due chiacchiere

I messicani sul piatto

Ricordo sempre, non senza un po’ di acquolina in bocca, una specialità che usavamo preparare in famiglia. Un contorno sfizioso per queste festività, una ricetta semplice e veloce. Nel titolo ho usato la parola messicani, perché dalle mie parti era un piatto conosciuto sotto questo nome, anche se penso sia più appropriato chiamarli involtini. Forse perché vagamente richiamano gli ingredienti di burritos e fajitas, che sono ricette sudamericane, non so. Ad ogni modo, in un’epoca in cui le pietanze in gelatina sembrano sparire dalle tavole, mi è sembrato giusto scrivere qualcosa in loro difesa.

Ingredienti per 8 persone

8 fette di prosciutto cotto tagliate “spesse” (almeno 1mm di spessore), 300gr di patate novelle, 200gr di sottaceti giardiniera sgocciolati, 150gr di maionese, 3 dadi per gelatina aromatizzata alla carne (per totali 1,5 litri di gelatina), 2 limoni

Tempi e strumenti

La cottura delle patate richiede circa 15 minuti, ed altrettanti ne servono per la gelatina. In realtà la parte più lunga è il raffreddamento in frigorifero: 3 ore circa. Tieni a portata di mano 1 terrina, due pentole, 2 teglie in pirex di media grandezza (20×15), un coltello, una forchetta, un piatto

Fai bollire le patate per circa 30 minuti (dipende dalla dimensione), con la buccia. Nel frattempo, nella terrina sminuzza la giardiniera sgocciolata in pezzi piccoli, aiutandoti con il coltello. Aggiungi la maionese e mescola fino ad ottenere un composto omogeneo. Quando le patate sono ben cotte, ferma la cottura lasciandole per un minuto sotto il getto dell’acqua fredda del rubinetto. Pelale e tagliale a pezzetti direttamente nella terrina, dove c’è già la giardiniera con la maionese. Con la forchetta schiaccia i pezzi più grossi, fino ad ottenere un impasto denso e compatto.

Nell’altra pentola, fai bollire circa 1 litro d’acqua, senza aggiungere nulla. Nell’attesa, prepariamo gli involtini: adagia una fetta di prosciutto sul piatto, ben aperta. Prendi una forchettata di ripieno e adagialo su una estremità della fetta, arrotolando poi sul lato più corto. Riponi l’involtino nella teglia (ce ne dovrebbero stare 4 per teglia) e ripeti l’operazione fino a finire tutte le fette di prosciutto.

Quando l’acqua bolle, versa i dadi e falli sciogliere mescolando con un cucchiaio di legno. Aggiungi il succo dei due limoni spremuti, facendo attenzione a scartare gli ossicini del limone stesso. Aggiungi il restante mezzo litro d’acqua, e versa la gelatina liquida nelle teglie, andando a ricoprire gli involtini. Metti in frigo per almeno 3 ore. All’ora di pranzo, fai delle porzioni di mezzo involtino, adagiandole su un piatto di portata. Guarnisci con pomodorini freschi e foglie di insalata crespa.

Commenti

  1. Tommy David ha scritto:

    Anche da queste parti (Ragusa) li chiamano messicani. (Li chiamano perché io ero catanese…) Tu invece sei di…?

    Risposte al commento di Tommy David

    1. camu ha scritto:

      @Tommy, interessante il tuo blog, l’ho aggiunto al mio lettore RSS, ti terrò d’occhio 😉 Riguardo alle mie origini… come potrai notare guardando in giro nella mia umile dimora virtuale, non è che io abbia mai detto più di tanto in questi tre anni e passa online, non vorrei mica rompere questa tradizione proprio adesso 🙂

  2. Tommy David ha scritto:

    Beh, in quanto webmaster — per quanto fetente — non mi ci è voluto troppo a intuire almeno la città. E non è in Sicilia. 😉

    Ricambio l’interesse per il tuo blog — sei nel mio Google Reader anche tu — e devo dire che l’idea di categorizzare per stanze della casa è geniale, e quel mini menù scrollante lo voglio al più presto anch’io sul mio sito. 😛

    P.S. Ovviamente i messicani sono stati antipasto immancabile anche nelle mie cene natalizie…

    Risposte al commento di Tommy David

    1. camu ha scritto:

      @Tommy: Eh eh 😉 fetente non direi proprio, e poi vedo dal blog che hai anche altri passatempi interessanti, oltre al web! Congratulazioni per la laurea della scorsa estate! Se vuoi posso farti conoscere qualche produttore di Broadway qui a New York, chissà che tu non abbia successo!

  3. DeSantis ha scritto:

    Alla grande proprio questa ricetta. Il succo dei due limoni spremuti li eviterei, forse per miei gusti personali, ma credo che mezzo già basti. Poi non so..

  4. camu ha scritto:

    @Desantis: io vado matto per il limone, ma capisco il tuo punto di vista 😉 Comunque ricorda che la gelatina è abbastanza insipida, quindi almeno un limone per darle sapore ci vuole!

Rispondi a Tommy David

Torna in cima alla pagina