due chiacchiere

Fai girare l’economia

Con il permesso dell’autore, rubo questo bellissimo aneddoto su come superare la crisi che stiamo attraversando. Non a caso, molti economisti l’hanno definita la crisi del credito a consumo. Eppure, stando al racconto di Federico Neri, tutto si potrebbe risolvere molto facilmente 🙂

Sono tempi duri e tutti hanno debiti e vivono a credito. Improvvisamente arriva in città un ricco turista. Entra nell’unico albergo, lascia una banconota da 100 euro sul bancone della reception e va a vedere le stanze di sopra per sceglierne una. Il proprietario dell’albergo prende i 100 euro e corre a pagare il suo debito col macellaio. Il macellaio prende i 100 euro e corre a pagare il suo debito con l’allevatore di maiali. L’allevatore di maiali prende i 100 euro e corre a pagare il suo debito col suo fornitore di mangime e carburante.

Il fornitore di mangime e carburante prende i 100 euro e corre a pagare il suo debito con la prostituta della città, che in questi tempi difficili gli fornisce i suoi servizi a credito. La prostituta prende i 100 euro e corre all’albergo a pagare il proprietario per le camere che le fornisce a credito quando porta i suoi clienti. Il proprietario dell’albergo prende i 100 euro e li posa sul bancone della reception in modo che il turista non sospetti nulla. In quel momento, dopo avere ispezionato le stanze, viene giù il turista, riprende i suoi 100 euro e, dopo avere detto che non gli piacciono le stanze, lascia la città. Nessuno ha guadagnato nulla, ma tutti hanno estinto i propri debiti.

Commenti

  1. salvo ha detto:

    bella questa… 🙂

  2. camu ha detto:

    @salvo: un modo semplice per spiegare perché ha senso far “girare” l’economia e non nascondere i soldi sotto il materasso!

  3. Sanghino ha detto:

    Io ci sto …. quindi il mio mutuo è estinto, giusto ?!? 😉

  4. camu ha detto:

    @Sanghino: beh, prova a parlarne con la tua banca e vedi che ti dicono 🙂

  5. Sanghino ha detto:

    @camu: Stanno aspettando che arrivi l’albergatore …. 😉

Lascia un commento