due chiacchiere

Pancarré alla francese per colazione

La colazione di capodanno della moglie ha suscitato qualche interesse, ma pensavo che la ricetta dei french toast (in italiano esiste un nome appropriato per questo piatto?) fosse nota a tutti, e non mi ero neppure posto il problema di pubblicarla. Tra l’altro è di una facilità disarmante, e gustosa allo stesso tempo, una piacevole alternativa al classico cornetto da prendere al bar, come ha scritto qualcuno. Le varianti, come sempre, sono praticamente illimitate: c’è chi li guarnisce con sciroppo d’acero, chi con frutta fresca, chi con la nutella o la marmellata, chi con una spolverata di zucchero a velo. Ti lascerò sperimentare tutte le alternative, dandoti soltanto la base da cui partire.

Ingredienti per 2 persone

1 uovo, mezzo bicchiere di latte, 4 fette di pancarré, una punta di cannella, una noce di burro, un pizzico di sale

Tempi e strumenti

Se la tua padella o piastra è abbastanza grande da ospitare le 4 fette in un solo colpo, te la caverai in 10 minuti. Tieni a portata di mano un piatto fondo, una padella larga, una forchetta ed una spatolina per girare i toast a metà cottura

Versa nel piatto il latte, l’uovo, il pizzico di sale e la cannella, sbattendo con la forchetta per qualche minuto. Nel frattempo fai scaldare la padella con un velo di burro. Bagna le fette di pancarré nel mix di latte e uovo su entrambi i lati, e lasciale cuocere per circa 3 minuti per parte a fuoco medio. La moglie le preferisce soffici e spugnose, ma se a te piacciono croccanti e ben cotte, aumenta di un paio di minuti il tempo di cottura per lato. Guarnisci a piacere.

Commenti

  1. from uk ha detto:

    se non ci fosse la cinnamon che odio sembrerebbe buono

    1. camu ha detto:

      @from uk: beh quella ce l’aggiungo io, visto che a me invece piace un sacco 🙂

    2. FRANCY ha detto:

      Nel mitico film kramer contro Kramer, un Dustin Hoffmann giovanissimo, lasciato dalla moglie e con figlio a carico, in una delle prime mattine in cui se la deve sbrigare da solo la faccenda della prima colazione, sotto la direzione del figlio prepara dei french toasts davvero tremendi. Verso la fine del film, la tecnica sarà migliorata parecchio. Ho preso spunto da quel film per preparare qualche volta, la domenica, questa gustosa ma alquanto calorica colazione. Vale la pena provarli e anche rivedere quel film.

  2. giglio ha detto:

    Grazie, non conoscevo i french toast, e mi hanno incuriosito per la velocità di preparazione. Una di queste mattine li provo.

  3. Jack ha detto:

    mai visti fare in vita mia i french toast qua, sempre e solo visti in tv sulle commedie americane! comunque grazie provero’ a farli anche io!

    1. camu ha detto:

      @Jack: non ti confonderai mica con le pancakes?

      1. Jack ha detto:

        @camu: assolutamente no!
        Anche se con quelli e’ la stessa cosa, poi pero’ ho imparato a farli ed ho perfezionato la ricetta per farli perfetti (almeno per i miei gusti) 😀 Peccato pero’ che per quelli ci vuole una decina di minuti, anche 15, per via dell’impasto da fare

      2. CyberAngel ha detto:

        @camu: Le pancake o i pancake?

        1. camu ha detto:

          @CyberAngel: beh, io le tradurrei come “frittelle”, quindi per me prende il femminile 🙂

        2. CyberAngel ha detto:

          @camu: Ah ecco perché, seppur frittelle non siano. Io invece continuerò a chiamarli al maschile.
          Ehm, curioso constatare che per il dizionario Hoepli il termine “pancake” sia qualcos’altro. Sarà un errore?

  4. Massimo ha detto:

    Che dire, magari domenica mattina li preparo pure io….e riguardo alle uova strapazzate con pancetta…?

  5. Caigo ha detto:

    Non se esiste un nome Italiano per il french toast ma di sicuro i Francesi li chiamano pain perdu.
    Ma perché i Francesi non li chiamano french toast e gli Americani American toast?
    Sempre a complicare le cose! 😉

  6. Stefano ha detto:

    Gli ingredienti ce li ho, domani provo! 😉

  7. ondalunga ha detto:

    io adoro i french toast, a NY li avevo ordinati semplici ma la cameriera sostenendo che avevo bisogno di “sostanza” me li portò con sopra il prosciutto assicurandomi che non me lo avrebbe fatto pagare in più, come deluderla? solo che a me i french tost piacciono semplici con lo sciroppo d’acero e al limite la cannella 🙁

    1. camu ha detto:

      @ondalunga: deve essere stata una cameriera molto attenta ai suoi clienti 😆 Qui comunque mischiare il dolce ed il salato a colazione non è affatto strano, anzi…

      1. ondalunga ha detto:

        @camu: è proprio il prosciutto cotto che non mi piace molto, se mi ci avesse messo formaggio in più forse forse..però ammetterai che sono più buoni senza prosciutto! (pesanti uguali eh 🙂 )

        1. camu ha detto:

          @ondalunga: assolutamente si, concordo sulla bontà e sulla pesantezza… per questo la moglie li prepara solo una volta ogni tanto (sob!).

Lascia un commento