due chiacchiere

Gli operatori di telefonia americani

Dopo aver esplorato in lungo e largo le varie catene della distribuzione e della ristorazione americana, vorrei allargare un po’ il raggio d’azione ad altri settori e servizi. L’obiettivo rimane sempre quello di fornire qualche informazione utile a coloro che si accingono a visitare il Paese a stelle e strisce per turismo o per lavoro. Oggigiorno una cosa a cui non si può assolutamente rinunciare è il telefonino. Non so come funzionino le cose con gli operatori italiani quando si viaggia all’estero, ma qui il conto diventa salato molto in fretta se si cerca di fare una telefonata in roaming fuori dal territorio nazionale. Per questo, ogni volta che andiamo in Italia, metto da parte la mia schedina americana e ne compro una locale, giusto per avere la possibilità di usare i dati e fare telefonate con Whatsapp all’occorrenza (in modo che il mio “numero” non cambia). Così, supponendo che se vieni in viaggio a New York tu abbia la stessa esigenza, eccoti un elenco dei principali operatori (carriers) di telefonia mobile nazionali.

Prima di snocciolare l’elenco, ti informo che qui esistono sia gli operatori che posseggono le proprie antenne ed infrastrutture, che i rivenditori, i quali sostanzialmente pagano i primi per poter offrire i propri servizi senza dover gestire l’hardware di connessione. Chiaramente questi ultimi riescono ad avere prezzi più competitivi, con lo svantaggio di maggiori limitazioni nella quantità di dati associati ai vari piani che rivendono. A proposito di piani, come in Italia esistono sia gli abbonamenti che le prepagate, per le quali si può sia comprare una ricarica che fare l’addebito mensile sulla carta di credito. Una differenza sostanziale con l’Europa è l’esistenza di due standard diversi, ancora oggi molto diffusi: GSM e CDMA. Assicurati di farti attivare il servizio GSM, qualsiasi operatore tu finisca per scegliere. I prezzi sono in media più salati dei corrispettivi piani del Belpaese, forse perché la concorrenza si è ridotta a tre operatori principali, ed una galassia di rivenditori per ogni tasca ed esigenza.

  • Verizon (CDMA e GSM), corrispondente a Telecom Italia Mobile, è l’operatore con la diffusione più capillare, dato che offre sia telefonia fissa ed internet che telefonia mobile. Un piano da 5GB al mese ti costerà 40 dollari, con la possibilità di usare il 5G e di trasformare il tuo cellulare in un hotspot per il Wifi. Se ti serve un giga aggiuntivo, dovrai sborsare una decina di dollari in più; in quel caso ti consiglio comprare il piano successivo da 15 giga a 50 dollari.
  • AT&T (GSM) è quello che rimane della originale Nokia Bell Labs, poi rinominata Bell Telephone Laboratories fino agli anni 80, e poi Bell Labs Innovations fino ad una quindicina d’anni fa. Con loro, un piano da 5GB costa 30 dollari al mese, ma la copertura 5G non è altrettanto buona. Il servizio clienti lascia alquanto a desiderare, e la compagnia sembra entrare ed uscire dai guai a tempi alterni.
  • T-Mobile (GSM), è l’equivalente della Vodafone (ex Omnitel) italiana: giovane, scattante, con un’offerta mirata ad una clientela al passo con i tempi. Con 40 dollari al mese ti danno un piano da 10 GB che include una buona copertura 5G nelle grandi città, un po’ meno negli stati meridionali e centrali. Come gli altri operatori, le loro SIM sono abilitate a trasformare il tuo cellulare in un hotspot Wifi all’occorrenza.

Poi ci sono tantissimi rivenditori, di cui ti elenco solo alcuni rappresentanti lasciandoti il compito di spulciare tra i loro siti per scoprire le loro ultime offerte:

Buona ricerca!

Lascia un commento