due chiacchiere

Il social security number americano

L’articolo sul credito sociale cinese mi ha dato l’ispirazione per l’incursione di oggi tra le curiosità della vita quotidiana nel Paese a stelle e strisce. L’anno scorso avevo parlato di come in America in realtà esista già da decenni un sistema simile (sul quale però nessuno si strappa i capelli gridando al complotto di Stato), che misura il grado di affidabilità finanziaria di una persona, tracciando i saldi di tutte le linee di credito, i pagamenti in ritardo e via dicendo. Il perno di tutta la baracca è rappresentato dal cosiddetto social security number,  l’equivalente del codice fiscale italiano, che identifica in maniera univoca una persona fisica all’interno del sistema. La principale differenza è che qui, almeno in teoria, questo numero è segreto, e leggenda vuole che se un estraneo ne entra in possesso, possa facilmente fingersi di essere quella persona ed aprire linee di credito, acquistare proprietà e assumere debiti senza troppi problemi.

In realtà già da anni non è più così, perché tutti gli istituti di credito hanno implementato meccanismi ben più sofisticati per stabilire l’identità di una persona a distanza, che sfruttano tutti i dati che le agenzie di rating delle persone raccolgono tranquillamente a nostra insaputa. Ad esempio, l’ultima volta che ho aperto una nuova carta di credito (per approfittare di un’allettante promozione a zero interessi), mi è stato chiesto di confermare a quali indirizzi corrispondeva la mia residenza in passato, quali autovetture avevo posseduto, ed un elenco di persone che, stando ai loro dati, avrei dovuto conoscere. Per carità, non mi lamento del fatto che sappiano tutto di me, in fondo è il modo migliore per tenere a bada i cattivi del web, ma mi perplime il fatto che vi siano studi che evidenziano come in passato questi dati siano stati usati per discriminare certe fasce o gruppi della popolazione a favore di altri.

Una tessera che riporta il numero di previdenza sociale stampigliato al centro

Tornando agli aspetti tecnici del numerino di previdenza sociale, ogni cittadino americano ne riceve uno alla nascita, mentre per gli immigrati come me, viene assegnato quando la richiesta di visto permanente (la famosa green card) è accolta in maniera definitiva. Come il codice fiscale, è usato in tutti gli aspetti della vita quotidiana: ti verrà chiesto quando vai dal dottore, per identificarti quando mandano la parcella alla tua assicurazione sanitaria, ed anche quando acquisterai una nuova autovettura in leasing per registrare la nuova linea di credito sul tuo profilo. Fu introdotto nel lontano 1936 per tenere traccia dei guadagni dei lavoratori ai fini del calcolo dei diritti di previdenza sociale, ma con il tempo il suo uso si è allargato a molti altri aspetti della vita quotidiana. A differenza del codice fiscale, che può essere calcolato da chiunque avendo i dati di una persona, la formula per il SSN prevede l’uso di numeri che a prima vista sembrerebbero casuali, ma che seguono un format preciso: il numero dell’area di 3 cifre, il numero del gruppo di 2 cifre, ed il numero di serie di 4 cifre.

Concludo con alcune curiosità che ho scoperto sul SSN:

  • Più di 40.000 persone hanno compiuto atti illegali usando il numero 078-05-1120, rilasciato a Hilda Schrader Whitcher, una segretaria presso una fabbrica di portafogli a New York. A quanto pare, durante una dimostrazione di un nuovo portafogli nel lontano 1938, un dirigente usò la vera tessera della signora, che quindi finì sui giornali,un invito bello e buono ad approfittarne per tanti malfattori.
  • Quando muori, il tuo numero ti segue nella tomba, e non verrà più riassegnato. D’altro canto, essendo il numero composto da dieci cifre, è possibile creare poco meno di 1 miliardo di combinazioni, quindi ne avremo ancora abbastanza per qualche generazione, considerando una popolazione media americana di 350 milioni di individui.
  • Puoi cambiare il tuo numero se le cifre che ti sono state assegnate portano sfiga: se riesci a dimostrare di avere problemi religiosi o culturali con determinati numeri, puoi richiedere di fartene assegnare uno nuovo, fornendo un documento ufficiale firmato da un esponente del gruppo religioso a cui appartieni.

Commenti

  1. ha scritto:

    Grazie … un bell’articolo con un approfondimento su un aspetto del mondo USA che mi incuriosiva, a cui però non avevo mai dato tempo di approfondimento per capirne i meccanismi.

    Risposte al commento di kOoLiNuS

    1. camu
      ha scritto:

      Allora devo mettere in programma più articoli come questo 🙂

Lascia un commento

Torna in cima alla pagina