due chiacchiere

Tophost si avvicina alla perfezione

È di questi giorni l’ultima novità in casa Tophost (il provider che ospita questo sito), secondo cui il loro servizio DNS ha subìto una bella iniezione di potenza, passando da Bind a PowerDNS, introducendo l’uso dei caratteri jolly (o wildcard, come li chiamano quelli che hanno studiato), riducendo i tempi di propagazione ed aggiornamento e rendendo possibile l’uso del dominio senza il tanto bisfrattato www. Se hai letto fino a questo punto, e l’unica parola che hai capito è iniezione (e credi si stia parlando di medicina) allora puoi tranquillamente ignorare questo post a contenuto altamente “tecnico” 🙂 Ma la novità più succulenta non è che questo blog si può accedere con un nome più corto, quanto la possibilità di creare una rete di blog (con WordPress in modalità multisito) senza dover più mettere mano al proprio .htaccess o al pannello di configurazione del DNS. Grazie ad Arquen per la segnalazione!

Ho già spiegato in passato come installare WordPress multisito su Tophost: tutto filava liscio come l’olio nella maggior parte dei casi, ed ora con questa novità sarà ancora più facile. Basterà configurare un paio di record ed il gioco è fatto:

@    A    217.64.195.213
*    A    217.64.195.213

L’indirizzo IP cambia a seconda del nodo dove si trova il tuo sito, lo trovi facilmente aggiungendo /__tmp/sys/ al tuo indirizzo (grazie Davide per il trucchetto). A questo punto puoi sbizzarrirti a creare nuovi siti nel tuo network di blog senza dover far altro. Vista diversamente, puoi aprire la registrazione di siti ai tuoi utenti, creando un vero e proprio social network “casalingo”, senza muovere un dito dopo la configurazione iniziale. Se aggiungiamo questa cosa alla lista delle caratteristiche di Tophost (mod_expires, php5, uso di cURL, prezzo contenuto), direi che la concorrenza è praticamente sbaragliata, in questa fascia di mercato. Manca solo la ciliegina sulla torta: spazio web aggiuntivo acquistabile a parte.

Commenti

  1. Antonino ha detto:

    Lo detto e lo ripeto: sono assolutamente pentito di aver abbandonato TopHost!
    Non ho avuto nessun problema e me ne sono andato pensando che non fosse adatto. Sono finito su webperte e ho continui problemi con gestione dei permessi e roba varia 🙂

    Prima o poi ritornerò 😉

  2. Antonino ha detto:

    ah camu una domanda (anche se non so se è il posto giusto): il tuo tema è in html5?

    Dirai “ma che azz gliene frega a questo?” 🙂

    Sorry per il disturbo.

    1. camu ha detto:

      @Antonino: non ancora, ma sto meditando di passare al nuovo linguaggio, forse entro la fine dell’anno. Il problema è che ancora il supporto da parte dei maggiori browser non è completo, e l’uso di javascript vari per “emulare” il linguaggio non mi aggrada particolarmente 🙂

      1. Antonino ha detto:

        @camu: 🙂 io l’ho implementato sul mio blog ma non è realizzato da me 😉 andrò in questa direzione e magari un giorno lo farò io stesso un tema 🙂 tu hai imparato tutto tramite risorse sul web? o libri e roba varia?

        Grazie per la disponibilità 🙂

        1. camu ha detto:

          Il mio processo di apprendimento è passato attraverso libri, università, sporcarsi le mani e tanta, tanta voglia d’imparare e sperimentare 🙂

        2. Antonino ha detto:

          @camu: ecco…io all’uni non sono andato ma la voglia di provare è davvero tanta 🙂 vorrei modificare i temi wordpress per me e magari crearne usando css3 e html5 solo che a parole è facilissimo 🙂

  3. Facebook ha detto:

    Grande Tophost!! 🙂 Qualità e risparmio!

  4. Davide ha detto:

    Insisto: quello che ancora manca è una gestione meno ‘opaca’ della QoS!

