due chiacchiere

Ho messo le bandiere all’entrata

Esporre la bandiera sull’uscio di casa è, per molti americani, una manifestazione del proprio attaccamento alla nazione, un concetto spesso sconosciuto agli abitanti del Belpaese. La casa che abbiamo comprato l’anno scorso apparteneva ad un ex ufficiale militare, suppongo dei Marines a giudicare dalle spillette che abbiamo ritrovato in alcuni cassetti, probabilmente dimenticate durante il trasloco. Tra le personalizzazioni che ha apportato durante gli anni in cui ha vissuto qui, c’è un bellissimo palo portabandiera all’ingresso, alto almeno 15 metri, sul quale possono essere montate fino a tre bandiere. Finora non l’avevamo mai sfruttato, anche perché aspettavo una buona occasione su Amazon. Che s’è presentata un paio di settimane fa: due bandiere (quella italiana e quella americana) per 10 dollari.

Commenti

  1. Emanuele ha scritto:

    Argh devo tornare stanotte che per ora è buio da te! Comunque io sono a favore dell’attaccamento alla propria patria ma ogni volta mi chiedo se questi retaggi culturali non siano da freno alla piena accettazione dello “straniero”. Finché esisteranno bandiere esisteranno uomini che non fan parte della tua casa.
    Ciao,
    Emanuele

    Risposte al commento di Emanuele

    1. camu ha scritto:

      @Emanuele: beh, ripassa fra due o tre orette e si dovrebbe vedere meglio 🙂 Con i post ‘schedulati’ per andare in onda di mattina in Italia, non avevo calcolato che qui era ancora buio eheh. Riguardo all’accettazione dello straniero, l’America come sai è un crogiolo di lingue, di costumi e di razze. A parte gli immigrati clandestini, qui nessuno è veramente “straniero” perché tutti, in un modo o in un altro vengono da un’altra nazione…

  2. palbi ha scritto:

    that’s pretty cool

  3. elfonora ha scritto:

    bellino..

  4. Simona ha scritto:

    che dire….io sono innamorata pazza degli States, e questo è un altro motivo per cui adoro gli americani…
    scusate è più forte di me: ti invidio da morire!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! 😀

    Risposte al commento di Simona

    1. camu ha scritto:

      @Simona: beh scusa, puoi mettere anche tu una bandiera italiana di fronte a casa tua, no? 🙂

  5. Simona ha scritto:

    ah ah ah…io non ho mica la casetta come la tua… -.-‘
    solo da poco sono riuscita ad ‘addomesticare’ la signora delle pulizie di quelli sopra di me, che buttava acqua tutti i giorni sui balconi…
    non mi ci fare pensare va…

    Risposte al commento di Simona

    1. camu ha scritto:

      @Simona: eh, anche io ho vissuto per quasi 15 anni in vari condomini, so benissimo di cosa stai parlando 😀

  6. CyberAngel ha scritto:

    Questo si è un vero aggiornamento in diretta!!! Finalmente anche lo sguardo sulla casa si fa diverso. 😉 Uhm, ma come mai quella italiana è più in basso di quella americana? Visto che c’è posto per la terza bandiera adesso dovresti lanciare un sondaggio su quale mettere…

    Risposte al commento di CyberAngel

    1. camu ha scritto:

      @CyberAngel: quella americana, per una sorta di legge non scritta che tutti accettano, sta sempre più in alto delle altre. Così m’ha consigliato il suocero, e così ho fatto. Non so se ci siano leggi formali al riguardo… Come terza bandiera, stavo pensando al mio stemma di famiglia, ma forse sarebbe un po’ troppo pacchiano 😀

      Risposte al commento di camu

      1. CyberAngel ha scritto:

        @camu: Beh mi sembra giusto. Sei in un paese ospite 😀
        Grande nazionalismo americano…

    2. camu ha scritto:

      @CyberAngel: integro il mio precedente commento con le regole sull’etichetta appropriata da seguire quando si mostra la bandiera americana in pubblico per le abitazioni civili 🙂 Chissà se esiste qualcosa di analogo per la bandiera italiana!

      Risposte al commento di camu

      1. CyberAngel ha scritto:

        @camu: Per i luoghi pubblici mi sembra ci sia un’etichetta così come ci sono norme su come esporla se messa in verticale ecc… Ma come al solito in Italia quasi nessuno ne è a conoscenza o le rispetta, tant’è che si vedono spesso bandiere a brindelli, non regolamentari o addirittura appese al contrario!!!

        Risposte al commento di CyberAngel
        1. camu ha scritto:

          @CyberAngel: sull’appese al contrario, molto dipende dal fatto che tanti italiani non sanno se il verde viene prima o dopo 🙂

      2. camu ha scritto:

        @Andrea Pinti: interessante 🙂 A quanto pare, a differenza degli Stati Uniti, l’etichetta italiana non parla di “altezza” delle bandiere straniere rispetto a quella nazionale.

        Risposte al commento di camu
        1. CyberAngel ha scritto:

          @camu: Forse perché di solito non si usa mettere bandiere straniere, escludendo quella europea.
          Mi sembra poi, da un vago ricordo in seguito ad una visita al Campidoglio, che la bandiera del rappresentante estero fosse alla stessa altezza della nostra.

          Risposte al commento di CyberAngel
        2. camu ha scritto:

          @CyberAngel: beh no, attenzione, anche qui quando si tratta di istituzioni pubbliche, le bandiere delle altre nazioni, se messe su pali diversi, possono stare allo stesso livello 🙂

  7. Silvana ha scritto:

    E pensare che in Italia le bandiere ai balconi, mica ai pennoni, si mettono solo per le partite della nazionale ai mondiali.
    Se le metti in altre occasioni ti prendono per pazzo o per provocatore.

    Risposte al commento di Silvana

    1. camu ha scritto:

      @Silvana: ed è una cosa che mi faceva “soffrire” parecchio, ed un desiderio che finalmente ho potuto appagare… in terra straniera 🙂

Rispondi a palbi

Torna in cima alla pagina