due chiacchiere

Giochiamo al piccolo archeologo digitale

Ora che il tema del sito ha raggiunto una certa stabilità estetica, posso iniziare la seconda fase dei lavori di ristrutturazione, e dedicarmi alla pulizia dei contenuti. Eh già, perché dopo tutti questi anni, le tecnologie del web sono cambiate eccome, e qui siamo ancora all’età della pietra. Basti pensare che quando questo blog è nato, l’iPhone ancora neppure esisteva, e che un codice di Macromedia Flash era l’unico modo per inserire video all’interno di un sito. La tecnologia XHTML 1.0 si stava ancora espandendo, e tutti eravamo a parlare del cosiddetto Web due-punto-zero. Quanto ciarpame, quando vecchiume! Così mi sono tuffato in questa missione da archeologo digitale, per scovare, scrostare e restaurare quel centinaio di articoli che ancora usano codici antiquati, e che quindi non funzionano più (come appunto il tag Macromedia di cui dicevo). Nel frattempo ne sto approfittando per mettermi in casa alcuni dei video in questione, attualmente ospitati su YouTube.

Non sono mai stato un sostenitore della spazzatura digitale che ogni giorno produciamo in quantità copiose e che volenti o nolenti lasceremo dietro di noi. E dato che Tophost, il provider che mi ospita, mi fornisce un generoso spazio di 20 giga, perché non sfruttarlo? Così se un giorno YouTube decide di cancellare il mio account per evidente inattività, non devo preoccuparmi di perdere per sempre tutto il mio archivio. Quindi se inciampi in un articolo con un video “rotto”, abbi pazienza: il lavoro di noi restauratori digitali non è facile.

Ti propongo qui di seguito uno di quelli recentemente salvati dall’eterno oblio: un timelapse fatto per immortalare la nevicata “Nemo” che passò dalle nostre parti anni fa. Un video di dubbia importanza socio-culturale (e che quindi non vale la pena di tenere su YouTube), ma che conservo volentieri nel mio archivio personale.

P.S.: Potresti farmi il favore di dirmi se funziona sul tuo browser?

 

Commenti

  1. Federico Neri ha detto:

    Funziona!

  2. Bobo ha detto:

    Chrome e Firefox su Ubuntu, funziona perfettamente (anche il PiP su Firefox).

  3. camu ha detto:

    Grazie ad entrambi. Siete meglio di BrowserStack 😀

  4. Fiordicactus ha detto:

    Visto . . . e me lo ricordavo pure! Mi pare che siete rimasti senza luce per un po’!
    Ciao! Fior

    1. camu ha detto:

      Ottima memoria! Per fortuna il quartiere dove si trova la casa in cui abitiamo adesso ha i tutti i fili interrati, quindi la probabilità di rimanere senza corrente è diminuita…

Lascia un commento