    P.S.: prego per il trucchetto (però è /__tmp/sys/ con due underscore). 🙂

    1. camu ha detto:

      Si, aver modo di tenere il QoS sott’occhio sarebbe ideale, direi. Possiamo sperare che prima o poi qualcosa accada in tal senso, anche se per 10 euro all’anno io sono già contento così 🙂 Grazie per la precisazione sul trucchetto, ho provveduto a correggere l’articolo…

  5. Lorenzo ha detto:

    Ciao, anche io sto seguendo con piacere le migliorie di Tophost.
    Per caso sai se mod_expires è attivo su tutti i nodi o bisogna richiederlo come hai fatto tu?
    Ho implementato il controllo della cache su htaccess ma Google Page Speed mi dà “expiration not specified”…
    Grazie!

    1. camu ha detto:

      @Lorenzo: forse non è attivo su tutti i nodi, prova a chiedere 🙂

  6. evilripper ha detto:

    uffa ma a me senza www non va ancora il mio blog, invece se richiamo il tuo ad esempio funziona e anche su altri domini che ho registrato sempre da loro funziona… :-O

    1. camu ha detto:

      @evilripper: sicuro di aver seguito le istruzioni correttamente?

      1. evilripper ha detto:

        @camu: aspetta, quali istruzioni? non dovrebbe andare automaticamente? forse ho scoperto perchè anni fa avevo adottato questa soluzione http://www.tophost.it/aiuto/cat2/11/199/ ora ho rimesso come era in origine speriamo che funzioni. altirmenti aprirò un ticket o chiederò nel forum!:-D

        1. camu ha detto:

          @evilripper: le istruzioni non sono ancora presenti sul loro sito ufficiale, ma le hanno date sia su Facebook che su Friendfeed. Non è automatico, va inserito un record a mano nel DNS.

      2. evilripper ha detto:

        @camu: grazie camu ti sono riconoscente queste info sono oro, su fb non vado durante le ore di lavoro quindi non le avrei viste e FF non lo uso molto!ora devo aspettare che si propaghi… pingando il sito senza www vedo che ancora ancora prende il record vecchio che avevo usato nella vecchia procedura!!! 😀
        ciao

        1. camu ha detto:

          @evilripper: su Windows puoi svuotare la cache del DNS locale con un bel ipconfig /flushdns e passa la paura 🙂 Io da qui ti vedo già senza www iniziale.

      3. evilripper ha detto:

        @camu: funziona! thanks ancora!
        avevo letto male il post pensavo che l’operazione descritta era solamente per i multisito! 😀

  7. Vincenzo La Rosa ha detto:

    top host è molto competivo per quanto riguarda il prezzo.. però non offre molte risorse per un sito di media / grande dimensione

    1. camu ha detto:

      @Vincenzo La Rosa: beh, non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca. Se compri una Toyota Yaris, non puoi pretendere le prestazioni ed il comfort del Porsche Cayenne 😉 Eppure molti comprano la Yaris e si accontentano di quello che ottengono per quel prezzo, perché è esattamente ciò di cui hanno bisogno. Un provider va misurato in base alle proprie esigenze, non in base a quello che offre a prescindere.

    2. vaxgelli ha detto:

      @Vincenzo La Rosa: dipende tutto da quello che devi fare….. ma penso che per inziare e per chi ha poche pretese possa essere un’ottima soluzione.

      1. Vincenzo La Rosa ha detto:

        @vaxgelli @camu: si infatti anche io tempo fa usavo tophost poi ho cambiato per vari motivi miei.. 🙁 ed alcuni siti miei li sto riportando su tophost.. 😉 i costi si abbassano di molto al momento pago circa 20€ anno iva compresa tophost chiede 10€ anno che sono abbastanza competitivi nel mercato globale.. 😉

  8. vaxgelli ha detto:

    Beh, stavo pensando proprio in questi giorni di prendermi un mio spazio web e puntavo proprio a TopHost visto che mi è stato consigliato.

