due chiacchiere

Un bel panorama, a Jesolo

Qualche mese fa, approfittando di uno dei ponticelli nei dintorni di Pasqua, io e la moglie abbiamo deciso all’ultimo momento di fare un rapido “fuori programma” e di andare a visitare Venezia: città che io non avevo mai visto, e che come tutti sanno, è luogo ideale per un fine settimana romantico. Volendo unire l’utile al dilettevole, ho trovato in rete un albergo non proprio in città, visti anche i costi un po’ oltre le nostre possibilità. Immaginavo che il lido di Jesolo fosse più vicino al capoluogo veneto, ma in fondo quando si ha la macchina, tutte le distanze sembrano relative.

Viva San Giuseppe

La sera del primo giorno siamo stati particolarmente fortunati: in un paesino vicino si festeggiava il santo patrono, ed era quindi aperta alla cittadinanza una sagra del pesce che ci ha consentito di cenare con dieci euro a testa: due piatti di spaghetti alle vongole (squisiti) ed una fetta di pesce spada. Oltre all’immancabile polenta bianca grigliata al posto del pane.

una veduta della facciata dell'albergo

Un buon posto per dormire

L’albergo è spazioso e fornisce un parcheggio gratuito, che però si trova a circa 500 metri di distanza. Poco male: una salutare passeggiata tra Ferrari e Porsche sulla via principale del paese la si fa volentieri. La camera è risultata pulita e ben attrezzata. Con una spesa di 60 euro a notte per la doppia, in fondo non si potevano pretendere certo le maniglie d’oro. Però c’era la vista mare, l’ascensore ed un’abbondante colazione a buffet.

Macinando chilometri

Il giorno dopo abbiamo consumato invece le suole delle scarpe in giro per Venezia: molto affolata, ma sempre bellissima, specialmente per chi, come me, la vedeva per la prima volta. Ovviamente abbiamo visitato i posti “canonici” della città: ponte di Rialto, piazza San Marco, qualche vicolo interno, le famose pasticcerie, la stazione “in riva al mare” e tanto altro. Ci torneremo volentieri.

Commenti

  1. Federico Neri ha detto:

    Che ne pensi di San Marco sotto l’acqua?

  2. agb ha detto:

    Quando ci tornerai secondo me dovrai andare anche nelle zone un po’ meno turistiche, ma molto caratteristiche di Venezia! Per la mia esperienza San Marco e Rialto sono sempre pieni di turisti, ma appena ci si allontana un po’ le calli sono semivuote ed è bello “perdersi” tra calli sempre più strette e canali!
    Una cosa che mi è sempre piaciuto fare è prendere la gondola per attraversare il Canal Grande. Praticamente si spendono 50 centesimi (mi sembra) per fare un giretto in gondola! 😉
    Come si sarà capito a me Venezia piace molto e sono fortunata perché con il treno in un’ora sono là!

  3. camu ha detto:

    federico quando ci sono stato il livello del mare era ben al di sotto dei limiti di guardia, quindi nessun allagamento della piazza ci ha sorpreso; spero solo che prima o poi riescano a completare questo benedetto progetto Mose!
    agb beata te che sei a due passi, e grazie per la dritta dei cinquanta centesimi, la sfrutterò appena possibile; come quella di arrivare in auto fino a punta sabbioni e parcheggiare per 5 euro al giorno, invece di prendere l’autobus stipato di turisti!

Lascia un commento