due chiacchiere

Quando si facevano i post autoreferenziali

Esattamente 17 anni fa, scrivevo il primo post autoreferenziale della storia di questo blog. Che a giudicare dall’assenza di commenti in calce, non ebbe il successo che avevo sperato. Erano i tempi d’oro della blogosfera nel Belpaese e nel mondo. La gente organizzava Barcamp sparsi per lo Stivale, e l’entusiasmo di aprire uno spazio in rete trasudava da tutti i pori di grandi e piccini. Si producevano mappe della blogosfera, si riempivano i blogroll per segnalare i siti di parenti ed amici, e di tanto in tanto si pubblicavano i cosiddetti post autoreferenziali, ovvero una raccolta del meglio del meglio delle proprie elucubrazioni, a beneficio dei visitatori di passaggio che potessero essersele perse. Poi sono arrivati i social network, e tutti si sono spostati verso quelle piattaforme, lasciandosi dietro città fantasma che hanno causato la chiusura di servizi come Google Reader e Blogbabel. Tutto il resto è storia, come si dice in questi casi. Leggi il resto : Quando si facevano i post autoreferenziali

Tiro alla fune tra banche centrali e governi?

L’ho già ammesso più di una volta: non ho una educazione accademica in economia, ma mi piace ascoltare vari podcast che spiegano, in parole digeribili a noi comuni cialtroni (questa parola mi piace molto, da quando l’ho sentita usare dal Governatore De Luca), cosa succede sui mercati e come funzionano i vari sistemi economici nei quali siamo immersi. Oggi qui in America si celebra il famigerato Venerdì Nero, che apre le danze delle compere natalizie. Orde di consumatori si affolleranno nei centri commerciali della nazione alla caccia di sconti e saldi, un’orgia di consumismo sfrenato e senza pudore, con buona pace del governatore della Banca Centrale americana che invece vorrebbe far raffreddare un po’ quest’economia surriscaldata, come si direbbe in gergo.

Però proprio uno dei podcast che ascoltavo, si poneva la questione di questa dissonanza cognitiva a cui stiamo assistendo: da un lato le banche centrali a premere sul freno di quest’automobile chiamata economia, dall’altro i governi nazionali a spingere sull’acceleratore per controbilanciare l’erosione del potere d’acquisto causata dall’impennata dei tassi d’interesse. Solo a me pare un controsenso? Intanto, nel silenzio generale, il rating dell’Italia è stato innalzato da negativo a stabile, a confermare che, al di là delle chiacchiere, questo governo sta facendo tutto sommato un buon lavoro.

Gli americani ed il ghiaccio

E così anche per quest’anno è arrivato il momento di celebrare il Giorno del Ringraziamento, che apre ufficialmente il periodo festivo natalizio. La sorella di mia moglie Sunshine, come da tradizione, ha invitato tutta la famiglia a casa sua per la cena a base dell’immancabile tacchino ripieno, accompagnato da patate dolci e marshmallows, e tutta una sfilza di altre pietanze che riempiranno la pancia dei commensali. Ad annaffiare tutto questo ben di Dio, mio cognato metterà in bella mostra una selezione di vini e bevande gassate per la gioia di grandi e piccini. Quest’anno però ci sarà una novità, ci è stato rivelato dai padroni di casa quando siamo andati a trovarli qualche settimana fa: una macchinetta in grado di produrre cubetti di ghiaccio senza sosta. Che mi ha dato lo spunto per questo post: per noi italiani, questa fissazione del Paese a stelle e strisce per il ghiaccio, è una cosa che non capiremo mai. Leggi il resto : Gli americani ed il ghiaccio

L’intelligenza artificiale può curare il cancro

Come ho già detto in passato, lavorando dal New Jersey per l’Università della California, timbro il cartellino virtuale intorno a mezzogiorno. Questo vuol dire che, dopo aver accompagnato le figlie a scuola, ho tutta la mattina per sbrigare faccende di casa, cucinare la cena (quando il resto della famiglia decide di fidarsi delle mie scarse doti culinarie), fare un salto alla posta a spedire qualche pacco, e via dicendo. La colonna sonora delle mie mattine è generalmente rappresentata da podcast italiani ed americani, che mi consentono di tenermi aggiornato su quello che succede in giro per il mondo. Tra questi c’è Uno, Nessuno, 100Milan, in cui il conduttore Alessandro Milan, spesso accompagnato dalla sua spalla Leonardo Manera, chiacchiera con vari personaggi delle notizie di attualità. L’altro giorno, ad esempio, l’ospite era Roberto Burioni, autore del libro Match Point. In cui si fa il punto sui progressi della ricerca medica grazie agli impulsi post-pandemici.