    A questo punto la decisione è presa, TopHost sarà la mia scelta….. ora non mi rimane che scegliere il nome e l’estensione del dominio…..

  9. mario ha detto:

    grandi sono passati da BIND a powerDNS e hanno dato la possibilità di accedere ai domini senza WWW !!… ma lo sapete che quasi tutti lo fanno? o molti altri provider hanno strutture molto più avanzate della loro!? … fanno solo il loro dovere ad aggiornarsi e rimanere al passo con la tecnologia!

    1. camu ha detto:

      @mario: vogliamo parlare di costi? e poi scusa, in che senso “fanno il loro dovere”? ogni azienda è libera di fare quello che le pare, saranno poi gli utenti a premiarla o meno per il prodotto che offre. E con i suoi 110.000 utenti, mi pare che Tophost sia abbastanza premiata dalla comunità italiana. I millemila providerini da quattro soldi hanno al massimo qualche centinaio di clienti. E falliscono lasciandoti con le pezze al culo, mentre Tophost è una realtà solida sul mercato da molti anni. Infine, come mai sei rimasto del tutto anonimo, ed il tuo IP è riconducibile ad un provider della concorrenza? Che tristezza che mi fate…

  10. Bucciamarcia ha detto:

    Bel post, e congratulazioni per esserti meritato un link nella pagina Facebook di Tophost! 🙂 Come rapporto qualità/prezzo questo servizio è imbattibile, e continuerò a consigliarlo a tutti per siti personali o senza troppe prospettive di crescita.

    Ad ogni modo, visto che tu mi sembri esperto, vorrei chiederti una piccola informazione. Devo cambiare host visto che il mio sito sta crescendo velocemente, e devo quindi putare il dominio ad un nuovo host. Per l’appunto, visto che non si possono modificare i nameserver (secondo me fra le più grandi pecche del servizio) devo usare un record A. Ma quando inserisco nel campo nome “esempio.com.” mi dà un messaggio di errore, dicendo che non si può includere il nome del dominio nel campo. Potresti gentilmente dirmi come cambiare questo DNS?

    Grazie per l’attenzione. 😉

    1. camu ha detto:

      @Bucciamarcia: vediamo se ho capito bene. Hai comprato uno spazio altrove, su un altro provider, e vuoi ridirigere il tuo dominio di Tophost su quello spazio? In questo caso ti serve l’indirizzo IP dell’altro server, ed a quel punto fai un record A per www con l’IP 🙂 Contattami in privato se ti servono maggiori info.

  11. Lorenzo ha detto:

    Ciao Camu, una curiosità, secondo te può dipendere da questo passaggio un rallentamento generale su tutti i siti ospitati? Perché a volte ci mette anche più di 30 secondi per caricare la pagina del login di wordpress… prima ci metteva al massimo pochi secondi. Ho notato questo rallentamento anche nel sito Tophost.it quando mi collego per gestire il cpanel e ho scritto loro un ticket, ma mi hanno risposto che dovevo installare un plugin per la cache…

    1. camu ha detto:

      Tecnicamente le due cose sono slegate, uno è il DNS e l’altro il database. Come vedi qui il mio sito è abbastanza veloce 🙂 Io guarderei ai plugin installati per capire se qualcuno di questi crea rallentamenti per qualche motivo: prova a disattivarli tutti e vedi se cambia qualcosa…

      1. Lorenzo ha detto:

        @camu: Ok provo a rifare una installazione pulita di WordPress e vedo come vanno le cose senza temi e plugin (in realtà ce ne sono solo due, il maintenance mode e quello di google per le statistiche..) comunque sì, il tuo mi sembra molto reattivo, per questo chiedevo un tuo parere 😉

