due chiacchiere

Una marea di collegamenti spezzati

Mentre rileggo vecchi articoli del mio blog, un po’ per ricordare com’ero ed un po’ per far pulizia, sto notando che tanti collegamenti, sia negli articoli che soprattutto nei commenti, puntano a siti inesistenti o trasferiti. Chissà come farà il povero algoritmo di Google a dare un senso a questa ragnatela a brandelli che oramai è la blogosfera italica. Nel mio piccolo, vorrei contribuire a ridurre questo problema. Anche perché, pur dopo quasi due anni d’assenza, i motori di ricerca generano ancora circa duemila accessi al giorno al mio blog (ancora adesso, cercando determinate parole chiave, sono al primo posto nei risultati di ricerca di Google). Dopo aver sfoltito i vari Splinder e indirizzi malformati, sono arrivo ad una lista di circa 750 indirizzi da controllare.

Pur sperando di accorciare l’elenco facendo dei controlli incrociati con un programma per il DNS Lookup, avrei sempre un sacco di siti da accedere manualmente uno ad uno. Dopo aver speso circa un’ora a tentare quest’impresa (bello essere in vacanza e non sapere cosa fare del proprio tempo libero, eh?), ho deciso di adottare una soluzione drastica: rimuovere del tutto il campo per indicare il link del proprio sito. Una veloce modifica al codice sorgente del tema e zac, tutti i collegamenti sono spariti come per magia. Quest’approccio risolve anche il problema di verificare costantemente i link inseriti dai commentatori. In fondo la blogosfera italica è troppo frammentata, e coloro che vogliono costruire delle relazioni o farsi pubblicità, possono benissimo farlo sul libro delle facce. Che dici, ho esagerato?

Commenti

  1. Lorenzo ha detto:

    io ho optato per il plugin WP Link Checker 🙂

    1. camu ha detto:

      @Lorenzo: suppongo intendessi Broken Link Checker. Non lo conoscevo, grazie per la segnalazione. Se funziona bene, potrei decidere di implementarlo anche al lavoro, dove la piaga dei link non funzionanti è una rottura di scatole continua.

  2. Lorenzo ha detto:

    Si intendevo Broken Link Checker. Lo uso sul mio blog, funziona bene! 🙂

    1. camu ha detto:

      @Lorenzo: lo sto provando su queste pagine, vediamo come va! Grazie ancora per il consiglio. Sono davvero contento di aver ricominciato a scrivere su queste pagine, ne vedo già i benefici!

    2. camu ha detto:

      @Lorenzo: devo ringraziarti per il suggerimento, il plugin funziona molto bene e mi ha già aiutato a ripulire più di un centinaio di collegamenti inesistenti in un paio d’ore. Ho già donato un paio di casse di birra all’autore 🙂

  3. Simona ha detto:

    Beh no, non hai esagerato. Questa è casa tua 🙂
    Forse, ma forse, a volte è carino cliccare sui link di chi commenta per dare un’occhiata anche a casa loro e vedere che aria si respira 😛

    1. camu ha detto:

      @Simona: esatto. Proprio per quello vorrei trovare un modo di mantenere attivi i link di chi commenta. Il plugin suggerito da Lorenzo qui sopra sembra essere una buona soluzione, almeno per fare una grossolana pulizia di tutti i collegamenti inesistenti. Nei prossimi giorni probabilmente riattiverò i link nei commenti, e poi terrò d’occhio la situazione! Ancora ben trovata e complimenti per la tua attività che vedo avere un discreto successo.

      1. Simona ha detto:

        @camu: grazie, troppo buono 🙂

      2. Simona ha detto:

        @camu: grazie per esserti unito alla mia pagina 😉

        1. camu ha detto:

          Beh, quand’ero giovane mi dilettavo in passatempi simili, quindi mi incuriosisce vedere come evolve questo mondo 😉

  4. Fiordicactus ha detto:

    Ah! Capito perché ho dovuto riscrivere nome, mail e l’url del mio bloggettino . . . 🙂
    Io ho scoperto che nel blog (la parte importata prima dell’estinzione di Splinder) sono piena di link che non trovano collegamento. Secondo te, riuscirei a usare quel “Broken Link Checker” ??? E dove lo potrei trovare? Da sola e con il minimo di inglese che so? Grazie dell’aiuto! Come sempre! 😉

    Ciao, Fior

    1. camu ha detto:

      @Fiordicactus: beh, ora che sei sulla piattaforma WordPress, dovrebbe essere possibile installare il plugin sotto il menu “plugins” della tua interfaccia di amministrazione.

  5. Piero_TM_R ha detto:

    Che bella sorpresa per il 2015! Sei tornato online! Avevo il timore che non saresti tornato! Bentornato e buon anno!!! 🙂

    1. camu ha detto:

      Son contento di sentirmi già così ben accolto 🙂 Grazie!

  6. Emanuele ha detto:

    Confermo, BLC. Lo uso da anni, e da anni vorrei scrivere due righe a riguardo. Un must-have tra gli strumenti di manutenzione!
    Ciao,
    Emanuele

    1. camu ha detto:

      Si, è veramente un plugin solido. Penso che lo proporrò anche al lavoro, per il sito dell’Università 🙂 E buona idea sullo scrivere due righe a riguardo.

Lascia un commento