Leggi il resto : L’intelligenza artificiale può curare il cancro

Anche Mario Draghi è critico sull’Europa

Il mio euroscetticismo non è mai stato un segreto, già da tempi non sospetti, con buona pace di alcuni miei lettori che storcono il naso quando mi esprimo in tal senso. Per carità, lo so benissimo che l’unione fa la forza, come ci ricorda un vecchio adagio. Il problema è che quest’unione è appiccicata con la colla vinilica, e tiene insieme realtà strutturalmente e culturalmente profondamente diverse tra loro, che fanno e faranno sempre fatica a trovare un equilibrio comune in grado di migliorare le condizioni di vita di tutti. La mia critica spazia dalla gestione frammentata dell’immigrazione clandestina, in cui il Belpaese finisce sempre per prenderla in quel posto, alla politica economica tutt’altro che uniforme, in cui i vari Stati membri anzi continuano a farsi concorrenza sottobanco. Bisogna lavorare ancora molto per costruire un’Europa unita come la volevano i nostri padri, e forse non ci si arriverà mai. Leggi il resto : Anche Mario Draghi è critico sull’Europa

Sono tornato a… scrutare gli elettori

Volevo intitolare questo post “Presidente per un giorno”, ma poi ho pensato che mi avresti preso per un gradasso, così ho optato per qualcosa di meno pomposo. Come forse ricorderai, da anni sono iscritto alle liste degli scrutatori del mio comune, e vista la cronica penuria di gente che vuole alzarsi alle 4 del mattino per essere al seggio alle 5 ed aprire agli elettori alle 6, per poi rifare tutto al contrario alle 20, mi chiamano puntualmente. Anche in virtù del fatto che da quando hanno introdotto le nuove tecnologie digitali (tablet al posto dei libri cartacei per trovare gli elettori), cercano sempre qualcuno che mastichi un goccetto di tecnologia, per non impappinarsi al primo contrattempo. L’anno scorso non ero potuto andare grazie al Covid, e quest’anno a Giugno ho saltato la tornata delle primarie per conservare qualche giorno di ferie extra per il nostro viaggio in Italia. Quindi era da parecchio che non vedevo i miei colleghi di seggio, ed è stato piacevole scambiare due chiacchiere, specialmente considerando che non si sono presentati molti elettori nell’arco della giornata (circa 100 persone). Leggi il resto : Sono tornato a… scrutare gli elettori

In America i pignoli sono anali

Torno di tanto in tanto a parlare su queste pagine dei modi di dire americani, inspirato da una frase che sento durante una conversazione, o da qualcosa che leggo su qualche forum. L’altro giorno, ad esempio, con un amico si parlava dei nostri rispettivi responsabili in ufficio, e lui ad un certo punto dice my boss is really anal when it comes to forms. No, non stava alludendo a qualche eccentrica fantasia sessuale del suo capufficio, ma capisco come un non-madrelingua possa sentirsi confuso ed a disagio dopo aver sentito questa frase. Ecco allora il buon Camu venire in tuo soccorso per spiegarti che in questo contesto la parola anal, come ci ricorda il Merriam-Webster (una specie della nostra Treccani), si usa to describe someone as extremely or excessively neat, careful, or precise. Quindi occhio a non metterti strane idee in testa, almeno non subito. Leggi il resto : In America i pignoli sono anali

Diner: il ristorante dove si mangia di tutto

Ho pensato di concludere questa settimana a tema culinario portandoti in giro con me per il Paese a stelle e strisce. Capita spesso di vedere nei film americani il protagonista andare a mangiare in un locale con i tavoli disposti perpendicolarmente alla vetrina, e panchine con schienali alti a separare ogni gruppo. Si tratta dei cosiddetti diner, ristoranti che servono spesso un lunghissimo elenco di pietanze, dalle famose pancakes (altrimenti note come frittelle?) alle insalate, dagli hamburger al milkshake. Informali e caratteristici, hanno radici che risalgono alla fine del 1800, quando i primi imprenditori del Far West inventarono carrozze ambulanti per sfamare le persone nei villaggi che nascevano come funghi. Da allora, i diner sono diventati una vera e propria istituzione nella storia della cultura gastronomica degli Stati Uniti, e per questo sono spesso immortalati in film e serie televisive. Per noi ragazzi cresciuti negli anni Ottanta all’ombra del Drive In e dei telefilm a stelle e strisce, il diner per definizione è sicuramente quello immortalato nella serie Happy Days, dove Fonzie ed i suoi amici passavano le serate a parlare del più e del meno. Leggi il resto : Diner: il ristorante dove si mangia di tutto

Torna in cima alla pagina