      2. Lorenzo ha detto:

        @camu: una curiosità, nel caso fosse il DNS cosa posso fare io oltre al ticket? c’è qualche impostazione per me strana (tipo .htaccess) che devo modificare? 🙂
        peccato perché fino a qualche giorno fa andava benissimo, il sito è semplice e c’è poco materiale sopra… ma ora anche tophost.it mi sembra andare lento (sia in casa che fuori) quando mi collego al cpanel… mi da proprio “Sto contattando -nome sito-” e la rotellina che gira per un po’…
        invece per il tuo sito ti riconfermo l’errore di prima, ad ogni commento inserito mi dice che il wp-comments.php ha generato un errore 500, poi se clicco indietro con il tasto del browser me lo da inserito correttamente…

        1. camu ha detto:

          @Lorenzo: dunque, quello che ho notato è che i domini .com sono più lenti per qualche motivo, forse la risoluzione ci mette di più perché fa qualche giro strano. Ma non c’è nulla che si possa fare lato utente. Mi pare anche che alcuni nodi di Tophost siano un po’ più sfigati di altri. Tu sei per caso sul nodo 8?

          In merito all’errore 500, è colpa mia, non di Tophost. Ho un plugin per filtrare lo spam che a volte ha dei falsi positivi (come nel tuo caso) ed allora ti mostra l’errore 500 pensando che tu sia uno spammer 🙂 Per scoraggiarti a tornare eheh

        2. Lorenzo ha detto:

          @camu: sì sono tutti e tre .com e due mi sembrano sul nodo 8, uno sul 6… speriamo che la situazione torni come era prima 🙂

          per il resto orcocan che filtro cattivo hai 😀

        3. camu ha detto:

          @Lorenzo: eh eh, contro lo spam, bisogna essere senza pietà 🙂 Comunque ora ti ho messo in whitelist, non dovresti più vedere quel problema!

        4. Davide ha detto:

          @camu: mi sa che dovresti metterci pure me. 😉

        5. camu ha detto:

          @Davide: provvedo…

      3. vaxgelli ha detto:

        @camu: mi sa che anche io “non gli paccio molto”….

        1. camu ha detto:

          @vaxgelli: sob, allora c’è qualcosa che non va con le mie impostazioni di htaccess, se ancora vedete l’errore 500 🙁 Perché il plugin l’ho temporaneamente disattivato…

        2. Davide ha detto:

          @camu: facci sapere se ti rispondono con la solita email preimpostata!

        3. camu ha detto:

          @Davide: vi terrò aggiornati…

  12. Lorenzo ha detto:

    Aggiungo che quando ho inviato il primo commento mi è apparsa la schermata di Tophost con scritto ERRORE 500… però il commento sembra pubblicato lo stesso 🙂

    1. camu ha detto:

      @Lorenzo: vedi mio commento qui sopra 🙂

    2. camu ha detto:

      @Lorenzo: ho aperto un ticket con Tophost, perché non riesco a capire cosa faccia scattare questo benedetto errore 500 adesso, dato che il mio plugin è disattivato. Che sia Akismet?

      1. Lorenzo ha detto:

        @camu: Fammi sapere cosa ti rispondono, che è utile!

  13. vaxgelli ha detto:

    Questa cosa del rallentamento l’avevo notata anche io, però diciamo che è fluttuante, dipende dal momento della giornata. Ed escludo che dipenda dal mio provider perchè capita solo con il mio sito e con qualche altro.
    Effettivamente il tuo invece va come le schegge…..

    1. Davide ha detto:

      @vaxgelli: idem. A me ci sono momenti in cui il mio WP va una scheggia, e altri in cui è di una lentezza esasperante, fino a giungere all’esasperante Blocked by mod_slotlimit. La soluzione? La sto ancora cercando. Noto, però, che spesso i rallentamenti si verificano quando, in fase di scrittura, cerco di visualizzare troppe volte di seguito l’anteprima del post. Forse mando in saturazione il «numero di connessioni contemporanee ad un dato sito e provenienti da un unico IP», come recita – poco chiaramente – il Qos di Tophost? Non lo sapremo mai.

