due chiacchiere

Articoli recenti

Piùblog, incontrare i vicini

Raccolgo dal blog di giocatore un annuncio che spero potrà esserti utile: il prossimo dicembre si terrà a Roma un convegno “nel quale”, cito dalla presentazione, “la blogosfera esce dall’immaterialità del web e trova spazi e fondi per manifestarsi nel mondo materiale” di tutti i giorni. Il precedente appuntamento se l’erano dato a Genova, all’interno di InEdita, Salone dell’Editoria libraria, musicale, multimediale. Io non ho avuto la possibilità di essere presente, anche perché ero ancora inesperto di questo mondo, solo da un paio di mesi avevo iniziato a muovere i primi passi nel blogvillaggio. Leggi il resto di Piùblog, incontrare i vicini

Quanta spazzatura in arrivo

Invece che a colpi di statistiche e classifiche, la popolarità di un sito dovrebbe essere misurata come il numero di commenti “spazzatura” che riceve. Qui da queste parti siamo nell’ordine di circa cinquanta al giorno, per fortuna il buon Akismet è un fedele guardiano in grado di separare le cose buone da quelle cattive. Uno dei motivi per cui mi piace la piattaforma WordPress è proprio la possibilità di filtrare in maniera automatica i messaggi non desiderati: un sistema efficace e preciso di filtri che, almeno qui da me, non sbaglia un colpo. Leggi il resto di Quanta spazzatura in arrivo

Una proposta tra le lenzuola

La convivenza, ai giorni nostri, è un concetto ampiamente sdoganato dai tabù religiosi che la confinavano a stato “peccaminoso” in cui due persone decidevano di stare. Oggi due fidanzati che abitano sotto lo stesso tetto, non fanno più scalpore. Sarà per le ristrettezze economiche di questi anni, sarà per effetto dell’emarginazione sociale della donna, sarà perché troppi divorzi hanno portato a riflettere le coppie sullo stare insieme 24 ore su 24 prima di fare il grande passo. Per non avere sorprese dopo, e per vivere il rapporto di coppia anche la mattina in bagno, quando si trova il tappo del dentifricio non del tutto avvitato. Leggi il resto di Una proposta tra le lenzuola

Rambo 3

L’altra sera in televisione c’era Rambo III, il glorioso film di Sylvester Stallone, in cui un John Rambo d’antan si trova stavolta in Afghanistan a salvare il suo capo catturato dai Russi. Non l’ho guardato tutto, ma è stato quasi come fare un viaggio nel tempo, per vedere il medioriente con la concezione di venti anni fa: i mujaheddin che oggi terrorizzano l’intero occidente, erano addirittura amici del palestrato protagonista, contro l’invasore russo. Una storia che tutti abbiamo dimenticato, ma che è bello riscoprire insieme all’eroe tutto muscoli e mitraglietta. Leggi il resto di Rambo 3

Open Office 2.0

Al lavoro mi hanno assegnato un nuovo incarico (come se non bastassero quelli che ho già): insegnare ad alcuni gruppi di colleghi l’uso del pacchetto Open Office 2.0, un programma alternativo all’onnipresente Microsoft Office di zio Bill. Personalmente, per scelta “filosofica”, sui miei computer, a casa ed al lavoro, ho installato soltanto Open Office, e devo dire che non sento assolutamente la mancanza del prodotto commerciale di casa Redmond. Anzi riesco a fare più cose: esportare in PDF al volo, leggere molti più formati di documenti, impaginare diapositive e testi in modi che con Word non ero mai riuscito a fare. Leggi il resto di Open Office 2.0

In uno specchio, in un enigma

È la notte di Natale quando a Cecilie, una ragazzina costretta a letto da una grave malattia, appare, tra il sonno e la veglia, una creatura misteriosa, priva di capelli e in grado di volare e di attraversare le pareti della casa. Dice di chiamarsi Ariel e di essere… un angelo. Superato l’iniziale scetticismo di Cecilie, i due stringono un patto: Cecilie racconterà a all’angelo che cosa significa avere un corpo, la sensazione che si prova a toccare una palla di neve, il sapore di una pasta alle mandorle, il suono di una canzone natalizia. Mentre Ariel le svelerà i misteri celesti: la vera natura degli angeli, il loro rapporto con Dio, che cosa siano la coscienza, la memoria, l’anima. Leggi il resto di In uno specchio, in un enigma

Numa numa ye

Non troppo tempo fa girava in rete un tormentone che molti forse ancora ricordano: un tipo grassoccio (Gary Brolsma) che, con fare ironico, cantava in playback la canzone Dragostea Dintai degli Ozone. Penso sia stato uno dei video più imitati della storia della rete. Ancora adesso, andando su Youtube, ne riesci a trovare più di quanto immagini. Partendo dalla notizia che il simpatico ragazzo ci riprova, ho trovato questo emulo in erba. Leggi il resto di Numa numa ye

Potato skins

Prendo oggi in prestito dall’estero la ricetta che ti propongo: noi Italiani siamo abituati a vedere al ristorante, tranne in rare occasioni, le patate sbucciate servite magari con un po’ di erba cipollina e qualche foglia di salvia. Qualcuno però si è accorto che la buccia (in inglese skin) è commestibile, come per molti altri tipi di frutta e verdura, ed ha pensato bene di servire quindi le patate quasi intere. In fondo, lo sai, a me piacciono cose facili da cucinare, per non perdere troppo tempo ai fornelli, ed avere allo stesso tempo qualcosa di sfizioso da portare in tavola. Leggi il resto di Potato skins

Torna in cima alla pagina