due chiacchiere

La festa dei carnivori

Oggi per molti è una festa che porta a riflettere sulle conquiste che nei secoli sono state fatte dall’uomo in termini di diritto del lavoro: la possibilità di scioperare, le garanzie contrattuali, il rispetto della dignità del lavoratore. Tutte cose che anche solo cento anni fa si sognavano di avere. Alcuni festeggiano in piazza San Giovanni a Roma, altri si spostano di molto meno, sulle colline attorno alla città, e si riuniscono intorno ad una grigliata di carne. Dalle mie parti l’evento è oramai entrato da tempo nella tradizione popolare, tanto che la piccola griglia si è trasformata, fino a coprire un’area di circa 15 metri quadri. Sulla quale ognuno appoggia bistecche, salsicce, agnelli quasi interi.

Personalmente mi diverto ad immortalare, di anno in anno, questa festa dei carnivori: stime molto approssimative mi hanno portato a calcolare un consumo a persona pari a circa mezzo chilo di carne. Moltiplicato per un migliaio di presenze, sono 500 chili tra braciole, costolette e fegati.

Le immagini parlano da sole, esprimono meglio di ogni discorso la sensazione che si prova. Peccato che quest’anno è arrivato un temporale primaverile a rovinare tutto… per fortuna ha atteso che avessimo finito di pranzare all’ombra di una quercia. Ma non ci ha dato modo di tirare due calci al pallone o di riposarci sdraiati sull’erba. Pazienza, sarà per la prossima volta.

Commenti

  1. Trap ha detto:

    Grande Rudi 🙂

  2. Adriano ha detto:

    Credo che potresti passare meglio il tuo tempo invece di divertirti ad immortalare la festa dei “carnivori”.

    Ti consiglio di visionare questi video: http://www.campagneperglianimali.org/video.html

    Magari il prossimo anno scatterai delle foto alla festa dei “carnivori” con uno spirito diverso.

  3. camu ha detto:

    Adriano, non volevo promuovere la barbarie sugli animali, con questo mio intervento. Se cerchi la parola meatrix in questo blog, vedrai che sono stato e continuo ad essere un sostenitore della lotta contro il maltrattamento di animali da allevamento.

Lascia un commento