      1. evilripper ha detto:

        @Davide: scusate ma mi intrometto anche io! 😀 anche a me ogni tanto mi da mod_slotlimit e quasi sempre dal pannello di amministrazione, ma forse è per come dici tu.

      2. vaxgelli ha detto:

        @Davide: Io al Blocked by mod_slotlimit però i rallentamenti come dice si notano. Speriamo sia solo un periodo no e che tutto riprenda la sua normale velocità……

      3. Davide ha detto:

        Comincia a venirmi un dubbio: che sia colpa della memoria consumata. L’avevo già aumentata a 64M, «ovviamente a scapito delle prestazioni», ma ieri, grazie a WP-Memory-Usage, ho scoperto che viene usata al 99% (ben 63M!). Ho provato ad aumentarla ancora un po’, ma mi sa che è peggio. Forse è ora di disattivare qualche plugin (e dire che ne ho ‘solo’ una ventina attivi!).

        1. camu ha detto:

          @Davide: io te lo dissi già a suo tempo, il plugin per le statistiche che usi è un vero mangiaram 🙂 Dovresti passare al mio… anche se non ti piace eheh.

        2. Davide ha detto:

          @camu: effettivamente quel plugin consuma circa 6MB, contro manco 1MB del tuo (davvero slim!)… Però quello ha una visualizzazione dei visitatori in real time che è imbattibile… 😉
          Diciamo che aggiunge quel che manca a Google Analytics.

        3. camu ha detto:

          @Davide: ma veramente anche il mio ce l’ha 🙁 Comunque, mica passi le tue giornate a spiare chi passa dal tuo blog? E’ davvero una cosa talmente indispensabile da farti chiudere un occhio sul superamento del QoS?

      4. vaxgelli ha detto:

        @Davide: Come si fa a controllare quanta memoria “puppa” il plugin? Io sto utilizzando StatPress…. nel caso fosse quello, lo elimino e passo alla concorrenza…. i consigli sono ben accetti.

        1. Davide ha detto:

          @vaxgelli: ho utilizzato il plugin WP-Memory-Usage (che fa apparire nel footer della bacheca il consumo e la disponibilità di memoria), linkato poco sopra, e ho provato a disattivare e riattivare selettivamente i plugin di cui mi interessava conoscere il consumo.

  14. Lorenzo ha detto:

    Ma che è successo al tuo sito? Sembra tutto scombinato come se non caricasse il css e poi l’ho cercato con Google prima e mi ha detto che è potenzialmente dannoso e se voglio continuare a mio rischio e pericolo.
    Pesce d’aprile!
    Mi raccomando aggiornaci sui commenti 🙂

    1. camu ha detto:

      @Lorenzo: grazie per lo scherzo 😀 Comunque il vestito è cambiato davvero 🙂 Riguardo ai commenti, mi hanno detto da Tophost che il mio sito sta superando il QoS, quindi non era una cosa legata al mio plugin antispam. Pare che alcuni spammer cinesi stiano bombardando il mio blog ed il forum di supporto dei miei plugin. Ho messo un po’ di filtri, ma gli IP cambiano e non è facile stargli dietro 🙁

      1. Lorenzo ha detto:

        @camu: spero che i cinesi spammer siano uno scherzo 😀

        1. camu ha detto:

          @Lorenzo: sfortunatamente no 🙁

        2. camu ha detto:

          @Lorenzo: okay, svelato l’arcano. Non era né Tophost, né lo spammer cinese. Era che una delle iscrizioni (gestite dal mio plugin Subscribe to Comments) aveva un indirizzo email “malformato” che faceva probabilmente andare nel panico il plugin stesso. Questo mi fa capire che devo inserire un controllo delle email più rigido, io credevo se ne occupasse WordPress in fase di gestione del commento. Mah!

