due chiacchiere

Salt, una spia russa o americana?

Come forse ricorderai, dietro casa mia c’è un distributore automatico di film a noleggio, uno scatolone rosso che sputa fuori DVD ad un dollaro al giorno. Di tanto in tanto i signori di Redbox, l’azienda che gestisce questi aggeggi, fanno delle promozioni speciali, tipo la possibilità di noleggiare 9 film per tre dollari, che io ovviamente ho colto al volo. Così, long story short, come direbbero gli americani, l’altro giorno ho noleggiato Salt, con Angelina Jolie e Liev Schreiber, di cui m’avevano detto bene qualche settimana fa. Una storia di spie, segreti nazionali, cospirazioni russe contro gli americani e tanta, ma proprio tanta (forse troppa) azione. Già, perché in questa pellicola Angelina parla pochissimo e salta, spara ed ammazza moltissimo. Un po’ un ritorno alle origini per l’attrice resa famosa dalla trasposizione cinematografica di un videogioco come Tomb Raider. T’avverto che nel seguito svelerò alcuni dettagli sulla trama, quindi se non vuoi rovinarti la sorpresa, puoi anche fermarti qui.

Un dettaglio della locandina del film

Il mio giudizio finale è positivo ma con riserva: la storia viene chiarita man mano che si va avanti, e non manca il colpo di scena finale in cui tutte le teorie dello spettatore vengono fatte saltare in aria e tutto sembra diventare più chiaro. Forse sono un po’ lento io di comprendonio, ma la parte che non ho capito è quella in cui tutto ha inizio: perché il tizio russo si presenta agli agenti segreti per sputtanare proprio Salt, che teoricamente dovrebbe essere una sua alleata? E soprattutto, come mai nessuno sa niente del suo vero piano? Ecco, quando i titoli di coda hanno iniziato a scorrere sullo schermo, la domanda che mi frullava in testa era: ma chi è Salt? Se tu hai già visto il film, magari puoi aiutarmi a capire 🙂

Commenti

  1. Francesco ha scritto:

    Ciao,
    in effetti non so di Salt, però scrivo per esprimere consuete parole di elogio a una delle mia attrici preferite: incredibile in Tomb Raider è anche estremamente convincente in Girl, Interrupted (premio Oscar).

    Risposte al commento di Francesco

    1. camu ha scritto:

      @Francesco: sono d’accordo, e ultimamente sta facendo parecchi bei film in effetti!

  2. massimo ha scritto:

    Incuriosito ho visto il film. Dunque il russo (il capoccia, Ovlov credo si chiami nel film) va a sputtanare Salt perché l’altro agente russo/americano, che è il capo di Salt nella CIA, non è più sicuro, dopo la prigionia in Corea e le lacrime di Salt con il marito, della sua afidabilità.
    Per questo decide di far saltare la copertura alla Angelina. Così facendo ottiene anche lo scopo di rafforzare la sua di copertura, potendo arrivare indisturbato al finale; cioè uccisione del presidente con tentativo di lancio delle testate nucleari. Per fortuna c’è la nostra ricredutasi spia a salvare il mondo.

    Risposte al commento di massimo

    1. camu ha scritto:

      @massimo: grazie per il chiarimento “succinto”, in effetti così ha molto più senso 🙂 Quindi tu dici che lei non era già dall’inizio pronta ad effettuare questo finto piano per acciuffare il suo capo?

  3. massimo ha scritto:

    Direi di no. Mi sembra che lei cerchi la normalità con il marito, che ama sinceramente nonostante lo sposi per infiltrarsi nella Corea del Nord. Saranno gli eventi a ricordarle chi è veramente. Mi sembra la versione al femminile di “senza via di scampo”.

    Risposte al commento di massimo

    1. camu ha scritto:

      Okay ha senso, anche a me era sembrato di capire così 🙂

  4. Katia ha scritto:

    Io credo che invece il suo piano era ben definito fin dall’inizio. I russi hanno ucciso i suoi genitori senza parlare delle torture che le hanno imposto sin da bambina. Sarebbe puerile se l’intera vita di salt fosse stata compromessa unicamente dal suo matrimonio e la successiva uccisione del marito.

  5. Nicola ha scritto:

    Qualcuno sa spiegarmi la scena in cui SALT recupera del liquido dal ragno scoperto dal marito?? Che senso ha con tutto il film…

Rispondi a Katia

Torna in cima alla pagina