due chiacchiere

L’ingenuità disarmante delle parole chiave

Ogni tanto, forse lo sai, mi piace curiosare tra le statistiche del mio blog per capire come la gente approdi sull’uscio di questa casetta virtuale. A parte le solite ricerche sul sesso (e t’assicuro che ce n’è davvero per tutti, ma proprio tutti, i gusti), sulle ricette di cucina (le chiacchiere di carnevale ed i canederli stanno andando forte in questo periodo) e su Tophost, ho notato una tendenza ad usare Google e gli altri motori di ricerca come una specie di oracolo da cui ottenere la risposta giusta a qualsiasi tipo di problema, coniugale o scolastico, di salute o politico. Il filo conduttore è l’ingenuità di queste domande ed il fascino che provocano in me coloro che le hanno generate.

Ecco una breve collezione:

  1. mio marito non voleva che stessi troppo su fb
  2. commento sul maritozzo con panna
  3. come usare la velina per fare le valigie
  4. come posso vedere le foto che miei amici di orkut no me lasciano vedere
  5. come ricaricare dall’italia sim tunisiana
  6. foto quanto sei ancora vergina
  7. gli yogurt sono fatti con latte omogeneizzato o no?
  8. come fare per andare a vivere in america
  9. fare il bagno a casa dopo mangiato
  10. quanta scarola posso mangiare?

Commenti

  1. Emanuele ha detto:

    L’ultima è spettacolare e dimostra che anche le mucche navigano su internet. 😛
    Ciao,
    Emanuele

  2. elfonora ha detto:

    Direi che “quanta scarola posso mangiare” le batte tutte.

  3. TheStylist ha detto:

    La 3 e la 6 sono inquietanti.

  4. Mr. Tambourine ha detto:

    Io ho smesso quando ho letto “puttane che scopano con fucili”.

    1. camu ha detto:

      @Mr. Tambourine: sulle fantasie erotiche di chi approda sul mio blog potrei scrivere non uno, non cinque, ma almeno 20 post diversi. Analizzando le varie etimologie e tutta la perversione umana 🙂

  5. Marica ha detto:

    🙂

  6. Ilaria ha detto:

    mah…

  7. chicca ha detto:

    a proposito di ingenuità… siete un po’ prevenuti: per velina si intende la carta velina, che come ogni buona massaia sa è un prezioso alleato nel mantenere i capi stirati quando si stipano in valigia.
    Quindi anch’io voto la scarola!

    1. camu ha detto:

      @chicca: ma pensa, non si finisce mai d’imparare…

  8. Markino ha detto:

    E’ sempre divertente questo giochino. Lo faccio pure io con il mio blog, di tanto in tanto, quando mi ricordo. Per un certo periodo (mesi) e’ perdurata una query a sfondo sessuale che non voglio riportare qui, visto che non sono a casa mia. Assicuro che era decisamente divertente, assurda ma soprattutto non ho mai capito come potesse questa persona(/e) insistere su quella query ed insistere a visitare quel post sul mio blog, che, a parte una parola condivisa con l’effettiva query, non aveva certo nulla in comune.
    Mi sa che ora vado a guardare le statistiche…

    1. camu ha detto:

      Eheh vero, sono i misteri di google 🙂

Lascia un commento