due chiacchiere

L’albero di Natale

Oggi è un bel giorno per tirare fuori dalla scatola l’albero di Natale (rigorosamente sintetico) ed addobbarlo in salotto, come di consueto. Il nostro alberello ricorda a me ed alla moglie i primi tempi che stavamo insieme: è alto poco meno di un metro, lo comprammo in un supermercato in centro, ora rimpiazzato dalla colonizzazione cinese. Ogni volta che ci mettiamo ad appendere le palline ed arrotolare le lucine intermittenti, pensiamo a quel periodo, ed alla strada che abbiamo percorso nel frattempo. Un altro appuntamento che ho imparato ad apprezzare con gli anni, è quello del post di Matteo.

Commenti

  1. Emanuele ha detto:

    È sempre bello rivivere certi riti che col tempo diventano tradizioni.
    Legano molto più di tante belle parole… 🙂
    Ciao,
    Emanuele
    PS: certo che addobbate tutto prestissimo!! Sarà il bel tempo, sarà che oggi a Palermo si può uscire tranquillamente a maniche corte… ma per me Natale è ancora così distante!! :-S

  2. camu ha detto:

    Eh eh, in effetti anche alcuni nostri amici qui ci hanno detto che loro lo faranno FORSE il prossimo fine settimana. Ma considerando poi che a dicembre saremo a trovare i parenti “in giro per l’Italia”, non ci godremo troppo il nostro alberello, e allora tanto vale iniziare per tempo! E poi Natale è fra un mese, e visto il tempo uggioso da queste parti, è più in tema con la stagione.

  3. Matteo ha detto:

    Sono riuscito a stento ad impedire alla con-sorte (che tu ben conosci) di tirare fuori gli addobbi anche noi oggi 🙂

  4. Trap ha detto:

    che supermercato era? 🙂

  5. camu ha detto:

    Cavoli, è una sera che provo a ricordarmi ma mi sono addirittura dimenticato il nome, sob 🙁

  6. Trap ha detto:

    almeno saprai dov’era ? 🙂

  7. Matteo ha detto:

    Quindi dovrò rifotografarmi anche quest’anno nella palla?

Lascia un commento