due chiacchiere

Archivio degli articoli in soggiorno e tv, pagina 2

Torno indietro e cambio vita

Lo scorso Aprile avevo chiesto ai miei piccoli lettori di darmi qualche suggerimento su cosa guardare in televisione durante le mie maratone per stirare le camicie ed i pantaloni che uso durante la settimana. Tra i vari consigli, mi ha incuriosito quello di Trap, che proponeva un film con Raul Bova, Torno indietro e cambio vita. Così ho sistemato l’asse da stiro in camera da letto ed ho premuto il tasto play del telecomando. Mi raccomando, se non vuoi rovinarti la sorpresa, non proseguire la lettura. La trama è presto spiegata: Marco (Raul Bova) sembra avere la vita perfetta: un buon lavoro, una bella casa, ed una mogliettina, Giulia, molto carina. Di ritorno da una cena con amici, il mondo gli casca addosso quando Giulia gli confessa di avere un altro, e di volerlo lasciare perché la fiamma iniziale s’è spenta in quei 25 anni che sono stati insieme. Marco va a sfogarsi con il suo amico di sempre, Claudio (Ricky Memphis), e mentre tornano a casa in scooter, sono coinvolti in un incidente stradale. Quando si risvegliano, si ritrovano magicamente catapultati di 25 anni nel passato. Leggi il resto di Torno indietro e cambio vita

Everything everywhere all at once

Accidenti, sono già passati tre mesi da quando Sunshine ed io abbiamo guardato gli Oscar a stelle e strisce in TV, ed abbiamo scoperto un po’ di film interessanti da guardare (quando riusciamo a non addormentarci sul divano dopo una lunga giornata a correre a destra e sinistra). Uno dei film che ci ha incuriosito di più, avendo vinto un sacco di statuette, è stata Everything everywhere all at Once (a quanto pare il titolo non è stato tradotto in italiano), e così abbiamo deciso di guardarlo qualche sera dopo. Giusto io e lei spaparanzati sul divano, dato che alle figlie questa roba non sembra interessare molto. I primi venti minuti sono stati un po’ confusionari, specialmente per Sunshine che sospettava si trattasse di un film distopico, di cui lei non va certo matta come me 😉 D’altro canto non avevamo letto recensioni o guardato nessun trailer, giusto per non rovinarci la sorpresa. Poi però a poco a poco abbiamo cominciato a capire di cosa si trattasse, e ad apprezzare lo stile narrativo scelto dai registi. Solito avviso prima di proseguire: qui nel seguito parlerò della trama del film, quindi non proseguire la lettura se non vuoi rovinarti la sorpresa. Leggi il resto di Everything everywhere all at once

Rocco Schiavone, un vice questore controverso

Come ho già detto varie volte, sto attraversando una fase della mia vita in cui mi sono stancato del machismo dei personaggi americani sempre armati fino ai denti, pronti a salvare la situazione tra salti improbabili da un grattacielo all’altro ed esplosioni teatrali altrettanto inverosimili. Così, quando mi stendo la sera sul divano a digerire la cena luculliana preparata da Sunshine, approfittando del fatto che le figlie adolescenti vanno a rinchiudersi nelle loro stanze e non monopolizzano più la TV del salotto come facevano da piccole, mi ritrovo sempre più spesso ad aprire la app di RaiPlay per soddisfare quella voglia di qualcosa… di buono, come diceva la pubblicità una volta. Un paio di mesi fa ho letto sui giornali italiani della polemica scatenata da una serie TV che non conoscevo, Rocco Schiavone. E così ho iniziato a guardare per curiosità il primo episodio. Leggi il resto di Rocco Schiavone, un vice questore controverso

Marvel’s Jessica Jones

Dopo aver finito di guardare con piacere la serie tv Legion qualche anno fa, sono tornato dal mio amico José, il mio spacciatore di fiducia quando si tratta di scoprire qualche nuova produzione che valga la pena guardare, per farmi dare l’imbeccata giusta. Lui, sofisticato connoisseur televisivo come pochi, mi ha scrutato attentamente tra le palle degli occhi, e senza batter ciglio ha emesso il suo verdetto: Marvel’s Jessica Jones. Evidentemente José deve avere un superpotere tutto suo, perché ancora una volta il suo consiglio si è rivelato azzeccato al cento percento. Devo ammettere che non conoscevo questo personaggio, ed in realtà la mia cultura generale nei confronti dei supereroi della Marvel è alquanto terra terra, principalmente per il fatto che durante l’adolescenza ero più attratto dai manga giapponesi che dai fumetti dei superuomini americani, dei quali già si vedeva più che abbastanza in televisione. Per questo motivo anni fa ho intrapreso un lento cammino per rimettermi al passo con i tempi, guardando a poco a poco tutti i film del Marvel Cinematic Universe in ordine cronologico, e serie come questa. Prima di proseguire, il solito avviso ai naviganti: nel seguito parlerò della trama, quindi fermati pure qui se non vuoi rovinarti la sorpresa. Leggi il resto di Marvel’s Jessica Jones

