due chiacchiere

Mi hanno cacciato da google

Non era passata neppure mezza giornata dal fattaccio, che già qualche lettore attento mi segnalava nei commenti che “ero stato bannato da Google” 🙂 A quanto pare il motore di ricerca più famoso del mondo è sempre un riferimento importante per molti. Comunque è vero: il mio pagerank è stato (si spera solo temporaneamente) azzerato. Non c’entra nulla la Google Dance andata in onda a Dicembre: la colpa è tutta mia. Come ho avuto modo di spiegare, stavo sperimentando dei filtri per bloccare il traffico generato dagli odiosi spambot: grazie ai potenti mezzi messi a disposizione da Tophost, posso bloccare l’accesso a questi scocciatori ancora prima che arrivino alla pagina principale. Non sto a spiegarti i noiosi dettagli tecnici (casomai chiedi nei commenti) ma in breve nella “trappola” è finito anche l’indicizzatore di Google, che d’un tratto non ha potuto più accedere le mie pagine. Supponendo quindi che non fossero più in linea, le ha rimosse dal suo indice, causando l’azzeramento del pagerank. Adesso ho rimosso i filtri (con tanta gioia degli spambot) e la situazione sta tornando lentamente alla normalità. Ringrazio tutti coloro che mi hanno prontamente avvisato del problema.

Commenti

  1. Andrea Pinti ha detto:

    Akismet + hiddy non bastano?

  2. camu ha detto:

    @Andrea: si, infatti il mio problema non sono i commenti di spam, akismet finora non ha sbagliato un colpo e sono molto soddisfatto 🙂 Ma vorrei proprio che questi rompiscatole non mi consumassero banda e risorse di calcolo sul server, bloccandoli proprio all’ingresso, prima che mettano in moto la macchina di WordPress e di Akismet. Vedrò di sperimentare in altro modo…

  3. Ps3udolus ha detto:

    Non sapendo dove scriverti, posto questo commento per dirti che ho notato un errore nella pagina “contattami”, eccolo:
    Parse error: syntax error, unexpected ‘.’ in /home/mhd-01/duechiacchiere.it/htdocs/wp-content/themes/duechiacchiere/contactform.php on line 78

    E’ un errore riguardante la pagina contactform.php!!!

  4. camu ha detto:

    @Ps3udolus, grazie per la nota, non so come sia potuto succedere 🙂 Anche quello era parte dei miei esperimenti per tracciare gli spambot, e non mi sono accorto di aver caricato sul server il file sbagliato su cui stavo lavorando. Risolto.

  5. Irish Coffee ha detto:

    tempo al tempo e tornerai visibile, Google ha un debole per te 🙂
    buon anno camu

  6. Ps3udolus ha detto:

    ma figurati, per me è un piacere segnalare gli errori sui siti che visito, essendo anche io un webmaster

  7. camu ha detto:

    @Irish, lo spero anche io… sarà che per Google c’ho lavorato, qualche mese fa, che hanno un debole per me? 😉
    @Ps3udolus, a buon rendere allora!

  8. I buoni contenuti si notano sempre, credo tornerai rapidamente al tuo solito PR 😉

  9. camu ha detto:

    @Francesco: grazie per l’incoraggiamento. Spero proprio che tu abbia ragione, anche se me ne sono fatto una ragione negli ultimi giorni: come dice il proverbio, chi mi ama, mi seguirà, anche senza l’aiuto di Google 🙂

  10. DeSantis Business ha detto:

    Bhe ottimo, ora sei di nuovo su con il PR. Si può notare che in casi estremi google azzera o aggiorna il PR anche i giorni di azzeramento sono passati. Ricordo che la tua penalizzazione è avvenuta poco dopo l’aggiornamento, magari era ancora in corso..

  11. camu ha detto:

    @desantis, grazie per la segnalazione… non me ne ero accorto 🙂 Sei stato più rapido di me! Comunque speravo che tutto si aggiustasse, anche perché il numero di pagine tolte dall’indice di Google per via del filtro era già arrivato a zero da un paio di settimane (ovvero tutte le pagine erano di nuovo indicizzate) In effetti questo è un metodo ottimo per capire quanto tempo impiega Google a fare il “giro” delle pagine…

  12. sara ha detto:

    Ciao blog interessante Andrea! 🙂
    Ti faccio qualche domanda…

    1)Qualche mese fa cosa facevi per Google? Bella esperienza? Si trattata di lavoro a tempo determinato?

    2)”stavo sperimentando dei filtri per bloccare il traffico generato dagli odiosi spambot…..Non sto a spiegarti i noiosi dettagli tecnici (casomai chiedi nei commenti)” – Mi spiegheresti che strategie hai utilizzato ed il relativo ultimo codice scritto? Potrebbe essere utile a molti 🙂 togliersi dai piedi gli spambot.

    3)Come ti trovi con TopHost?

    Grazie!

  13. camu ha detto:

    @sara: rispondo in sequenza alle tue domande:

    1) Ho lavorato come valutatore della qualità delle pubblicità di google, una posizione a tempo determinato ma molto divertente, in effetti

    2) Con .htaccess stavo sperimentando dei filtri che restituiscono la pagina 403 nel caso le intestazioni HTTP contengano qualche parametro sospetto; per evitare problemi con google ho poi abbandonato quella strada, ed ho invece scritto un plugin per WordPress. Puoi trovare i dettagli in un mio guest post su BigThink. Lo uso con molta soddisfazione ancora adesso 🙂

    3) Come puoi leggere in vari interventi su questo blog (cerca Tophost e vedrai) io da 5 anni a questa parte mi trovo molto bene con loro. Disponibilità, trasparenza, prezzi vantaggiosi, e non ho nessuno dei problemi che la gente su Aruba ha con le ultime versioni di WordPress 😉

  14. sara ha detto:

    @andrea
    Grazie x le risp
    1) quindi ti occupavi della qualità di google adsense e adword 🙂 Sai come si fa x candidarsi?
    2) ho letto il post 🙂
    3) ricercato e letto i vari articoli.

    Ciauz

  15. camu ha detto:

    @sara: mah, veramente t’ho risposto io, non andrea 🙁 sob… Scherzi a parte, per la candidatura, al momento è riservata soltanto a soggetti residenti negli Stati Uniti, per quanto ne so io, per motivi fiscali. Per gli italiani in Italia non mi pare ci sia nulla di disponibile, ad oggi, in tal senso.

Lascia un commento