due chiacchiere

Benvenuta, piccola Sara

Sono passati già tanti mesi da quel giorno in cui, arrivando in ufficio il mio amico Matteo mi disse che aveva una “grossa” novità da comunicarmi. Pensavo che fosse qualcosa legato al lavoro, o chissà l’acquisto di una macchina, o la pubblicazione di un libro. Ma era molto di più: era appena iniziato il conto alla rovescia in attesa della piccola Sara. Ieri, alle 9 e 08, quest’attesa è finita: la figlia di Daniela e Matteo, con i suoi 3 chili e 600 grammi, ha riempito di gioia il cuore di tutti. E mi sono appena reso conto che, praticamente due anni fa di questi tempi, scrivevo proprio una riflessione sull’argomento, partendo dalle parole di Matteo stesso.

Dal sito di Matteo

Quanta sapienza ho visto nei tuoi occhi grandi, aperti per la prima volta sulle cose intorno. Tutta la sapienza che s’impiega una vita a perdere, nel tentativo di guadagnarla. Quanta tranquillità emana il tuo viso, pieno della tua bellezza. Tutta la tranquillità che sempre ognuno insegue come Eden terrestre. Dopo 12 ore che respiravi la nostra stessa aria, ci siamo ritrovati soli, stasera, tu ed io: la culla che cercavo di offrirti goffamente con le mie braccia è l’abbraccio che ti proteggerà, amandoti, per tutta la tua vita, da oggi in poi. E tu mi insegnerai, in cambio, il segreto della sapienza, della tranquillità e della bellezza di te neonata.

Commenti

  1. camu
    ha scritto:

    beh, speriamo almeno non abbia la stessa barba di suo padre!

  2. Alessandro
    ha scritto:

    stamani è venuto al lavoro ed era veramente emozionato inutile dire che sono felicissimo per lui. ha portato le prime foto e Sara è veramente una bella bimba tutta il ritratto di suo padre !

  3. Matteo
    ha scritto:

    Vi ringrazio entrambi per l’affetto e l’amicizia che ci dimostrate ūüôā

  4. chicca
    ha scritto:

    è un’avventura meravigliosa…

Lascia un commento

Torna in cima alla pagina