Niente male questi… Amici

Qui in America la televisione italiana si può ricevere, dietro esborso del modico compenso di 15 dollari al mese, come pacchetto aggiuntivo al proprio abbonamento con il servizio via cavo che porta a casa il doppino telefonico o la fibra. A differenza dell’Italia, infatti, le antenne non sono mai state particolarmente diffuse nel Paese a stelle e strisce, spesso per la scarsa qualità del segnale nei sobborghi pieni di alberi, colli e valli varie, e così sono quasi sempre le compagnie telefoniche a portare a casa anche il segnale televisivo, sfruttando il filo che portano a casa per combinare entrambi i servizi. Piccola curiosità tecnica a parte, una volta scelto un pacchetto con una compagnia, è possibile pagare qualcosina in più per sbloccare canali aggiuntivi, come suppongo si faceva in Italia con Mediaset Premium ed i pacchetti Sky per guardare la Serie A o altri canali sportivi. Per gli emigrati che volessero guardare qualche trasmissione in Italiano, esistono due canali, Rai International e Mediaset International, che di fatto sono un collage dei programmi che le rispettive reti trasmettono, messo insieme da una redazione ad hoc, che decide per noi cosa vale la pena guardare, senza possibilità di fare zapping. Leggi il resto di Niente male questi… Amici

Cosa mi suggeriresti di guardare?

Come ho già detto in passato, approfitto dei fine settimana per guardare qualche film italiano (preferibilmente una commedia, dato che di roba drammatica ce n’è già abbastanza nella vita reale) mentre stiro camicie e pantaloni che uso nei giorni lavorativi. In genere do un’occhiata alla selezione disponibile su RaiPlay, ma ultimamente non riesco a trovare nulla di interessante, a parte i vecchi film di Totò che riguardo con piacere. Anche rivolgersi ai motori di ricerca per scovare qualche piccolo capolavoro è più complicato di quanto pensassi. Google mi ha suggerito Il grande salto e Belli ciao, ma non sono riuscito a finire nessuno dei due, non mi hanno ispirato ppè gniente. Il mio amico Josè, grande conoscitore della filmografia d’azione americana, è meno affidabile quando si parla di commedie, specialmente internazionali, quindi anche quello era un vicolo cieco. E così alla fine ho deciso di rivolgermi ai miei piccoli lettori qui sul blog, che di queste cose se ne intendono sul serio. Quale commedia italiana (anche non recente) ti è davvero piaciuta, e dici che valga la pena guardare?

Finalmente anch’io ho guardato Breaking Bad

Da mesi, se non addirittura anni, il mio fido amico Josè, che è meglio di IMDB quando si tratta di suggerirmi quali produzioni televisive americane vale la pena guardare in TV, mi consigliava di dare un’occhiata ad una serie di una decina d’anni fa, Breaking Bad. Stando al suo imperscrutabile giudizio, sebbene lui sappia che il genere drammatico noir non sia proprio il mio preferito, mi sarebbe piaciuta. Così un mesetto fa ho finalmente deciso di dargli retta e mi sono tuffato in una maratona durata alcuni fine settimane, tra una camicia da stirare e l’altra. E come volevasi dimostrare, ancora una volta Josè aveva perfettamente ragione. Visto che la serie ruota intorno allo spaccio di droghe, è proprio il caso di dire che si tratta di una produzione addictive, che causa dipendenza 😉 Ed ha avuto talmente tanto successo che hanno fatto un sequel, in cui si da una chiusura alla storia di uno dei due protagonisti. Il solito avviso ai naviganti prima di proseguire: nel seguito parlerò della trama e di particolari sui personaggi, quindi se non vuoi rovinarti la sorpresa fermati pure qui. Leggi il resto di Finalmente anch’io ho guardato Breaking Bad

Quattro metà, che confusione

Fine settimana tranquillo, quello appena trascorso in casa camu. Sebbene le temperature inizino ad essere finalmente più miti, il prato inglese non si è ancora risvegliato dal letargo invernale, e quindi non è necessario tosarlo religiosamente ogni sette giorni. Quindi ne approfitto per dare una sfoltita alla pila di camicie da stirare, e per guardare qualche film in Italiano, dato che la sera in famiglia non sarebbe fattibile, per le limitate capacità linguistiche delle figlie. Tra l’offerta disponibile sui servizi di streaming, c’era questo Quattro metà, con Matilde Gioli, che interpreta la dottoressa Giulia a fianco di Luca Argentero in Doc, Nelle tue mani. A parte lei, devo ammettere che non conoscevo nessuno degli altri attori, ma questo non m’ha scoraggiato dal dare una possibilità a questa pellicola che, dalla trama, sembrava piuttosto stuzzicante. Prima di proseguire, il solito avviso ai naviganti: nel seguito farò riferimento a dettagli della trama, quindi ti prego di fermarti qui se non vuoi rovinarti la sorpresa. Leggi il resto di Quattro metà, che confusione

Torna in cima alla pagina