        3. Lorenzo ha detto:

          @camu: !!! oh, beh, meglio dello spammer cinese. certo però che pensavo ci volesse qualcosa di più per far crashare così il plugin dei commenti…

        4. Lorenzo ha detto:

          @camu: p.s.: hai risolto alla grande, l’ultimo commento si è inserito senza problemi 🙂

        5. camu ha detto:

          @Lorenzo: provvederò ad inserire dei controlli extra nel mio plugin per evitare questi casi 🙂 Ma mi stupisce che WordPress non li faccia già, mi documenterò.

    2. vaxgelli ha detto:

      @Lorenzo: Oggi TopHost aveva dei problemi e tutti i suiu siti web hanno avuto dei problemi e sono andati giù per un’pò di tempo. Diciamo che dalle 11.30 fino alle 13 ora italiana ci sono stati un’pò di problemucci…….

      PS: Bellino questo verde primaverile….

      1. Davide ha detto:

        @vaxgelli: un bruttissimo pesce d’aprile – soprattutto perché lo scherzo non è durato poco…

        1. camu ha detto:

          @Davide: ma alla fine s’è capito cos’è successo?

        2. vaxgelli ha detto:

          @camu: Non ho ben capito, non è che son molto pratico….. però hanno avuto un problema su tutti i nodi ed anche http://www.tophost.it era andato giù per un’pò…..

        3. Davide ha detto:

          @camu: su Facebook hanno scritto che «la donna delle pulizie è inciampata sulla spina e si è spento tutto Tophost» (simpatici, però noi restiamo col dubbio…); nello stato dei servizi non si fa parola del disservizio. Bah!

        4. camu ha detto:

          @Davide: si ho letto, e devono aver copiato da questo blog, dato che quello è il messaggio d’errore che io ho da anni quando succede qualcosa di anomalo 😛 Grandi!

        5. Davide ha detto:

          @camu: grandi grattacapi!

      2. evilripper ha detto:

        @vaxgelli: confermo oggi a me non funzionava alle 13 poi quando son tornato dalla pausa pranzo si è ripreso! magari era un pesce di aprile! 🙂

  15. Lorenzo ha detto:

    @camu: È tutta la mattina che non riesco a collegarmi ai vari siti… mi da sempre “Sto contattando il sito” e gira all’infinito… ai ticket mi si risponde di svuotare la cache (ma orcocan nemmeno riesco a collegarmi, di quale cache parliamo?) 🙁
    Sono un po’ deluso, conosco Tophost da molti anni e all’inizio non avevo tutti questi disservizi. I siti erano reattivi. Ultimamente però sia in casa che fuori non riesco ad accedere nemmeno al cpanel…

    *** agli utenti che mi parleranno del solito discorso 10 euro ***
    Ok, è un servizio che costa 10 euro. Va bene, ma il prezzo lo hanno fatto loro. Probabilmente gli avrei dato fiducia anche per un prezzo superiore, visto che nel corso degli anni mi sono sempre trovato bene. Infine il prezzo basso io lo onoro con rispetto, mi aspetto quindi professionalità. Alcune risposte che mi danno ai ticket aperti sempre gentilmente (senza mai insulti ovviamente, loro sono i tecnici io un semplice utente) mi lasciano senza parole. Quando io accetto di fare un lavoro ad un prezzo più basso del solito lo faccio comunque impegnandomi al meglio e con professionalità. Non pretendo più spazio o chissà quali migliore tecniche lato server, ma almeno una voce gentile in caso di disservizio (che per carità ci può stare) quella sì…

    :'(

  16. Lorenzo ha detto:

    Ora finalmente vanno, speriamo duri questa volta… 🙂

  17. Carlo ha detto:

    Ok, siamo d’accordo che per 10 Euro l’anno non si può pretender molto, ma effettuare una manutenzione in piena mattinata e per quasi 5 ore, oltretutto avvisando 10 minuti prima e solo sui social, mi sembra un po’ eccessivo, non credi?

    1. camu ha detto:

      Stavolta non posso che essere d’accordo con te 🙁

    2. vaxgelli ha detto:

      @Carlo: Non sono nemmeno due mesi che utilizzo TopHost, ed ecco che in poco tempo sono saltati fuori subito due problemi. Sarò io a portar male???

