due chiacchiere

Polpette di patate

Ricordo sempre quand’ero piccolo, uno dei miei piatti preferiti erano le polpette di patate: semplici, gustose e per nulla pesanti. L’ingrediente segreto ovviamente però non lo vendevano alla bottega vicino casa: l’arte di miscelare uova, patate e formaggio con mani sicure, allenate da anni di esperienza, era la cosa speciale di quelle polpettine. Mia nonna ci aggiungeva poi il suo sorriso, ed il profumo di buono che aveva in ogni momento. Allora, un po’ per ricordarla attraverso il mezzo tecnologico, che lei chiamava il “compiuto”, ti propongo oggi questa ricetta facile, veloce e saporita.

Alcune polpette su un piatto di portata

Ingredienti per 4 persone

4 uova, 2 cucchiai di formaggio pecorino grattugiato, un mazzetto di prezzemolo fresco, qualche foglia di menta di campo, sale, 150 gr di pangrattato, 7 grosse patate, olio extravergine d’oliva.

Tempi e strumenti

Ci vorranno 25 minuti per cuocere le patate, 15 minuti per soffriggere le polpette. Per preparare il tutto ti serviranno una padella, una forchetta, una pentola capiente, un coltello ed un passatutto

In abbondante acqua leggermente salata fai bollire le patate per circa 25 minuti, senza pelarle. Prova di tanto in tanto con una forchetta ad infilzarle per vedere se sono cotte all’interno, e falle raffreddare sotto un getto d’acqua fredda per qualche minuto. Facendo attenzione a non scottarti, pelale e passale al setaccio fino ad ottenere un purè omogeneo e senza grumi. Se non disponi del passino, puoi schiacciarle con le mani, aiutandoti poi con la forchetta. Unisci le uova, la menta ed il prezzemolo tritati, il formaggio grattugiato ed un pizzico di sale.

Prepara quindi delle palline che puoi passare nel pangrattato prima di friggerle in olio abbondante. A seconda del gusto personale, aggiungi al composto qualche spicchio d’aglio finemente tritato, oppure un cucchiaio di rosmarino essiccato.

Commenti

  1. ha scritto:

    Ci proverò, a farle. Ma mi sa che mancherà l’ingrediente fondamentale di tua nonna per farle davvero speciali… :-*

  2. Federico Neri
    ha scritto:

    Fai venire fame!!!!

  3. sergio
    ha scritto:

    Sei molto simpatico e romantico,oltre a saper apprezzare le cose semplici ma buone. Oggi tutto è sofisticato e venduto a caro prezzo a chi non sà!
    Mia mamma faceva nello stesso modo le polpette di carne;l’unica differenza alla ricetta è una spruzzatina di noce moscata. Ciao Sergio

  4. valentina
    ha scritto:

    e’ una ricetta molto facile e gustosa

  5. elisa
    ha scritto:

    Quando formi le polpette, al centro aggiungi un pezzetto di fior di latte o provola. Prova e fammi sapere.
    ciao

  6. camu
    ha scritto:

    Elisa, l’idea sembra molto sfiziosa in effetti… avevamo giusto in “programma” di fare le polpette una di queste sere.

  7. Lalla
    ha scritto:

    Ti ho scoperto solo oggi mentre cercavo ricette per marmellate un po diverse dalle solite: mi sto preparando per i regali di Natale e ne ho già fatte alcune lo scorso anno che sono state molto gradite. Così ho copiato la tua ricette di marmellata con le mele cotogne ma anche quelle delle polpette di patate che alla prima occasione sperimenterò.
    Grazie

  8. Giancarlo
    ha scritto:

    anziché prezzemolo, ho provato con uno spicchio d’aglio e maggiorana fresca. Ottime!

  9. paolo
    ha scritto:

    grazissime !!!!!!! un bacio ! paolo@tellaro.net

  10. alessandra
    ha scritto:

    devono essere buonissime, facili e veloci… proverò!

  11. cristina
    ha scritto:

    Ho provato la tua ricetta, ed è stata apprezzata molto da tutti! Io però ho aggiunto un po’ di pangrattato nell’impasto e ti assicuro che sono venute davvero buone. Ciao!

  12. debora
    ha scritto:

    mi hai fatto sorridere dolcemente… mi è venuta in mente l’immagine della nonna che fa vedere al nipotino come si preparano le polpette… che tenerezza
    stasera le faccio

  13. sara
    ha scritto:

    e se invece di friggerle le arrostisco in padella verranno buone?

  14. camu
    ha scritto:

    Sara, ti dirò… ho provato una volta, ma non sono venute buone e “compatte” come quelle fritte. Chissà, forse cambiando le dosi (più uovo e meno pangrattato) potrebbe funzionare…

  15. jessy
    ha scritto:

    Le ho provate stasera… sono buonissime complimenti! Sono riuscita a prendere il mio raga “per la gola” 😛 è rimasto veramente soddisfatto.

  16. Stefania
    ha scritto:

    Le polpette di patate sono, anche per me uno di quei piatti speciali, che tanto mi ricordano la mia infanzia serena e mia nonna Gina,esperta di ingredienti segreti come quelli su citati, di quelli che non si trovano nelle botteghe… Ancora oggi a quasi 40 anni, mi sembra di sentire il profumo delle “polpette di patate” di nonna Gina!

  17. manu
    ha scritto:

    sono buonissime e dal gusto delicato…mmh…

  18. Ester
    ha scritto:

    ke bontà, 😀 , e ke fame!!!

  19. Mario
    ha scritto:

    @PlacidaSignora: hai perfettamente ragione,mia mamma le faceva e mi mancano ancora adesso, erano speciali!
    Ciao
    Mario

  20. adriana
    ha scritto:

    Cosa ne pensi? se vi avanza del bollito che qualcuno non apprezza, tritatelo e aggiungetelo all’impasto di patate. così non si butta niente. sono ottime

  21. francesca
    ha scritto:

    ottime le polpette fatte così….io sono una cuoca e le preparo da dare con l’aperitivo ai clienti….vanno a ruba.

  22. linda
    ha scritto:

    mi ricordano tanto la mia amatissima nonna .le faccio spesso ma non hanno niente a che vedere con le sue .le preparerò stasera.

  23. Marisa
    ha scritto:

    ciaoo, anche la mia mamma faceva le polpette di patate, poi prima di friggerle metteva pezzetto provola chiudeva, passava nel pangrattato e friggeva.. erano buonissime, grazie da molto non li face , hai spolverato i miei ricordi ciaooo

  24. angie
    ha scritto:

    ma lo sai che con l’introduzione della nonna…mi sono commossa fino ad asciugarmi una lacrima?!…provero’ la tua ricetta se non altro x quanto l’hai resa fiabesca…ma a me..le melanzane ripiene di mia nonna non sono mai venute con quel sapore cosi’ speciale

Lascia un commento

Torna in cima alla pagina