due chiacchiere

Archivio del giorno ripostiglio

Raccomandata con ricevuta di ritorno

Vediamo se anche la sullo scatto di oggi si scatena una qualche polemica imprevista, com’è successo per il pane “italiano” immortalato al supermercato la scorsa settimana. Il che mi dispiace, perché il mio unico intento è di condividere scorci di quotidianità americana, di far assaporare a chi l’ha chiesto a gran voce, briciole di vita a stelle e strisce. Ieri ad esempio sono andato all’ufficio postale per spedire il pacchetto con tutta la modulistica per richiedere la cittadinanza americana. Del servizio postale qui ci si può fidare ciecamente, ma in casi come questo, la raccomandata è preferibile. Lo considero un contributo ad evitare il collasso della Posta, aggredita da tutti i lati dai corrieri privati che rosicchiano mercato al gestore pubblico. Eccoti lo scontrino che la gentile impiegata mi ha consegnato a fine transazione: all’inizio avevo chiesto una semplice prioritaria (first class, 1.50 dollari per 100 grammi di pacchetto), poi però ho cambiato idea ed ho chiesto la raccomandata (priority mail with delivery confirmation, 6.40 dollari). Raccomandata con ricevuta di ritorno: Leggi il resto »

L’italiano in offerta speciale

Ogni tanto mi viene in mente la richiesta di alcuni lettori di vedere più foto su questo blog, e così tiro fuori il mio melafonino per immortalare qualche curiosità. Come ad esempio la “settimana italiana” al locale supermercato, dove molti prodotti italici, dalla pasta Barilla al pancarré, dalle mozzarelle ai biscotti, erano in offerta speciale 🙂 Noi ovviamente ne abbiamo approfittato, riempendo il carrello e facendo scorte di generi alimentari non deperibili.

Un milione e passa sul conto corrente

In genere non mi fermo a raccogliere le ricevute lasciate vicino al bancomat, quando vado a prelevare un po’ di spiccioli. Un blogger newyorchese che seguo, però, ieri s’è trovato tra le mani quella di un suo concittadino che, poco prima, aveva ritirato 220 dollari al bancomat. Il pezzetto di carta era lì, appoggiato sulla macchinetta, quindi non è dato sapere a chi appartenesse il conto. La foto sembra abbastanza originale, non ho motivo per sospettare che ci sia lo zampino di Photoshop. D’altro canto, questa è New York, amici miei 🙂 E poi la filiale indicata nello scontrino è a due passi della sede delle Nazioni Unite: potrebbe tranquillamente trattarsi di uno dei grandi governanti della Terra, in giro per la pausa pomeridiana. Un milione e passa sul conto corrente: Leggi il resto »

La stagione natalizia comincia ufficialmente

Dato che il precedente articolo sulle fonti energetiche ha dato vita ad un animato dibattito su nucleare ed altre sorgenti rinnovabili, vorrei riportare un po’ di calma e pace negli animi condividendo un piccolo video che ho girato la scorsa settimana a Manhattan. Mi trovavo in città per un convegno sui sistemi informativi universitari, e dovendo attendere tre quarti d’ora per l’autobus che m’avrebbe riportato a casa, ho deciso di fare due passi dalle parti del Rockefeller Center, dove ogni anno viene acceso un bellissimo (e grandissimo) albero di Natale, e predisposta una pista di pattinaggio dove chiunque può mostrare le proprie abilità pattinerecce. Che dire, l’atmosfera di questo periodo dell’anno mi è sempre piaciuta, in qualunque parte del mondo io l’abbia vissuta. La stagione natalizia comincia ufficialmente: Leggi il resto »

Il ghigno di jack, edizione 2011

Halloween è passato da qualche settimana, ed ancora non avevo avuto il tempo di pubblicare almeno la foto della nostra zucca. Quella che abbiamo scolpito rigorosamente a mano e che ha accolto i bimbi che si presentavano alla porta alla ricerca di qualche dolcetto. La pagina di Wikipedia ti racconta tutta la storia, se sei curioso di sapere com’è nata questa tradizione. Il ghigno di jack, edizione 2011: Leggi il resto »

Passeggiando per le vie di Seaport

Come forse ricorderai, la scorsa settimana mi hanno spedito a Boston per un corso d’aggiornamento su tutto ciò che riguarda il project management, come dicono quelli che hanno studiato. La sera prima, avendo un po’ di tempo a disposizione, abbiamo deciso con i colleghi di andare a mangiare qualcosa nella zona sud della città, Seaport (se sei un esperto del posto, non esitare a correggermi). E così ne ho approfittato per fare un po’ di foto con il mio iPhone.

Passeggiando per le vie di Seaport: Leggi il resto »

Una strage di rami a casa camu

L’avrai letto sui giornali, Sabato scorso (accidenti, è già passata una settimana!) la costa nord orientale degli Stati Uniti è stata flagellata da una tempesta di neve più “cattiva” di quanto avessero annunciato gli esperti del meteo. Giusto in tempo per regalare ai bambini un Halloween pieno di freddo, ed ai proprietari di casa una rottura di scatole in più: ho passato un buon paio d’ore a segare ed accatastare tutti i rami caduti, che il comune verrà a ritirare pian piano in questi giorni. Eccoti un video girato nel punto più intenso della tempesta. Una strage di rami a casa camu: Leggi il resto »

Tanti auguri dalla nostra magnolia

… ed ovviamente da noi a tutti i lettori di questo spazio 🙂 L’albero nella foto è nel giardino dietro casa nostra, e proprio in questi giorni sta fiorendo in maniera spettacolare. Quale migliore occasione per immortalarlo, mi son detto, se non quella degli auguri pasquali.