      A parte gli scherzi, non me li aspettavo questi disservizi prolungati. Alla fine io lo uso per il mio piccolo sito personale e non è stato un grosso problema, ma immagino che per qualcuno che ci lavora possa essere stato un bel problema….

      1. camu ha detto:

        Io mi chiedo se questo non sia l’inizio della fine 🙁 Sono sempre stato un sostenitore di questo provider anche nei momenti difficili, ma ora ho come la sensazione che qualcosa si sia “rotto” nei loro ingranaggi interni. Voci di corridoio dicono che uno dei loro sistemisti, la punta di diamante dell’azienda, se ne sia andato l’anno scorso, e che queste sono le conseguenze 🙁

        1. vincenzo ha detto:

          @camu: morto un papa se ne fa un’altro.. non vedo il motivo per il quale tophost non potrebbe assumere un’altro sistemista.. 😉 in giro se ne trovano tanti.. ed anche bravi.. il problema è che si devono pagare…

        2. vaxgelli ha detto:

          @vincenzo: e se un nuovo Papa non lo fanno lro, vorraà dire che toccherà lo faranno i clienti migrando verso un altro host…. ne ho già sentiti diversi in odore di abbandono

        3. vincenzo ha detto:

          @vaxgelli: be si… 😉 quello è una cosa logica.. comunque avendo un’attività del genere non penso che per “risparmiare” 20000€ anno perdono il giro d’affari che hanno.. perche si saranno prezzi bassi.. ma se facciamo il conto 110000 domini attivi (se non sbaglio) per 10€ sono soldi.. 😉 🙂 quindi per non spendere una “miseria” perdere tutto questo non mi sembra una scelta molto inteliggente… magari sbaglio.. boh.. poi le decisioni toccano a loro..

        4. vaxgelli ha detto:

          @vincenzo: verissimo, ma magari anche il nuovo sistemista non basta…. non si sà mai. Nello sport (e non solo) c’è un detto che dice “quando piove, grandina….”. Nel senso che se le cose continuano ad andar maluccio come con i disservizi dell’ultimo periodo, la gente potrebbe cambiar strada.

        5. camu ha detto:

          @vincenzo: si vede che il nuovo sistemista non è all’altezza 🙁 Comunque il costo non è di 10 euro, non dimenticare che ci sono anche i “domini nudi” e tutti i codici promozionali vari. Poi di quei soldi, l’Icann ne vuole un po’ per i domini stranieri. Diciamo che alla fine, ad occhio, in media gli restano 3 euro a dominio, in tasca. E con 300 mila euro non vai troppo lontano, se devi pagarci personale, tasse, infrastruttura e via dicendo.

        6. vincenzo ha detto:

          @camu: be si.. ma se non rientri nelle spese.. alza un pochino i prezzi tanto come spendo 10€ anno ne spendo anche 20€ però questo è una cosa da fare quando il tutto funziona bene… si sa che qualche problema può verificarsi.. ma per lo meno avvisa con qualche giorno di anticipo.. in modo da far preparare i clienti ed informare gli utenti dei clienti.. comunque io è da un po che non usavo tophost.. volevo tornarci ma mi sa che resto per dove sono.. 🙂 😀

  18. Dario ha detto:

    Bell’articolo e complimenti per il blog!
    Anche io uso Tophost ed un altro provider….

    Spero presto che tophost abiliti qualche funzionalità in più quale avere la possibilità di un maggior numero di accessi FTP.

