSlow è uscito prima del tool di Google, così hanno avuto tutto il tempo di osservare lo strumento dell’avversario e renderlo ancora migliore.
    Comunque è vero, certe ottimizzazioni danno risultati miseri che vale la pena adottare solo quando si parla di grandi portali in cui 1kb a connessione in meno diventano GB e GB di differenza (ad esempio considerate Facebook con le sue 60.000.000 di pagine viste al giorno!).
    Ciao,
    Emanuele

  6. camu ha scritto:

    @Emanuele: pare che quelli di Facebook non lo usino tanto, questo strumento. Ho provato ad analizzare le loro pagine, e ci sarebbero PARECCHIE ottimizzazioni da fare, sia stando a quanto riporta Page Speed, che ad una sommaria analisi del codice sorgente 😉 Mi sa che loro della banda non se ne fregano troppo!

  7. Emanuele ha scritto:

    Buh in realtà quando ho detto Facebook, ho sparato un grosso-portale-noto a caso. Se non sbaglio avevo letto comunque che stanno lavorando per render più veloci le loro pagine. Magari si stan preoccupando solo del codice che genera tutto… chissà.
    Comunque rimane vera per altri grossi portali. 😛
    Facebook io neanche l’ho! 😀
    Ciao,
    Emanuele

  8. camu ha scritto:

    @Emanuele: si si, lo so. Ma io ho avuto modo di analizzare per curiosità una decina di pagine diverse ad alto traffico (Repubblica, Virgilio, Grillo, ecc) e praticamente tutte non fanno molto per rendere più veloce il caricamento dei contenuti. Quindi alla fine mi chiedo: se non lo fanno loro che hanno milioni d’accessi, perché dovrei farlo io dal basso delle mie centinaia?

Rispondi a Francesco Gavello

Torna in cima alla pagina