    Dario

  19. Gabriele ha detto:

    Ciao camu,

    grazie mille dell’articolo! Ho provato a convertire il sito della mia ragazza, hostato su Tophost, in configurazione multisito, dopo aver aggiunto una wildcard * ai dns. All’installazione della rete, pero’, wordpress mi avvisa che dovrei disabilitare l’accesso tramite www, altrimenti l’accesso tramite sottodomini potrebbe non funzionare. Infatti, se provo ad accedere al sito mediante, ottengo un redirezionamento verso. Se provo a cambiare il wordpress site url, ottengo un loop di redirezionamenti che viene intercettato e bloccato da chrome.

    inutile dire che, in effetti, i sottodomini non funzionano.

    hai qualche consiglio su come procedere?

    grazie infinite e a presto!
    gabrio

    1. camu ha detto:

      @Gabriele: a me sembra funzionare tutto perfettamente. Se accedo al sottodominio “en” del sito della tua ragazza, vedo correttamente l’avviso di WordPress Multisite che il blog corrispondente non è stato inizializzato 🙂

  20. Gabriele ha detto:

    @camu:

    apparentemente sembra funzionare, ma se guardi la parte sottostante al form di registrazione:

    Il sito che si sta cercando, http://encookspotit.www.cookspot.it/ non esiste.

    se anche il sito ‘en’ esistesse (ora l’ho rimosso per evitare di incasinarmi il seo di google con tutti quegli errori), direbbe che non esiste 🙁

    1. camu ha detto:

      @Gabriele: si vedo. Sembra esserci un problema di configurazione nel tuo WordPress multisito. Io ho alcuni siti per miei clienti in modalità multisito, su Tophost, e funzionano egregiamente 🙂

  21. Gabriele ha detto:

    @camu: ho pensato che potesse essere un problema di redirezione. Al momento dell’installazione, infatti, ho impostato come url www sito.it, non sapendo che per il multisito fosse richiesto l’url senza il prefisso. Attualmente, pero’, se provo a rimuoverlo (direttamente sul db, e a prescindere dal fatto che il multisite sia attivo o meno) mi va in un loop di redirect…mi chiedevo, visto che sei riuscito a farlo funzionare, mi chiedevo se ci fosse qualche passo particolare per rimuovere il www, che magari io ho dimenticato…

    1. camu ha detto:

      @Gabriele: ma quindi non hai seguito FEDELMENTE i passaggi indicati sul Codex?

  22. Gabriele ha detto:

    @camu: ofc 🙁 non è la prima volta che installo un wpmu, ma mai su tophost: sempre su mantainer (es. unbit.it) che di default non antepongono il www al dominio, rendendo di fatto il dns gia’ pronto.

    è su tophost che, invece, sto avendo l’anima dei guai 😀

    1. camu ha detto:

      @Gabriele: quel sottodominio “strano” che WordPress dice non esistere, mi fa pensare che ci sia qualcosa che non va nella configurazione del sistema…

  23. Gabriele ha detto:

    @camu:

    credo anche io…soprattutto perche’ se provo a cambiare l’url del sito togliendo il www, va in loop e che ridireziona a www che ridireziona a quello senza www e…beh…

    grazie cmq dell’aiuto 🙂 posto qui la soluzione se riesco a venirne a capo!

    1. camu ha detto:

      @Gabriele: ed è questo che non mi torna, perché provando da qui, sia con Chrome che con Firefox che con IE, non mi entra in loop, ma mi ridirige tranquillamente al sito con www 🙂

  24. Gabriele ha detto:

    @camu: perché adesso ho disabilitato tutto il cinema, per evitare la punzione divina di google…in attesa di risolvere 😀

  25. anddab ha detto:

    Ok ho sudato per 1 ora, dopodiché ho trovato questo articolo. Un semplice grazie non basterebbe.

    1. camu ha detto:

      Uno è lieto di essere utile.

  26. MIchele ha detto:

    Certo che tutti questi commenti fanno riflettere. Lavoro per un hosting provider e devo dire che prima o poi si parla male di tutti, spesso per cose senza senso, ma su tophost se ne dicono proprio tante. Secondo me hanno un’ottima formula commerciale ed hanno il grande merito di essersi fatti strada nel mare dell’offerta lowcost, che per politica non trattiamo. Insomma, onore al merito!

Lascia un commento